Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Viaggi e altri viaggi

:: Tristano e Isotta a cura di CDS
08 Marzo 2013

  

 

 

 

Claudio Di Scalzo

SU TRISTANO E ISOTTA

La storia di Tristano e Isotta ha dato forma al più grande mito di Amore e Morte trasmesso dal Medioevo all’età moderna. L’amore tragico e colpevole dei due amanti costituì a partire dal secolo XII la trama narrativa di molte opere letterarie medievali elaborate in più espressioni linguistiche: dall’anglonormanno, al francese antico, al tedesco.

Nella costituzione del patrimonio mitico di questa vicenda confluirono diverse eredità culturali, dalla mitologia classica alle leggende celtiche dell’Irlanda e della Cornovaglia, ma il tema della storia (una passione adultera suscitata da un fatale errore e risolta tragicamente) si inserisce all’interno della cultura cortese-cavalleresca dell’Europa del secolo XII. Proprio per l’intersecarsi di varie tradizioni narrativa, la vicenda ci è giunta in stesure a volte molto diverse, con l’inserzione di episodi talora divergenti tra loro. Lo studioso francese dell’Ottocento, Joseph Bédier, ha ricostruito, attraverso il confronto tra diverse fonti, la leggenda di Tristano e Isotta, e l’ha proposta ai lettori moderni in un’agile forma narrativa. Qui riportiamo, anche per la brevità incisiva, la II parte. Le parti curate da Bédier sono tre. La prima e la terza in ampia prosa.

Nella sua trama essenziale, il Roman de Tristan, il Romanzo di Tristano, narra la storia d’amore di Tristano (“nobile e fiero, largo negli omeri, nei fianchi sottile, forte, fedele e prode”), nipote del re Marco di Cornovaglia, e di Isotta, figlia del re d’Irlanda (“Isotta la Bionda dai capelli d’oro, di cui la beltà splendeva come alba nascente”). Tristano si era recato in Irlanda per condurre di là sino a Tintoille, capitale del regno di Cornovaglia, la principessa Isotta, promessa sposa a suo zio, il re Marco. Durante il viaggio, però, per un fatale equivoco i due giovani bevono un filtro d’amore preparato dalla madre di Isotta per rendere indissolubile l’unione tra coloro che l’avessero bevuto, e destinato, nelle sue intenzioni, ad isotta e Marco. Per effetto della pozione magica, l’amore divampa subito tra i due giovani, più forte di qualsiasi legge umana o divina, e avrà termine solo con la morte di entrambi.

 

II

BELE AMIE, SI EST DE NUS

NE VUS SANS MEI, NE JO SANS VUS.

(Bell’amica, tal è di noi:

né voi senza di me, né io senza di voi) 

Maria di Francia (seconda metà del XII secolo)

 

Il tragico equivoco che aveva dato inizio alla vicenda d’amore di Tristano e Isotta si ripete al momento della conclusione della loro sventurata passione: Tristano muore convinto che la sua amata Isotta abbia rifiutato di vederlo per l’ultima volta, mentre ella tenta disperatamente di raggiungerlo.

Nel momento della loro morte Tristano e Isotta raggiungono la piena consapevolezza della potenza del loro amore: nessuno dei due può vivere, né morire senza l’altro. Ecco infatti le parole di Tristano: “… solo ella può recarmi conforto; ditele che se non viene, io muoio”; ed ecco le parole di isotta: “La mia morte non mi cale: poiché Dio la vuole, io l’accetto; ma, amico, quando la conoscerete, voi morrete, lo so bene. Il nostro amore è di tal natura che voi non potete morire senza di me, né io senza di voi. Io vedo davanti a me la vostra morte nello stesso tempo che la mia”.

Il desiderio dei due amanti di rivedersi prima della morte è contrastato anche dall’intervento del Caso; una furiosa tempesta prima e una lunga bonaccia poi, ritardano l’arrivo di Isotta, poiché i marinai “per loro disgrazia”, avevano dimenticato d’issare a bordo la scialuppa che avrebbe potuto condurre a terra la donna, in tempo per dare l’ultimo saluto al suo Tristano. La morte di Isotta avviene in un’atmosfera di silenzio e di raccoglimento, come se essa stesse celebrando un rito sacro: “Ella rende così la sua anima, ella muore, presso di lui per il dolore del suo amico”. La tragica fine dei due amanti commuove re Marco, che onora i loro corpi facendoli custodire da due preziose bare nella cappella di Tintoille, quasi un un estremo atto di affidamento delle loro anime alla misericordia di Dio. Ma la forza dell’amore supera anche la morte; dal sepolcro di Tristano germoglia una pianta dai fiori profumati che insinua i suoi rami nella tomba di Isotta, a testimonianza dell’indissolubile legame che strinse i due amanti in vita.

L’antichità, Il medioevo, l’ottocento romantico, con i suoi Heathcliff e Catherine e Senta e Olandese Volante… fino alla finestra di Montparnasse oltre la quale Jeanne Hébuterne raggiunse il suo Modì... ebbero in custodia il mito dell’Amore Assoluto. Chi scrive questo trafiletto sceglie nei mesi estivi - per eccellenza dediti al “consumo” dell’amore come il gelato Sammontana - di proporre alcuni esempi diversi. L’amore tragico che la commedia del consumismo metamorfico non scalfisce. CDS nel luglio 2000

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» CDS: Incuba. Lettera alla compagna Nara
» CDS: "Oinochoe Instagram - Febbraietto in greco detto - A Medea Topino Virgolina
» Eric Burdon - Claudio Di Scalzo: Young a Walker-on-Tyn ed a Vecchiano
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: L' Uomo di Munch a Lucca
» Claudio Di Scalzo: Goya orto degli ulivi
» Claudio Di Scalzo: Claudio Vlaminck
» Claudio Di Scalzo: Macke scrive a Franz Marc
» Claudio Di Scalzo: Asciugone per eone
» Claudio Di Scalzo: Passo del Funambolo. A Karoline Knabberchen
» CDS: L'Uccisore maramaldo di alberi post-impressionisti
» Claudio Di Scalzo: Cyrano bio un po' mio
» Claudio Di scalzo: Rituale. Disegnini 1
» Claudio Di Scalzo: Lavagna moretta. Lagna di fretta.
» Claudio Di Scalzo: Sintetico Scalzo in Arte
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Kaspar Hauser ad Aosta
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Kaspar Bibň Hauser
» Claudio Di Scalzo: 40 anni dopo. Foto 1976
» Claudio Di Scalzo: Pizzo Badile
» Claudio Di Scalzo: Antologia Dialettica 2
» Claudio Di Scalzo: Antologia dialettica 1
» CDS: Wyatt Disca Earp ovvero Far West domestico
» Claudio Di Scalzo: Vecchiano di Alisdair McIntyre 1
» Claudio Di Scalzo: Fotografie stornate stolte zie 1
» Claudio Di Scalzo: Bat-Aille infiorato
» Claudio Di Scalzo: Fiori per Bataille 1972/2012 - I
» Claudio Di Scalzo: Improntata Rivoluzione 1
» Disc'Art 1972 - Il Buondě di Fichte per mě - Ma vedi Té (Perfetta Apocalisse)
» Claudio Di Scalzo: Leggere per me č una messa in scena
» Claudio Di Scalzo: Il primo dell'anno in Engadina di Segantini
» Claudio Di Scalzo: Mardisca in tua vista
» Claudio Di Scalzo: Il basco di Accio il Rosso
» Intervista da fermo scattista a Claudio Di Scalzo di Covata Poco
» Claudio Di Scalzo: Antonia Milk a Venezia
» Claudio Di Scalzo: Con Mallarmé cito me
» Claudio Di Scalzo: Di piante e fiori e dipinti con Boeklin
» Claudio Di scalzo: 4 battisteri del mio ieri
» Claudio Di scalzo: 4 battisteri notturni forzieri
» Claudio Di Scalzo: 2 poesie x Tamura Yoshiyasu
» Debord spiegato ai bachi. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Discalkovskij in Imitamore
» Arte e Contorni: Malinconia Munch. Cura Claudio Di Scalzo
» Manutenzione nel gelo di “The Lord Bless You and Keep You”. Con Mondrian
» Hegel? Schelling? Hölderlin?
» Arte e Dintorni: Beckmann. Traduzione Margherita Stein
» ARTE e Dintorni d'ISOU. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo - Ritter: Warten auf
» Chaissac angelo mingherlino
» Alexandre Gabriel Decamps - Dizionario casuale dei pittori dimenticati. Cura Claudio Di Scalzo
» Max Beckmann: La mia teoria. Cura Margherita Stein e Di Scalzo
» Michaux: Il segreto della situazione politica. A cura Claudio Di Scalzo
» CDS: Sulla S.S.T. muore Priebke e vive l'Arte
» Accio: Uomo complicato nel notturno nevicato. A Sara Esserino, lontana parecchio.
» Jean Fautrier: La realtŕ nell'opera. Cura Claudio Di Scalzo
» CDS: Il Fantasma dell'Estetica
» Claudio Di Scalzo: Il sogno di Walpole
» Carpaccio - Sinisgalli: Sant'Orsola. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il cappello di Beuys sulla cartolina
» Claudio Di Scalzo: Joseph Beuys sulla cartolina
» Debussy con Arturo s'alluna puro con Mallarmé s'abbruna Discalzé
» Claudio Di scalzo: La nuvola c'est moi... arte letteratura pensositŕ?
» Claudio Di Scalzo: Olympia e Cabanel, onanismo e coito
» Orson Welles: Sinistra e Arte. A cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: 2 tombe + 2 tombe = 5 con Mahler
» Claudio Di Scalzo: Non sono che un fallito. Vostro Gauguin. E' deciso si muore!
» Claudio Di Scalzo: Requiem con pennello filosofico. Su Rembrandt
» Claudio Di Scalzo. Doppia elevazione. Su Rembrandt
» Claudio Di Scalzo: Noterelle sulla Poesia Visiva 25 anni dopo
» CDS: Breton e l'Amour Fou. Con foto di Margherita Stein
» Poe e Poema nel Doppio - Cura e illustrazione Claudio Di Scalzo
» Werner Hurter. Cura Claudio Di Scalzo
» Georges Fourest. A cura di Claudio Di Scalzo
» MAN RAY RICORDA 2. A cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: D'amore nelle spire tricolore bollire
» Jean Stevo: Visita ad Ensor. A cura Claudio Di Scalzo
» MAN RAY RICORDA 1. Cura Claudio Di Scalzo
» Fuoriquadro sull'Internazionale Situazionista. Cura Claudio Di Scalzo
» La camera di Christina Rossetti. Traduzione di Margherita Stein
» Kent Rockwell - Dizionario casuale dei pittori dimenticati - Cura cds
» Osvaldo Licini: L'Olandese Volante
» Lea Vergine: Follia in arte e poesia. Illustrazioni di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Piccolo mito della Formica Puma
» Claudio Di Scalzo: ESTATE sě FINISCA chiede MARDISCA
» Claudio Di Scalzo: Come si invecchia nell'autunno a Venezia se sei Accio Heathcliff. A Sara Esserino.
» Claudio Di Scalzo: Lingua Fuoricorso
» Encyclopedie des objets utiles et inutiles. Divulgazione a cura di Claudio Di Scalzo
» Informazioni per i collaboratori