Home Page Olandese Volante
Home page Site map

MUSICA A PROGRAMMA

26 Febbraio 2024

CONCERTANTE

15 Febbraio 2024

IMMAGINARIO

GIOVANNI BOINE 1887-1917

24 Febbraio 2024


Usignola cantante e De Musset migrante
ottobre 2011, Accio
a Sara

TRANSMODERNITÀ

04 Febbraio 2024

Il Casanova di Fellini è un essere declinato nell’eros nella fantasmagoria di sé che non prova alcuna passione sentimentale.

Sembrerebbe un antenato di tanti attori di video porno su YouTube e di tanti giovani che praticano sesso rapinoso di consumo fino alla beffa all’irrisione alla meccanizzazione del proprio membro.

Il Casanova di Fellini è adatto a stare come Ombra fantasmatica del reale dietro le trine dei vari San Valentino sdolcinati-baci nel 2014.

Il film che travalica la letteratura da dove proviene ed il periodo storico rivela perfettamente l’originalità felliniana.

Ogni struttura narrativa viene distorta nella scenografia con illuminazioni costumi trucchi in maschera che rimandano al caleidoscopio settecentesco.

Coinvolgente è come usa, il regista, la letterarietà enfatica. Caratteristica oggi, 2024, di una moltitudine di poeti poetesse letterati intellettuali scrittori che si muovono, come CASANOVA, in maniera spregiudicata sui social nel reale di quanto resta ed è di società letteraria, cercando pubblicazioni prebende incarichi di rilievo: meccanizzandosi maschere. Spesso a differenza di Casanova col CAZZO MOSCIO. L’originale val sempre più degli infiniti calchi intellettuali. Stesso dicasi delle fiche laccate, maschere, di tante poete poetesse in cerca di notorietà. In ciò il personaggio della ROBERT FORD è emblematico. Che mentre sfruttano le sorti inutili meccanizzate-web di social siti blog sono perfettamente sfruttati dal mezzo di produzione capitalistico.

Nelle ultime scene del film Casanova afferma “Sono un celebre scrittore italiano. Sono Giacomo Casanova”.

In realtà è soltanto un ipertrofico dilatatore memoriale del proprio io, con falsità ed esaltazioni, letterarie, nelle sue sterminate memorie oggi stancanti già allora polverose.

Ma, declinando, pure ogni letterato-avventuriero-spia-manovratore di altri con i seguaci-follower, è un ipertrofico minimale avventuriero nella cultura-lettere-poesia che ogni giorno, sono milioni, fanno prove sui social. Invecchiano si sciancano muoiono e cercano ancora FAMA.

PASSEGGIATA KIERKEGAARD

17 Febbraio 2024

ATELIER HÉBUTERNE MODÌ

09 Febbraio 2024



III
Per il Mago della Sabbia di Marina di Vecchiano, nel febbraio 2024, subendo come Olimpia scherzo fotografico meccanico, sfodero l’ironia romantica, definendo il fotografo perturbante più duro di cuore d’una noce, addirittura noci al posto del cervello, che fan rumore come in un sacchetto; e concludo il trittico, migliorando il tutto, col musicista romantico Robert Schumann.
Nascosta dal tronco del noce, io Olimpia Sara, bambola meccanica suscitatrice di desideri meccanici dall’ombelico in giù ai seguaci di Nathanael, tra questi il primo è lo stesso Mago nel suo secondo ruolo, ne ha tanti, di perdutamente innamorato, sto ascoltando in cuffia e leggo in traduzione i sedici Lieder del ciclo Dichterliebe (Amore di Poeta), 1840, del compositore, scelti da una raccolta di Heinrich Heine del 1820.
Schumann declina nel canto musica ironia grottesco malinconia delle poesie creando partitura di stupefacente coinvolgimento. Voce parola. La storia del litigio dei due amanti e della loro riconciliazione ebbe VALENZA AUTOBIOGRAFICA per Heine Schumann Di Scalzo e per me Sara.

SONORITÀ

14 Febbraio 2024

MUSICA DA CAMERA

14 Febbraio 2024

TELLUS MOSTRA

KAROLINE KNABBERCHEN

14 Febbraio 2024

ACCIO E CARDELLINO

14 Febbraio 2024