Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

GIOVANNI BOINE 1887-1917

:: Claudio Di Scalzo: Ottetto del Bambino sulla sedia con Boine
19 Aprile 2017

 

 Giovanni Boine con il Bambino sulla sedia

Pasqua 2017

 

 

 

OTTETTO DEL BAMBINO SULLA SEDIA CON BOINE

(da leggere nella mia camera a Vecchiano:

nella Pasqua 2017

e il 16 maggio 2017

centenario della morte di Giovanni Boine)

 

 

 

                   1

                   Il Bambino sulla sedia nomina

                   nel mattino le spine del Cristo

                   dove lui rondinotto tiene nido.

                   Non usa parole ma i colori dell’Eterno.

                   È un poeta trapiantato nel dolore

                   lì fiorisce senza che nessuno sappia di lui.

 

 

                           2

                           Il Bambino sulla sedia muore

                           a volte nel sepolcro di parole udite

                           che lo feriscono, lo umiliano, lo prendono in giro.

                           Cerca una riva per salvarsi

                           la trova nelle labbra del Cristo

                           che nell’agonia cerca il Padre.

 

 

                           3

                           Il Bambino sulla sedia conosce il Fantasma (o Demonio ?) dell’Amore verso di lui;

                           lo nutre in sé suono d’irradiazione, lo vede sparire in oscura notte

                           che subisce senza sapere il perché.

                           Il giorno dopo la sua voce

                           sarà quella d’un uccelletto strozzato

                           dal filo del crudele cacciatore.

 

 

4

Il Bambino sulla sedia vive la memoria dei giorni non ancora vissuti nell’amore per la donna non ancora incontrata.

Ode le parole non ancora pronunciate d’amore verso di lui, le vede, spaventato, cambiare pelle come serpenti; mutare di significato in una nudità incomprensibile  che scintilla come chiodi:

acciaio, punta, in cerca della sua carne.

Capisce che questa è la poesia a lui destinata se si innamora.

E che dovrà scrivere perdendo l’amore.

 

 

                                                    5

                                                    Il Bambino sulla sedia si guarda attorno

                                                    vede il caos dove tutto cambia di continuo.

                                                    Parole cose gesti vite.

                                                    La sua esclusione, l’umiliazione,

                                                    la derisione viene da quel gorgo.

                                                    Cristo muore per attraversarlo.

                                                    Se giunge fino  a me, se mi vede

                                                    non avrò vissuto invano nel dolore,

                                                    e potrò salvare le parole

                                                    con cui scrissi dell’amore

                                                    che avrei voluto vivere da grande.

                                                    Vieni, o Cristo, risorgi anche per un Bambino sulla sedia

                                                    te ne prego! non lasciarmi solo in questi giorni

                                                    che durano da tanto tempo che ho perso il conto.

 

 

6

Il Bambino sulla sedia si tasta il petto, il collo, gli brucia per il linguaggio che non esce, che si scioglie muco nei polmoni, tosse, glottide ferita, tonsille marce.

Attende, il Bambino sulla sedia, che il Cristo, risorto, possa posargli la sua mano dove il suo cuore batte tra le lame di parole che pensò, che pensa, che penserà perdendosi nel peccato e nella colpa.

Cristo salvami dal mio destino

che ho vissuto, che vivo, che vivrò.

Dammi l’amore che non si smarrisce, che non t’abbandona, che si fa capire come accudirlo, anche se si è bambini sulla sedia, con parole pensate, dette, e che dirò sbagliando, errando, illudendomi sulla felicità possibile per me.

Posa le tue dita, qui, sul mio sterno, dove sta l’originario d’ogni pensiero di salvezza,

      cancella in me la stolta poesia, le stolte parole

      che la composero che la compongono che la comporranno,

      che mi hanno condotto su questa sedia

      -a vivere deriso preso in giro umiliato escluso-

      e dammi il credo adatto a reggere il petalo delle tue dita

      che salvano dal dolore e dall’insignificanza di questa mia esistenza.

      Ti aspetto!

      Vieni.

      Portami via da qui.

      Da questa gente che ho attorno

      di cui sono zimbello

      sia che rida sia che pianga.

      Nominami poeta senza parole

      nel sorriso che mi allieterà

      volto e petto vedendoti arrivare.

 

 

                                                  7

                                                  Il Bambino sulla sedia

                                                  vede ulivi attorno a sé

                                                  posa le scarpe di vernice

                                                  sulle zolle del Getsemani.

                                                  Sente Cristo che dice a Giuda:

                                                  “Quello che devi fare fallo in fretta”.

                                                  Perché anche Cristo teme l’angoscia alta

                                                  di un futuro che non sa quale sia.

                                                  Più terribile dell’angoscia sulla Croce per la fine,

                                                  però conosciuta  e certa, che lo aspetta.

                                                  Il Bambino sulla sedia piange vedendo la scena.

                                                  Nasce in lui una verità che lo schianta.

                                                  (il 16 maggio questo pianto lo riverserà tra le braccia di Giovanni Boine

                                                  nel centenario della morte del poeta di Porto Maurizio)

 

 

                                                  8

                                                  Il Bambino sulla sedia traduce il Vangelo per sé così:

                                                  voglio conoscere, mio Signore, subito

                                                  ora da piccolo, quello che udrò dalle parole

                                                  da grande, e che mi tradiranno.

                                                  Che tradiranno l’amore e la mia fede in esso.

 

Cristo fammi conoscere subito tutte queste parole che io stesso modellerò dopo averle udite, nella vita che mi aspetta, come mio bene unico e prezioso. Ingannato ingannandomi come lo stolto che vede un lago nella pozzanghera. Perché poi, mio Cristo, io possa vivere l’angoscia della Croce su questa sedia avendo scontato la mia colpa in esse. Per trovare, in te, non più parole ma l’eterno che di parole non ha più bisogno! o se pronunciate e affidate a chi le riceve, esse, eternamente avranno lo stesso senso, misura, significato, amore.

 

 

 

 

NOTICINA

KAROLINE E IL BAMBINO SULLA SEDIA

Kierkegaard ne "L'Esercizio del Cristianesimo" definisce l'angoscia del Cristo dopo le parole di Giuda sul suo futuro più alta di quella che proverà sulla Croce sapendo il suo destino certo in quel dolore. Questo Libro di Kierkegaard è per me fondamentale. In momenti tragici del mio vissuto. Lo fu nel 2010-2011 lo è ad inizio 2017. Il Bambino sulla Sedia (con il Bambino sull'argine) è figura cristologica. Ed evoca un rapporto con la poesia e le parole drammatico perché la letteratura può diventare finzione staccandosi dalla realtà dei sentimenti che, lui, Bambino sulla Sedia, vorrebbe inscalfibili non sottoposti a cambiamenti o rovesci. E per questo confida in Gemma Galgani e nel Vangelo del Cristo

Il Bambino sulla Sedia s'accosta pertanto alla figura di Cristofora di Karoline Knabberchen. 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» CDS: Boine spasmo agitato e calmo. Poesia mistica e materialista da banco. 17 maggio 2020 103esemo anniversario della morte di Giovanni Boine
» Claudio Di Scalzo: La Tana nell'iceberg di Giovanni Boine. Profezia e Peccato.
» Sara Cardellino: Investi qui le tue risorse. Richiamo a Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Bastione Isola dei Morti ovvero la Morte e Giovanni Boine 16
» Claudio Di Scalzo: L'ultimo giorno di vita di Giovanni Boine. Buonanotte babbo...
» Giovanni Boine Muore. Testamento. Reincarnazione-frammento. Karoline Knabberchen
» Il Boine di "Plausi e Botte" nel fortino e i venditori d'auto
» Boine muore in due luoghi 15
» Boine corpo solo - 14
» Morte Fanciullo Boine 13
» Claudio Di Scalzo: Frammenti di critica su Giovanni Boine in progress
» Buxtehude Boine Cristo 11
» Claudio Di Scalzo: La sedia nell'armadio. Giovanni Boine muore, 9
» Giovanni Boine Muore 10
» Boine: I cespugli è bizzarro 8
» Giovanni Boine: Prosa a Maria. VII - a cura di Claudio Di Scalzo
» Giovanni Boine: A tagliare gli ormeggi 6
» Giovanni Boine muore 5 Maggio 1917
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine muore - "Giornata della virile rovina" - 4 maggio 1917
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine Muore 3 - "La telefonata" - 3 V 1917
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine Muore - 2 Maggio 1917
» Claudio Di Scalzo: Sangue stoino cipresso trasmette. Giovanni Boine muore - 1
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine cerca la sua tomba
» Giovanni Boine: Bisbiglio e vespero". A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il sogno di Boine preso per il naso
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine dalla Nada Pardini
» CDS: la cucina di Giovanni Boine. Post-Libro sul cibo
» Claudio Di Scalzo: Boine muore a maggio
» Claudio Di Scalzo: Boine sotto sale
» Claudio Di Scalzo: Boine Muore io con lui
» Claudio Di Scalzo: i Salmi di Giovanni Boine.
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine e l'estetica della commemorazione
» Dino Campana: "Arabesco - Olimpia. A Boine"- Disegno Indagine CDS