Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Arte Transmoderna

:: Claudio Di Scalzo: Goya orto degli ulivi
09 Gennaio 2017

 

 

 

 

Claudio Di Scalzo

GOYA CON IL CRISTO NELL'ORTO DEGLI ULIVI

 

Sembra che quando il servitore passò con l’acqua davanti al Cristo nell’orto degli ulivi, ed era il 1819, vedendo il Redentore tanto macilento e a un dipresso il suo padrone pittore, al poveruomo sfuggisse dalle mani la caraffa che cadendo si ruppe in tanti vetri aguzzi. “Cristo è anche il Signore dei vetri che tagliano”, esclamò Goya per consolarlo. “Lasciali sul pavimento”, ordinò, “se li calpesto è segno che cercavo la penitenza adatta per quanto ho dipinto”. Il suo bisogno di assoluto poi smarrito lo spinge al parossismo dove ogni devastazione nel corpo è giustificata vivendola in pittura. La Escuelas pias de san Anton Abad che ha commissionato il dipinto lo accetta con riverenza, è un maestro inquieto, rappresenta anche la vecchiezza del mondo che il Cristo rigenererà, si dice comprensivo il religioso responsabile della Confraternita.

In questo dipinto la confessione di Goya racconta il sacro dal basso come l’acqua morta nel pozzo cattura il baluginìo del cielo stellato. La natura divina del Cristo sembra smorzata. Cristo è il più miserando degli uomini sotto la morsa della sofferenza fisica, preda della penombra che offre agonia morale. Cristo è orfano come individuo in una plaga di mondo che gli ha assorbito ogni energia rifiutandolo. Non trova conforto in se stesso, la presenza dell’angelo è distante pallore silente, la tirannia della veste sporca di fango verso il fango lo piega. Goya non dipinge un volto agitato come potevano averlo gli eretici verso il rogo, né quello fiero nel panico del brigante che accetta il cappio!, Cristo è la miseria umana che si stacca da ogni altra miseria, le riassume tutte, le assorbe quasi, e Goya mostra con eccesso di rapidi colpi di pennello quanto si accascia per sondare già l’ombra della morte.

Nel contempo l’Orto degli ulivi è un Autoritratto. Morale per i piedi scalzi tenuti vicino ai vetri, di confessione estrema su se stesso come se la croce da lui portata, disegnando, lo rendesse in prossimità di uscire dalla vita essendo il meno vivo tra gli uomini; anche ammissione di impotenza il dipinto, dell’uomo che non può, in sofferenza estrema, che dire: si muore ma col vestito migliore, tutta la mia eccelsa pittura per raffigurare l’uomo Dio, e firmo la cornice della tela con la resa del mio corpo, non resisto più, la vita per me Goya è stata troppo disumana. Quale mistico afflato avrei dovuto posare sul volto di Cristo, rispettabile padre della rispettabilissima Escuela Pias de San Anton, Cristo non scorge nel cielo di bitume nessun alone speranzoso, e le sue membra sono sconvolte dalla fatica, rese terrene oltremisura dalla tristezza, ha mai provato, rispettabile padre, cosa voglia dire lo scarto che si crea fra quanto cercato di assoluto e la polvere che poi ti circonda fino a raggiungerti il mento per soffocarti? Ha mai annaspato in questo disfacimento ripugnante che rivela il reale dell’esistere sulla terra? Perché il Cristo uomo non avrebbe dovuto provarlo in una intensità, che io Goya! pur essendomici nutrito, mai potrei neppure immaginare!

Nell’orto degli Ulivi, che fisso in questo luglio, c’è la materia straziata e flagellata e sanguinante, ogni aspetto umano è cancellato dalla porosità della disperazione! La sofferenza senza limite, la miseria senza limite del dubbio, l’incommensurabile capacità di essere infelice riguarda il Cristo e me pittore del Cristo e tu che guardi il dipinto e ci scrivi accanto perché sai come lo smacco sia la sorgente - inesauribile - dove realismo e spiritualità diventa debole come lume quando infuria la burrasca. Ma questa è anche tutta la potente religiosità di me pittore che fai tua. E il Cristo nella sua debolezza senza misura troverà l’amore senza misura da donare. Questo sperai calpestando a bella posta i vetri aguzzi un tempo caraffa, questo spera anche tu mentre t’incidi con quanto un tempo intero adesso taglia il tuo presente senza remissione. 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino:Trieste di Domenica 5 luglio 2020 ricordando Arthur Rimbaud e Robert Ford nel 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Frasi celebri di Robert Ford. Dallo psicoanalista commentate. Romanzo Western del Nulla.
» Accio e Cardellino: Il Requiem Tedesco e l'Erba Acetosa. Musica Erbe Fiori 1
» Accio: Le cinque ultime carte di Wild Bill Hickok. A Sara Agnes Lake con Cena in Casa Di Levi.
» Accio: Foresta ad est s’appresta al Maxernst. Romanzo Western del Nulla.
» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino: Robert Ford Corvo per ricordare atto torvo il 9 gennaio 2017. Ornitologia da banco
» Accio e Sara Cardellino: Interpretazione western psicoanalitica del codardo Robert Ford il 9 gennaio 2017
» Accio e Cardellino: 9 gennaio 2017. Romanzo Western del Nulla. Premonizioni che Jesse Accio James ignorò e così Robert Ford poté sparargli a tradimento nella testa riscuotendo la taglia che la Legge Poetica di Pinkerton e Baffetti di Rame imponeva
» Accio e Sara Cardellino: Il rame e le sue trame. Novella della ghisa rossa per il "Romanzo Western del Nulla 9 gennaio 2017". Daniela Cantelli Etta Place
» Accio: Johann Sebastian Bach per i morti della mia stirpe per il 9 gennaio 2017
» Cardellino: Ser Pelleas Accio e Sara della Laguna nella soffitta di Accio l’Otto dicembre 2019. A ricordo del 9 gennaio 2017 con i Cavalieri della Tavola Rotonda
» Claudio Di Scalzo: Robert Ford sul lettino dello psicoanalista dopo il 9 gennaio 2017 quando uccise a tradimento Jesse Accio James
» Il 9 gennaio 2017 di Robert Ford e Jesse Accio James con l'ulivo di Lalo con parole in ombra prima del BANG finale
» Sara Cardellino: Vicenda d'amore della Ragazza Profumo e dell'Uomo di Ferro. Ad Accio, 2009 e 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Wild Accio Hickok nella neve e corsaro per Sara Cardellino
» Accio e Cardellino: Voglio un bacio da fumetto! Cento poi mille! 8 dicembre 2019. ABC usato da Accio per personaggi e storie.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Karoline Knabberchen: Esclusività. Claudio Di Scalzo: Il Cosmonauta Accio - La tekné retorica non è poesia bensì musata cadendo dal nido!
» Claudio Di Scalzo: Romanzo Western del Nulla con prefazione Requiem. Alisdair McIntyre Lalo Karoline Knabberchen Il Pazzo Accio Sara Cardellino
» Accio: Possiamo definirci reciprocamente morti? Wild Bill Hickok e Jack McCall
» Claudio Di Scalzo: Piove sono a Vecchiano. È una pena. Sulla letteratura e la crudeltà nella vena. Accio, Lalo, Tabucchi, Boine, Il Pazzo, London, Hickok, Donna del 9 gennaio 2017, Cardellino…
» Claudio Di Scalzo detto Accio: L'Olandese Volante è morto viva L'Olandese Volante. Ruolo di Sara Esserino/Cardellino
» Di Scalzo: La morte di Wild Accio Hickok (con Sara Agnes Lake) e di Accio Billy the Kid figlio delle stelle il 9 gennaio 2017
» La Stanza detta di Munny per Accio pistolero spietato e per il comunismo inteso in western maniera
» CDS: Buck Eden e Cardellino Trillo di Luna. La scoperta del biglietto "Rapporto umano e di lavoro"
» Claudio Di Scalzo: La Musata. Ovvero l'amore in pubblicità marca Stirner. Con Ornitologia da Banco Action Painting
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Accio e Cardellino: Se tutto rivela il grano dandoti la mano. Campo alla Barra Contea di Clay Missouri - Come volavano gli aquiloni...
» Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
» Claudio Di Scalzo: “È l’ontologia bellezza” esclama Giuda. Con frammento di Antonio Tabucchi ad Accio sul Tradimento
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen e i morti traditi. Una profezia. I fatti luttuosi accaduti sull'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Vangelo di Giuda. Il tradimento nell'Orto degli ulivi elettronici
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Dialogo Stellato a Verona. Difendere gli scritti su Karoline Knabberchen
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Sara Cardellino: L'anno di Accio e il PRO BONO MALUM di Ariosto
» Claudio Di Scalzo: Hanno ucciso il mio amico Candido Comunismo. Li ucciderò tutti. Sono Spietato
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Quando salvai Jesse Accio James dalla morte con l'Ave Maria di Schubert il 9 gennaio 2017 di Robert Ford - Un racconto, due lettere, e quattro dipinti per l'otto dicembre 2017
» Claudio Di Scalzo - Sara Cardellino: L'ultima storia con morti e pistole. Jesse James e Robert Ford a Vecchiano - Vicende Lucchesi ed ermeneutica western 1 - 2 con Jesse James e Butch Cassidy e Il Pazzo
» Sara Cardellino: Un film per te Claudio Di Scalzo. L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford. Adatto all'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Piccolo Accio e Accio Billy (fumetto esistenziale con Aglaia-Cardellino)
» Lapide Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Idina Faro al Campo della Barra a Vecchiano - La rondine. Prima viene Amore non libri da stampare.