Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

BOINE/Di Scalzo

:: CDS: Giovanni Boine e Bambino sulla sedia
22 Febbraio 2017

Boine a febbraietto frantumato perfetto

10 febbraio 2017

 

 

 

 

 

 

 

NOTA

Questa come altre pubblicazioni sull'Olandese Volante nella sua ultima avventura sono l'equivalente di un poema grafico o di un fumetto o di un racconto popolare o forse di frammenti feuilleton e biografie immaginarie stavaganti. Non hanno niente a che spartire con la letteratura colta e alta e illustre. Sono avventure di un autore con i suoi personaggi che scelgono di apparire quantomeno presentabili, nei linguaggi, dinanzi alla parola FINE del Romanzo transmoderno che gli fu dato di vivere e interpretare. (CDS)

  

 

 Claudio Di Scalzo

GIOVANNI BOINE IN CASA DELLA NADA PARDINI

 

51

Tremulo, diafano, nella immobile notte, ruppe con taglienti lame il mattino. Sognai, gonfie le vele, navi al ritorno: com ericolme cornucopie, bottini di gioia! Bimbo alla fiaba, con dilatata pupilla: "Di dove? Ma come?". nacque il sole al tramonto; quali, dal buio, ostinati occhi mi fissarono? (Frammenti, Almanacco della Voce, 1915)

 

Chi meglio di me, Giovanni Boine, Bambino che aspetti sopra una sedia di superare la notte, può descriverti la meraviglia del mattino lama di luce nello stoino. Come chiamate qui le tapparelle. Sognavo a occhi aperti la sospensione della malattia, accudivo lo stazionamento della tosse, tenevo una postura da edicola sacra verso il buio. E l’ignoto me l’avrebbe portato la luce dell’alba. Interrompendo il flusso temporale in cui la paura della morte non c’era più. Assopisciti. Dormi. Almeno un'ora. Rincuorato. Che la Nada di là in cucina ti prepara i crostini e il pollo lesso in questa domenica. Sai, Bambino sulla Sedia, quando anch’io m’addormentavo sognavo navi che tornavano in porto, con i tesori della gioia che non si consuma. Qualcosa che i marinai mi avrebbero portato. Io andavo nel pomeriggio a cercare le navi. Arrivavo sempre che erano ripartite o proprio non erano giunte. Per questo mi sono ammalato. Di tisi. Però ho continuato, guardami negli occhi, ad avere dilatate pupille verso la fiaba da raccontare che il male, la malattia, in chi ha la poesia di un alfabeto originario addosso, in te la paura di smarrirti crescendo, in tua madre la paura di perderti per le malattie e gli sforzi che ti impone tuo padre, eroe rude, non può che maculare i corpi ma non può impedirne la salvezza.

Mi capisci? E’ come intendere il sole che nasce al tramonto, sembra impossibile, ma chi è malato lo vede. E poi, prima o poi, vedrà anche le barche arrivare con i doni della gioia perenne, dell’amore che non finirà per qualche equivoco, anche questo capita a noi grandi, Bambino sulla sedia.

A me è capitato. A te capiterà. E se capita questa sofferenza ci sono occhi che ti guardano e non sai a chi appartengono. Ai morti della tua famiglia. Ai fantasmi di persone che non sapesti amare come avresti voluto, o agli occhi di chi incontrerai e non ti riconosceranno come buono perché le barche per te in porto non hanno mai avuto doni.

Caro monello, che ti dividi tra una sedia dove stai rannicchiato e le corse sull’argine mentre tutti ti evitano bambino cattivo, fatti carezzare la fronte. E senti la mia senti! come brucia anch’essa. Questa nostra complicità meriterebbe uno dei miei Frammenti. Ma come scriverlo se la Nada Pardini ci chiama già per andare a tavola. Tu non dormirai nemmeno un'ora. Io non scriverò il frammento. Lo scriverò più tardi. E non so se mi ricorderò quanto ci siamo detti. Ma forse è bene non scriverlo. Non scrivere mai niente che rivela come io e te siamo due povere figure che la notte non dormono in attesa delle lame di luce sulle finestre che poi ci feriscono come lame vere. Manteniamo il segreto. E andiamo a gustare le leccornie in cucina dei fegatini e della pasta con il ragù. Vieni vieni piccolo Bambino sulla sedia. Dal buffo soprannome. Che è il peggiorativo più usato da queste parti. Ma fu anche il nome di un drammaturgo romano del quale poche tragedie ci rimangomo. So tante cose? Mah divento bravo con i bambini come te. Sennò taccio. Non potrei certo spiegare le barche che tornano in porto a gente come Papini e Prezzolini! Non li conosci? Non ti perdi niente! Dammi la mano. Andiamo dalla Nada. Che ha il cuore ammaccato dalla malattia. Sorridiamo appena si entra nella cucina.

 

... CONTINUA

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Claudio Di Scalzo detto Accio: L'Olandese Volante è morto viva L'Olandese Volante. Ruolo di Sara Esserino/Cardellino
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen e i morti traditi. Una profezia. I fatti luttuosi accaduti sull'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Vangelo di Giuda. Il tradimento nell'Orto degli ulivi elettronici
» Claudio Di Scalzo: L'Uomo di Karphatos a cui pisciarono nel latte il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: 12 Santi per Olandese Volante
» Capodanno con la Nada. Lettera alla compagna Corinna di Pisino con storia del Tragico dei Di Scalzo. Elegia per la sua morte
» Claudio Di Scalzo: Olandese impiccato ultima Parola
» Lapide Claudio Di Scalzo
» CDS: Cronodramma paesano con Dino Campana
» Claudio Di Scalzo: Olandese Falco Ferito
» Claudio Di Scalzo: La leggenda di un sarto a marzo
» Accio: La Stella della Nada
» Accio: Le vene della Nada in ospedale
» CDS: Cicala Formica Nada. Feuilleton paesano
» Claudio Di Scalzo: Idina Faro al Campo della Barra a Vecchiano - La rondine. Prima viene Amore non libri da stampare.
» Claudio Di Scalzo: Cielo stellato sul petto. Sulla Mail Art
» I Di Scalzo sepolti sulla Cisa. Feuilleton cristiano-comunista
» Margherita Stein: Ricorda Achab e Stirner. Biglietto con video per Claudio Di Scalzo e L'Olandese Volante. Biografia della Stein
» Claudio Di Scalzo: Transmoderno performativo. Frammento estetico-teorico
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Claudio Di Scalzo: Giornata della Memoria e pornografia poetica
» Claudio Di Scalzo: Avviso ai naviganti nel gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Goya orto degli ulivi
» Claudio Di Scalzo: Corsaro Programma per L'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: MacIntyre per Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: L'Olandese impiccato