Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

BOINE/Di Scalzo

:: Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen in casa Boine
24 Febbraio 2017

 

CDS: "Boine Meta Arte con petali rosso sangue a Pasqua" 

 

 

 

Claudio Di Scalzo

KAROLINE KNABBERCHEN IN CASA BOINE

a Chiara Catapano, a Rina Rètis

 

Pasqua. Confessione. Comunione - Ma s’io dovessi confessare tutta la mia vita sarebbe peccato. O quasi. - In verità pressoché tutto è logico e santo in me. (Giovanni Boine, Frantumi)

A imperia, un tempo Porto Maurizio, avevo con me un solo frammento, trascritto sopra un foglietto da taschino, di Giovanni Boine. Tu facevi lo scemo. Prendendomi in giro. “A Porto Maurizio con Boine frammento come sfizio”. Io sopportavo. La tua irriverenza nasce quando temi che da qualche frammento letterario, o filosofico, io ricavi precise, esatte, misure per la tua biografia; che mi se mi ha fatto innamorare, a volte, la "sento", la "sperimento" su di me con atti da “Ladrone”. Dai quali, poi, cerchi perdono, assoluzione, come da un Gesù facile da convincere.

A Imperia cercavamo le case abitate dello scrittore portorino. Non era turismo culturale. Sia io che te prendiamo in giro chi lo pratica. Svolgevamo un’indagine delle nostre.

Mi avevi avvicinato al poeta che tu avevi studiato con Silvio Guarnieri in Università. Facendomi sfogliare, imprestandomi, per poi “tartassarmi” con richieste di restituzione, di un libro che in realtà m'avevi donato. L’hai fatto anche con gli aforismi di Char. Ma non ho inteso ragioni  e il libro me lo son tenuto perché donato. A te le fotocopie.

I Frantumi mi parvero subito una scoperta incredibile. E ne parlavamo passeggiando sulle Mura di Lucca, “In San Colombano col bacio fortificato a portata di mano dato  e slinguato”. Cito le tue prodezze in rima.  E siccome non ti rassegnavi a non avere più il libro che raccoglieva per la prima volta gli scritti di Boine, pubblicati nel 1983, ti suggerii di tornare dai bancarellisti in Corte del Biancone dietro San Giusto. Abbandonando per un momento le mirabilie sulle mie labbra nel Baluardo di San Colombano.

Al solito spallucce, dinieghi, ma come puoi pensare ci sia un altro volume dopo che ho trovato questo per miracolo mesi fa! I miracoli a volte si ripetono, ti ho detto prendendoti sottobraccio. E per convincerti ho aggiunto, se lo trovassimo ti regalo un bel fumetto cartonato. Come un bambino sei diventato radioso, tanto pensavi di riceverlo lo stesso il dono, un po’ come fai con i gelati. Quando mi spieghi dove i coni "li fanno più grossi” spendendo meno. Geloso quasi delle palline che a me danno più abbondanti. Che tenerezza mi fai Fabio! Con i tuoi sette anni più di me d’età! Arrivati dal bancarellista, sezione poesia italiana, c’era un bel volume di Boine contenente Il Peccato, Plausi e Botte, Frantumi. Integro, addirittura più nuovo del tuo. Ho esultato. Ti ho abbracciato. E il tuo sguardo quasi quasi diceva se non era il caso che la tenessi tu questa edizione. Come un fumetto più integro faceva gola al collezionista che è in te. Che bambino di trent’anni!

Questo il motivo per cui a Imperia avevo il frammento su cui "m’aggroviglio", dite voi a Vecchiano, da tempo. E soltanto andando in una casa di Boine avrei risolto. E risolto non per me, ma per te che io amo, e che a volte metti in pericolo il nostro legame. Con modi “ladroneschi”.

 

Prima casa di Giovanni Boine

 Foto Chiara Catapano, 29 aprile 2014

 

Ad Imperia, sorvolo sulle tue lamentele, per la casa in affitto che avevo trovato troppo distante dal centro, anche se traversavamo gli uliveti tanto cari a Boine, e se incontravamo parti antiche di Porto Maurizio. Ricordo che con la tua fissa di avere minerale da bere ti eri caricato nello zainetto ben tre bottiglie. Che ti riducevano a cammello lamentoso e arrabbiato. Per fortuna, per non farti “riconoscere”, come dite a Vecchiano, tacevi imbronciato mentre il vice-sindaco di Imperia, che ci aveva affittato la casetta, ci portava, devoto dell'autore, a vedere le abitazioni di Boine, dal di fuori, perché i proprietari attuali solo questo consentivano.

Non entrando in alcuna casa ha funzionato la filiazione dal frammento, affinché lo intendessi “alla mia maniera”. Come dite voi a Vecchiano. E che a te non sarebbe mai riuscito farlo. Perché se pure sei cattolico e compi peccati, parecchi!, non sai di essere a volte un po’ santo. Né come lo diventi ai miei occhi, che capisco così la tua natura e la mia che in te si specchia anche nel peccato.

Ho visto Boine in casa. Una finestra guarda il mare. Le suppellettili richiamano il liberty del periodo. Però modeste, copie popolari, in alcuni casi sciatte. E la camera da letto porta i segni nell’odore: dei medicinali dei sudori; nell'asciugamano macchiato di sangue della malattia: della Tisi.

Boine quel mattino si ripromette un’impresa da viaggiatore da camera. Vuole spremere dalla sua solitudine tutto. Intende dare un nome - sui nomi che riducono l’uomo a una cosa anche se poeta che pesano come tombe sul petto prima di morire ne ha fatto l’incipit dei Frantumi frantumandosi - intende dare un nome alle cose che vede, che siano una bottiglia con acqua fresca, un guanciale, un fiore sulla finestra, un limone in cucina: nome da innamorato e da non innamorato. Cambia se uno ama o non lo è. Si dice. Addirittura se ama riamato o se ciò non accade.

Ci riesce. Scrive frammenti sopra un quadernetto. Ma il gioco che s’è imposto non finisce qui. Dai nomi trascritti nel loro commento deve ricavare come con essi accosto... peccò. Verso chi amava o verso chi l’amava o verso chi aveva perduto. Poi aggiunge uno scalino più arduo da scalare. Come era stato amante da sano e da malato. Sempre consegnandosi al peccato. Anche in ciò riesce a scrivere una particolare mappa su se stesso uso a stare in Croce. Da una stanza all’altra da un sanatorio all’altro da un dialogo rifiutato con gli intellettuali sani all’altro.

A questo punto scrive il frammento che ho nel taschino. E’ Pasqua a Porto Maurizio. La sua impresa coi nomi è stata una confessione. A ogni nome  a cui s’è accostato che ha diviso con chi amava, ha peccato. E con una donna la più amata forse ha peccato più che con tutte. Ma ciò l’ha reso anche, in un certo qual modo, Santo. Perché la santità  e ci fa anche rima, dite a Vecchiano, sta accosto a certe mostruosità che si tengono addosso, a una parte di Male in noi. Inutile ti ricordi Schelling o Kiekegaard. Come io l’ho intesi.

Però a Boine questo approdo non basta. E immagina di dare nome alle cose da vivo e poi da morto. E qui non regge all’impresa. Non può farcela. Si piega su se stesso, tossisce. Si commuove. E questa sono io. Sono io, Karoline Knabberchen, che tossisco e piango. L’uomo che amo è santo e ladrone quando pecca. Ma a morire sarò io devastata.   

Questo racconto è il frutto del nostro viaggio. A Imperia. Ora stai in silenzio. Mi abbracci. E sei sconvolto per la scoperta compiuta in questa indagine primaverile.  

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» CDS: Boine spasmo agitato e calmo. Poesia mistica e materialista da banco. 17 maggio 2020 103esemo anniversario della morte di Giovanni Boine
» Claudio Di Scalzo: La Tana nell'iceberg di Giovanni Boine. Profezia e Peccato.
» Sara Cardellino: Investi qui le tue risorse. Richiamo a Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Bastione Isola dei Morti ovvero la Morte e Giovanni Boine 16
» Claudio Di Scalzo: L'ultimo giorno di vita di Giovanni Boine. Buonanotte babbo...
» Giovanni Boine Muore. Testamento. Reincarnazione-frammento. Karoline Knabberchen
» Il Boine di "Plausi e Botte" nel fortino e i venditori d'auto
» Karoline Knabberchen: La resurrezione di Giovanni Boine - I
» Boine muore in due luoghi 15
» Boine corpo solo - 14
» Morte Fanciullo Boine 13
» Claudio Di Scalzo: Frammenti di critica su Giovanni Boine in progress
» Buxtehude Boine Cristo 11
» Claudio Di Scalzo: La sedia nell'armadio. Giovanni Boine muore, 9
» Giovanni Boine Muore 10
» Boine: I cespugli è bizzarro 8
» Giovanni Boine: Prosa a Maria. VII - a cura di Claudio Di Scalzo
» Giovanni Boine: A tagliare gli ormeggi 6
» Giovanni Boine muore 5
» Giovanni Boine muore - 4 maggio 1917
» Giovanni Boine Muore - "Tre o quattro telefonate" - 3 V 1917
» Govanni Boine Muore - 2 Maggio
» Claudio Di Scalzo: Sangue stoino cipresso trasmette. Giovanni Boine muore - I
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine cerca la sua tomba
» Claudio Di Scalzo: Ottetto del Bambino sulla sedia con Boine
» Giovanni Boine: Bisbiglio e vespero". A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il sogno di Boine preso per il naso
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine dalla Nada Pardini
» Claudio Di Scalzo e Fabio Nardi e Sara Esserino a Imperia-Porto Maurizio città di Giovanni Boine
» CDS: la cucina di Giovanni Boine. Post-Libro sul cibo
» Claudio Di Scalzo: Boine muore a maggio
» Claudio Di Scalzo: Boine sotto sale
» Claudio Di Scalzo: Boine Muore io con lui
» Claudio Di Scalzo: i Salmi di Giovanni Boine.
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine e l'estetica della commemorazione
» Custode di Giovanni Boine - Boine sulla panchina
» Giovanni Boine: Frantumi Nada
» Dino Campana: "Arabesco - Olimpia. A Boine"- Disegno Indagine CDS
» Claudio Di Scalzo: Ritratto di Giovanni Boine 4
» Claudio Di Scalzo: Ritratto di Giovanni Boine 3
» Claudio Di Scalzo: Sui ritratti di Giovanni Boine 1
» Claudio Di Scalzo: Wittgenstein e Boine
» Claudio Di Scalzo: Ritratto di Giovanni Boine 2
» CDS: Ritratto elusivo di tisico. A Giovanni Boine 1
» Claudio Di Scalzo: Boine Linea belga. L'unica a cui io e lui si tenga.
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: Gli occhi di Boine. Con Ghiandaia