Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Sara Cardellino

:: Ultimo Schubert per Karoline Knabberchen - Sara Cardellino: Warum? di Schumann per Karoline.
30 Maggio 2017

                          



 

Fabio Nardi

L’ULTIMA SONATA DI SCHUBERT LA PRIMA PER KAROLINE NEL MAGGIO

L’insonnia, i dolori alla glottide farfugliante le rimanenze dei cattivi sogni e l’inquietudine per l’estate che viene e che mi vedrà a Marinella ancora solo sotto la pinetina e sugli scogli …mi ha buttato, ma dovrei dire spintonato, nella vita di Schubert; e ho fatto, Karoline mia Morticina, una scoperta fondamentale che mi ha, in una sorta di calcata mia biografia, anche sventata e assurda lo so!, sulla sua, fino a sentirmi in essa a casa, casa mia. Te la rivelo commosso.

L’aspetto fondamentale di tutta la sua arte posso riassumerla nel fatto incontestabile che non compose per dare a se stesso l’occasione di eseguire la sua musica. La gioia compositiva che il suo corpo riceveva stava tutta nel reale di un un salotto quattro mura in affitto. Al massimo da condivire con amici cari con le "Schubertiadi". La sua musica non diventa mai un “fuori sociale”. Né lui ha una pratica fuori dalla casa che abita sulla quale innervare la sua abilità compositiva, quanto crea nasce esclusivamente dal suo sistema nervoso piegato a febbrile e spesso malato nodo da sciogliere; voglio dire che Schubert non ha un "mestiere riconosciuto" come i maestri che l’hanno preceduto: stilo elenco: Palestrina il canto da chiesa, la pratica violinistica in Corelli e Vivaldi e Tartini; la prassi sulle gambe del clavicembalo in Scarlatti e Couperin; le geometrie dell’organista in chiesa e cappella da un anno all’altro e in parchi freschi di verde e d’artificio scoppio di Frescobaldi e Haendel e Bach; l’impegno direttoriale diligente astuto fino alle candele spente per addio di Haydn; l’incredibile conoscenza a ogni età di ogni tastiera del leggiadro Mozart e dell’arcigno Beethoven … l’infelice soggettività di Schubert non ha prassi in un luogo - Karoline mia stordisce la sua solitudine e stranezza! - fuori dai pochi metri dove vive o passeggia, dove articolare musicalmente bisogni desideri pulsioni nel vissuto sociale altro. Questa assoluta condizione di scrivere musica senza occasione di eseguirla, pubblicamente se non rare volte, mi porta stanotte ad abbracciare un fratello sommamente puro, e se nomino la purezza così ricavata come misura per segnare la grandezza di un artista e compositore: Schubert è il più grande di tutti pagando con l’infelicità e presto la morte questa sua simbolica e taciuta rivoluzione mite.

Nell’anno passato e ancor più nei mesi dell’anno nuovo, dall’inverno a questa quasi estate, la musica studiata forsennatamente, e che adesso so leggere e interpretare alla mia maniera per te, sempre più è, e sarà, per me altra lingua che tutto mi prende e solo con essa e con te che ne tieni filo, sento che mi posso salvare. Sono uscito dalla condizione del “Povero Musicante” di Grillparzer, sembrerebbe! Come Schubert inventerò per te ogni tipo di improvvisi di lieder che canterò da solo e ogni sinfonia incompiuta… e sonata e quartetti e poi andrò nel mio "Viaggio Invernale" senza tanti rimpianti… perché potrò ancora abbracciarti e avere ancora da vicino l’amore.

Ti cerco, e come sempre un po’ mi confesso, con questa lettera più fragile delle ali d’una falena, ma so che ti raggiungerà, per poi concedermi protezione, mia infinitamente Signora Ranocchietta che stai sotto al rampicante musicale di stelle, e se puoi guarda stanotte verso il basso mentre zoppico nello spartito dell’ultima Sonata D 960 per pianoforte, prima della morte, di Franz Schubert. Così potrai scoprire quanto sia migliorato nell’agitarmi nella musica, tu, che fin da bambina suonavi il violino.

Era il settembre del 1828 e insaziabili mosconi di mancate trasparenze picchiavano l’antenne sui vetri nell’abitazione di Franz Schubert. Il musicista sta terminando la sonata, ultima di tre, Sonata per pianoforte D 960. A volte ripensa a Theres Grob, soprano, a cui fu sentimentalmente legato e che è andata sposa, giustamente si dice, a un ricco fornaio, dato che lui non ha sostanze né mestiere di musicista riconosciuto. Quello che la gentilezza comprensiva estrema di Schubert verso l’amata che ha scelto un altro uomo, non può includere, lo avrebbe fatto tanto era buono al limite della stupidità, perché morirà tra qualche settimana, sarebbe stato il fatto, reale, incredibile, che la soprano un tempo cantante di messe solenni, che vivrà ancora per decenni, mai si renderà conto della genialità musicale del pallido innamorato che tenne a debita distanza. Schubert si alza, apre l’anta delle finestre i mosconi escono. Li guarda come fossero farfalle. Liberate. La signorina ora signora Theres aveva sofferto di vaiolo e ne portava segno, ma per me era liscia nel volto come una scultura rinascimentale. Si rimette nuovamente al tavolo da lavoro a ritoccare l’Allegro iniziale.

Affanni e amarezze e dolori al collo e alle braccia non traspaiono nella sonata. Certo i tempi sono lenti però essi consentono di formulare a Schubert il suo distacco da quanto visse travagliosamente; sembra quasi la sua una gioia nell’accettazione del fato, e senza che sapesse la data del suo definitivo “viaggio invernale” intuisce, il compositore fanciullo, che la Morte se verrà sarà una liberazione dalla sua avvilente e senza amore condizione terrestre.

Sono troppo crudo mia Karoline? Ma credimi in questi mesi sono nella postura adatta a provare simile distacco, senza alcuna recriminazione verso le diverse valenze, siano esse persone o atti subiti, della lunga vita che mi è stata data rispetto a quanto accadde a te il 20 agosto 1984.


 


Karoline Knabberchen
 (Engadina, Guarda 17 IV 1959 - Lofoten Norvegia, 20 VIII 1984)




Schubert è stupendo e soltanto conoscendo il linguaggio delle sue scelte musicali se ne intende la portata sovvertente la tradizione. Non basta la biografia o le romanzate vicende, comprese le mosche scambiate per farfalle, o la sua ingenuità verso la soprano sbadata sul suo genio musicale. Perché non riconosciuto ufficialmente compositore a Vienna che fa eseguire le sue opere.

La Sonata D 960 se è la più profonda ed estesa sonata creata per pianoforte, essa collima con i nostri estesi, anche nei viaggi, cinque anni assieme. Il tono del primo movimento, Molto Moderato, rimane calmo e costante salvo alcune accensioni. S’avverte il congedo in atto dalla storia vitale con le sue fratture e iatture ma non traspare alcun risentimento verso quanto il compositore subì, dagli altri, o non fu in grado di raggiungere colpa di se stesso, per troppo candore riguardo al mestiere che non svolse, mai, di compositore riconosciuto.

Qui mia Karoline mi bascullo il petto nell’andirivieni della mia vita dopo la tua morte. Perché anch’io pur scrivendo e fotografando per decenni mai ho avuto uscita dal mio studio vecchianese. Schubert è rassegnato ma un filo di sorriso schiude le sue labbra quando pensa ai fantasmi d’amore a cui si concesse senza che si facessero di carne compagnia solido matrimonio vita di coppia. Anch’io mia Morticina ho avuto solo te e nessun altra donna dopo il gorgo delle Lofoten. Eppure ancora ricordo le mani intrecciate a Venezia a Pisa e Lucca ed anche a quelle isole malvagie che t’inghiottirono. Ma come facesti a sciogliere le dita senza che me ne accorgessi e andare sola all’appuntamento con la morte? Non stringevo abbastanza? Non avevo decifrato i tuoi silenzi? Avevo usato parole inadatte che confinavano con la commedia e non con il tragico?

Cosa può rivelarmi su quei giorni lontani su quelli odierni che scivoleranno verso il mare quieto di Marinella di Sarzana a breve, il Secondo Movimento nella tonalità liquida e umbratile del do diesis minore? Credo tutto. Non solo nel suono l’Andante sostenuto ha una poesia ineguagliabile, ma se guardo il manoscritto originale schubertiano sul movimento, lo contiene l’enciclopedia della musica che mi regalasti Karoline!, capisco che questo inchiostro scolorito che regge la partitura, assieme alla grafia che sembra una crepa, rivela come da un lacerto possa alzarsi un mondo intero di sentimenti ed emozioni. Esattamente come quando ritrovo una tua fotografia danese oppure alcuni tuoi scritti del Diario che chiamasti: “Formiche sui polsi”. Sono davanti al mistero assoluto della bellezza che si smarrisce rimanendo bellezza. Risento il palmo della tua mano sul mio petto, a Lucca, quando dicesti che così mi guarivi guarendo te stessa. Pressione da dare e da ricevere sopra ogni fibra.

Ecco perché la Sonata D 960 non è soltanto una composizione per pianoforte, bensì una trasfigurazione, d’ogni amore possibile per chi amore assoluto conobbe. Schubert per il suono io per te che sei sempre stata la mia poesia perché se la pronunciavo la custodivo e tu, Karoline, mi prendevi intero con tutto il mio sistema nervoso anche selvatico che nella partitura delicata è capace d’ inserire lo schiocco della frusta.

 



 

Mi perdoni Ranocchietta questo carattere che ti fece anche soffrire? Posso affidarmi allo Scherzo Allegro Vivace che viene? In questo maggio che ho pensato intraducibile nelle notti di legno vissute nelle albe radici divelte dei peschi fioriti che sogno! ci sono piccioni sull’aia dell’Elvira che aspirano a qualche granaglia di sublime pure loro.

Mi contagia la loro goffa andatura che poi era anche quella di Schubert piccione senza picciona. Questo movimento è adatto, Karoline a chi spiuma rasoterra qualche chicco rosso e per chi vola alto, rondine, rendendosi simbolo di quanto l’immensità accoglie di sincopato bianco di volteggiante nero. Cosa può il piccione rispetto a tale simbologia alta? A dispetto della goffaggine mi riconosco nel piccione! come anche Schubert era solito immaginarsi, soprattutto quando insegnava musica alla nipote del principe Esterhàzy, confido, anche Schubert vi confidò!, in una possibile leggerezza che rima con accettata grossezza sgraziata che nasconde il cuore agile invisibile a tutti. E che solo tu karoline mia hai "visto" e custodito.

Con questa rassegnata e destinale scoperta la Sonata giunge al finale Allegro ma non troppo. Il ritmo rallenta ma conserva brillantezza che dice, allegramente senza esagerare, stando composti: “è deciso si muore col vestito migliore”, allineandosi col primo movimento Molto moderato: il cerchio vitale della Sonata D 960 come della vita si salda, si conclude; in una straordinaria evidenza di stile che tutto ingloba della biografia del compositore e di chi, come me, te pensando, s’è ad essa accostato. Nel maggio stagione del muschio audace nell’ombra, dei giorni in rivelata luce oltre il fogliame nuovo che dicono: ora sai dove andare e come. Nell’accettata pagina tutta cantata e scritta di quanto vivesti. Tu Franz Schubert, io Fabio Nardi vedovo di una Ranocchietta mistica.




 





 





 

Sara Cardellino

SUONO PRESO IN PAROLA

 

1

WARUM? PERCHÉ?

Se Argo di Giasone è spiaggiata nell’ombra del suo mito; se l’Olandese Volante disalbera vivendo una colpa sconosciuta irredimibile al capitano Olandese; se lo scafo greco impavido vive la rovina e l’umiliazione della sabbia a corroderne l’avventura; se le vele del brigantino sono stracciate come pagine di un libro che non avrà seguito, allora è tempo che i due eroi di questa vicenda tragica ascoltino riunendosi nella notte primaria, per loro, la composizione per pianoforte op. 12 n. 3 di Robert Schumann “Warum?”, “Perché?

Robert Schumann, il folle del Reno, ebbe in sorte di vivere musica - ne veniva invaso - in lui come linguaggio necessitante sia di rispettare le leggi costruttive del suono sia di evocare un mondo di miti che tendevano all’infinito. Risolse, o meglio si affidò soprattutto, all’impulsività ritmica vivendo in anticipo le estasi di Tristano e il misterioso incalzare di Sigfrido.

Questa tensione, che non risolverà, rendendola una nebulosa tragica, in tedesco Schwarmerei, ne stroncherà la salute psichica non riuscendo nonostante ogni slancio, impulsivo, a legarne gli estremi. Tra essi brucerà la sua esistenza nel suono.

Warum?, Perché?, se trasposto nella parola poetica questa scissione, che non trova risposta, esalta e poi rovina i personaggi di Giasone e dell’Olandese e del loro Autore. Il semestre terribile della tua vicenda in questo 2017 sta qui! in questa domanda!, e nell’inevasa soluzione, la Rovina.

 


Sara Cardellino scrive su Warum?
di Robert Schumann



 

L’impressionismo sonoro di Schumann con fusioni liriche traversanti una natura misteriosa atto a valicare gli schemi consueti, può dare requie a lui compositore e artista soltanto nelle “scene infantili”.

Tu devi andare nella “tua scena infantile”, a coglierne il mistero. Procedere a ritroso, tenendo a freno l’impulsività e usando ogni saggezza, per capire e guarire la tua follia estetica ed etica.

Non so se ci riuscirai Claudio. Le tue forze sono scemate e sei nel grigio dell’età. Altamente ferito. Ma è l’unica possibilità per avere risposta e salvarti. Warum?, Perché? Perché hai avuto in sorte questo destino di perdita nella tua navigazione?, questa vicenda di dolore di naufragio con navi solcanti la bellezza ardita aventi meta l’amore assoluto?

Ti sono accanto e per questo mi vedi nella musica e nel suo silenzio.





CDS: Karoline Knabberchen espressionsta


 



 

Claudio Di Scalzo

IL CANZONIERE DI KAROLINE KNABBERCHEN

Il Canzoniere di Karoline Knabberchen, è un immaginario, per estensioni tematiche, che tiene in sé presupposti speculativi che sono anche carne e sangue, reale, di un’avventura poetologica e narrativa. Romanzo. Il personaggio di Karoline ha il cuore angelico oceanico, e può contenere anche altre firme, che ne dilatano il battito. Come per il fumetto e cinema e serie televisive auspico che altre firme ne scrivano un altro lemma, di questa partizione. Transmoderno.

Nel suo viaggio terrestre e da presenza oltre la morte Karoline ci dona il suo elenco di illusioni e allusioni perché noi si possa, io e Fabio Nardi, comporre l’atto consustanziale alla sua biografia con testi creativi che siano anche recita, preghiera, religione, alchimia. L’angolatura prospettica della storia di Karoline Knabberchen morta, taglia la parola personale perché accolga nella ferita un sistema di immaginario in dialogo con la prosodia, la cadenza, il respiro adatto ai nomi del reale e di quanto lo valica.

La presenza della "ranocchietta" saltellante Knabberchen, noi due, Claudio Di Scalzo e Fabio Nardi, la conduciamo nelle pieghe del mondo per danzare ogni rapporto di creazione linguistica come fuoco in-fatuato tra pagina stampata ed elettronica, sperando somigli a fuoco divoratore dei tempi a noi consentiti non spegnendosi. Scriviamo perché la voce di Karoline Knabberchen vinca ogni consumazione. E resti racconto per chi la vorrà incontrare.

L’arditezza si confà a questa scommessa, nostra, con la delicatezza di una giovane donna svizzera, che sostò a Pisa, nei primi anni Ottanta, e nel paese di Vecchiano, e che molto viaggiò nella sua breve esistenza (Guarda.Engadina 17 IV 1959 - Lofoten.Norvegia 20 VIII 1984), a volerne raccontare, nei generi più diversi, ogni reale extratestuale per proliferazione di eventi e apparizioni.


Dai rami del bosco a Guarda, dove Karoline nacque, arriva il muschio del tronco che s’affida a un nord perenne, e la fragranza scaldata dal sole autunnale dei rami a Sud. Se immaginate chi scrive che questo tronco abbracciano avrete il rigore circolare costruttivo che ci anima.


Però il poema necessità che il bosco e il tronco e i rami da noi scelti guardino il mare, e noi con loro, l’oceano e il cielo stellato che di esso fa calco nel visibilio di certe notti, perché noi cerchiamo una semantica della forma che sia pura, e il Sacro s’accosta soltanto all’immensità. In questo processo, e ci sentiamo molto antichi, le nostre identità si mischiano negli spazi vissuti a quelli da vivere, all'intreccio del già scritto a quanto verrà versato nell’abisso concavo dell’immaginario. E le nostre psiche avranno la loro morfologia - spacchiamo il presente nel passato e futuro, invertiamo i tempi - nello sguardo della donna svizzera che ci guida.


Ogni procedimento artistico diventa, se sposato, un anello da portare al dito indice con cui si scrive; io e Fabio Nardi nel Canzoniere di Karoline Knabberchen ne accettiamo che esso distringa la mano e le ossa e la pelle nella crescita del procedimento artistico perché ogni lacerazione reale abbia legittimazione nella trama iridescente della fascinazione di quanto verrà letto e guardato nell’opera avendo al suo stesso interno la finzione della poesia: perché ogni anello ti consegna a una fede e insieme ti lacera le falangi se mai volessimo staccarlo dall’impegno preso. L’amore per Karoline Knabberchen è per sempre!

La tensione nell’immaginario per Karoline è unificante. Come la paglia tagliata conserva l’oro e la recisione della falce.


Ogni rappresentazione porta con sé l’eterogeneità e sta alla tensione unficante – useremo la dialettica? – estrarre dal caos del “racconto” quanto ha forza detto mito del sacro nella vita nella biografia poi morte e quanto vale meno di un’ombra di scodella rimossa vuota dal tavolo.

Karoline Knabberchen raggiunse con Fabio Nardi, la tomba di Giovanni Boine a Imperia/Porto Maurizio. (Da questo viaggio la raccolta: Clikka: Karoline Knabberchen: La Resurrezione di Giovanni Boine) Una tomba può rivelare che quanto sembrava noto nasconde l’gnoto in cerca d’altro nome. L’esperienza stratificata nell’oblio del poeta ligure rivela che il nostro immaginario è sempre affamato di alterità, verso quanto si rivela dedizione, custodia, cura, e anche un gorgo nell’oceano può somigliare ad un fiore che ancora fiorisce nel circolo dell’eternità da depositare dove la pietra parla.

 

                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    CDS: "KK all'ultimo sole"


 

PERSONAGGI PRINCIPALI 
DEL "CANZONIERE DI KAROLINE KNABBERCHEN"
 

KAROLINE KNABBERCHEN

Poetessa svizzera che studia letteratura e filosofia all’università di Pisa

e che si suicida venticinquenne alle Lofoten, Austvågøy, il 20 agosto 1984

FABIO NARDI

Fidanzato vecchianese di KK e artista fotografo dalla vena eclettica

LIBERTARIO NARDI

Babbo sempre evocato senza tomba fissa

ELVIRA SPINELLI

Madre di Fabio, sarta in ogni luogo apprensiva

ETEOCLE SPINELLI

Nonna di Fabio

ANDRI KNABBERCHEN

Padre dei pomeriggi in barca

GERDA ZWEIFEL

Madre severa, signora degli incubi

RUT ZWEIFEL

Nonna dei garofani rosa

UGO SENTITO

Filosofo misteriosofico


 

PIANO DELL'OPERA

KAROLINE KNABBERCHEN. CANZONIERE D’AMORE IN VITA

 

Libro-Introduzione

"Le età dell'angelo svizzero Karoline Knabberchen - Diario Bagnato"

La freccia di sabbia. Libro Primo. Due tomi.
Due piante nel nocciolo. Libro Secondo.
Bave. Viaggiatori da Biblioteca.
Ornitologia vecchianese ed engadinese da banco per KK.  Libro Terzo. Due tomi
Quaderno illustrato vecchianese. Libro Quarto.
Viaggio intorno a un volto. Libro Quinto. Due tomi.
Spuma sulla carrucola in risalita. Libro Sesto.
Anello Rovente. Libro settimo.

KAROLINE KNABBERCHEN. CANZONIERE D’AMORE IN MORTE

Il verso annuale della ranocchia. Fiabe del camino.

Telegrammi sott’acqua. Candele spente
Come apparve la morte a Karoline Knabberchen. Libro ottavo

Karoline disegna. Libro Nono.
Filosofia da baita. Proiezioni musicali. Libro Decimo.
Tavolozza per Gaudio e Requiem. Cardiodramma. Libro Undicesimo
Fabio Nardi - Karoline Knabberchen. Epistolario. Lettere. Biglietti postali. Cartoline. Libro Dodicesimo
La Resurrezione di Giovanni Boine. Libro Tredicesimo


 

Del “Canzoniere di Karoline Knabberchen” in trentasette anni sono stati pubblicati pochi estratti da “La freccia di sabbia”,
“Quaderno illustrato vecchianese”, “Viaggio intorno a un volto”,
“Cardiodramma”, soprattutto sulla rivista poi annuario Tellus, e sporadicamente in mostre collettive di poesia visuale negli anni Ottanta

CDS cura il racconto illustrato in versi e prosa e fotografia: "Karoline e il fotografo"

 



"Karoline Knabberchen (Guarda-Engadina 1959/Lofoten, Norvegia 1984) ad Amsterdam, 1984"
 Foto Fabio Nardi. Copyright Claudio Di Scalzo - "Canzoniere di Karoline Knabberchen"



 

SULL’OLANDESE VOLANTE - Barra Rossa - ALCUNI CAPITOLI

DEL CANZONIERE DI KAROLINE KNABBERCHEN



CLIKKA


Karoline Knabberchen


Karoline Knabberchen ammalata

Karoline Knabberchen - Innocenza tua e mia

Karoline Knabberchen frammenti viaggi

Karoline Knabberchen prose

Karoline Knabberchen viaggio in Svezia

Libro perduto di KK

Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio e Cardellino: La Cena in Casa di Levi del Veronese con Silvestraccio e Sartitti a Venezia. Il Veronese si difende dinanzi all'Inquisizione.
» Accio e Cardellino: Io Tarzan Noce di Cocco, tu Jane delle palme veneziane. Omaggio a Edgar Rice Burroughs e all'estate.
» Sara Esserino: "La mia mano oltre il vetro. Ad Accio". Che risponde con "Mano che regge il volto amato" (Maggio 2010)
» Libro dei Savi commentati dallo scemo Accio. Dedicato a Sara Cardellino
» Sara Esserino: Sentenza con cinque monaci oltre il vetro. Ad Accio.
» Accio e Cardellino: Mano di Clara Wiek agguanta il piano musicale per Sara
» Accio e Sara Cardellino: Autoritratto Ritratti con proverbi vernacoli.
» Accio e Cardellino: Dialettica in amore prospettica il colore. Con Accio Heathcliff e Sara Earnshaw. Giugno 2020
» Accio e Cardellino: Sia il ritratto della fotografia scacco e nuovo patto. Tre immagini. 2019/2020
» Accio: Lampione a Lucca sapiente dice tutto dice niente. Contributo di Fabrizio Arrighi per Accio e Cardellino.
» CDS: Aforistica ex-tomistica domestica. Con ricordo di Karoline Knabberchen e Giovanni Boine.
» Sara Cardellino: Divertimento K 563 di Mozart Trio per legame intimo e pio. Ad Accio
» Sara Cardellino: Occhiali scuri della devota a Bach e chiaro suono di Suites
» Accio: La foto di Sara Cardellino. Chiamala se vuoi emozione dialettica.
» Accio e Sara Esserino: Lontananza con Ovidio cuore danza. 2009. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 12
» Accio e Sara Cardellino: Multa con Doc Hollidey e Boine Giovanni a limitare i danni
» Claudio Di Scalzo detto Accio a proposito dell'Olandese Volante avventura a sé stante. Maggio 2020
» Accio: Nostra Signora Comunista delle Tre Calle. A Sara Cardellino
» CDS: Trittico in foto a venire di Medea e Giasone. Genealogia con obiettivo morale
» Accio Cardellino: Lucciole del 2010 del 2020 che ci resero rendono contenti. Con la partecipazione fiorita di Paola Quartieri
» Accio e Cardellino: Velata fotografata in giornata in nottata. Maggio 2017 - Stein Maggio 1980
» L’Indagatore dell’Incubo pittorico. Il caso del cipresso spezzato col dente nel muro sigillato. Laforgue Böcklin De Chirico.
» Accio e Sara Cardellino: Casuale viaggio di coppia lockdown in quadri scelti non a caso. Utrillo.
» Accio e Cardellino: Thank you Sammartini nel notturno sempre più. Ad aprile mitologia acerba sull’erba.
» Accio: Impara l'arte e mettila da parte. Anco se-se ne buttin via le carte
» Accio e Sara Cardellino: A sta' vicini gliè meglio. Di scangìo Hartmann e De Biran ner 'ascinale.
» Sara Cardellino: Fiabe d'alfabeto per talento magro.
» Accio: Se Sara Cardellino ritrova l'aforistica nelle soffitte gioia e fitte. 2020
» Accio e Sara Esserino: Fine luglio cuori lontani in sobbuglio. 2009. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 11
» Accio: Sintesi vernacola del Camionista dei segni sur motore estetio e politio della su’ vita in amore. Dediata a Sara Cardellino nell’aprile 2020. Quattro anni dopo che venne a sarvammi il 9 di esto mese santo.
» Accio e Sara: Ti scrivo da Venezia ricordando Fiesole. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 10 - 21 luglio 2009
» Accio e Cardellino: Dal nudo pompeiano rosso due volte scosso.
» Frammenti di Sara Esserino nel maggio giugno 2009 spediti SMS ad Accio. Epistolario
» Accio e Sara: Pasqua 2017/2020. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 9
» Sara Esserino/Cardellino: Documento sulla coppia Schumann la musica e noi. Pasqua 2010/2020. Eidolon.
» Accio e Sara: Seni nel freddo. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 8 - 5 dicembre 2009
» Accio e Sara: Occhio alchemico. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 7 - 8 luglio 2009
» Accio e Sara: Io non parlo d'amore. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 6 - 21/22 Novembre 2011
» Sara Esserino: Bagliori in frammento primi per Accio
» Accio e Sara: Esistenze in una. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 5 - 15 giugno 2009
» Accio e Sara Cardellino: Imbarcadero in intervallo vero. Album SCA. Dino Campana, Erbario, Nudo Cardellino
» Cardellino e Accio: Proviamo con Ciaikovski dall'abbaino a Vecchiano. Marzo 2020
» Accio e Sara Cardellino: L'importanza di Tex e Diabolik in materia di Amicizia e Amore
» A Sara Carciofina per risata nella mattina drogheria d'Accio in allegria ora legale
» Sara Cardellino: Ravel di “Ma mere l’oye” per le due età di Accio
» Accio e Sara Cardellino: Papa Francesco e la Noche Oscura di Petrassi
» Accio e Sara: Bevimi come aranciata. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 4 - 5 giugno 2009
» Accio e Sara: Pesciolino rosso. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 3 - 25 maggio 2009
» Accio e Sara: Cuore tempestoso. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 2 - 20 maggio 2009
» Accio e Cardellino: Al Castello Miramare spaiati è meglio andare. Marzo 2011 - Gennaio 2020
» Accio e Sara: La Fondazione. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 1 - 15 maggio 2009
» Accio e Cardellino: Canzone del Sì di Tristan Corbière con molto giallo.
» Accio e Cardellino: Nei paesaggi viareggini con Léon-Paul Fargue con Batman vicini
» Il Sacro di Knabberchen Accio Cardellino nel Marzo 2020 a Vecchiano. Ricordando il Male e Robert Ford
» Accio: Da dove prendo abbrivio in materia di Sacro nel tempo attuale Covid-19. Buxtehude e Sara Cardellino
» Accio e Cardellino: Laforgue imita Batman, Cardellino chiede di Klages
» Accio e Cardellino: Viaggiare al chiuso con Théodor de Banville a Parigi
» Accio e Cardellino: Due fotografie 2011. La Donna del Tenente livornese e Tenente livornese indifferente
» Sara Esserino/Cardellino: Il biglietto d'amore che non spedii da Venezia il 25 novembre 2011
» Accio e Cardellino: Cielo stellato in cartolina, l'ultima spedita ancora 45 anni dopo.
» Accio e Cardellino: Se riappare in foto la lettrice di Renoir. Novellette da Cascinale
» Accio manualista dilettante nel tempo del Corona Virus pimpante. Da Hegel a Barth il Sacro. Aiutato da Margherita Karoline Sara
» Accio e Cardellino: Sulla traduzione di pioppeta con Pioppi di Jules Supervielle
» Accio e Sara Esserino: Tempo primo del mito III
» Accio e Cardellino: La foto ritrovata del 1972 nella soffitta del cascinale. La Lotta Continua. Epica. Amore. Religione. Rivoluzione.
» Accio e Cardellino: Tradurre audacemente. Dal Molo Audace di Trieste al Cascinale di Vecchiano.
» Accio: Il filosofo col giacchio. Banalmalmente. A Sara Cardellino
» Accio: Io sono come il mio cane. Con apparizione del Bambino sulla sedia
» 8 Marzo 2020 Accio Scimmiotto e Sara Gorillina. Novelletta da cascinale 2009/2020
» Accio: A Lugano tenendola per mano amo Pape Sarella. Album Febbraio 2018, 1
» Sara Cardellino: Al mio Accio Grande e Bambino. 8 marzo 2020. Buonanotte Babbo buonanotte Sara.
» Senta Sara all'Olandese l'8 Marzo 2020. Come intesi e intendo l'Amore
» Accio: L'attesa della modella in fotografia col trucco alla Puyo nel marzo 2017 e 2020
» Accio: Anonima Ateniese Veneziana per Nostro Sacro Eros ovvero uso spericolato manuale sex della mitologia greca I,II,III
» Accio e Cardellino: Ritratto di Signora veggio emerso dall'Aspern Carteggio, I - II
» Accio: San Valentino 2020 con 33 Variazioni sul Molo Audace di Trieste con l'aiuto di Ludwig Beethoven del sorriso di Sara Cardellino
» Accio: Sara Cardellino visione rivelata dal lampione triestino. Gennaio 2020
» Accio e Sara Cardellino: Dal gennaio 2020 al San Valentino febbraietto per gli amanti benedetto
» Accio e Sara Cardellino: Golem Orso e Mara Zap abbracciati nella neve a San Valentino 2010-2020 a Praga
» Accio e Sara Cardellino: San Valentino "Ti Amo" scritto anche coi denti. Ovvero fondamento filosofico dialettico degli amanti.
» Accio e Sara Cardellino: Dal gennaio 2020 triestino al San Valentino febbraietto per gli amanti benedetto
» Accio: Album Triestino per San Valentino e Foibe 2020. A Sara
» Accio: con Hermes disegno preso in pegno. Sara Esserino dice.
» Accio e Sara Cardellino: La pizza la stizza amor peperlizia ovvero coppia in agrodolce a Venezia
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Corsara della Metamorfosi e Olandese a Trieste con l'Olandese Volante nel gennaio 2020
» Accio: A Trieste al Cardellino rivelo sul Molo Audace quanto mi piace nel gioco
» Il mondo di oggi di ieri in fieri. Archivio di Accio e Cardellino vivo.
» Accio e Sara Esserino Cardellino: Pesci rossi e piccione con emozione. Giardino dei Boboli. 2011/2020
» Accio e Cardellino/Esserino: Album di coppia albume nota semi doppia in partitura 2011/2020
» Sara Esserino: "Onorare Dioniso" da Euripide, Baccanti. Antologia di poesia al balzo per Claudio Di Scalzo
» Sara Esserino: Tirteo "Frammento dell'esortazione al coraggio". Antologia di poesia al balzo per Accio
» Accio e Cardellino: Vieni al cinema espressionista con me che fo il muto...
» Accio: Le purificazioni interroganti di Scalisso d’Agrigento. Antologia per Sara Esserino illustrata da mano vicino
» Accio e Cardellino: Mahleriana e Pucciniano. Vienna. Primo Movimento della Sinfonia n. 1 in RE maggiore di Mahler “Titano”
» Accio e Cardellino: Nel cerchio del tempo a Milano dicembre 2019 - Se riappare Accio Jerry Lewis torno sosia di Julie Parrish. Ricordo del 9 gennaio 2017
» Accio e Sara Cardellino: Il rame e le sue trame. Novella della ghisa rossa per il "Romanzo Western del Nulla 9 gennaio 2017". Daniela Cantelli Etta Place
» Accio: Johann Sebastian Bach per i morti della mia stirpe per il 9 gennaio 2017
» Cardellino: Ser Pelleas Accio e Sara della Laguna nella soffitta di Accio l’Otto dicembre 2019. A ricordo del 9 gennaio 2017 con i Cavalieri della Tavola Rotonda
» Accio e Cardellino: Fotografato peccato che lascia di Stuck - Capodanno Vienna 2020 con Mahler e Franz von Stuck. Ricordando Venezia 2018 con bacio da Oscar Kokoschka
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Wild Accio Hickok nella neve e corsaro per Sara Cardellino
» Accio e Sara Esserino: basco rosso al funerale di Majakovskij in Piazza dei Miracoli a Pisa
» Accio: Sara Esserino Café Chantant beve alla fontana di Puccini. Torre del Lago giugno 2011
» Natale con 3 compositori a darci Ale. Io e te. Claudio e Signora C.
» Accio e Cardellino: Voglio un bacio da fumetto! Cento poi mille! 8 dicembre 2019. ABC usato da Accio per personaggi e storie.
» Accio: Sara Esserino alla maniera di Julia Margheret Cameron a Venezia. 2011-2019. Con Heaven Stood Steel di Willy deVille
» Sara Cardellino: Musica per il compleanno di Accio nato immacolato di sette mesi che vita ebbe coi suoi sorrisi e pesi - 8 XII 1952 - Vivaldi Mozart Schumann Reger Halffter Leo Bach
» Sara Cardellino per il compleanno di Accio l'8 Dicembre 2019 la Canzonetta spirituale sopra alla Nanna di Tarquinio Merula
» Accio e Cardellino: Occhi vittoriani a Vicenza. Maiolica e lenza. (1-8 dicembre 2019)
» Accio e Sara Cardellino: La musica metticela tu! - Vicenza B & B Guest House Ca Lou al Teatro
» Sara Cardellino: Accio ho bisogno di te. Sono in pericolo. 13 novembre 2019 Venezia
» Sara Cardellino: Philip Glass e Venezia acqua alta moto simile e contrario. Ad Accio che quando sono in pericolo arriva!
» Sara Cardellino: Suono parola del Cristo per Venezia di Franz Liszt
» Accio: Come stavo senza te, come sto ancora assieme a te, lo rivelo con Picasso.
» Accio e Sara Cardellino: Il segreto rivelato a Fiesole. Melodramma romantico.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Accio e Cardellino: Chaos e ultimo giorno di scuola
» Accio: Comunismo Bordiga Cardellino
» Accio e Cardellino: Epistolario primo con te rimo vario (Maggio 2009-2019)
» Accio e Cardellino: L'Anima e le Forme. György Lukács. Filosofia nel Capanno 1-2
» Claudio Di Scalzo: Romanzo Western del Nulla con prefazione Requiem. Alisdair McIntyre Lalo Karoline Knabberchen Il Pazzo Accio Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Piove sono a Vecchiano. È una pena. Sulla letteratura e la crudeltà nella vena. Accio, Lalo, Tabucchi, Boine, Il Pazzo, London, Hickok, Donna del 9 gennaio 2017, Cardellino…
» Cardellino e Accio: Tutta la nostra poesia. Domenica Palme 2017 e 2019
» Sara Cardellino e Accio: Viaggio alle Lofoten Austvågøy in cerca di Karoline Knabberchen
» Cardellino e Accio: Esiste la poesia non i poeti. Coppia Mimosa 8 marzo 2019
» Il Mondo come volontà del Cardellino con Accio rappresentazione. 8 marzo 2019 a Venezia
» Otto Marzo 2019 con la fionda di Accio. "Ti Amo" a Sara Cardellino
» Sara Earnshaw e Accio Heatcliff: La fotografia col cappellino vale due volte. Foto fumetto melodramma
» Claudio Di Scalzo: Cornice con Brahms dello sceneggiatore sulla vicenda di Accio e Cardellino
» Sara Cardellino: Bach in Cardellino interprete a Venezia. Accio Sans Paroles. 2017 e 2019
» Accio: 10 suoni giglio con cui ti piglio. A Sara Cardellino uccelletti erbario il 14 febbraio
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 8
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio - Erbe e Fiori 7
» Accio: L'ultima Buonanotte... a Sara Cardellino
» Accio: Sara nella carta il 14 febbraio 2019 tien passione alta nell’amorose prove
» Claudio Di Scalzo: Giuramento d'amore con folaga e doppietta sul lago Puccini il 14 febbraio. Accio e Sara Cardellino adolescenti
» Accio: Arcobaleno per Sara Cardellino. Per il 14 febbraio 2019
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 6
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 5
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 4
» Sara Cardellino e Accio: Il fotografo ha un contratto e lo deve rispettare
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 3
» CDS: Accio e Cardellino nel Duomo di Pisa per San Valentino
» Sara Cardellino: Saggezza per San Valentino 2019. Ad Accio
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 2
» Accio: Compleanno di Sara Cardellino 14 febbraio 2019 - Erbe e Fiori 1
» Accio e Sara Cardellino: Ricordi estivi a gennaio con manga e tubino nero e capanno. Kitakami-Bocca di Serchio
» Accio e Cardellino: Mostra domestica a Venezia sull'amore 2009-2011. Nel gennaio 2019 nostre Cime Tempestose.
» Di Scalzo: La morte di Wild Accio Hickok (con Sara Agnes Lake) e di Accio Billy the Kid figlio delle stelle il 9 gennaio 2017
» Accio e Sara Cardellino: Primo bacio dell'anno novo 2019 a Venezia primo risveglio con litigio. E Legge "Lascia l'ultimo ballo per me" - A Torcello vento bello!
» Accio scrive a Sara Cardellino: Riflessioni con Gemma Galgani d'uno scasato per l'8 dicembre 2018 e l'anno che viene 2019. Con ricordo del 9 gennaio 2017
» Accio e Sara Cardellino: Notti nel Cascinale ogni storia vale 1,2,3,4 - Con il pescatore di branzino che tien così Sara lontana vicino! e Bruxelles-Vecchiano
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Accio e Sara Esserino nel fiume a cielo aperto. Epistolario 2011
» I Ponti sull’Arno sul Serchio di Accio e Sara Cardellino come riverbero dei ponti di Madison County di Robert Kinkaid e Francesca Johnson. Con ricordo di Polidina e Messinella
» Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
» Claudio Di Scalzo: Le Coccinelle per Sara Cardellino dell'Olandese Volante rivelano il destino
» Accio: Sara Cardellino nel Rosa-Verde-Giallo Mattino. Lucca Comics & Games 2018
» Accio e Cardellino: Foglia Strelizia erbario delizia. Con Ferruccio Busoni. Da Erbario Minimo veneziano con accosto quello pisano.
» Claudio Di Scalzo: Traducendo Stevenson questa poesia per Sara Van de Cardellino. Bocca di Serchio Samoa
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Sara Cardellino e Accio: Verso l’Isola che c’è da dove vedremo passare L’Olandese Volante
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Sara Cardellino e Accio: Separazione e reincontro sulla Riviera del Brenta ieri e oggi con Villa Malcontenta. 2011 e 2018
» Claudio Di Scalzo detto L'Olandese: Decalogo feuilleton per la pomona dell'Olandese Volante al Campo della Barra dopo Madrid - Con Calamares fritos e Sara Cardellino
» Accio e Sara Cardellino a Madrid. Racconto Transmoderno
» Accio e Cardellino al Teatro Real di Madrid. Con semiseria dichiarazione del Cardellino Intimissimo...
» Accio e Cardellino: Se tutto rivela il grano dandoti la mano. Campo alla Barra Contea di Clay Missouri - Come volavano gli aquiloni...
» Accio e Cardellino: Colline Tempestose da Pisa a Madrid. Un Linton a testa non rovina nuova festa.
» Accio: la musicista cardellina e la sarta
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Accio Strapaesano telematico: La Bohème di Torre del Lago per Sara Cardellino
» Accio: Con la giacca del padre a Trieste accanto a Sara Esserino 2011. Confessione.
» Accio: Every day a poem for Sara Cì dalla Fabbrica degli Oggetti Utili FOU - 14 II 2018
» Claudio Di Scalzo: La Collana 14 febbraio. A Sara Cardellino l'ultima opera di Accio la prima salvifica. Wagner Ouverture Ti Amo
» Sara Cardellino - Accio: I neofascisti a Lucca, Ilaria del Carretto, Knabberchen, Nada, Poulenc. Considerazioni finali sul ready-made rettificato nato nel gennaio innamorato. E la cura di quanto in arte fu ideato.
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Dialogo Stellato a Verona. Difendere gli scritti su Karoline Knabberchen
» Accio a Villa Roncioni. Foto Sara Cardellino 2
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Noi due nel Magnificat di Bach
» Sara Cardellino: The House of Rising Sun, La Casa del Sole per Accio per l'anno che finisce per quello nuovo 2018. L'Addio al web in barca con Sara Cardellino.
» Quando una metà cerca quanto la rende intera. Nel bosco di Eichendorff. INN EN di Karoline Knabberchen.
» Sara Cardellino: L'anno di Accio e il PRO BONO MALUM di Ariosto
» Sara Cardellino: Se mi raggiunge la Lettera all'Immortale Amata di Beethoven... l'8 dicembre 2017
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Il fandango di Boccherini a Lucca Madrid. A Sara Cardellino musicista
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Leggenda Triestina con Donna d'Aquileia Esserina
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Quando salvai Jesse Accio James dalla morte con l'Ave Maria di Schubert il 9 gennaio 2017 di Robert Ford - Un racconto, due lettere, e quattro dipinti per l'otto dicembre 2017
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Bacio a dicembre, l'Otto, con la Rapsodia n. 5 di Liszt. Zerelda Zee Cardellino e Jesse James
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Bandito scervellato che amo che ho amato. Ovvero la poetica del ragù a Vecchiano nella notte di Lucca Comics 2017
» CDS: Se il treno parte con la Cardellina se Accio la disegna - Lucca Comics and Games 2017
» Claudio Di Scalzo - Sara Cardellino: L'ultima storia con morti e pistole. Jesse James e Robert Ford a Vecchiano - Vicende Lucchesi ed ermeneutica western 1 - 2 con Jesse James e Butch Cassidy e Il Pazzo
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo detto Accio: Occhio Rima Nuvola Bacio a Marina di Vecchiano - Schiuma bolle perle pescatore a Lucca
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Il camion di Lalo e la Croce. Il giorno dei morti e dell'amore per sempre.
» Sara Cardellino: Investi qui le tue risorse. Richiamo a Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi
» Sara Cardellino: Un film per te Claudio Di Scalzo. L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford. Adatto all'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Una sola infinità di Sara Cardellino. A Venezia a Vecchiano. Con proverbi e Puccini
» Accio e Sara Cardellino: La notte del camionista con Debussy
» Claudio Di Scalzo: Frittura veneziana con Malipiero e Gozzi e Cardellino
» Claudio Di Scalzo: La mia morte come autore dopo i fatti dolorosi del 9 gennaio 2017 - Con Sara Cardellino alla tomba di Libertario detto Lalo a Vecchiano
» Sara Cardellino: Dulce Flens - Venezia in ottobre
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Tombe. Pianto per Karoline Knabberchen. Con il Requiem Tedesco di Brahms
» Sara Cardellino: Io bella addormentata, Tu con gli occhi chiusi. La tragedia di Lalo di Karoline Knabberchen...
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Io ti aspetto. Sono qui sulla banchina! (Lettera fondamentale a Sara Cardellino)
» Claudio Di Scalzo: L'Uomo di Karphatos a cui pisciarono nel latte il 9 gennaio 2017
» Sara Cardellino: Scene della foresta di Schumann con Accio in pericolo
» Sara Cardellino: Scene infantili di Schumann per la nostra segreta poesia
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Alfabeto filosofico triestino per Sara Esserino anche fumettino verdolino - Marzo 2011
» Nardi-Di Scalzo-Cardellino: A Karoline Knabberchen nel trentatreesimo della morte (Guarda - 10 aprile 1959 - Lofoten 20 agosto 1984)
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Sara Cardellino salva il Falco Ferito.
» Claudio Di Scalzo: Sono in pericolo Sara. Ho bisogno di te.
» Sara Cardellino e altre piume cangianti. E Vivaldi. Con giuramento pè ir mi Accio che quanto inventammo e inventiamo resterà segreto incantato in due per sempre firmato.
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Sara Cardellino: Confessione sospesa con Brahms. Epistolario, 2011 - Epistolari conservati ed epistolari cancellati.
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Brahms, la Croce, il Bene. Col Ragno del Male.
» Accio - Sara Cardellino: Olandese Volante disalberato - Post Scriptum su di me che gna fà
» Claudio Di Scalzo: Piccolo Accio e Accio Billy (fumetto esistenziale con Aglaia-Cardellino)
» Claudio Di Scalzo: I due addii di Sara Esserino (che diventerà Sara Cardellino)
» Sara Cardellino: Haendel e Bach per romanzo o poema transmoderno
» Lettera di Sara Cardellino a Claudio detto Accio. Al mio povero scrittore sgrammaticato - E lettera a fine maggio al povero disegnatore che scopre stracciato il suo fumetto
» Accio: Diagonale chiavennasca con ombre sulla frasca. A Sara Cardellino nel maggio
» Claudio Di Scalzo: Musica per Sara Cardellino 1
» Accio: Lettera a Sara Cardellino con grazie cristiano e comunista
» Accio: Cyrano de Bergerac sorride. A Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Sara Senta salva L'Olandese
» Claudio Di Scalzo: Io, Sara Cardellino, e Villa Lobos con Fondale
» Sara Cardellino: Bartok... esilio poi silenzio poi ancora suono della bellezza
» Sara Cardellino: Cielo e Alba
» Claudio Di Scalzo: Sara Cardellino e Prokofiev. L'amore delle tre Melarance per Accio
» Sara Esserino/Cardellino scrive col cappellino: Non ti ho mai perduto (San Valentino per Accio)
» Claudio Di Scalzo: Gli occhi di Sara Cardellino
» Accio: Aria mozartiana per Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Boccherini da Madrid notturnante a Lucca tombante
» Accio: Cyrano de Bergerac spadaccino affidabile. A Sara Cardellino
» Accio: Cyrano de Bergerac sulla Luna. A Sara Cardellino
» Accio: Mimosa Filante Alpina. A Sara Cardellina, 1
» Accio: Mimosa Filante alpina. A Sara Cardellina, 2
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: Luigi Boccherini minuetta i boccolini - Lucca Transmoderna per Sara Cardellino
» Accio: Support Sara Surface 1 - a Sara Cardellino
» Sara Cardellino scrive ad Accio. E Accio la disegna.
» Accio: Pittori Tradotti in Cardellina cornice 1 - a Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Accio: La mostruosità di Cyrano. A Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Pippo-Clau in via dei Fossi a Lucca - a Sara Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Massaciukolar - a Sara
» Accio: Sorge luminosa dal monte fusa fonte. A Sara
» Claudio Di Scalzo: Sara Palmer scrive all'Uomo Mascherato
» Claudio Di Scalzo: Massaciukolar spara alle rane - a Sara
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Accadrà all'Estaque. Supereroina Sara Esserina
» Claudio Di Scalzo: Profilo Cracy nel Transfumetto - a Sara
» Claudio Di Scalzo: Mio Scal Mao. Febbraietto corto fumetto 3 - a Sara
» Claudio Di Scalzo: Arturo Scal e Zoe Cardel. Febbraietto corto fumetto 1
» Claudio Di Scalzo: San Valentino 2018 per Sara Cardellino. Con Torquato Tasso.
» Claudio Di Scalzo: Broncho Bill 8 XII 2015 - a Sara
» Sara Esserino e Accio: Tempo primo del mito con Bastione di San Colombano a Lucca
» Claudio Di Scalzo: L'Uomo Modiglianato. Transfumetto. A Sara Palmer
» Claudio Di Scalzo: Accipper col Gatto Taddo. A Sara
» Claudio Di Scalzo: Poem Heckle and Poetry Jeckle a Sara
» Claudio Jules Di Scalzo: Onanismo Scheletrico Metamorfismo Fantomal. Con Laforgue per spaventare Sara
» Accio: Aquileia in tre tra godimento e Ahia! - Gioco epico senza capo né coda per Sara Esserino
» Accio: La Donna d'Aquileia Esserino si rivolge al suo fotografo - III
» Accio: La Donna d'Aquileia Sara Esserino I
» Accio: La Donna d'Aquileia Sara Esserino II
» Affettuoso ritratto ad Aquileia come milite ignoto. Affettuosi eroici clic di Sara Esserino per Accio
» Claudio Di Scalzo: Capitaine Fantômais III - a Sara
» Claudio Di Scalzo: L'esordio Felix si Nat Blà Blà 1 - a Sara
» Claudio Di Scalzo: Nat Blà Blà - 2 - a Sara
» Claudio Di Scalzo: Capitaine Fantômais I - II - a Sara
» Accio e Cardellino: Pape Sarella ascolta Schubert e risponde ad Adan Corvack
» Accio: "Cor-Coriandoli" 15 - A Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 14 - A Sara Esserino
» Accio: Dichiarazione per l'amata Sara - 14.II.2010
» Claudio Di Scalzo detto Accio: i coriandoli di Shoemberg per Sara Esserino
» For Sara Cì - 14 febbraio nel San Valentino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 13 - A Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 12 - A Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 11. A Sara Esserino
» Accio: Alfabeto per un giorno di febbraio 10 - a Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 10 - A Sara Esserino
» Accio: Alfabeto per un giorno di febbraio 9 - a Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 9 - A Sara Esserino
» CDS: Alfabeto per un giorno di febbraio 8 - a Sara Esserino
» Accio: Alfabeto per un giorno di febbraio 7 - a Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 8 - A Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 7 - A Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 6 - A Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 5 - A Sara Esserino
» Accio: For Sara Cì Cardellino: Tre giorni. Every day a poem.
» Accio per Sara: Sanvalentiniana con video della settimana 4
» Accio: "Cor-Coriandoli" 4 - a Sara Esserino
» Accio: "Cor-Coriandoli" 3 - A Sara Esserino
» Accio per Sara: Sanvalentiniana con video della settimana 3
» Accio: "Cor-Coriandoli" 2 - A Sara Esserino
» Accio per Sara: Sanvalentiniana con video della settimana 2
» Accio: "Cor-Coriandoli" 1. A Sara Esserino
» Accio: Bacio guapo a Sara Cì
» Accio: Sara Chan Butterfly nelle bende surrealiste
» Accio: Nostra Signora del Morbillo a Monza
» Accio: Bacio ellenico cubista a Sara Sì in Verona
» Accio per Sara Sì futurista ognidì
» Sara Esserino: Metti Carducci all'Hotel Continental di Trieste
» Fumetto Marinella Linea Sara Bella 4: Heathcliff Isidoro
» Fumetto Marinella Linea Cardellina Bella 3 - Canardo
» Claudio Di Scalzo: Fumetto Marinella Linea Sara bella 2- Spirou
» Claudio Di Scalzo: Fumetto Marinella linea Cardellina bella 1 - Signor Spaghetti
» Claudio Di Scalzo: Piccolo manuale in chiaro d
» Claudio Di Scalzo: Neoplatonismo e fumetto. Dedicato a Carl Michelstaedter
» Accio: La pallottola in mare a Miramare. A Sara Esserino che vo cercando nel mattino solitario
» Accio: Sara Esserino vorticista a Trieste doccia Lautréaumont sgoccia
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Kluckhohn nel phon di Fiesole. a Sara Esserino il mistero della traduzione
» Accio: Flemingando Fiesolando. A Sara Esserino
» Accio: Sara Esserino farfalla a Fiesole
» Accio: Notturno fumetto fiesolano. A Sara Esserino
» Accio: Papageno e Papagena a Fiesole. A Sara Esserino
» Accio - Arte bacianti contorni fiorentini. A Sara Esserino
» Accio: Baciando Flemingando. A Sara Esserino per San valentino dopo Fiesole 2009
» Accio: Scarabocchio obliato. Con Sara Esserino a Firenze scherzando sul destino dell'estetica
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Il pianoforte a giraffa di Napoleone. A Sara Esserino
» Duo nella macchia fiorentina - Accio e Sara Esserino
» Accio e Sara Esserino: Febbraio con pettirosso
» Accio: Gira e rifrulla il 22 febbraio - 28 impronte per Sara Esserino
» Accio e Sara Esserino: Coriandonelli e Pennoriandoli
» Accio per Sara Esserino: Io non sono Corot. Firme false amore vero a San Valentino per intero 2
» Accio per Sara Esserino: Non sono François Boucher. Firme false amore vero a San Valentino per intero 1
» Accio a villa Roncioni con il calcinaccio. Foto Sara Cardellino 1
» Marzo 2011 alla mi' veneziana der còre che a Trieste m'à detto amore
» Accio: Attore a Trieste con Sara Esserino nel Marzo 2011
» Accio: Joyce racconta Wilde a Trieste. A Sara Esserino
» Giuseppe Revere patriota per Trieste Transmoderna. A cura di Accio per Sara Esserino
» Sara Esserino in nudo: Col Tasso a Trieste passo nel marzo scalzo. Foto Accio.
» Italo Svevo: Pagine manoscritte I. Sara Esserino e Accio sui manoscritti molto dritti
» Accio: Sara Esserino scrive una lettera a Zefiro da San Nicola e San Giusto. Trieste Transmoderna
» Sara Esserino: Con Joyce e Accio bagnati a Trieste amati
» Umberto Saba: Freud mia scossa. A Sara Esserino ricordando il viaggio a Trieste nel marzo 2011
» Accio: Esserino Duse al Museo Teatrale Carlo Schmidl di Trieste
» Joyce a Trieste con Wilde. Trieste Transmoderna. Cura Accio per Sara Esserino
» Due poesie di Saba commentate da Bruno Basile. A Sara Esserino marzo 2011
» Buffalo Bill e valigie d’attori per la notte triestina di Accio e Sara. Marzo 2011
» Claudio Di Scalzo: Il piacere del Fumetto - Pensando a Sara.
» Claudio Di Scalzo: Accio centrale termica e Sara Esserino termica viva pelle
» Apollinaire: Nuit pisane. A Sara. Traduzione Claudio Di Scalzo
» Sara Esserino: Nodo Piano con Dioniso Rosso. Ad Accio
» Accio: Sara Umeka ESserino
» Accio: Sara Momoko Esserino
» Accio: Sara Fumiko Esserino
» Accio: Sara Ise Esserino
» Accio: Sara Izumi Esserino
» Accio: Sara Yuri Esserino
» Accio: Ritratto Enigma Distratto 2- a Sara Chan Butterfly
» Accio: Ritratto Enigma Distratto 1- a Sara Chan Butterfly
» Il Bacio tra Olandese e Corsara della Metamorfosi a Trieste marzo 2011 con lei che però non s'imbarca...
» Accio: Sara Esserino nel maggio galante e leopardiano a Duino
» CDS: Alfabeto per un giorno di febbraio 5 - a Sara Esserino
» Claudio Di Scalzo: Febbraietto corto fumetto a San Valentino per Sara Esserino - Adam e Alanna
» Accio: Alfabeto per un giorno di febbraio 6 - a Sara Esserino
» CDS: Alfabeto per un giorno di febbraio 4 - a Sara Esserino
» CDS: Alfabeto per giorno di febbraio 3 - a Sara Esserino
» CDS: Alfabeto per un giorno di febbraio 2 - a Sara Esserino
» Accio: Alfabeto per un giorno di febbraio 1 - a Sara Esserino
» Accio: Sara Esserino in Lucca... te lo dio in vernaholo a-b-c
» Accio. Storia di un bacio da orto. Dialettica per Sara Esserino
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: Leone Lucchese. Omaggio a Sara Esserino
» Accio: Cascando giù dal Depero - San Valentino 2010 per Sara Esserino
» Accio: Sanvalentiniana per Sara Esserino: Man Ray/Jacopo da Lentini
» Accio: Sanvalentiniana per Sara Esserino: Tanning - Catullo
» Accio: Sanvalentiniana per Sara Esserino. Indiana/Saffo
» Accio: Sanvalentiniana per Sara Esserino: Marino-Picabia
» Accio: Sanvalentiniana per Sara Esserino: Burne-Jones