Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Trieste Transmoderna

:: Accio: Sara Esserino scrive una lettera a Zefiro da San Nicola e San Giusto. Trieste Transmoderna
08 Dicembre 2013


Giampaolo Coral (1944-2011) compositore triestino



 

      Accio

        SARA ESSERINO SCRIVE UNA LETTERA A ZEFIRO
(da San Nicola da San Giusto)


  

                                     Lettera I 
                                               ad Accio. Dal Molo Audace. Gliela leggo e lo bacio.



                                                               Marzo 2011

                                      Hanno tolto la ceralacca alle strade,
                                      I sigilli imperiali che impedivano alla gente d'entrare.
                                      A me che cammino per la prima volta
                                      Dentro la storia, raccontano
                                      Di aver deposto i fiori dai muri della città.
                                      Così mi sono calata in San Nicola,
                                      Sbocciata nell'incredulità del presente
                                      Tra i ranghi nell'esercito dei Santi
                                      Ho cambiato nome (quante volte?)
                                      Fino a confondere la mia volontà.
                                      Accanto avevo il mio uomo, uno Zefiro
                                      Venuto al mondo come pescato dal Caos
                                      Dentro una futura salvezza.

                                                     Il pensiero si sfa, è di polvere:
                                                     Sollevarlo è facile oltre la linea del mare.
                                                     Al Tommaseo bevono tè i dubbi dell'avvenire,
                                                     La galleria pompa irrequietezza come un'arteria
                                                     Nell'instabile selva dei nomi.
                                                     I Santi stanno a guardare, accanto all'altare
                                                     La pala del Santo che pare vincere ogni indifferenza.

                                                                 A San Giusto le cose cambiano:
                                                                 L'intonaco lascia posto alla consunzione.
                                                                 Qui sono passati i popoli, sono passati
                                                                 E rimasti; sono morti uno sull'altro,
                                                                 Una cascata di popoli.
                                                                 Cerco una faccia che mi somigli
                                                                 Dentro la corrente di storia.
                                                                 Ciò che mi porta via, caro Zefiro
                                                                 È l'irrisione di chi crede io detenga un potere
                                                                 Che non concepisco: non sono prudente
                                                                 Come la mia città richiede.

                                                                             L'anima secca come il ramo più secco;
                                                                             Dicono così ci faccia la bora, il soffio
                                                                             Incostante, la vertebra continuamente
                                                                             Spezzata.
                                                                             Abbaia il mare verso San Giusto,
                                                                             In punta di piedi abbaia al padrone.
                                                                             Quel bastone si spezza, non può nulla
                                                                             Contro le zanne possenti del mare.

 


Astrazione in nero sul Molo audacemente sincero - Trieste - Accio 2011 

 


 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Io la fotografia il Cardellino. Superstizione e immaginazione. 8 Marzo 2020
» Accio e Cardellino: Ritratto di Signora veggio emerso dall'Aspern Carteggio, I - II
» Accio: San Valentino 2020 con 33 Variazioni sul Molo Audace di Trieste con l'aiuto di Ludwig Beethoven del sorriso di Sara Cardellino
» Accio: Sara Cardellino visione rivelata dal lampione triestino. Gennaio 2020
» Accio e Sara Cardellino: Dal gennaio 2020 al San Valentino febbraietto per gli amanti benedetto
» Accio e Sara Cardellino: Dal gennaio 2020 triestino al San Valentino febbraietto per gli amanti benedetto
» Accio: Album Triestino per San Valentino e Foibe 2020. A Sara
» Accio: Con la giacca del padre a Trieste accanto a Sara Esserino 2011. Confessione.
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Alfabeto filosofico triestino per Sara Esserino anche fumettino verdolino - Marzo 2011
» Accio: Aquileia in tre tra godimento e Ahia! - Gioco epico senza capo né coda per Sara Esserino
» Accio: La Donna d'Aquileia Esserino si rivolge al suo fotografo - III
» Accio: La Donna d'Aquileia Sara Esserino I
» Accio: La Donna d'Aquileia Sara Esserino II
» Affettuoso ritratto ad Aquileia come milite ignoto. Affettuosi eroici clic di Sara Esserino per Accio
» Claudio Di Scalzo detto Accio: i coriandoli di Shoemberg per Sara Esserino
» Sara Esserino: Metti Carducci all'Hotel Continental di Trieste
» Accio: La pallottola in mare a Miramare. A Sara Esserino che vo cercando nel mattino solitario
» Accio: Sara Esserino vorticista a Trieste doccia Lautréaumont sgoccia
» Minotauro Joyce Trieste. A Sara Esserino da Accio
» Marzo 2011 alla mi' veneziana der còre che a Trieste m'à detto amore
» Accio: Attore a Trieste con Sara Esserino nel Marzo 2011
» Accio: Joyce racconta Wilde a Trieste. A Sara Esserino
» Giuseppe Revere patriota per Trieste Transmoderna. A cura di Accio per Sara Esserino
» Sara Esserino in nudo: Col Tasso a Trieste passo nel marzo scalzo. Foto Accio.
» Sconosciuta di Pisino: "Lo stesso uomo". Su Luigi Dallapiccola
» Italo Svevo: Pagine manoscritte I. Sara Esserino e Accio sui manoscritti molto dritti
» Sara Esserino: Con Joyce e Accio bagnati a Trieste amati
» Umberto Saba: Freud mia scossa. A Sara Esserino ricordando il viaggio a Trieste nel marzo 2011
» Joyce a Trieste con Wilde. Trieste Transmoderna. Cura Accio per Sara Esserino
» Due poesie di Saba commentate da Bruno Basile. A Sara Esserino marzo 2011
» Sara Esserino: Sera marxista nel marzo 2011 apripista rossi punti
» Buffalo Bill e valigie d’attori per la notte triestina di Accio e Sara. Marzo 2011
» Il Bacio tra Olandese e Corsara della Metamorfosi a Trieste marzo 2011 con lei che però non s'imbarca...