Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

KAROLINE KNABBERCHEN

:: Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
29 Ottobre 2018


Sara Cardellino e Accio sul Baluardo di San Colombano a Lucca dopo aver riposto la fionda





Claudio Di Scalzo

Accio e Sara Cardellino a Vecchiano, a Lucca Comics 2018.

La fionda spezzata e risaldata.

Con Ricordo Di Karoline Knabberchen.

E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!

 

Oggi, a Vecchiano, nel cascinale, curiosando nelle stanze tra scatole carte libri tele cassapanche, trovo nell’armadio di sua nonna Messinella, una fionda, la sua di monello, spezzata nella forcella V del legno. Stava in un cassetto coperta da decini di altri oggetti, fumetti, giocattoli rotti, soldatini.

Accio! Perché la conservi? Cosa rappresenta per te? E poi azzardosa gli chiedo se anche Fabio Nardi l’aveva usata e se Karoline Knabberchen l’aveva vista spezzata.

Sì, l’ha tenuta tra le mani, Nardi le raccontò il suo dolore di ragazzino, quando un amico o che si diceva tale, entrò nel nascondiglio sul Serchio, lungo l’argine, e la spezzò assieme agli aquiloni lì custoditi per farli volare nel vento. Karoline ci scrisse un giuramento in poesia per Fabio Nardi. Convinta si potesse tornare nel passato con l’amore assoluto, il cerchio di Schelling credo, per proteggere l’amato dal dolore ingiusto subito bambino. il fotografo e vedovo dall’agosto 1984 tiene questo scritto come l’ostia nel tabernacolo. Condensa il Patto tra loro d’amore che nessuno, neppure la Morte, ha spezzato. Ebbe tutto un rituale che a raccontarlo, e crederci, si può esser presi per matti o incapaci di distinguere il fiabesco dal reale, come la mano sul petto per togliere il dolore che marchia, la convinzione romantica di essersi già incontrati in altre vite precedenti,… io credo a questo melodramma infinito. Anch’io, dico ad Accio. E sulla fionda spargo lacrima venuta giù a fiotto. Sono matta anch’io e il fiabesco è casa mia. 

Questa lacrima la farà tornare come nuova. Dice il mio Signore dell’Anello. E quando Accio coglie questi momenti… è veramente il mio Eroe da libro senza libro!

Mi porta con sé al Campo della Barra in prossimità del Lago Puccini. Geografia non a caso adatta. Sceglie un ramo a V. Lo taglia col coltello. Lo sbuccia lo modella. Toglie le gomme elastico dalla fionda spezzata, sono nere vengono dai pneumatici del camion di Lalo, s’allungano il doppio di quelle da bicicletta. Aggiunge nastro all’impugnatura e incide una A sul manico. Accio o Amore. Gli carezzo i ricci grigi intenerita.

Ora andiamo a provarla. Sull’argine del Serchio. Dove fu spezzata. Dice.

 

-Se il sasso raggiunge l’altra riva vuol dire che è tornata precisa come prima. Di più… con le braccia mie di ora a tendere la gomma elastica.

-Come facciamo a sapere se giunge il sasso di là? Chiedo.

-Nun mi fa’ la grulla, ‘Ardellino. Guarda le ‘anne sulla riva. Se si mòvino il sasso l’à sfrascate! Se poi vòi la provo sul Brenta e su quarche ‘anale veneziano.

-Mi basta questa dimostrazione. Ci multerebbero e la flautista non avrebbe buona vista!

 

Ride divertito Accio. Aggiunge nel nostro gioco in rima: l’interprete barocca direbbero che sbrocca.

Ci sommo la mia risata.

Ora andiamo a provarla a Lucca sulle Mura. Sarà il nostro fumetto non disegnato ma fiondato.

Ancora allegria. Fidenti occhi brillìo in scambio. Che parte di Lucca?, chiedo.

Sul Baluardo di San Colombano. Dove mi portava Lalo a mangiare il gelato e correre con la fionda appresso.

Arriviamo a Lucca rapidamente passando da Ripafratta. Con il castello del Conte Ugolino della Gherardesca sulla collina a rammentare la torva tresca cantata da Dante.

 

-Se il sasso raggiunge l’altro baluardo che vedi da qui, quello vicino a Porta Elisa, è segno che la fionda funziona. Che ho ancora mira! Mi spiega Accio come se dal medioevo fantasy fosse passato a qualche variante risorgimentale contro gli austriaci!

-E come facciamo a sapere se “ci cogli”!

-Sara... non fa’ ancora la grulla!, vedrai i piccioni alzarsi in volo!

 

Così è stato. Accio è radioso! Provo la sensazione di vivere con un personaggio da fumetto, da racconto popolare uscito dalla Via Paal che lo segue, ancora adesso uomo maturo, rivelando la sua vita grazie alla fionda che da spezzata è tornata nuova.

Che l’abbia ritrovata io, per consegnargliela, ha qualcosa di “simbolico”, indubitabile; una simbologia semplice, umile, appunto da fumetto. Con protagonista allora un bambino, da tutti ritenuto cattivo, e chiamato spregiativamente Accio. E oggi un uomo a cui vedono spesso soltanto i difetti.

Raccontami, più estesamente, la natura di chi fu a spezzartela e perché. Ora puoi capirne meglio i moti.

Accio, scuote il capo reticente, vuoi proprio che aggiunga altro a quanto successe?

Sì! Dico esclamativa. Tanto da non ammettere silenzi.

Allora siediti qui sull’erba.

Quel ragazzo, si chiamava Giulio, per tutti Giulietto, si legò molto a me. Viveva anche lui una sorta di esclusione per la sua gracilità. E una malattia che gli dava dolori e paralisi quasi alle braccia alle gambe. Probabile fossero dolori somatici. O organici che la medicina non riusciva a trovarci rimedio. Oggi la chiamano Fibromialgia. Sentii affetto protezione amicizia verso la sua vicenda e la sua voglia di costruire fionde fucili a gommini aquiloni. Ad un certo punto forse fu preso da frustrazione e invidia verso me. Cosa avesse da invidiarmi poi proprio non riuscivo a spiegarmelo. Forse l’amore e l’amicizia a volte conducono ad atti sconsiderati e tristi. Ma potrebbe anche darsi, Sara, che l’abbia offeso senza rendermene conto con la mia esuberanza e postura da monello incorreggibile. Chissà! Io però mai gli avrei rotto le fionde sue, gli aquiloni di nascosto, e addirittura portato una fionda, nella banda a me nemica, che mi tormentava, dicendo che l’aveva modellata lui. Con gli altri a celebrarla come arma incredibile con quelle gomme nere da camion che si tendevano per un metro e più. E la forcella di frassino incisa corredata di biglie colorate come proiettili. Perché i sassi volavano storti!

Ci soffrii molto Sara. Infinitamente.

Giorni dopo lo affrontai. Era spalleggiato dai suoi amici a lato. In cagnesco.

Gli dissi che aveva compiuto un atto scellerato, leggevo Salgari e Dumas a tutto spiano, e disumano!

Giulietto mi rispose gelido, con un sorrisino a presa in giro, ma bianco come uno straccio: “Se non la smetti di perseguitarmi vado alla Polizia e ti denuncio!”. Alla cintura portava la mia fionda.

Era un linguaggio burocratico che dovevano avergli suggerito. Da adulti su quel corpo mingherlino. I suoi compari della banda sghignazzavano mostrando canne e fionde.

Provai una pena una malinconia come se il cavallo der mi' zio Alvaro m’avesse scarciato il petto. E anche furore. Vampe m’arrossarono le guance le braccia. E dissi andandogli incontro a lui alla sua truppa: non farti più vedere qui sull’argine, né te né i tuoi amici. Con me non potete farcela nemmeno se foste il doppio! Si ritrassero. Se ne andarono offendendomi e l’ultima cosa che vidi furono gli occhi di un ragazzetto disperato e smarrito. Che mi aveva minacciato evocando la polizia. Istruito in casa da genitori democristiani che sapevano di mio padre anarchico e dei miei parenti tutti rossi!

Ir mi’ Babbo completò infervorandosi il quadro ideologico. Dove mi metteva. È un povero sottoproletario il tuo ex amico Giulietto; senza coscienza di classe come i suoi genitori. Usano e ripudiano le persone per barcamenarsi e farsi una posizione con meno toppe ai gomiti! Compie un’ingiustizia verso di te, e ti minaccia rammentando gli organi repressivi dello stato borghese e capitalista. Ti ci devi abituare figliolo. Ne incontrerai di codardi, o deboli simili, se segui le orme di tu-pà e der tu nonno Angelo! Ma avrai anche amici e amiche che ti faranno scordà le miserie che genera l’oppressione. Comunque non son quelli come Giulietto che devino fatti mòve alla lotta ma chi li spinge a questi gesti brutti, chi li imbaucca d’idee farse, usa per il tu’ amio che amio non l'era… un po’ di pietà di quella che t’à insegnato Don Gino e ir Cristo. In fin dei ‘onti non sanno quer che fanno a chi più bòno è di loro. E noi anarchici siamo più bòni e meglio di loro nella ‘oscienza der bene ‘omune,

Lo guardo. Il vernacolo ha reso il dramma stavolta, non la commedia. Appare segnato come se la vicenda l’avesse rivissuta intera con l’età di adesso. Lo scopro così indifeso ir mi’ Accio. Ieri come oggi nonostante tutte le sue fionde e le sue picaresche avventure d’uomo sventato e coraggioso. Ha bisogno di me, d’un Cardellino, ha solo me.

Accio dammi un “bacio di quelli belli”. Il fumetto che m’hai fatto vivere da Vecchiano a Lucca deve avere il suo sigillo! L’albo è concluso. Ma lo rileggeremo assieme tutte le volte che la fionda spezzata e poi ricostruita con la sua biglia amorosa ci coglierà nel cuore!

Sei più brava di me, nel melodramma, amore mio. Sara mia. L’ho sempre saputo.

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Karoline Knabberchen-Fabio Nardi. La foto sul comodino a Barcellona. 1979
» Accio e Cardellino a Sankte Moritz Samedan. 35° anniversario della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984. La punta dell'iceberg.
» Accio e Cardellino: Il destino scritto dell'Averla. In difesa di Karoline Knabberchen nel 35° della morte il 20 agosto 2019. La punta dell'iceberg.
» Cardiodramma in lapide. 35° della morte di Karoline Knabberchen. La punta dell'iceberg.
» Claudio Di Scalzo detto Accio: 35 anni dopo il gorgo Lofoten scalino dopo scalino. La punta dell’iceberg. Quando incontrai Karoline Knabberchen (1959-1984)
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: 35° della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto. La punta dell'iceberg.
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Amore in Sestetto - La Misericordia di Gemma Galgani e la mia in amore - Ultima prefazione e prima di una nuova vita di Nardi/Di Scalzo - Il Fanciullo Schubert e la Morte - Passionista Fanciullo con Schumann nel tempo lungo frullo - Lara Di Vicenza: Lettera al Fanciullo Passionista di Gemma Galgani - Nada e Accio: Mare e Ospedale - Cardellino: Giusti per la Nada - Cardellino: Senta Galgani - Notizie dal reparto Cardiologia - CDS: Preghiera per la Madonna della Rosa in Lucca
» Karoline Knabberchen: Esclusività. Claudio Di Scalzo: Il Cosmonauta Accio - La tekné retorica non è poesia bensì musata cadendo dal nido!
» Cardellino e Accio: Viaggio alle Lofoten Austvågøy in cerca di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
» Claudio Di Scalzo: Lalo Cardellino Rondini Knabberchen. Giugno 1983/2018. Con preghiera senza volo dell'uccelletto Kierkegaardiano
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Karoline Knabberchen: Sacro e Amore. Indice Canzoniere di KK. Claudio Di Scalzo
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Quando una metà cerca quanto la rende intera. Nel bosco di Eichendorff. INN EN di Karoline Knabberchen.
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Tombe. Pianto per Karoline Knabberchen. Con il Requiem Tedesco di Brahms
» Sara Cardellino: Io bella addormentata, Tu con gli occhi chiusi. La tragedia di Lalo di Karoline Knabberchen...
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Nardi-Di Scalzo-Cardellino: A Karoline Knabberchen nel trentatreesimo della morte (Guarda - 10 aprile 1959 - Lofoten 20 agosto 1984)
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Fabio Nardi: La morte per acqua di Karoline Knabberchen con Schubert
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Ultimo Schubert per Karoline Knabberchen - Sara Cardellino: Warum? di Schumann per Karoline.
» Fabio Nardi scrive a Karoline sul Buon Ladrone, su se stesso, su Boine - KK risponde - Fabio Nardi il 23 giugno col salmo 102 ricorda a KK che "tutto può essere perdonato"; rammenta la maestra che volle umiliarlo e come sia più sereno a non scrivere né fotografare più - La Resurrezione di Giovanni Boine, II, di Karoline Knabberchen, 1983
» Karoline Knabberchen: Innocenza tua e mia
» Claudio Di Scalzo: Moschettiere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: La resurrezione di Giovanni Boine - I
» Claudio Di Scalzo: Vivaldi Padova Nardi Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Lucca Giovanni Boine Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Due lettere di Karoline Knabberchen. Ciliegio Poesia Incuba
» Karoline Knabberchen: Sono io... a Fabio Nardi
» Fabio Nardi: 33 anni per tornare da Karoline Knnabberchen
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen in casa Boine
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Di Scalzo/Fabio Nardi: Autoritratto a Carnevale
» Fabio Nardi: Bambino Cardellino Golgota. Con manoscritto Knabberchen
» Fabio Nardi: Il Povero Scrittore. A Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Apologo di fine anno per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen e la Grundtvigs Kirke
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» CDS: Sguardo arboreo 4 - KK Quaderno del Mite Inverno
» CDS: L'Arcangelica K K - Vetrata Quaderno Mite Inverno 1
» CDS: Probante il sangue. Vetrata per Karoline Knabberchen, 2
» CDS: Quaderno del mite inverno. Vetrate di Karoline Knabberchen 3.
» Di Scalzo o Nardi: Karoline Knabberchen nel sogno ottobrino con Grünewald
» Karoline K: Tu non morirai - Quaderno del mite inverno XVII - Nota autore
» Karoline Knabberchen - Quaderno del mite inverno III
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno V
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XIV
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XV
» KK: Requiem della Ranocchia - Libera me, domine VII
» Fabio Nardi: Tre foto a Karoline. Quaderno del mite inverno XIV
» Karoline Knabberchen: Fidanzamento rotto e cilindro ventoso XIII
» Karoline Knabberchen: Le due K. Quaderno del mite inverno XII
» Karoline Knabberchen: Requiem della Ranocchia I
» CDS: Sulla ultima teologia di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XI
» Karoline Knabberchen: Corteggiamento. Quaderno del mite inverno XI
» Karoline Knabberchen - L'amore alla pari - Quaderno del mite inverno X
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno IX
» Karoline Knabberchen: "Sei tutta la mia famiglia" - Quaderno del mite inverno VIII
» CDS: Sulla fronte di Majakovskij. Pensando a Karoline K
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno - VI
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno VII
» Claudio Di Scalzo: Knabberchen per Majakovskij
» Claudio Di Scalzo: Soffice lapide per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno II
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno I
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno - IV
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto a 63 anni come Cavaliere di Rembrandt. (a Karoline K)
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto a Praga come Cavaliere di Rembrandt - (a KK)
» Claudio Di Scalzo: Tre foto per Nada e Lalo, I
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Maestro di equitazione e Karoline Knabberchen 8 Marzo
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Trinità Domestica per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Doppia catena liberata Knabberchen/Nardi. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dono tanto per capirci. Dono per tutto dirti. Karoline Knabberchen alla Grundtvigs Kirke di Copenaghen
» Claudio Di Scalzo: KK alla Grundtvigs di Copenaghen
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten V
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten III
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten IV
» Fabio Nardi: Petrouchka e Knabberchen il 20 agosto
» Karoline Knabberchen: Lalo al Campo della Barra
» Claudio Di Scalzo: Bosco nel bianco dicembre
» Claudio Di Scalzo: Calvario e Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Mangianastri con musicali astri
» Claudio Di Scalzo: Abbigliamento mistico di KK
» Fabio Nardi: Mattonelle Lofoten - II
» Claudio Di Scalzo: Uomo contempla la luna. Trittico per KK
» Claudio Di Scalzo: Oceano sopra mattonella Lofoten
» Fabio Nardi: Mattonelle Lofoten - I
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Stanotte m'è apparsa Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Pierre Cochereau in Saint-Séverin. Canzoniere di KK
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Manfrina surrealista 1 - 2
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: L’ossessione di Fabio Nardi. Canzoniere di Karoline K.
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» CDS: Lettera a Ugo Sentito e Karoline ascoltando Schumann il 22 febbraio
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 4
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 3
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 2
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 1
» Claudio Di Scalzo: Discorso d'Amor di lungo corso. Antologia per KK
» Fabio Nardi: Focherello 2 novembre
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Grieg - Sinfonia Lofoten 7- A.B.Michelangeli
» Claudio Di Scalzo: La spoglia prendi... - Sinfonia Lofoten 13
» Karoline Knabberchen : Sinfonia Lofoten 9, III - Grieg e Bull
» claudio Di Scalzo: 30° della morte di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen : Edvard Grieg - Sinfonia Lofoten 9, I
» Karoline Knabberchen: Prima poesia
» Claudio Di Scalzo: Karoline malata a Bergen. Sinfonia Lofoten 3
» Claudio Di Scalzo - Karoline Knabberchen: Sinfonia Lofoten 1, 2
» Trakl: An Novalis. Karoline Knabberchen Traduce. Dipinto di CDS
» Claudio Di Scalzo: Karoline K a Marinella di Sarzana
» Karoline Knabberchen: Confession d'un post-moderne du siècle. Afred de Musset e George Sand a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Due colonne a Liegi
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Canagnello - Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Notizie dalla diga. Canzoniere di KK
» Fabio Nardi: Serenata per un satellite sulle Lofoten. Con prefazione di CDS sul mistero di KK
» Fabio Nardi: Campane per organi di tre chiese - 20 VIII 1984
» Claudio Di Scalzo: Compiuta trilogia del profondo - 20 VIII 1984
» Karoline Knabberchen: Il Cigno morto di Radiguet
» Claudio Di Scalzo: 5 frammenti di Saffo per la Ranocchietta morta
» Claudio Di Scalzo: Il Requiem di Verdi per Karoline Knabberchen
» Narrative photo Fabio Nardi in toto
» Karoline Knabberchen ad agosto
» Fabio Nardi: Flautato Granellino con Benedetto Marcello
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Poesia d'amore per San Valentino. Antologia per KK. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen legge Maria Barbara Tosatti
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'oro della poesia cercato con Brick Bradford. Prose a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Claudio Di Scalzo: Géricault verso Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dalla riva il tuo sguardo. Tellina per KK. Con manoscritto di Karoline Knabberchen
» CDS: Il bauletto di Christina Rossetti a maggio (a KK)