Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Arte Transmoderna

:: Claudio Di Scalzo: Due arcobaleni. Copiando da Millet
02 Marzo 2013

 

 
  CDS - "Arcobaleno copiato da Millet"
 
 
 

 

 

I DUE ARCOBALENI

L’arcobaleno la colse di sorpresa. Tornava da Pisa. Accostò l’auto. Sostò. Ah, se avessi la macchina fotografica. Zittì di scatto la canzone del solito cantautore che non la muoveva ad alcuna emozione. Sono tutti uguali, pensò. Ma gli arcobaleni no. Sono sempre uno differente all’altro. Posano su due estremi, portano luce dov’era grigio e acqua stillante tempesta passata sui prati. Io di arcobaleni ne ho due. Due! E ripensò a quando stava immobile davanti al quadro di Millet, all'Orsay, titolato “Primavera”. Un arcobaleno con un giardino in primo piano e un’intuita foresta di Barbizon proprio dove l’arcobaleno posava i suoi colorati piedi. Era così romantica allora, talmente tanto da pensare che a Parigi, davanti a un quadro, in un museo che custodiva i quadri che le piacevano dell’Ottocento da Corot a Millet, avrebbe trovato un uomo adatto a portarla via da quel paesino piccolino ma inguaribilmente noioso con le sue trecento persone. Certo immaginare che a Parigi, la prima volta a Parigi!, possa accadere un tale rimescolamento era arduo immaginarlo, ma lei ci sperava. Infatti accadde.

La nostra e' stata un'intesa di sguardi, di occhiate complici e un po' imbarazzate, un sorriso nascosto, un ammiccamento verso i colori dell’arcobaleno, parole non dette esplicite. Mi ha invitato a sedermi. Con il mio francese da insegnante di scuola media ho detto del mio entusiasmo. Lui mi guardava con occhi chiari, di certo simili nel brillio all’arcobaleno di Millet, a questo di stasera sulla campagna pisana, aveva dei capelli un po’ sparati sulla fronte, che si ravviava, e che io ricondussi allo charme dei parigini, e con naturalezza mi chiese se ero italiana, che ci facevo davanti a Millet, e che lui amava tanto le citta minori della Toscana, Pisa… ma anche Lucca. Che le avrebbe riviste volentieri. Avrei potuto accennargli a zio Manrico che aveva un albergo in Via Santa Maria, se avessi accettato il suo invito a prendere un caffè nel museo, invece rimasi come paralizzata, afona, chinai la testa, è tardi dissi, sono attesa. E mi alzai, ho sorriso mestamente come sempre faccio quando faccio qualcosa controvoglia. E cosi' me ne sono andata e ho sentito il suo sguardo seguirmi fino a che ho girato attorno alla statua di Ugolino, già Ugolino, a me pisana, simbolico!, e fuori sul Lungosenna l’aria come sabbia m’entrò in gola. Avevo rinunciato ancora una volta a seguire i miei sentimenti. Non ero certo un'impressionista. Ci scherzo su, tanto ormai. E' passato un anno  e mezzo. Mi sarei sentita per sempre come un arcobaleno che svanisce, illumina, svanisce. Averlo provato a Parigi ha complicato il ritorno al paesello.

Tania sei sognatrice, Tania la vita non è un film o un racconto. E quel vanesio del prof. di disegno, di disegno poi!, che mi rammenta Emma Bovary! E invece ho ragione io. L'amore cosmico, grandioso, fatto di incandescenze, di pensieri, di sensazioni, di sguardi, di mani che appaiono all’improvviso a muoversi indicandoti un quadro in un museo può esistere, a segnarti l’animo. E l’occasione persa! L’arcobaleno svanisce il rimpianto dura sempre. Sembra un proverbio! Stasera a casa non ci torno. Girò l’auto e senza sapere dove andava, a vedere: il mare!, la pineta, il molo viareggino, ma a casa non  ci torno! Qualcosa di pietrificato si era sciolto. Due arcobaleni mormorò, due pomeriggi. Inutili. E prese a riascoltarte il cantautore melenso. Accellerando. (Claudio Di Scalzo)

 

 Millet: "Paesaggio primaverile con arcobaleno"

 

 

 

NOTA

"Due arcobaleni" fa parte della raccolta di racconti "Amori a bassa quota". Un'anticipazione su TELLUS 28 "Febbre d'Amore. Stendhal + Web". Editrice Labos. (cds)


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Io la fotografia il Cardellino. Superstizione e immaginazione. 8 Marzo 2020
» Accio e Cardellino: Vieni al cinema espressionista con me che fo il muto...
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» CDS: Il dolore gigante del Bambino sulla sedia
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Di Scalzo/Fabio Nardi: Autoritratto a Carnevale
» Claudio Di Scalzo: Fattori a Livorno
» CDS: Urquhart castle. A Rodina Mac Rury. Web Pésca 1
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Accio: Sorge luminosa dal monte fusa fonte. A Sara
» Claudio Di Scalzo: Tre tazze.
» Claudio Di Scalzo: Gagarin e margherite
» Claudio Di Scalzo: "Leggere mi perdura" - Performance di Narrative-Photo anni '70.
» Claudio Di Scalzo: Finestra a giorno sulla notte horror
» Claudio Di Scalzo: Diagonale chiavennasca con ombre sulla frasca
» Claudio Di Scalzo: Erba s'annera cielo spera
» Claudio Di Scalzo: Leggere per me è una messa in scena...
» Claudio Di Scalzo: "Panino con cose bone e iphone"
» Claudio Di Scalzo: Tre foto per Nada e Lalo, I
» Claudio Di Scalzo: Poeta scalzo gufo calzato
» Fabio Nardi: Monza Cupo
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto come L'Olandese
» Fabio Nardi: Maestro di equitazione e Karoline Knabberchen 8 Marzo
» Claudio Di Scalzo: Neve a San Cassiano
» Claudio Di Scalzo: Fotocità. Sulla fotografia oggi.
» Claudio Di Scalzo: Notturno a Voga
» Claudio Di Scalzo: La chiesa di Voga
» CDS/NARDI fotografi: Pontile
» Claudio Di Scalzo: Trinità Domestica per Karoline Knabberchen
» DI Scalzo/Nardi: "Corridoio Misterioso con Elefantino"
» Claudio Di Scalzo: 40 anni dopo. Foto 1976
» Claudio Di Scalzo: Il cancello. Narrative Photo.
» Claudio Di Scalzo: Geometria serale discretamente lunare
» CDS: Impacchettamento agostiniano con mano lamento vano
» Claudio Di Scalzo: Noticina per il multiplo della fotina (scalza)
» Claudio Di Scalzo: La messa sfocata a tropo 1
» CDS: Palmizio + Luna Ovo con sfizio in villa mi rinnovo
» Fabio Nardi: Cubismo parigino d'aprile 2015 - 1
» Claudio Di Scalzo: Fotografie stornate stolte zie 1
» Claudio Di Scalzo: A Maurizio Quadrio
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: S'effonde muta l'Olanda tessuta
» Fabio Nardi: Battito parigino
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Mela senza bruco
» Fabio Nardi: biografia e fotografia
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Dittico lunare ancora da rivelare
» Claudio Di Scalzo: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 6
» Di Scalzo/Nardi: Cuor marmo - Le Sacré Coeur
» Fabio Nardi: Con la Konica fotografia malinconica 1
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix 2
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 3
» Claudio Scalzo: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 5
» Claudio Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 4
» Claudio Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 1
» Claudio Di Scalzo: Le cugine di Segantini. Foto Pastor fido
» Claudio Di Scalzo: Scrittore con doppio storto Abele (e Caino) - Nota sulla fotografia
» Claudio Di Scalzo: Piccola rivoluzione specchiata e da camera. Zio Lenino e Man Ray con erbari e fiori.
» Fabio Nardi - Di Scalzo: Discalzisme Seurat pointillisme di età
» Claudio Di Scalzo: I Gabbiani di E.M.A.
» Claudio Di Scalzo: Samedan, ore 16,30
» Claudio Di Scalzo: Accio centrale termica e Sara Esserino termica viva pelle
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: L'Uomo di Munch a Lucca con virgole con punti.
» Claudio Di Scalzo: Come pratico la fotografia
» Claudio Di scalzo: mappa per geografia rallentata
» Claudio Di Scalzo: Fotografia per nessuno