Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

GIOVANNI BOINE 1887-1917

:: Boine: I cespugli è bizzarro 8
08 Maggio 2017

 

CDS: "Terra del giardino di Boine morente - I"

(terra, e fiori di maggio strofinati su carta- cm 23 x 35)

 

 

 Giovanni Boine muore il 16 maggio 1917 a Porto Maurizio. In questo maggio è il centenario della sua morte.

Il quartetto di dipinti-tavole "TERRA DEL GIARDINO DI BOINE MORENTE" è nato esattamente come viene raccontato in "Cespugli in bocca parole cieche in gola" che accompagnano, in calce, "I cespugli è bizzarro". Di questa prosa poetica abbiamo due versioni, una in Frantumi, una più ampia poi pubblicata da Mario Novaro". Qui è presentata la prima versione.

Dipinti e disegni da me dedicati a Giovanni Boine li esporro, il 16 maggio data della sua morte, centenario, nella camera dove vivo in questo maggio. Appicicandoli alla perete, sull'armadio, sul letto come lenzuola, per terra come mattonelle, dietro le spalle come testiera del letto. Dormirò e mi svegliero nel 16 maggio con l'autore che considero fratello nel dolore nell'arte. 

Nessuno mai saprà di questa "COMUNIONE", oltre chi raro capita sull'Olandese Volante. Ma questo è il modo, mio, di stare accosto al Maestro. Ciò mi dà gioia immensa, come aver indovinato la preghiera giusta per rivolgersi all'eterno della Poesia.

Non ha trasmesso invano Giovanni Boine, attraverso il cipresso accanto alla sua tomba, luce e parole in esse, il 30 marzo, a Imperia, nella primavera del 2014. E che intercettai. Rimanendone fedele. Per come scriverne ed evocarne l'opera.

 

 

Giovanni Boine

I CESPUGLI È BIZZARRO

– I cespugli è bizzarro come crescono di nero a l’ora bigia degli ottobri! Il mare tetro fiotta nel crepuscolo come una fantasima… Allora nel cavo degli scogli gorgoglia a riva un pauroso ventriloquio di silenzio.

– Va con piedi di feltro e voci di secreto la frotta dei tornanti: tutta d’ombra. Escono dai cavi, quatte l’ombre: i sogni delle cose, piano, fumano e pigliano statura. Allora finalmente stano l’anima di dentro, e “guardare” è tollerabile.

– Apro gli occhi di macerazione a questo mattino-di-sera, a questo mattino notturno, che finalmente il mondo disgela e tutto si popola d’anima: è muto e cieco, ma d’indecifrabili mitologie.

– Strisciano dal gorgo del lucido buiore ecco i pesantidraghi, goccianti come coccodrilli, dove il ponte è capovolto.

– Torme pronte di mistero subito al limite dei boschi fanno ressa, fan marezzo come i mostri dietro i vetri dei marini acquari.

– Dico fiat: l’aria viscida si manipola di febbre, ma con che? è con fughe, con spaurite d’ali. Verso dove? È con echi di spettrali lontananze.

– Si sformano le forme dell’opacità, i lieviti s’esaltano degl’impossibili; e per esempio! quel dorso idillico della consuetudine oh oh come getta i getti enormi dell’apocalittica verzura! salgono a prova per zampilli sovrapposti, salgono, s’incurvano con zitti scrosci. Eruttamenti sono di vulcanico fogliame nero, eufrati di radure come lave verdi che dilagano.

 

 

CDS: "Terra del giardino di Boine morente - II"

(terra, e fiori di maggio strofinati su carta- cm 23 x 35)

 

– Ed ora, dentro dentro, ora dentro, il denso è impenetrabile! Nessuno mai saprà (nessuno!) che mostro vi si celi né in che antro. Il fiato di caverna, respiro muto, esala; farà d’intorno un abbandono secolare. Il volo cauto degli uccelli passerà lontano ratto, come dall’albero tropicale dei veleni: – lo starnazzo triangolare degli spettrali gru, le frecce nere-stridule delle fughe dei rondoni, come il sonnifero ronzio delle mille api quando a cerca fanno l’estate elementare. Che deserto, e che deserto! Non si vedrà un vivente, né un insetto per trecento miglia di disperazione! la terra intorno vi sarà gelida e sassosa. Ma ritta la babele verzicante con le danze delle liane medusine, le cascate delle cupe edere e i pitoni attorcigliati degli immani tronchi per le altezze, lo sperduto leone con fulva posa di pavido stupore, con occhi di sgomento, un attimo voltandosi fino ai cieli la vedrà, fino ai cieli dell’immobile diamante, mareggiare buia, senza scroscio senza vento, senza fruscio nell’estatica aspettanza, sotterraneo celando il freddo di un incomprensibile segreto.

– Tutto il mondo si disgela in addobbo primigenio: piano, lente si disgroppan le potenze dell’oscurità. Allora l’anima svolazza pel suo caos con volo ambiguo di stregoneria, come il ribrezzo flaccido dei vipistrelli. Libidinosamente, allora l’anima diguazza i nenufari dei pantani favolosi, ittiosauro senza morte di prima d’ogni tempo. – Fuori d’ogni tempo “guardare” è tollerabile un più fedele specchio di questa oltreumana cecità.

– Però, però, lenti, non basta per le sere andare? Subito le chiuse della valle son sprofondi gonfi di tenebrore. Come si sfa nei biechi fiumi l’insostenibile solennità!

– A l’ora fonda delle confessioni questi passanti radi sono larve. Dove dove sono le baldanze delle luci? La valle di delizie, come furtiva geme nell’opacità! Come come sottovoce geme a l’ora fonda della verità!

 

CDS: "Terra del giardino di Boine morente - III"

(terra, e fiori di maggio strofinati su carta- cm 23 x 35)

 

 

– Quanto alla via e dov’è la via? è un biancore appena, oramai non porta a nulla. Di qua o di là? Ormai la meta è il nulla.

– Sono i paesi di fosforescenza, non hanno solidità. Ma dentro all’acqua quel fanale verde che si spande, giù dilaga fino a me, fa una scia di sogno per le fluidità.- E questa mi sia la via nell’ora fonda della verità.

 

 

CDS: "Terra del giardino di Boine morente - IV"

(terra, e fiori di maggio strofinati su carta- cm 23 x 35)

 

 

 

CDS

CESPUGLI IN BOCCA PAROLE CIECHE IN GOLA

L’otto maggio 1917 traballa in mezzo alla stanza nella notte. Non sta in piedi. S’accuccia s’inginocchia si rattrappisce sul pavimento. I dolori lo devastano come ramo secco-sfrondato. A fatica raggiunge la finestra. Si alza. Pertica piegata sul vetro. Guarda fuori. I cespugli del giardino i fiori di cui non ricorda il nome. Le parole gli sfuggono come semola in imbuto-gorgo.

Decide di uscire fuori. Sembra una bestia ferita che si trascina. Ripensa un luogo di Porto Maurizio dove c’è una pergola di glicine. Ne sente il profumo stordente eppure dal mare gli viene odore di lezzo  e di carcasse di pesce marcio. Si china sul terriccio. Lo prende tra le mani. Lo sbriciola. Potessi passarlo sui manoscritti-linfa a vuoto che ho in casa! Fino  a cancellare ogni grafia! Un tempo scrissi  sui cespugli sulla bizzarria che portano a chi li guarda. Boine non ricorda a chi spedì il manoscritto.

Se sulle carte passassi strizzandoli nei colori negli umori nei gambi nei petali questi fiori senza nome per me allora terriccio vivo e fiori morti sarebbero il perfetto esito di una oltreumana cecita, la mia cecità di adesso, di ieri, la mia perdita di tutto. Poi ha uno svenimento. Si riprende. Sulle labbra umide-incise di saliva di sangue, precipitate sopra un mucchio di terriccio smosso, s’incollano brandelli di radici strappate.

Buttandosi sul letto vestito e impolverato Boine s’addormenterà-scosse col volto cespuglioso. Imbrattato.

 

"È deciso si muore,

borbotta Boine,

col vestito migliore" 

CDS

China e acrilico su carta

maggio 2017

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» CDS: Boine spasmo agitato e calmo. Poesia mistica e materialista da banco. 17 maggio 2020 103esemo anniversario della morte di Giovanni Boine
» Claudio Di Scalzo: La Tana nell'iceberg di Giovanni Boine. Profezia e Peccato.
» Sara Cardellino: Investi qui le tue risorse. Richiamo a Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Fabio Nardi scrive a Karoline sul Buon Ladrone, su se stesso, su Boine - KK risponde - Fabio Nardi il 23 giugno col salmo 102 ricorda a KK che "tutto può essere perdonato"; rammenta la maestra che volle umiliarlo e come sia più sereno a non scrivere né fotografare più - La Resurrezione di Giovanni Boine, II, di Karoline Knabberchen, 1983
» Bastione Isola dei Morti ovvero la Morte e Giovanni Boine 16
» Claudio Di Scalzo: L'ultimo giorno di vita di Giovanni Boine. Buonanotte babbo...
» Giovanni Boine Muore. Testamento. Reincarnazione-frammento. Karoline Knabberchen
» Il Boine di "Plausi e Botte" nel fortino e i venditori d'auto
» Karoline Knabberchen: La resurrezione di Giovanni Boine - I
» Boine muore in due luoghi 15
» Boine corpo solo - 14
» Claudio Di Scalzo: Frammenti di critica su Giovanni Boine in progress
» Buxtehude Boine Cristo 11
» Claudio Di Scalzo: La sedia nell'armadio. Giovanni Boine muore, 9
» Giovanni Boine Muore 10
» Giovanni Boine: Prosa a Maria. VII - a cura di Claudio Di Scalzo
» Giovanni Boine: A tagliare gli ormeggi 6
» Giovanni Boine muore 5
» Giovanni Boine muore - 4 maggio 1917
» Giovanni Boine Muore - "Tre o quattro telefonate" - 3 V 1917
» Claudio Di Scalzo: Sangue stoino cipresso trasmette. Giovanni Boine muore - I
» Claudio Di Scalzo: Vivaldi Padova Nardi Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine cerca la sua tomba