Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

PASSEGGIATA KIERKEGAARD

:: Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Brahms, la Croce, il Bene. Col Ragno del Male.
03 Agosto 2017




 

SARA CARDELLINO

 BRAHMS, LA CROCE, Il BENE
 


Claudio,… altamente coinvolta dai tuoi scritti sul Brahms delle sonate e dei trii ti sono accanto in questa estate torrida e angustiante oltremisura soprattutto persone anziane e malate come tua madre.

Le note struggenti e malinconicamente adatte – che scavi nel suono di Brahms – al tuo presente al nostro passato tutta mi prendono nel battito accelerato d’una preghiera di protezione. Ora che tieni dialogo con la malattia della madre, con il Male che ti ha raggiunto a gennaio, convincendoti a non scrivere più per non subire ancora un Getsemani di sconcerto abissalmente doloroso, ora che la musica ti aiuta a sopportare la Croce, c’è nei tuoi accenti una purezza che prima non c’era.

Cristianamente prendo quanto mi doni, che viola per amore verso me, il silenzio che ti sei imposto, come atto di comunione che lo stesso Vangelo suggerisce. Contraccambierò, credimi, contraccambierò, potrei apparire e suonare una sonata per te e la sarta ammalata, e assieme raggiungere il Campo alla Barra e innalzare un requiem per tuo padre. All'alto dono di sé si risponde con alto dono di sé.

Tu non dovrai più soffrire per apparizioni letterarie che pure sconsideratamente hai nutrito. Tu mio povero scrittore sgrammaticato che mi hai fatto ascoltare il Brahms di cui necessitavo ora hai me. E anche tua madre ha me.







 

 

SARA CARDELLINO - CLAUDIO DI SCALZO

LA PRIMA SONATA PER VIOLONCELLO E PIANOFORTE DI BRAHMS PER SARA CARDELLINO, PER LA NOSTRA VICENDA
(Col Ragno del Male sulla finestra)

 

Ascolta, Claudio, la Prima Sonata per violoncello e pianoforte in Mi minore op 38 e nella partitura al di là della matrice classica e romantica, leggila, soffermati sui temi ispirati alla canzone popolare. Mi aspetto tu intenda perché tanto son coinvolta da come hai operato in letteratura e nelle arti. Durante la mia assenza in questi sei anni. Che devi custodire riunendo tutto in un disegno unitario che so c’è, espungendo il Male, l’Equivoco che ti ha investito nel tuo recente passato; e quanto fu stonato nella nostra lontana vicenda. Non capirlo allora, cosa rendeva errore discordante la vita nelle arti, ha funestato il tuo presente. Ma siccome so del tuo candore di chierichetto di Don Gino, quando eri un “Posatore di Croci”, la tua poesia religiosa che nessuno conosce!, ti aiuterò con tutta me stessa e posso farlo con la musica


 





 

Ascolto la prima sonata che quasi mi s’ingola balbuzie di commozione. Il suono scrosta ogni mia ingenuità, dietro cui vissi irresponsabile, tutto quanto scrissi e disegnai, Sara mia, rivela come sia facile intarsiare simulacri, ruotarci attorno i sentimenti. Fino a precipitare l’amata in un gorgo di disperazione. Ti feci questo? Possibile?

Non esiste bellezza che assoluta, dice l’idealismo di questa notte, raccolgo il refolo tepido del violoncello adagiato sul pianoforte nel graduale tumulto allegro: ansimano palpebre in quanto si sottrare al tempo che fu nostro. Densità e compattezza del suono, soprattutto del pianoforte, che s’innerva col violoncello, dichiarando la necessaria, perfetta, pienezza armonica.

Stellato d’agosto chioccola nell’angolo della finestra aperta. Ricordo il sole tuorlo d’ovo sul Brenta, Sara, nella sera lattiginosa bruma calda, quando sotto l’acero alla Malcontenta, prendesti il tuo flauto traverso e cominciasti a suonare variazioni da Brahms.

– Ora è l’ora adatta perché l’albero ha succhiato ogni luce possibile. La musica deve ricongiungere a quanto ognuno ha in sé di fragile di quasi perduto.

Le tempie mi dissero che stavamo separandoci e non per colpa nostra. Ma allora di chi?

Sono passati anni e ancora tu, Sara, stai accosto a Brahms per indicarmi la via di salvezza. Nella sonata i vari episodi sono fortemente legati tra loro, in un unico flusso, ininterrotto flusso musicale, portano, mi sospingono questa notte, in presenza d'un tematismo disteso e scorrevole; rileggo pagine di prose a te dedicate versi sfoglio fumetti per Giasone e Medea Topino Virgolina, capisco quanto non intesi allora; la tensione espressiva di Brahms è qui per sciogliere l’enigma.

I mezzi compositivi devono, per non cadere nell’errore, nella colpa della vanità, accogliere la natura rivelata della fede nel Bene nella Misericordia nella Promessa che non scade né mai scadrà.

Ora so quanto non ti diedi, Sara Cardellino. Disperatamente me lo disse il tuo flauto sotto l’acero mentre il Brenta scorreva effondendo lo smeriglio d’ogni ombra futura su di noi.

“Chi si spende nella troppa luce dell’estetica, Claudio, si consegna a un morire che sembra vitalismo invincibile, e invece è soltanto il laccio che prima o poi ti capovolge inatteso”.

Il laccio è scattato in questo gennaio e febbraio, Sara.

Quando sei giunta la Domenica delle Palme ho sentito meno sangue alla testa perché mi hai tolto da questo impiccamento.

Si sta quasi facendo alba, nello studio vecchianese, lo stoino dice nuova giornata sul collo sudato. In questa sonata come poi nei trii più tardi, Brahms, va oltre Schubert e Schumann, perché prende temi ispirati al mondo popolare, alle canzoni popolari, è questo che vuoi farmi scoprire Sara vero?, poi sapientemente a questa ingenuità anche malinconica e melodrammatica, tu sei questo Claudio col tuo Bambino sulla sedia col Monello Accio sul Serchio, Brahms collega, fallo anche tu Claudio sempre come hai fatto in passato, sta qui la tua forza, un architettura di tematiche sapienti di alta cultura.

Il contrasto tra materia e forma rende le sonate e i trii perfetti e altissima musica, devo insistere, mi dici, Sara, con la materia della biografia popolare e la forma di quanto è sapienza dell’estetica con cui mi vestii fin da giovanottino. A me adatta come cucita su misura. Per un figlio di sarta, Nada Pardini, ciò è fondamentale.

Sara Cardellino, ti abbraccio, in questo giorno che viene. E siccome io a breve non scriverò più, sarai tu a farlo e io a seguirti musicalmente. Ti garba questa idea? O devo ancora scrivere di musica per te? Ora vedo dell’acero di ieri come della magnolia di oggi nel giardino ogni foglia, sento ogni pagina scritta ogni parola detta, ogni nervatura mi appartiene perché sta anche in te. La musica vince la lacuna di tempo e spazio, provo vertigine benefica, forse l’estasi che il Cristo concede è questa, in Amore, per lui, e il Ragno del Male s’essicca sul vetro della finestra, che la spalanco, Sara, arrivando fino a strusciarti le labbra a Venezia.

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Sara Esserino alla maniera di Julia Margheret Cameron a Venezia. 2011-2019. Con Heaven Stood Steel di Willy deVille
» Sara Cardellino: Musica per il compleanno di Accio nato immacolato di sette mesi che vita ebbe coi suoi sorrisi e pesi - 8 XII 1952 - Vivaldi Mozart Schumann Reger Halffter Leo Bach
» Sara Cardellino per il compleanno di Accio l'8 Dicembre 2019 la Canzonetta spirituale sopra alla Nanna di Tarquinio Merula
» Accio e Cardellino a Sankte Moritz Samedan. 35° anniversario della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984. La punta dell'iceberg.
» Accio e Cardellino: Il destino scritto dell'Averla. In difesa di Karoline Knabberchen nel 35° della morte il 20 agosto 2019. La punta dell'iceberg.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: 35° della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto. La punta dell'iceberg.
» Accio: Sara nella carta il 14 febbraio 2019 tien passione alta nell’amorose prove
» Claudio Di Scalzo: Giuramento d'amore con folaga e doppietta sul lago Puccini il 14 febbraio. Accio e Sara Cardellino adolescenti
» Accio e Sara Cardellino: Ricordi estivi a gennaio con manga e tubino nero e capanno. Kitakami-Bocca di Serchio
» Accio e Cardellino: Mostra domestica a Venezia sull'amore 2009-2011. Nel gennaio 2019 nostre Cime Tempestose.
» Accio e Sara Cardellino: Primo bacio dell'anno novo 2019 a Venezia primo risveglio con litigio. E Legge "Lascia l'ultimo ballo per me" - A Torcello vento bello!
» Accio scrive a Sara Cardellino: Riflessioni con Gemma Galgani d'uno scasato per l'8 dicembre 2018 e l'anno che viene 2019. Con ricordo del 9 gennaio 2017
» Accio e Sara Cardellino: Notti nel Cascinale ogni storia vale 1,2,3,4 - Con il pescatore di branzino che tien così Sara lontana vicino! e Bruxelles-Vecchiano
» Accio e Sara Esserino nel fiume a cielo aperto. Epistolario 2011
» I Ponti sull’Arno sul Serchio di Accio e Sara Cardellino come riverbero dei ponti di Madison County di Robert Kinkaid e Francesca Johnson. Con ricordo di Polidina e Messinella
» Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
» Claudio Di Scalzo: Le Coccinelle per Sara Cardellino dell'Olandese Volante rivelano il destino
» Accio: Sara Cardellino nel Rosa-Verde-Giallo Mattino. Lucca Comics & Games 2018
» Claudio Di Scalzo: Traducendo Stevenson questa poesia per Sara Van de Cardellino. Bocca di Serchio Samoa
» Sara Cardellino e Accio: Verso l’Isola che c’è da dove vedremo passare L’Olandese Volante
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Sara Cardellino e Accio: Separazione e reincontro sulla Riviera del Brenta ieri e oggi con Villa Malcontenta. 2011 e 2018
» Claudio Di Scalzo detto L'Olandese: Decalogo feuilleton per la pomona dell'Olandese Volante al Campo della Barra dopo Madrid - Con Calamares fritos e Sara Cardellino
» Accio e Sara Cardellino a Madrid. Racconto Transmoderno
» Accio e Cardellino al Teatro Real di Madrid. Con semiseria dichiarazione del Cardellino Intimissimo...
» Claudio Di Scalzo: Lalo Cardellino Rondini Knabberchen. Giugno 1983/2018. Con preghiera senza volo dell'uccelletto Kierkegaardiano
» Accio e Cardellino: Colline Tempestose da Pisa a Madrid. Un Linton a testa non rovina nuova festa.
» Accio: la musicista cardellina e la sarta
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Accio Strapaesano telematico: La Bohème di Torre del Lago per Sara Cardellino
» Sara Cardellino - Accio: I neofascisti a Lucca, Ilaria del Carretto, Knabberchen, Nada, Poulenc. Considerazioni finali sul ready-made rettificato nato nel gennaio innamorato. E la cura di quanto in arte fu ideato.
» Accio a Villa Roncioni. Foto Sara Cardellino 2
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Noi due nel Magnificat di Bach
» Sara Cardellino: The House of Rising Sun, La Casa del Sole per Accio per l'anno che finisce per quello nuovo 2018. L'Addio al web in barca con Sara Cardellino.
» CDS: Se il treno parte con la Cardellina se Accio la disegna - Lucca Comics and Games 2017
» Una sola infinità di Sara Cardellino. A Venezia a Vecchiano. Con proverbi e Puccini
» Accio e Sara Cardellino: La notte del camionista con Debussy
» Claudio Di Scalzo: Frittura veneziana con Malipiero e Gozzi e Cardellino
» Claudio Di Scalzo: La mia morte come autore dopo i fatti dolorosi del 9 gennaio 2017 - Con Sara Cardellino alla tomba di Libertario detto Lalo a Vecchiano
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Io ti aspetto. Sono qui sulla banchina! (Lettera fondamentale a Sara Cardellino)
» Sara Cardellino: Scene della foresta di Schumann con Accio in pericolo
» Sara Cardellino: Scene infantili di Schumann per la nostra segreta poesia
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Sara Cardellino salva il Falco Ferito.
» Claudio Di Scalzo: Sono in pericolo Sara. Ho bisogno di te.
» Sara Cardellino e altre piume cangianti. E Vivaldi. Con giuramento pè ir mi Accio che quanto inventammo e inventiamo resterà segreto incantato in due per sempre firmato.
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Sara Cardellino: Confessione sospesa con Brahms. Epistolario, 2011 - Epistolari conservati ed epistolari cancellati.
» Accio - Sara Cardellino: Olandese Volante disalberato - Post Scriptum su di me che gna fà
» Claudio Di Scalzo: I due addii di Sara Esserino (che diventerà Sara Cardellino)
» Lettera di Sara Cardellino a Claudio detto Accio. Al mio povero scrittore sgrammaticato - E lettera a fine maggio al povero disegnatore che scopre stracciato il suo fumetto
» Claudio Di Scalzo: Musica per Sara Cardellino 1
» Claudio Di Scalzo: L'unica volta poeta
» Accio: Lettera a Sara Cardellino con grazie cristiano e comunista
» Noi due libertari: a Lalo (con Karoline Knabberken)
» Claudio Di Scalzo: Storia con designers. Da AMORI A BASSA QUOTA
» Giovanni Boine e il Cristo sulla Croce. Anche articolo di Mme de Stael
» CDS: Orologio a cucù. Da AMORI A BASSA QUOTA
» Claudio Di Scalzo: Olandese in Cristo. Pasqua 2017
» Claudio Di Scalzo: Palmo spellato. Teologia poetica
» Claudio Di Scalzo: Ottetto del Bambino sulla sedia con Boine
» Claudio Di Scalzo: I miei Morti, la Poesia nel Comunismo
» CDS: Bambino Briciole Pollicino Pasqua. Esercizio del Cristianesimo
» Claudio Di Scalzo: Storia vera del Bambino sulla sedia
» Accio: Aria mozartiana per Sara Cardellino
» I Salmi di Boine 1 - Ceppo del male, fotografia, Galgani
» Il Bambino sulla sedia febbraio 2017. Con Bambina Prima Comunione
» CDS: Il dolore gigante del Bambino sulla sedia
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: Olandese Falco Ferito
» Sara Cardellino scrive ad Accio. E Accio la disegna.
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Accio a villa Roncioni con il calcinaccio. Foto Sara Cardellino 1