Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

GIOVANNI BOINE 1887-1917

:: Quando una metà cerca quanto la rende intera. Nel bosco di Eichendorff. INN EN di Karoline Knabberchen.
14 Dicembre 2017


CDS: "I campi del prete e la chiesa di Sant'Alessandro a Vecchiano" - 1970 - olio su tela 50 x 40






Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo

QUANDO UNA METÀ CERCA QUANTO LA RENDE INTERA 

(a Sara Cardellino per l'anno che verrà)

 

“Sei ancora in questo campo di grano, Claudio. Lì ti vedo, bambino. Già sai che una metà non può che cercare quanto la rende intera. I tuoi giochi di allora, come tutti quelli nelle arti seguiti, son stati in funzione di questa ricerca. Ecco perché il quadro è quello più importante che tu abbia dipinto. Quello dove adesso entro per andare a prenderti. Stare con te!”

In questo momento, come regalo di Natale e per l’anno nuovo, un corriere sta andando, da Pisa-Ospedaletto, alla volta di Venezia, parcheggia il veicolo, sale sul traghetto col dipinto incartato, e presto raggiungerà una graziosa casa dove suonando il campanello lascerà tra le mani, anche stupite, di una donna dagli occhi scurissimi: “I campi del prete con la Chiesa di Sant’Alessandro a Vecchiano”.

Quando entrerò nella sala, in questo fine dicembre, vedrò sulla parete, appena sopra al pianoforte e alla custodia del flauto traverso, “il quadro più importante che abbia dipinto”.

Sara Cardellino ha scoperto “i campi del prete”, che tenevo nella casa alpina, perché l’ho portato nella casa di Vecchiano, in occasione del nostro incontro a Lucca, alla Fiera del Fumetto. E mi ha rivelato che sono ancora tra questo grano tra i papaveri rossi accanto al ruscello dispettoso adatto alle barchette di carta. Con me che cercavo quanto non ho mai trovato.



 


Sara Cardellino modella Fauve Oriental
CDS - 14 dicembre 2017 - Acquarello e china su carta
cm 27 x 36



 

Dipinsi “I campi del prete con la chiesa di sant’Alessandro a Vecchiano” quando avevo diciotto anni. Nel 1970. Di ritorno, quell’estate, dall’albergo di mio zio Lenino, “La Belle Elisabeth” in Montparnasse. Con ancora negli occhi la scoperta dei pittori Fauves fatta al Musée National d'Art Moderne, soprattutto Maurice Vlaminck André Derain e Georges Braque.

Dipinsi i campi dove avevo vissuto splendide avventure, spesso da solo, perché avevo un soprannome che allontanava gli altri bambini: Accio. Usai nel preparare la tela sabbia del Serchio e fili da cucito della sartoria della Nada, e siccome a un certo punto avevo finito l’olio di lino, talmente preso dal puntinismo colorato, non andai ad acquistarne di nuovo a Pisa, ma usai il petrolio bianco del lume di mia nonna Messinella che stava lì da quando era arrivata l’elettricità. Motivo per cui ci sono screpolature. E annerimenti.

E visto che c’ero dipinsi anche “Il Campo alla Barra”, “Il Monte Castello col Santuario” , “Notturno con cagnolino verde” e un’altra decina di quadri. Anni dopo, il gallerista Roberto Peccolo, venutomi a trovare a Vecchiano, mi disse che queste tele erano perfettamente post-moderne, cioè citazione di stili storici delle avanguardie pittoriche, ma con un intento nuovo, più decorativo, meno ideologico.

Se torno, e presto accadrà, ancora a Vecchiano, ne avremo di tempo per raccontarci, io pisano lui livornese, la nostra comunione in tanti viaggi e mostre visitate per mezza Europa.

“I quadri vanno visti da vicino, tanti, e ripensacci da lontano, e ritornacci vicino per capire quanto non avevamo capito, hai inteso Accio?”. Avevo inteso alla perfezione. Ho seguito il suo consiglio in tanti anni. Ma per capire cosa c’era nel mio “Campi del prete e la chiesa di Sant'Alessandro a Vecchiano”… ho avuto bisogno di Sara Cardellino.



 

 


 





 

Sara Cardellino – Claudio Di Scalzo

NEL BOSCO DI EICHENDORFF E DI SCHUMANN CON KAROLINE KNABBERCHEN

 

Con il ciclo liederistico Liederkreis op. 39, per voce e pianoforte, Schumann accostandosi col pianoforte a poesie di Eichendorff , consegna alla voce, oltre Schubert, il compito romantico non solo di presentare belle canzoni una di seguito all’altra, bensì di rivelare, usando il simbolo, che viene a Schumann dal più dolce dei poeti romantici in apparenza il più semplice, quanto questa successione sia sentimentale e morale insieme, questa condizione di AMORE, non sia più modificabile. Esiste. Può avere intralci, tragedie, avanti e indietro, ma poi ESISTE, nella Natura, nel Tempo, in quanto il tempo stesso propone verso l’Eterno. L’Amore nei Lieder di Schumann è per sempre! Il suo per Clara Wiek, quello di Fabio Nardi per Karoline Knabberchen, il nostro - io Sara donna che visse due volte nel cuore di Claudio - mio perdigiorno dietro segni che ti avvicinano un tempo monello col soprannome di Accio a quello di Eichendorff (lo scrittore e poeta scrisse “Vita di un perdigiorno”). Considerando che pure tu nel tuo candore crudele ami i versi sentimentali, semplici, da melodramma e da canto nella natura libero, anarchico.

In questo ciclo nessun evento particolare vi è narrato (come nel Frauenliebe und leben) e nessun carattere specifico viene delineato nella drammatica progressione sentimentale, come nel Dichterliebe. Vale invece (per questo che ti suggerisco di ascoltarli insieme e accanto meditarli il 14 febbraio) l’atmosfera complessiva, intensamente romantica di scambio con la Natura, ieri con quella splendida in terra di Germania non ancora devastata dalla tecnica evocata da Eichendorff, per noi quella che invece lo è in sommo grado oggi nel reale; e nel virtuale-web che ti appresti a lasciare per vivere con me; questo scambio con la natura di ieri Schumann ce lo affida per il tempo, Claudio!, che vivemmo assieme ieri, nel 2011, per la nostra separazione, e per l’anno che viene nuovo, le pagine musicali per pianoforte e voce sono struggenti, pervase d’inquietudine, dove l’esaltazione poetica rapinosa dura il tempo d’un alito di vento, perché il musicista ci dice che la poesia che vale non è quella da ricavare scrivendo sul nostro vissuto nella natura nei sentimenti, ma, di ancora viverla senza scriverne e il giorno dopo ancora amandoci. Sennò anche l’amore più intenso viene travolto portando dalla Natura alla Letteratura il Vero il Bello, impedendo, spesso, di superare il dolore il tragico che si può manifestare nell’amore. Se vivremo questo canto del cuore e del naturale nell’oggi, noi staremo sempre assieme e ritroveremo Karoline Knabberchen.

Lo struggimento romantico in questi lieder che tanto mi hanno rapita nasce da quanto è avvenuto che va compreso nel suo ciclo anche sacro; da quanto di ineffabile, anche di febbricitante dietro le immagini solari del giorno rivelato, si manifesta nell’oscurità; da quanto anche se porta angoscia e malattia impone di sopportare e di vivere per traversare le notti e il pianto che a volte s’ode in esse.

I Liederkreis op. 39, schumann li compose nel 1840. Li pubblicò due anni dopo a Lipsia. Se nelle pagine per pianoforte Schumann si affida a Hoffmann ed a Jean Paul, ai loro funambolismi anche psicologici, scissioni?, per i lieder sceglie Eichendorff e Chamisso (Frauenliebe und leben op. 42) ed Heine ((Liederkreis op. 24 e Dichterliebeop. 48) . Necessita di levità sentimentale e di ironia romantica.

Giro armonico aperti sensi come una terra che tiene in sé ogni fioritura e quanto la primavera insidia;

Giro armonico diventa cerchio, come il bracciale che ci lega, conchiuso simmetricamente con tonalità dal fa diesis minore dell’inizio al fa diesis maggiore della fine.

Ciclo di dodici Lieder, come i mesi dell’anno che viene in cui ci ameremo, per la seconda volta, esso è diviso in due parti, ma la seconda propone con leggera asimmetria interna, la medesima successione tonale. Il legame di canto e musica e parola che ci tiene riunisce e ci rinsalda accosti. Adatto al nostro vissuto, il momento che ci consegna, il sesto pezzo (“Bella lontananza”), che sta nel mezzo tra i dodici testi, nella tonalità di si maggiore. Bella lontananza, io a Venezia tu a Pisa. Con gli incontri, e domani vissuto sempre più accanto, perché il tempo mobile dei versi della voce dell’amore abbia la sua stabile naturale espressione.

La voce del tenore s’inabissa nei versi riemerge trasformata - voce che vale anche per la nostra Karoline Kanabberchen – e il significato poetico e musicale lo si può intendere unito come le nostre mani intrecciate sui ponticelli veneziani sulla spiaggia di Marina di Vecchiano sulle Mura di Lucca.

Il suono che Schumann ed Eichendorff ci affida sulle nostre biografie riunite non è un’illustrazione episodica estetica, da realizzare e da portare a pubblicazione o recita, no! No! no!, questo suono crea e ricrea in noi la forza dell’amore nei suoi molteplici significati, di gioia di dolore, vissuti e che ancora avremo, che accettiamo come nutrimento di un legame che si manifestò con la mia mano Cardellino nella tua a Venezia nel giugno 2009; il pianoforte ci dice che quell’intreccio era anche un nido, dove il Cardellino può stare per sempre e Accio rispettarlo, lui monello, quanto il canto in esso elevò ed eleverà. Mentre scrivo so che Eichendorff approva questo mio slancio con parole semplici e semplice metafora per rivelare cosa siamo noi due nel mondo!

 

 
 

Casa Eichendorff (1972, 1m x 80, olio su tela) oggi, 2018, Casa Sara Cardellino e Accio



 

N 1 - IN TERRA STRANIERA

Dalla patria, dietro il rosso dei fulmini,

ecco, si avvicinano le nubi,

ma mio padre e mia madre sono morti da tempo,

nessuno là più mi conosce.

 

Quando, ah presto, viene il tempo quieto,

in cui riposo anch'io, e su di me

risuona la bella solitudine del bosco,

e nessuno qui più mi conosce.

 

N. 2 - INTERMEZZO

La tua stupenda immagine

la porto in fondo al cuore,

mi guarda viva e lieta

ora per ora.

 

Il mio cuore sereno canta per sé

un'antica, bella canzone,

che si libra per l'aria

e vola a te.

 

N. 3 - DIALOGO NEL BOSCO

- E' già tardi, fa già freddo,

ché cavalchi solitaria nel bosco?

Il bosco è vasto, tu sei sola,

tu bella sposa! Io ti prendo in moglie! -

 

- Grande è l'inganno e l'astuzia degli uomini,

il mio cuore è spezzato dal dolore,

qua e là erra il corno silvestre,

o fuggi! Tu non sai chi sono. -

 

- Così ricchi gioielli sul cavallo e sulla donna,

così meraviglioso il giovane corpo,

ora ti conosco - Dio mi assista!

Tu sei la strega Lorelei. -

 

- Tu mi conosci bene, dall'alta rupe

guarda quieto il mio castello il fondo del Reno.

E' già tardi, fa già freddo,

non esci più, mai più da questo bosco.

 

N. 4 - LA QUIETE

Nessuno lo sa, nessuno lo indovina,

quanto mi piace, mi piace!

Ah, se lo sapesse uno, uno solo,

nessuno altrimenti lo deve sapere.

 

Non c'è tanta quiete fuori nella neve,

così mute e tranquille

non sono le stelle nel cielo,

come lo sono i miei pensieri.

 

Vorrei essere un uccellino

e volare sul mare,

di là dal mare e ancora oltre,

fino ad arrivare in cielo.

 

Nessuno lo sa, nessuno lo indovina,

quanto mi piace, mi piace!

Ah, se lo sapesse uno, uno solo,

nessuno altrimenti lo deve sapere.

 

N. 5 - NOTTE DI LUNA

Era come se il cielo avesse

baciato in silenzio la terra,

ed essa nello splendore dei fiori

dovesse sognare lui solo.

 

L'aria spirava pei campi,

le spiche ondeggiavano lievi,

stormivano piano i boschi,

così chiara di stelle era la notte.

 

E la mia anima spiegò

ampie le ali,

volò per le lande silenziose

come se volasse verso casa.

 

N. 6 - BEI PAESI STRANIERI

Stormiscono le cime degli alberi, in un brivido,

come se in quest'ora

sulle mura diroccate

gli antichi Dei facessero la ronda.

 

Qui, dietro i mirti

nel segreto splendore del crepuscolo,

che dici, vaga, come in un sogno,

a me, fantastica notte?

 

Scintillano su di me tutte le stelle

con ardente sguardo d'amore,

parla ebbra la lontananza

come di futura, grande felicità.

 

N. 7 - SU UNA ROCCA

Addormentato in agguato

lassù sta il vecchio cavaliere;

Sopra scorrono scrosci di pioggia

e il bosco stormisce attraverso il cancello.

 

Incolta la barba e la chioma,

diventati pietra il petto e il collare,

siede da molti secoli

lassù nell'eremo silenzioso.

 

Fuori tutto è tranquillo e in pace,

tutti sono scesi a valle,

gli uccelli del bosco cantano solitari

negli archi vuoti delle finestre.

 

Un corteo nuziale passa laggiù

sul Reno nella luce del sole,

i musici suonano allegri,

e la bella sposa, lei piange.

 

N. 8 - IN TERRA STRANIERA

Sento mormorare i ruscelli,

qua e là nel bosco.

Nel bosco, nel mormorio,

non so dove sono.

 

Gli usignoli cantano

qui nella solitudine,

come se volessero raccontare

del bel tempo passato.

 

Lo splendore della luna vola,

come se vedessi sotto di me

il castello giù nella valle,

ed è tanto lontano!

 

Come se nel giardino

pieno di rose bianche e rosse

la mia amata dovesse aspettarmi,

ed è morta da tanto tempo.

 

N. 9 - MALINCONIA

Posso qualche volta cantare,

come se fossi felice,

ma lacrime segrete sgorgano

e mi si libera il cuore.

 

Liberano gli usignoli,

quando scherza l'aura di primavera,

il canto della nostalgia

dalla tomba del suo carcere.

 

E tutti i cuori ascoltano,

e tutti si rallegrano,

ma nessuno sente il dolore

nel canto, la pena profonda.

 

N. 10 - CREPUSCOLO

Il crepuscolo vuole spiegare le ali,

tremando si muovono gli alberi,

le nubi passano come sogni grevi -

che significa questa paura?

 

Se hai un capriolo più caro degli altri,

non farlo pascolare da solo,

i cacciatori passano nel bosco e suonano,

voci vagano qua e là.

 

Se hai un amico quaggiù,

non fidarti di lui in quest'ora,

è amico col viso e col labbro,

ma medita guerra in insidiosa pace.

 

Ciò che oggi stanco tramonta,

si leva domani rinato.

Qualcosa si perde nella notte -

sta' in guardia, sveglio e pronto!

 

N. 11 - NEL BOSCO

Passava un corteo nuziale lungo la montagna,

sentivo cantare gli uccelli,

come un lampo, tanti cavalieri, il suono del corno,

era un'allegra caccia!

 

E prima che ci pensassi, tutto era finito,

la notte copre tutto qui intorno,

solo dalle montagne stormisce ancora il bosco

e io sento un fremito in fondo al cuore.

 

N. 12 - NOTTE DI PRIMAVERA

Sopra il giardino, per l'aria,

sentii passare gli uccelli migratori,

vuol dire profumi di primavera,

quaggiù tutto comincia a fiorire.

 

Vorrei esultare, vorrei piangere,

no, non è possibile!

Antichi prodigi splendono ancora

al chiarore della luna.

 

E la luna, le stelle lo dicono,

e nel sogno mormora il boschetto,

e gli usignoli lo cantano:

lei è tua, sì, lei è tua!

 




CDS: L'Inn En di Karoline Knabberchen - Collage su carta poi intelata - 





Karoline Knabberchen

INN EN


(da VOCABOLARIO PER USO INTERNO ENGADINESE - CANZONIERE DI KK - TELLUS ANNUARIO DI GEOFILOSOFIA 2003) 






 

EN. Il fiume Inn solca la valle fino  a presentarsi all'Austria, bussa a Innsbruck, e consegna plancton al Danubio. A Scuol, sulle rive del fiume, portai tanti addii alle rose stupendamente fasciate che mia madre riceveva in dono da mio padre. Papà era cresciuto in questo rustico paese. Baciavo i petali uno a uno prima di consegnarli alla loro inusuale mortalità. Chi ignorava le pietre per la schiuma opaca di un senso qualsiasi, chi sceglieva il sasso per donare, l'ultima volta, alle scaglie del tramonto una possibile consonanza. Estranee le rose, come ogni vita altrui, vivevano ancora in me per coprire la mia fuga dal profumo.

                                       Dov'eri quando i petali nell'Inn componevano sciarade di fatalità?
                                                  Se tu, giovinetto, avessi scrutato il Serchio come dovevi
                                                             non avrei pagato il fio di questa solitudine.
                                                                            Quali erano allora i tuoi pensieri mentre, tra i divertimenti,
                                                                                            ignoravi il passaggio del mio fiore?
                                                                                                        Intuii a Scuol che ancora rinunciavi a trovarmi.
                                                                                                        Ancora seguivi gli idoli della tua età di studente.
                                                                                                        Saresti venuto, certo: ma intanto, sulla riva,
                                                                                                        rimasi impotente a fissare i maggiolini
                                                                                                        fare scempio delle foglie nuove.
 


 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Pittura appare fotografia in coppia scompare. Ricordo del Pazzo della Donna d'Engadina
» CDS: Aforistica ex-tomistica domestica. Con ricordo di Karoline Knabberchen e Giovanni Boine.
» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Karoline Knabberchen-Fabio Nardi. La foto sul comodino a Barcellona. 1979
» Accio e Cardellino a Sankte Moritz Samedan. 35° anniversario della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984. La punta dell'iceberg.
» Accio e Sara Cardellino: Il destino scritto dell'Averla. In difesa di Karoline Knabberchen nel 35° della morte il 20 agosto 2019. La punta dell'iceberg.
» Cardiodramma in lapide. 35° della morte di Karoline Knabberchen. La punta dell'iceberg.
» Claudio Di Scalzo detto Accio: 35 anni dopo il gorgo Lofoten scalino dopo scalino. La punta dell’iceberg. Quando incontrai Karoline Knabberchen (1959-1984)
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: 35° della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto. La punta dell'iceberg.
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Amore in Sestetto - La Misericordia di Gemma Galgani e la mia in amore - Ultima prefazione e prima di una nuova vita di Nardi/Di Scalzo - Il Fanciullo Schubert e la Morte - Passionista Fanciullo con Schumann nel tempo lungo frullo - Lara Di Vicenza: Lettera al Fanciullo Passionista di Gemma Galgani - Nada e Accio: Mare e Ospedale - Cardellino: Giusti per la Nada - Cardellino: Senta Galgani - Notizie dal reparto Cardiologia - CDS: Preghiera per la Madonna della Rosa in Lucca
» Karoline Knabberchen: Esclusività. Claudio Di Scalzo: Il Cosmonauta Accio - La tekné retorica non è poesia bensì musata cadendo dal nido!
» Sara Cardellino e Accio: Viaggio alle Lofoten Austvågøy in cerca di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
» Claudio Di Scalzo: Lalo Cardellino Rondini Knabberchen. Giugno 1983/2018. Con preghiera senza volo dell'uccelletto Kierkegaardiano
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Karoline Knabberchen: Sacro e Amore. Indice Canzoniere di KK. Claudio Di Scalzo
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Tombe. Pianto per Karoline Knabberchen. Con il Requiem Tedesco di Brahms
» Sara Cardellino: Io bella addormentata, Tu con gli occhi chiusi. La tragedia di Lalo di Karoline Knabberchen...
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Nardi-Di Scalzo-Cardellino: A Karoline Knabberchen nel trentatreesimo della morte (Guarda - 10 aprile 1959 - Lofoten 20 agosto 1984)
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Fabio Nardi: La morte per acqua di Karoline Knabberchen con Schubert
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Ultimo Schubert per Karoline Knabberchen - Sara Cardellino: Warum? di Schumann per Karoline.
» Fabio Nardi scrive a Karoline sul Buon Ladrone, su se stesso, su Boine - KK risponde - Fabio Nardi il 23 giugno col salmo 102 ricorda a KK che "tutto può essere perdonato"; rammenta la maestra che volle umiliarlo e come sia più sereno a non scrivere né fotografare più - La Resurrezione di Giovanni Boine, II, di Karoline Knabberchen, 1983
» Karoline Knabberchen: Innocenza tua e mia
» Claudio Di Scalzo: Moschettiere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: La resurrezione di Giovanni Boine - I
» Claudio Di Scalzo: Vivaldi Padova Nardi Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Lucca Giovanni Boine Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Due lettere di Karoline Knabberchen. Ciliegio Poesia Incuba
» Karoline Knabberchen: Sono io... a Fabio Nardi
» Fabio Nardi: 33 anni per tornare da Karoline Knnabberchen
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen in casa Boine
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Di Scalzo/Fabio Nardi: Autoritratto a Carnevale
» Fabio Nardi: Bambino Cardellino Golgota. Con manoscritto Knabberchen
» Fabio Nardi: Il Povero Scrittore. A Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Apologo di fine anno per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen e la Grundtvigs Kirke
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» CDS: Sguardo arboreo 4 - KK Quaderno del Mite Inverno
» CDS: L'Arcangelica K K - Vetrata Quaderno Mite Inverno 1
» CDS: Probante il sangue. Vetrata per Karoline Knabberchen, 2
» CDS: Quaderno del mite inverno. Vetrate di Karoline Knabberchen 3.
» Di Scalzo o Nardi: Karoline Knabberchen nel sogno ottobrino con Grünewald
» Karoline K: Tu non morirai - Quaderno del mite inverno XVII - Nota autore
» Karoline Knabberchen - Quaderno del mite inverno III
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno V
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XIV
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XV
» KK: Requiem della Ranocchia - Libera me, domine VII
» Fabio Nardi: Tre foto a Karoline. Quaderno del mite inverno XIV
» Karoline Knabberchen: Fidanzamento rotto e cilindro ventoso XIII
» Karoline Knabberchen: Le due K. Quaderno del mite inverno XII
» Karoline Knabberchen: Requiem della Ranocchia I
» CDS: Sulla ultima teologia di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XI
» Karoline Knabberchen: Corteggiamento. Quaderno del mite inverno XI
» Karoline Knabberchen - L'amore alla pari - Quaderno del mite inverno X
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno IX
» Karoline Knabberchen: "Sei tutta la mia famiglia" - Quaderno del mite inverno VIII
» CDS: Sulla fronte di Majakovskij. Pensando a Karoline K
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno - VI
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno VII
» Claudio Di Scalzo: Knabberchen per Majakovskij
» Claudio Di Scalzo: Soffice lapide per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno II
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno I
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno - IV
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto a 63 anni come Cavaliere di Rembrandt. (a Karoline K)
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto a Praga come Cavaliere di Rembrandt - (a KK)
» Claudio Di Scalzo: Tre foto per Nada e Lalo, I
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Lettera di Karoline a Fabio Nardi che si fotografa il volto
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Maestro di equitazione e Karoline Knabberchen 8 Marzo
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Trinità Domestica per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Fagiana a Praga. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Doppia catena liberata Knabberchen/Nardi. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dono tanto per capirci. Dono per tutto dirti. Karoline Knabberchen alla Grundtvigs Kirke di Copenaghen
» Claudio Di Scalzo: KK alla Grundtvigs di Copenaghen
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten V
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten III
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten IV
» Fabio Nardi: Petrouchka e Knabberchen il 20 agosto
» Karoline Knabberchen: Lalo al Campo della Barra
» Claudio Di Scalzo: Bosco nel bianco dicembre
» Claudio Di Scalzo: Calvario e Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Mangianastri con musicali astri
» Claudio Di Scalzo: Abbigliamento mistico di KK
» Fabio Nardi: Mattonelle Lofoten - II
» Claudio Di Scalzo: Uomo contempla la luna. Trittico per KK
» Claudio Di Scalzo: Oceano sopra mattonella Lofoten
» Fabio Nardi: Mattonelle Lofoten - I
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Stanotte m'è apparsa Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Pierre Cochereau in Saint-Séverin. Canzoniere di KK
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Manfrina surrealista 1 - 2
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: L’ossessione di Fabio Nardi. Canzoniere di Karoline K.
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» CDS: Lettera a Ugo Sentito e Karoline ascoltando Schumann il 22 febbraio
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 4
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 3
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 2
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 1
» Claudio Di Scalzo: Discorso d'Amor di lungo corso. Antologia per KK
» Fabio Nardi: Focherello 2 novembre
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Grieg - Sinfonia Lofoten 7- A.B.Michelangeli
» Claudio Di Scalzo: La spoglia prendi... - Sinfonia Lofoten 13
» Karoline Knabberchen : Sinfonia Lofoten 9, III - Grieg e Bull
» claudio Di Scalzo: 30° della morte di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen : Edvard Grieg - Sinfonia Lofoten 9, I
» Karoline Knabberchen: Prima poesia
» Claudio Di Scalzo: Karoline malata a Bergen. Sinfonia Lofoten 3
» Claudio Di Scalzo - Karoline Knabberchen: Sinfonia Lofoten 1, 2
» Trakl: An Novalis. Karoline Knabberchen Traduce. Dipinto di CDS
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Karoline K a Marinella di Sarzana
» Karoline Knabberchen: Confession d'un post-moderne du siècle. Afred de Musset e George Sand a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Due colonne a Liegi
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Canagnello - Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Notizie dalla diga. Canzoniere di KK
» Fabio Nardi: Serenata per un satellite sulle Lofoten. Con prefazione di CDS sul mistero di KK
» Fabio Nardi: Campane per organi di tre chiese - 20 VIII 1984
» Claudio Di Scalzo: Compiuta trilogia del profondo - 20 VIII 1984
» Karoline Knabberchen: Il Cigno morto di Radiguet
» Claudio Di Scalzo: 5 frammenti di Saffo per la Ranocchietta morta
» Claudio Di Scalzo: Il Requiem di Verdi per Karoline Knabberchen
» Narrative photo Fabio Nardi in toto
» Karoline Knabberchen ad agosto
» Fabio Nardi: Flautato Granellino con Benedetto Marcello
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Poesia d'amore per San Valentino. Antologia per KK. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen legge Maria Barbara Tosatti
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'oro della poesia cercato con Brick Bradford. Prose a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Claudio Di Scalzo: Géricault verso Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dalla riva il tuo sguardo. Tellina per KK. Con manoscritto di Karoline Knabberchen
» CDS: Il bauletto di Christina Rossetti a maggio (a KK)