Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Trieste Transmoderna

:: Giuseppe Revere patriota per Trieste Transmoderna. A cura di Accio per Sara Esserino
19 Dicembre 2013

 

 



a cura di Accio per Sara Esserino

Trieste Transmoderna

GIUSEPPE REVERE

 IRREDENTISTA PER TUTTE LE ERE

Giuseppe Revere irredentista per tutte le ere nasce a Trieste, da famiglia ebraica, nel settembre del 1812. Lascia collina e porto perché secondo lui il mazzinianesimo non pulsa nella sua città come vorrebbe, come una specie di bora repubblicana, e porta la sua acconciatura a Milano e poi scarpinerà a Torino; e a Trieste più da vivo non ci torna. Ma la sua figura di patriota estremista sta bene in vista nella letteratura giuliana se ci s’accosta all’irredentista… mai domo. Difatti, da lontano, un po’ in posa da foscoliano, si protende nei suoi scritti verso la patria lontana, anelando la riunificazione di Trieste e dintorni all’Italia. Nel biennio rivoluzionario, quel ’48-’49 - qui succede un quarantotto! qui succede un quarantanove con tante costituzioni nove (ahi la speranza!) – Revere irredentista per tutte le ere partecipa alle 5 giornate di Milano e pure a quelle di Venezia ma lì fu scacciato, e questo lo digerì pochin, da Daniele Manin perché troppo intemperante, illogico nella tattica, fuori binario anzi fuori gondola nel rapportarsi agli altri patrioti. Insomma un esagerato. La Bora mai più annusata gli vorticava dal nervoso da una tempia all’altra. Allora si portò, acconciatura e tutto, un po’ asburgica!, a Roma dove con Goffredo Mameli partecipò alla difesa della città costituzionalizzata dal Mazzini. Pausa d'anni di cui chi scrive non ha traccia. E lo ritrovo a Torino. Al Ministero degli esteri, e poi a Firenze temporanea capitale d’Italia e ancora a Roma. Dove i suoi basettoni bianchi furono incassati col resto nel novembre del 1889. Il poeta esule anche da morto metteva rogna nei pensieri austriaci che non concessero - all’irredentista Revere estremista in tutte le ere – sepoltura nella sua città. Il suo cercato “sasso”. La bora tornerà sullo scheletro del poeta nel 1921. Ma il devoto ad Heine chissà se ne ha avuto ghiaccio ulteriore.

Le sue raccolte poetiche non sono indimenticabili. Classicheggianti, sdegnose, anticonformiste e sforzate nel tedium vitae quando non faceva il tacchino mazziniano tricolore in ruota perpetua, esse han titoli come Osiride, Sgoccioli, e Trucioli. Quindi Sbarbaro che neppur sapeva della sua esistenza usa lo stesso titolo.

Ripubblichiamo da Osiride “Io vorrei pur saper dall’altra gente”. E risulterà chiaro che questi leoni polemisti, come già il livornese Guerrazzi, quando tenevan penna in mano pensavano ai marmi del Partenone e al massimo al miele del Prati. 

 

 

 

                                                              IL FASTIDIO DI VIVERE

                                                              Io vorrei pur saper dall’altra gente

                                                              Che si commette alle follie del mondo

                                                              Se in mezzo ai molti gaudi ella non sente

                                                              Il fastidio del vivere giocondo.

 

                                                              Perocché io, meschinello, nel profondo

                                                              Dell’animo ho una cura ognor pungente,

                                                              che mi fatica il cor, turba la mente,

                                                              anche quando a me stesso i’ mi nascondo.

 

                                                              Più a me non cal di alcuna cosa bella;

                                                              muto alle gioie della vita, io dico:

                                                              inver per me non rifiorite, e passo.

 

                                                              Persino in ciel la mia sognata stella

                                                              Io più non cerco con l’intento antico,

                                                              e all’ampio mondo chieggo un breve sasso.

 

                   Note

                   Commette: affida

                   Passo: abbandono tutto

                   Breve sasso: umile tomba

 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: A Trieste citazione mare col solleone. Per la veste di Sara Cardellino nel Capanno a Bocca di Serchio col libeccio. Sei fotografie virate nell’arte.
» Sara Earnshaw: Il Tricolore di Accio con me in Piazza d’Italia Unita a Trieste. Sera domenica 5 luglio 2020
» Sara Earnshaw per Accio Heathcliff a Trieste. Riflettendo sul proverbio del lume e dell'olio. 5 luglio 2020
» Accio e Sara Cardellino: Tre foto di Trieste Luglio e una gennaio 2020. Con proverbio del Lume e dell'Olio.
» Accio e Sara Cardellino: Scarpe del Cardellino e di Joyce a Trieste nel colore e in b/n - 5 VII 2020
» Accio e Sara Cardellino: Surrealismo domestico e portatile da viaggio. Trieste gennaio/luglio 2020
» Accio e Sara Cardellino audacemente sul molo dipinti al volo. Trieste domenica 5 luglio
» Accio: Io la fotografia il Cardellino. Superstizione e immaginazione. 8 Marzo 2020
» Accio e Cardellino: Ritratto di Signora veggio emerso dall'Aspern Carteggio, I - II
» Accio: San Valentino 2020 con 33 Variazioni sul Molo Audace di Trieste con l'aiuto di Ludwig Beethoven del sorriso di Sara Cardellino
» Accio: Sara Cardellino visione rivelata dal lampione triestino. Gennaio 2020
» Accio e Sara Cardellino: Dal gennaio 2020 al San Valentino febbraietto per gli amanti benedetto
» Accio e Sara Cardellino: Dal gennaio 2020 triestino al San Valentino febbraietto per gli amanti benedetto
» Accio: Album Triestino per San Valentino e Foibe 2020. A Sara
» Accio: Con la giacca del padre a Trieste accanto a Sara Esserino 2011. Confessione.
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Alfabeto filosofico triestino per Sara Esserino anche fumettino verdolino - Marzo 2011
» Accio: Aquileia in tre tra godimento e Ahia! - Gioco epico senza capo né coda per Sara Esserino
» Accio: La Donna d'Aquileia Esserino si rivolge al suo fotografo - III
» Accio: La Donna d'Aquileia Sara Esserino I
» Accio: La Donna d'Aquileia Sara Esserino II
» Affettuoso ritratto ad Aquileia come milite ignoto. Affettuosi eroici clic di Sara Esserino per Accio
» Claudio Di Scalzo detto Accio: i coriandoli di Shoemberg per Sara Esserino
» Sara Esserino: Metti Carducci all'Hotel Continental di Trieste
» Accio: La pallottola in mare a Miramare. A Sara Esserino che vo cercando nel mattino solitario
» Accio: Sara Esserino vorticista a Trieste doccia Lautréaumont sgoccia
» Minotauro Joyce Trieste. A Sara Esserino da Accio
» Marzo 2011 alla mi' veneziana der còre che a Trieste m'à detto amore
» Accio: Attore a Trieste con Sara Esserino nel Marzo 2011
» Accio: Joyce racconta Wilde a Trieste. A Sara Esserino
» Sara Esserino in nudo: Col Tasso a Trieste passo nel marzo scalzo. Foto Accio.
» Sconosciuta di Pisino: "Lo stesso uomo". Su Luigi Dallapiccola
» Italo Svevo: Pagine manoscritte I. Sara Esserino e Accio sui manoscritti molto dritti
» Accio: Sara Esserino scrive una lettera a Zefiro da San Nicola e San Giusto. Trieste Transmoderna
» Sara Esserino: Con Joyce e Accio bagnati a Trieste amati
» Umberto Saba: Freud mia scossa. A Sara Esserino ricordando il viaggio a Trieste nel marzo 2011
» Joyce a Trieste con Wilde. Trieste Transmoderna. Cura Accio per Sara Esserino
» Due poesie di Saba commentate da Bruno Basile. A Sara Esserino marzo 2011
» Sara Esserino: Sera marxista nel marzo 2011 apripista rossi punti
» Buffalo Bill e valigie d’attori per la notte triestina di Accio e Sara. Marzo 2011
» Il Bacio tra Olandese e Corsara della Metamorfosi a Trieste marzo 2011 con lei che però non s'imbarca...