Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

KAROLINE KNABBERCHEN

:: Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
16 Giugno 2018


 

Lapide di Paolo detto Il Pazzo
 

SONO GIUNTO CON VOLO SOLITARIO A UN BATTITO D’ALI DAL NIDO DEL TUTTO.

E DA TUTTO CON BATTITO D’ALI SOLITARIO SENZA ABITARE NIDO SONO VOLATO VIA.

VERSO LA MIA MORTE VERSO ALTRA VITA. E VITE.





Neera e Paolo detto Il Pazzo





Claudio Di Scalzo

IL PAZZO MORENTE SCRIVE A NEERA

Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok

ORNITOLOGIA DA BANCO IN BARBERIA PORTO FRANCO

 

Hai presente il sangue al naso? che mi sgocciolava un anno fa, dopo che partisti senza dirmi né beh né bao stattene nell’ahio! senza spiegarmi, Neera, da vicino o al telefono l’atto tuo discretamente psicotico verso la “nostra barberia”! …. ricordi il sangue al naso che doveva essere il solito a goccia calcolino… non è affatto così… è un tumorino che in testa da tempo mi sboccia!!… e ho un mese si e no! di vita tra dolori fortissimi e medicinali in vena per un minimo attenuarli e insieme rimbecillirmi tra tende nere, come il tuo nome, della camera dove l’umidità saccheggia i libri che mai lessi neppure da sano,… e allora con le forze residue ti scrivo una lettera su carta con inchiostro nerissimo e con l’Aurora 88 col bocciolo d’oro della Prima Comunione. Quando, allora, nessun Dio m’assolse dai peccati fatti e nemmeno da quelli futuri visto come ho vissuto e come l’amore s'è spettinato in me. La Prima Comunione del piccolo apprendista barbiere. Del piccolo cattivo grande monello con la fionda che non ha mai ucciso né uccelletti né persone che amava come tu, dandoti il ruolo d’uccellina di donna innamorata di mia vittima, t’intesti per giustificarti, poeticamente ai tuoi occhi. Sei tu la fronboliera scheggiante mio naso e cuore e poesia da barbiere mai scritta. Altroché.

Scrivendoti questa lettera, io che non ho internet né alcun tipo di i.Phone (un amico mi fa vedere alcune "pagine" sul suo, e così ho scoperto le tue imprese di poetessa in eletta schiera di ben pettinati aspiranti alla fama internazionale! ed è stata aspra medicina!) o di pc portatile o fisso, capirai che ho letto il tuo libro volatile, dal titolo “Vicende alate”, con sottotitolo “Ornitologia da nido ontologico”, appena stampato presso minuscolo editore, non più grande d'un capello di calvo; intenderai, Neera, che ti ho letto anche sorprendendomi per l’attenzione che dedichi al barbiere pennuto, e siccome sto tìrando le còia prendo delle contromisure sul nostro possibile reincontro. Da te vaticinato nel racconto filosoficamente alato. Non mi garba affatto il seme di miglio che spargi coltissimo, tanto che ne ho capito soltanto il senso all’incirca. Ma bastante. A consigliarmi di starne alla larga. 

Partiamo dalle fondamenta dell’acconciatura sulle nostre teste.

Quando mi trovasti, raggiungendomi nella barberia del paese di Nodica, ad un km da quello di Vecchiano, sulla scorta di studi che tu, giovane poetessa, compivi su certi fantasmi d'autori ribelli, cercavi un vecchianese matto, come me, “Bambinaccio”, si chiamava, si chiama!, mio fratello d’elezione. Che si era suicidato nel 2004, a Marina di Vecchiano, affogandosi, anche se han scritto per pietà verso la sua famiglia ch’era annegato: figurati lui marinaio scaltro con barca e nuotatore provetto se poteva annegare per un po’ di libeccio sull’onde: volle raggiungere il suo grande amore, la sua donna, suicidatasi, venti anni prima - dalla quale parimenti eri coinvolta per la sua misteriosa esistenza in poesia e sentimentale e manciata di frammenti letti - in un posto lontano del Nord Europa. Ci sono amanti e amori che “non scadono come il latte”, mi disse il compagno Lalo padre di Bambinaccio. Com’è accaduto al nostro, Neera, e che tu, col tuo racconto o poemetto ci aggiungi una confezione, una scatola di ricami, una bara?, dorata per incartarlo, ma incarti, vuoi rendere poetico, quanto è diventato rancido, veleno, al massimo yogurt!, ti piace lo yogurt?

Mi trovasti e ti diedi qualche notizia sull’artista Bambinaccio che non gliene fregava niente della carriera letteraria (e probabilmente ricordi come gli editori a lui interessati fossero stati Feltrinelli Sellerio Einaudi. Editori che i tuoi amici e amiche venderebbero la propria madre, affamati di fama come sono, per pubblicarci!), salvo qualche apparizione sul webbe allora ai primi elettronici movimenti... per ricordare il suo amore perduto.

Tu, Neera, mi dicesti, conoscendo il pistolero sopravvissuto, me, sorta di Wild Bill Hickok selvatio dai lunghi capelli, che fuggivi le consorterie letterarie, ne ho schifo, di sapienti che tosano le pecore poetiche per ricavarci i propri cuscini su cui adagiarsi sultani, mi dicesti così!, e materassi sui quali "farsi le poetesse incaute" in cerca di sapienza poetica da imparare.

Mi descrivesti un inferno che non conoscevo. Non son poeta né scrittore, ma barbiere di talento e narratore orale. Ma che Bambinaccio a volte mi aveva evocato coi suoi meandri ridicoli e malvagi con varie perversioni intellettuali di contorno. Che lui disprezzava e prendeva in giro: ne fuggiva e così la sua poetessa d’Engadina.

T'innamorasti, certificando in poemi - rivelatisi finzione poetica esercizio letterario bugia sopraffina - che ho buttato, dopo il 10 febbraio 2017, ai cinghiali in pineta perché ci facciano tana per i piccoli, il tuo grande amore per il barbiere Paolo detto Il Pazzo. Giungeva la Natura, mi dicevi, nella tua vita, il cacciatore di frodo, il giocatore d’azzardo, il cattivo rissoso che conosceva vizi banditeschi, che ti chiavava dannatamente per ore, in qualsiasi posto che fossero le dune di Marina di Vecchiano o le piazzole d’autostrada o gli antri dei palazzi lucchesi o sulle poltrone scassate d'un cascinale. Che non aveva, tue parole, necessità di citazione colta per dare l’abbrivio al cazzo sconsideratamente colto e a volte moscio.

Sembri uscito da un romanzo di Mark Twain e Jack London. Mi sussurravi baciandomi. Sei il mio Cyrano Di Bergerac e la tua spada son le forbici da barbiere la tua poesia l'epica narrata in barberia. Tamburava il cuore imbrillantinato come non l'avevo mai avuto in vita mia! Mi prendevi monello e da grande con tutta la mia vicenda. Sanavi gli anni di esclusione che avevo vissuto, con Bambinaccio. Riconoscevi malvagi chi mi aveva spezzato le fionde e rotto gli aquiloni da bambino. Mettendomi soprannome di Paolo il Pazzo!

Godevi e ridevi col barbiere detto Il Pazzo. Spensierata. Ti raccontavo storie misto vernacolo. Ascoltavo le tue sopra un'infanzia e adolescenza "segnata" anche nello sgomento nel dolore come la mia. Come quella di Bambinaccio. E scrivevi gioiosamente, e io intendevo la tua poesia, perché c’ero con te dentro. Sarà questa scrittura soltanto per noi due, mi dicevi, come lo è il pesce che peschi, la folaga che cacci di frodo, le ciocche di capelli che mi tagli, cortissimi, per avere la mia testolina sul petto, mischiata ai tuoi capelli lunghi da eroe greco. Scriverò come faceva Bambinaccio, che li rese personaggi da tragedia e commedia popolare, sopra mio padre marinaio in Adriatico mia madre casalinga con parenti emigrati in America. Mi sussurravi incantandomi. A niente servono le mitologie artefatte copiate dalle antiche civiltà compresa la Grecia!, affermavi decisa. Poi a quest'ultime sei tornata. E i tuoi genitori e parenti son rimasti senza poesia. 
 

E sono arrivati versi dalla città sulle nuvole

da un bimbo che s’addormentava

come me tra litigi adulti:

Scavi baratro di luce

così – preciso

con l’urlo di pupilla

nel mio cielo infantile

(Neera per Paolo detto Il Pazzo)

 

Ero felice. Tanto! Capivo anche perché la poetessa svizzera aveva così tanto amato il suo Bambinaccio. Perché lui dopo averla perduta suicida voleva morire perché non è sostituibile un amore simile. Dove sei amato per la tua naturalità e spontaneità e non per le parole che al massimo sono il profumo di una bella pettinatura di un bacio lungo come dalla riva all’orizzonte. Intendevo con te la Poesia come non pensavo mai d’intenderla.

Avrei dato la vita per te. Tutto quanto possedevo era tuo. Neera. Tu mi dicevi che eri la regina di ogni acconciatura dell’essere. E anche se capivo a metà, seppi che lo spirito l’anima il nocciolo profondo mio, tanto matto e cattivo un tempo, era stato da te reso bello, dolce, un gocciolino poetico. Avrei dato la vita per te se me l’avessi chiesto. E guarda invece cosa mi hai fatto! 

Son morto, già allora, quando lessi il tuo trafiletto nel telegramma che il postino mi diede l’anno passato. Il 10 febbraio. Trafiletto telegrafico. Mi dicevi addio. Avevo strozzato le tue idee poetiche. Assassino dunque!, e volevi dialogare, da confermata redattrice, pensavo di sapere tante cose ma conoscendoli mi sono vergognata della mia ignoranza, con poeti e intellettuali scambiando con essi scrittura idee cultura. Puoi farlo anche tu, aggiungevi, con me stare nel noi. “Noi”?, mi chiesi, uno come me in questa corte coltissima come poteva starci? Far da scudiero a cervelloni boriosi che manco sapevano farsi un nodo, difendersi a mani nude, vivere al buio in boscaglia, puntare tutto sul bluff col solo tris d’assi! e che volevano fottere con la scusa della cultura? Il Pazzo anarchico stare a servizio dei poeti di mestiere, che ognidì si sbrodolano addosso la loro poesia da commentare senza accennare alla vita reale?, brodaglia da me intuita, per quanto ignorante con diploma professionale, come scopiazzata qua e là e che invece entusiasmava la laureata in filologia bizantina!, perché avrei dovuto sentirmi ignorante e vergognarmi dopo la fraterna vicenda, comunitaria e comunista, con Bambinaccio e la tenera poetessa di Guarda? Impossibile!
Non avevo niente da imparare, ma proprio niente!, da questi Pavoni con ruota in cerca di adorazioni e stridula teoria.
Vacci te da questi vanesi a far la pavona di complemento!
Piuttosto che vivere quanto tu Neera sceglievi, mi sarei buttato come folaga, è poco sublime la folaga?, ingannata dal richiamo dello schioppo in picchiata dal Monte Legnaio nella cava dabbasso!
E non per una delle tue alate morti letterarie, per ricevere plauso da amici e amiche in poesia, ma reale morte! Perché la realtà non la si può camuffare in quanto conta di vita e malattia! Chi muore per amore malattia religione non va in una libreria nominata tempio, come hai fatto tu, il mese dopo, a vantare i suoi versi cresciuti in umile barberia! col pazzo barbiere "usato e ripudiato": e ciò sappilo in rima paesana.
Avevi scelto, Neera, gli eredi di chi mi spezzava le fionde sull'Argine del Serchio e smembrava di nascosto i miei aquiloni.
Ne ho sofferro come bestia caduta in trappola e uncinata a sangue!

Io "dialogavo" in barberia con ogni genere di persone, gente reale, gente alle prese con il lavoro, spesso ingrato, con le malattie, i figli da crescere, le morti da accettare, con le gioie genuine e gli scherzi che rendono complici. E Bambinaccio stava lì con me. Ad allargare le narrazioni. E poi le proseguiva nel suo paese. M'ero illuso tu stimassi questa maniera di vivere la poesia che c'è nel reale di tutti e che ognuno affronta col suo linguaggio. Vite non illustri! (Bambinaccio alle Vite non Rinomate e Ribelli aveva dedicato prima di suicidarsi un'antologia). Invece volevi "dialogare" con coltissimi poeti nominatisi unici per teoria e versificazione. Frequentare gente nominatasi illustre in poesia ed arte! Espungendo il reale e la vita comunitaria non meritoria della tua e vostra poesia per trasferirvi in confuse mitologie sincretiste alla portata di pochi addetti. Da commentare entusiasti ognidì sul webbe. Che schifezza mi proponevi! Ho sgocciolato sangue come se mi avessero fratturato il setto nasale. E i conati di vomito mi strattonavano più della tramontana sul lago di Puccini. Confusamente capivo il raggiro ed equivoco in cui ero caduto.  


Proprio non avevi inteso niente di me, Neera, del taglio e piega del mio petto ferite comprese! Ti aveva convinto a questo desiderato impiego poetico...  una “lettera molto calorosa” del direttore della rivista del quale non ricordo il nome; e poi la “musata” picchiata nei versi d’un altro eccelso cosmopolita poeta da cui potevi imparare tanto. Poesia che ti donavano come verbo e sasso che cala nell’acqua i cui cerchi ti raggiungevano ninfa, immagino, visto il contesto neo-greco della sublime combriccola. (clikka: "Il cerchio nell'acqua e la macchia rossa")

Posso dirti che, a me, neppure se m'avessero offerto la direzione della Rossano Ferretti Hair Spa con più di 20 saloni attivi in giro per il mondo compresa l'Italia, avrei lasciato l'umile "nostra Barberia" che prendeva estro creativo dalla nostra complicità in ogni capriola inventiva d'amanti. Come potevo, Neera, giustificare il tuo voltafaccia e ripudio? 

Ti ricordo che quando alla poetessa d'Engadina offrirono una carriera letteraria ufficiale in rivista universitaria a Pisa lei scelse di stare direttrice e redattrice col suo Bambinaccio a stampare un ciclostilato! E disse ai letterati superbi: perché non scrivete ed entrate voi nella Redazione de "Il Foglio di Lalo"?! Potevi far lo stesso per il foglio "La Barberia volante di Neera e del Pazzo"! Ma l'hai evitata questa scelta, mostrando la reale caratura del tuo amore e bene e rispetto verso il "poeta pazzo senza libro". Come mi definivi enfatica. Nella recita che ti eri scritta negli anni assieme. Recita!


La poesia è di tutti e può essere scritta da tutti e soltanto così darà i suoi frutti. Così come vale il canto di tutti gli uccelli del creato!

Io Bambinaccio e la poetessa di Guarda a ciò siamo stati fedeli e ancora lo siamo.

Provo tristezza per te, Neera, che ciò non l'hai capito o sapendolo... ciò hai ripudiato senza neppure - lo ripeto come un'agonia perché questo m'ha offeso e umiliato ripercorrendo destino d'un Boine d'un Campana d'un Majakovskij per il barbiere sconosciuto di Nodica! e mi ha portato la CROCE e se leggi Kierkegaard intendilo nel suo fondamento! - avere il coraggio di guardarmi negli occhi o d'udire la mia voce in un cellulare,... e tutto ciò per cercare carriera letteraria con chi vuole apparire dal canto unico e celebrato.
Finirai finirete anzi già lo siete rochi afoni boccheggianti ed evitati come foste, polli, infettati dal vaiolo! E questa sia la mia ultima profezia e scherzo.


 


Picasso: Omaggio a Bacco. Litografia.



 

Che cosa potevo opporre io barbiere detto Il Pazzo a questo tuo “ritorno all’ordine” gerarchico? Che non volevo comando su di me. Sempre a pari. Anche con Bambinaccio mio fratello e la sua svizzera fidanzata. Il sangue al naso poi tumore, potevo opporre! Nient’altro! Ricordai vagamente che un giorno, a Parigi, con Bambinaccio e la sua dolce poetessa d’Engadina, lei disse che Noi, appunto il “noi adatto” a me singolo e con due amici della mia stessa pasta, davanti a un quadro di Picasso ambientato in Grecia con il re dell’ebbrezza e nella festa d’amore, disse la poetessa svizzera che eravamo come dei Dionisi. Il suo Bambinaccio lo chiamò Tafano matto di Dioniso. Eravamo poeti in questa maniera. C’era l’amore e l’amicizia in totale darsi. Sarei stato per sempre amico di Bambinaccio e loro in coppia si sarebbero amati anche se separati dalla morte. Senza bisogno di essere nominati intellettuali di pubblicare libri di venir riconosciuti poeti in antologia.
Loro li rispetto tu no!

Tu non mi sembri in poesia come loro. E il tuo amore, Neera, non ha raggiunto né nel reale né mai lo raggiungerà con le parole, quanto loro scrissero senza pubblicarlo. Quanto ho letto, nel tuo recente libro, pur non essendo un intenditore, il linguaggio non commuove, s’avverte falso, imitazione di lessici altrui sparsi per accattivarsene il plauso, finzione intelligente senza cuore vero.

Io, Paolo detto il Pazzo, sono comunista. E morirò comunista. Come ha fatto Bambinaccio annegandosi per amore. Sono contento di morire perché in un mondo dove anche le artiste come te, Neera, cambiano casacca per un libretto da pubblicare dopo essersi professate rivoluzionarie… è un mondo dove non voglio più vivere! Ne ho nausea.

Crepo però coerente, coerente con me stesso la mia storia di barbiere, semplice, e senza libri da leggere o da scrivere e da citare, figlio di un partigiano, come Bambinaccio, i nostri padri per non tradire l’ideale si sarebbero fatti ammazzare!, io e Bambinaccio lo stesso! Quelli come noi erano pronti a fare la Rivoluzione (e ora i tuoi dottissimi codardi maestri ci  prendono in giro perché poco poetici senza poesia adatta. Dov'erano quando io e Bambinaccio avevamo i fascisti assassini alle costole e la Digos pronta a imprigionarci?! TU lo sai Neera dov'erano! eccome se lo sai!) mi spiego?!?, non una patetica carriera letteraria, ricordatelo, quando ci evochi! in luoghi a noi inadatti e ostili come il gabbio dove vivi felice!, mai sarei andato a servire artisticamente chi teneva chiusi in carcere, sorvegliando e punendo e premiando (lo scriveva un francese filosofo di cui non ricordo il nome) i comunisti, e continua questo "mestiere" oggi uccellatore di voliere dove tu stai contenta e antologizzata secondo regole di poesia da questo tipetto imposte. Mai io e Bambinaccio ci saremmo scambiati con un servo delle multinazionali del rame seppur definitosi perlaceo poeta eccelso e ontologico. I mazzieri fascisti in lucchesia portieri della multinazionale ci cercavano, me a Bambinaccio, per massacrarci. Valgono le perle del sudore operaio (l'ha mai visto uno che muore per malattia presa in fabbrica questo impostato snob con cascinale in Chianti e pipa fumata sul Gange?) e di quelle estetizzanti banali come gioielli di plastica!, non me ne frega un accidente perché ingannano gli oppressi e gli sfruttati. Tanto più che questi tuoi eletti protettori in poesia usano persino, svergognati, i pensatori marxisti! maledetti! con un solo dito, nemmeno la mano, seppure sia malato e morente, gente simile, se l'avessi a un metro, l'attaccherei all'albero più alto del giardino: uccellacci impagliati del malaugurio culturale e politico!

Hai avuto persino, Neera, la sfacciataggine di scrivermi che erano più proletari di me! "Ti sembrerà incredibile ma sono più proletari di te!" Ho mai diretto carceri per detenuti politici comunisti a Pianosa? Son mai stato sul libro paga di una multinazionale del rame che sfrutta dalla Lucchesia all'India milioni di operai facendoli morire con salari da fame? E tutto cio per dirigerne la rivista di estetica e avere entrature culturali sopraffine! Come ti sei permessa, Neera, di scrivermi questa bestialità!? Più proletari di me queste burlette d'intellettuali esaltati in poesia che smerdano tutti i poeti e poetesse che non la pensano come loro? A questi svergognati chi glieli paga cascinali viaggi riviste e vite nomadi da colti snobboni sulle tracce di qualche stronzata estetica che dovrebbe renderli unici nella storia del pensiero? Seriosamente nei loro linguaggi sono ridicoli. Scoreggiano più in alto del proprio buco di culo! E tu scambi le scoregge per sinfonie. Questi non sono proletari. Ma dei piccolo borghesi frustrati e banali. La rovina del proletariato e di ogni rivoluzione possibile. Quando sembra ci sia in atto vorrebbero guidarla. E se fallisce la denigrano! "Non c'è mai stata poesia negli anni sessanta e settanta" declamano. Sono dei miserabili!

I loro poemi sono mediocri e scipiti. Senza stile. Indistinti polpettoni. Che nessuno considera e non perché sono il misconosciuto cambiamento poetico, giustificando l'isolamento paranoico, che ti hanno fatto credere, bensì perché sono dei troiai stilisticamente! ai quali aggiungi il tuo contributo senza stile! 
Ne ho raccontato cento volte di meglio in barberia, ne ha scritti, evitando di pubblicarli per evitare la carriera singola d'autore, cento volte meglio Bambinaccio. E tu lo sai, Neera, eccome se lo sai! e né io ne lui mio perduto compagno annegato né la Ranocchietta d'Engadina volevano imitazioni e seguaci. Ma libertà nell'accoppiamento nel vento libertario e infinito.
"Questa è rivoluzione questo è cristianesimo questo è comunismo", mi scrivevi e dicevi entusiasta. 

Ma come hai fatto, Neera, a ripudiare tutto questo?? per metterti a lustrare la targhetta di questi disperati che la posano in vista su smilzi scrittoi da dove impartire lezioni poetiche al mondo! Scrivi di etica, nel tuo libro, scomodando Kierkeegard... beh chiedi ai tuoi "lord protettori" perché non hanno mai scritto una, dico una!, poesia per i carcerati a Pianosa torturati comunisti; né una poesia, dico una!, sugli operai morti nelle fabbriche del rame. Che etica! che Dio! hanno questi cicisbei poetici dai quali impari la poesia e l'estetica? a me fanno schifo! Tu, invece, ti sei inginocchiata, ex compagna anarchica davanti ai loro spropositati curriculum vanesi dove deborda l'ambizione di essere qualcuno e invece non sono niente!

Con l'ultima mia lucidità d'òmo che mòre, penso che se tu scrivessi, Neera, sulla tua abiura e tradimento, creeresti un capolavoro. Fino a svenarti fino alla follia mortale fino alla sincerità che mozza le ali e il respiro. Il male in loro stessi Bambinaccio e la poetessa di Guarda erano capaci di rivelarselo. Io stesso, scrivendoti, rivelo il male nel mio animo di sciagurato barbiere e giocatore di carte e cacciatore di frodo!

Ora hai inteso perché è giusto non ritrovarci più in altre vite!? L’amore assoluto per me necessita, Neera, non di abiure verso il comunismo e l’anarchia, bensì della sua coerente cura e accrescimento.

La intendi, Neera, la legge della poesia matta che riguarda me Il Pazzo e Bambinaccio? Essa non necessita di teoria. E per questo unica. Che rifiuta la gabbietta dove cantare rinchiusa da qualche esaltato "ingabbiatore" frustrato per cantare sola e in comitiva. Ti sei fregata da te stessa.

Lo ricordo Neera, perché non ho tempo da perdere con i colti sapienti poeti capaci di riassumere tomi di filosofia proponendosi loro come sintesi superlativa di tutti!, senza farla tanta lunga, come  barbiere detto Il Pazzo, ricordo che appartengo a quel quadro picassiano con i miei due perduti amici nel mare annegati in date diverse ma nel tempo stesso accosto in un legame invincibile. E proprio perché tu un legame così non sai neppure dove stia di casa (seppure mi scrivessi, per esaltazione letteraria, che "La nostra chiesa posa su roccia inscalfibile", essendo invece, tanto per restare nell'ornitologia da banco: guamo e merda alata destinata a fertilizzare la tua carriera ontologica) nell’umano, tutta la tua poesia è falsa come i dipinti pompier che illustravano una Grecia mai esistita. E che Picasso scardinava dionisicamente. Per capire quanto ti scrivo, per scoprire, io ignorante, cosa sia tu con la poesia dopo di me ripudiato barbiere,… bisogna morire. Oggi col sangue tumore al naso questa è una morte meno dolorosa. Di quella da me vissuta un anno fa. Accettabile, accettata.

Proprio così, sono morto il 10 febbraio, a leggerti. Perché il barbiere Paolo detto Il Pazzo, da illuso, come sai, Neera, ha firmato e creduto, aveva firmato aveva creduto, a tutto quanto avevi portato, nella mia vita strampalata cioè,... che ci eravamo già incontrati e amati in altre vite, che somigliavo Modigliani per i suoi stravizi e follie estetiche e tu a Jeanne Hébuterne; a un certo Boine ligure per i suoi furori e struggimenti e per come si rapportava alle donne. E secondo te, Neera, Jeanne avrebbe lasciato solo nella malattia il suo Modì?, per buttarsi tra le braccia di una teoria estetica dove chi la divulga usa un mazzo truccato di carte per sbaragliare avversari poeti e farsi osannare da adepti e adepte? Jeanne si buttò dal quarto piano sul selciato! E il loro amore entrò nella leggenda. Più importante di qualsiasi dipinto e parola! E il poeta Giovanni Boine, ne ho letto la biografia, cosa avrà provato a morire in un maggio di salsedine, solo e senza un atto di misericordia da parte di chi diceva di amarlo, con la sua tisi e il sague sui lenzuoli? 

Pensaci se ti capita, Neera, e la prossima volta prima di vivere di proiezioni estetiche stai a contatto del vero degli eventi e non nella scia di fumose interpretazioni estetizzanti di vite drammatiche. Come hai fatto con me, con Paolo detto il Pazzo. Che muore e non si riconosce! nelle tue prose poetiche dove oltretutto mi metti in voliera e tu in un'altra separati in questa vita. Non ho mai abitato una voliera!, Neera. Il mio sangue nel naso nasce dalla libertà che vissi nel cielo aperto e nel bosco. E dalla voliera tentai di liberarti e libera amarti! Nella voliera ci stanno i tuoi amici poeti canterini sul Nulla in attesa d'essere applauditi comprati letti. Non io! Non il Pazzo! Non Bambinaccio e la sua poetessa colomba. Col petto macchiato di sangue. Lo stesso sangue di Jeanne Hébuterne!

Nella voliera dove hai scelto di abitare con la tua poesia, Neera, ci sono Avvoltoi e Pellicani Li declino pennuti!  Anch'essi sono volatili.  Si cibano delle carogne letterarie e portano nel gozzo carabattole sminuzzate di poesia e filosofia da farvi inghiottire. Adibiti un tempo al controllo carcerario delle voliere e al servizio di multinazionale del rame che ai passeri della Garfagnana ha provocato morti e dolori. Un falco come me con questi pennuti non ci si scambia. Li disprezzo come poeti e come nemici di classe! E questo è un altro motivo, quello politico, anarchico, per cui in altra vita, dopo la morte, non voglio più rincontrati! 
Hai portato, tu Neera che ti definisti anarchica e rivoluzionaria, in voliera, lo straccetto rosso dei volatili oppressi! al servizio degli avvoltoi e dei pellicani e dei pavoni!

Immaginare poi, in parti del tuo libro, di spiegare l'amore che vivesti assieme a me con la teoria quantistica applicata alle voliere nostre (non sapevo esistesse questa teoria della fisica. M'informa la Garzantina di casa per rudimenti manualistici) dà la misura degli spropositi intellettualoidi a cui ti affidi. Mi fanno sorridere. Con pena. E scherzando di dico che neppure la teoria di Plank potrà aiutarti a ritrovarmi se io non voglia accada. Meglio se ti affidavi al profumo dei moscardini nella trattoria lucchese mangiati, con me, zuppandoci il pane, credimi, Neera. I moscardini in amore valgono più della teoria quantistica! Ma Paolo, pazzo, annebbiato dal dolore della malattia mortale non pretende di convincerti!  

Allora, però, credetti che mi avresti, come dicevi, preso per intero, anche con difetti e rovinose follie. Insomma pensai che se cercavi un Figaro del tutto diverso da chi frequentavi prima di incontrarmi, adesso ce l’avevi, senza gli orpelli, li chiamavi così, di cultura e raziocinio e libri letti e viaggi compiuti cosmopoliti e lingue tante conosciute comprese, ahi!, le morte!, benedivi la mia singolarità di escluso e matto alle regole solite della vita; convintissimo di essere adatto, l’ho scoperto lo scopro! ancor più morendo, a una vita felice più o meno lunga nella Natura altro che Cultura!

Non avevo tenuto conto che potevi stufarti del mio semplice paesaggio e del mio lessico semplice da barbiere. Non è durata la coppia e sei rientrata dove hai, ah ah battuta, il nido e lo vuoi con i comfort dell’enfatica letterarietà compresa la filosofia esistenziale ah ah, piumata!, peccato fossi un cacciatore di frodo e se proprio uccello, oltre al mio tra le gambe, mi garbasse il falco; fosti tu a farmi leggere una poesia, una delle poche che ricordo dedicato a un falco con l’ala spezzata di un certo americano il cui nome sembrava un medicinale, non lo ricordo, ma tu intendi, il falco necessita del colpo di carabina per pietà e misericordia del suo ruolo, e il poeta glielo spara e l’ammira, e tu vieni a blandirmi con un poemetto in prosa e prima ancora a uccidermi con un trafiletto speditomi telegramma, per poi diventare poetessa sul webbe e su carta stampata… naturale, nella mia natura, che morendo prenda contromisure, per in altra vita, oltre questa, nel cerchio infinito dell’universo, non incontrarti!

Nello scritto ornitologico mi incolli le piume di uccelletti feroci e sgraziati nel canto. Non ci ho capito nulla nei richiami filosofici. (Salvo che del filosofo danese scrisse Bambinaccio e la sua compagna d'Engadina in materia di scelta della Croce; l'han vissuta ambedue, per vivere l'amore, unico, che conta. Di più non so!). Ma in quello della Taccola storpiante il bello, nella coppia, scrivi che “segnò l’impossibilità nel concreto (ma non la fine) d’un amore assoluto”; e allora ho dedotto che tu pensi di rincontrarmi in un'altra vita.

Ebbene, io Paolo detto il Pazzo, questo vorrei evitarlo. Per me. Per te. Lo ripeto. Il nostro amore assoluto non lo era ed è finito. Ed era possibile si realizzasse se tu non cercavi una poesia che negava il tuo amato barbiere!

Come tradiresti stavolta il barbiere nominato amore assoluto? Per raggiungere ancora una rivista di colti intellettuali poeti pensatori, che a me appaiono, sono, svolti nella stronzaggine. Nella mediocrità esaltata. Scrivono senza farsi capire. Che poeti e scrittori sono?! Tu stessa prima capibile ora ti infarini in una prosa in dei versi che ci vuole l’enciclopedia per intenderne metà. Li copi. Evidentemente. Il capello vivo nella cute copia i capelli da parrucchino. Che idiozia stronza che vivi Neera! E io per stare ancora legata a te dovevo, barbiere di talento, riverire questi parrucconi incipriati di citazioni? Non era proprio possibile. Come chiedere al falco di diventare vegetariano!


 

Il Pazzo e Neera a Marina di Pisa.
Quando lei gli giura che lo prenderà intero.
Compreso il male e la follia che l'agitò!



 
Come mi tradiresti in altra vita? Come mi tradisti nel passato prima di questa? … e sarò sempre un barbiere? Nel passato magari mi avrai tradito per uno o un gruppo che vendevano lozioni e profumi e articoli di bellezza, estetica insomma, decantati come unici!, che li produceva producevano dandoti responsabilità nel prodotto e sua diffusione? Nel futuro io barbiere mi tradirai per raggiungere una rivista di matematici con me che conto con le dita?

Neera, veramente, voglio morire senza lo spavento di rivivere quanto mi hai “donato” l’anno scorso. Il 10 febbraio. Con me barbiere rimasto solo come cane da fiuto a cui avevano buttato pepe nelle narici… appunto dove mi sarebbe scoppiato il male mortale… ma perlomeno venirmi a trovare, che fra l’altro in quei mesi sei pure guarita dai tuoi malanni - bastava una sosta di poche ore sulla direttrice tua per Roma verso i "laboratori poetici" - e dirmi a voce, guardandomi, Paolo detto Il Pazzo, me ne vado a vivere un‘altra esistenza. Sono stati intensi gli anni assieme ma ora devo vivere altra esperienza con coloro che sanno di lingue varie che viaggiano non soltanto sul Serchio o a Marina di Pisa o a Vecchiano o sulle Mura di Lucca… confrontarmi, intridermi, mischiare versi con intellettuali e amiche che scrivono come me. Con linguaggi sopra la medietà in giro. Pubblicare. Ricevere recensioni. Farmi conoscere autrice.

Nel tuo libro indori, imbelletti il tutto della nostra vicenda, appunto, con questo linguaggio che cresce dove sei capitata. Veramente non voglio rincontrati in un’altra vita!

Il tuo amore era piccolo o se vuoi non abbastanza grande; se ne ricavi, ammesso sia possibile, un’ornitologia vasta come poema bellissimo da Premio Viareggio… sarò contento per te, se questo cercavi. Ma non puoi a me, l’unico a questo punto che sa la verità, dare a intendere il contrario. Che son io ad averti ucciso con la fionda del monello-grande. No no!… avrei dato la vita per te… lo riperto... intontito dalla morfina... altro che ucciderti… eri mi avevi detto la ragazza che saltava i fossati selvatica e che, anarchica e libertaria, disprezzava gli intellettuali che mirano a dominare l’essere e il sesso di riferimento con la cultura… lascia perdere il proposito di amarmi ancora!, non so che farmene di un amore siffatto,… se l’avessi inteso prima, che bastava una “lettera molto calorosa” una “musata” in versi ritenuti sublimi, sarei campato anche più a lungo. E poi appunto sono un Falco e per spezzare il mio volo ci vuole il colpo di fucile impietoso del destino non un'allodola che ha cercato un nido dopo l’altro per avere, illudersi di avere, la poesia sulle piume e nel canto e disposta, per questo miraggio inutile, persino a liquidare un amore detto assoluto con telegramma brevissimo colmo di stop. Al Barbiere di Nodica detto Il Pazzo!

Amore che si fondava sul gelato leccato golosamente sui Lungarni pisani; sugli abbracci nel Baluardo di San Colombano a Lucca vissuti come in ventosa villa sul mare gioioso e oggi da me sentito come spuntone di un'Isola dei morti; sugli sguardi silenziosi dati al Serchio dal Ponte del Diavolo a Borgo a Mozzano, con me Buon diavolo barbiere che ti raccontava leggende scritte sull'acqua verso la foce e tu felice diavoletta sbarazzina che mi donavi la schiuma d'altre onde ventose. 
Questa poesia, Neera, non può tornare.
L'hai perduta ripudiandola!
Ma è quella, sappilo, te lo dice chi muore, che conoscono e vivono gli uccelletti dall'alto nel celeste... sia taccole o averle o allodole o falchi. Questa poesia in me, per te, non c'è più. Né voglio viverne ancora un calco con te!

Dammi retta. Fattene una ragione che magari sei brava e competente a scrivere ma che in amore, certamente quello per me, sei stata, toh, non t’offendere, una quaglia. Pennuta. Con salto all'indietro. Non certo un’alata e tragica e poetica uccellina. L’umoristico, non offenderti vale, come il tragico se una, te per certo, non sei portata a viverlo capirlo scriverlo; probabile per te sia adatta la commedia, l'operetta … così riunirai il tuo essere al tuo corpo alla tua vera personalità.

Ti rivelo che Bambinaccio e la poetessa d'Engadina si definivano piccioni. Perché il piccione, e ciò non lo sai con tutta la tua ornitologia libresca, che è l'unico volatile che, maschio e femmina, se perdono l'altra parte, mai più s'accoppia. Vive solo. Il più impoetico, lo vedi!, degli uccelli, è quello più sublime nella fedeltà. Non sono addetto alle cose letterarie, ma il piccione può ritenersi umoristico, per la sua goffaggine e volo, e insieme tragicamente alto nelle scelte.

E se anche, Neera, la grande poesia fosse così possibile?! Pensaci. Bambinaccio e la canarina di Guarda erano dentro questo mistero di bellezza. Bambinaccio piccione è stato fedele alla sua compagna sulla grondaia, anche in sua assenza, nella vita poetica più alta. Se avevi capito questa coppia non saresti mai finita dove stai per carriera estetica e mai avresti lasciato la Barberia del tuo Pazzo di Nodica.

Sono gli atti che contano. Neera. Non li puoi mica cancellare con poemetto voluto d'alto linguaggio e lignaggio o grazie a prosette con attorno spropositate prefazioni e postfazioni (da restituire alla coltissima studiosa così come lingua si passan le scimmie in gabbia sugli organi sessuali esposti) e stampa a inchiostro ed elettronica. Dentro di te lo sai! L’atto verso me è stato miserando!, squallido, un addio da tre lire, da un euro, un euro tutto un euro! gridano i venditori ambulanti a Marina di Vecchiano dove andavo a pescare, ecco il tuo amore è da un euro… tutto a poco! compreso contorno d'estetica! C’è anche la mancia per me barbiere detto Il Pazzo. Che muore e che in altre vite gradirebbe non incontrarti perché son sicuro, fesso come son fatto, ancora mi fregheresti con qualche bella parola, atto simbolico teatrale, tipo la tua mano sul mio petto spellata che scalda e salva il mio petto dal male che mi fecero e da quello rivolto a te adolescente e giovanissima donna, detto il "patto baluardo San Colombano di Lucca", o altri gesti che poi scordi simbolici e che per me valevano più del respiro… meglio che ognuno viva la sua eternità: la mia per certo scema e la tua intelligente ritenuta alta, direi ontologica.

Che ganzo scoprire questa Verità con un tumore addosso e il sangue al naso,… se accettavi di essere scema come me il nostro amore sarebbe stato eterno, e, probabilmente bello salvando, esso amore, due scemi amanti.

 





 

Lo sai perché Wild Bill Hickok fu ucciso? Non lo sai di certo! Sai tutto di teoria e poesia e filosofia e citazioni e non sai della morte di Wild Bill!

Wild Bill giocando a poker non dava mai le spalle all’ingresso del saloon Giocava con le spalle alla parete. Così vedeva se qualcuno entrando avesse avuto intenzioni di sparargli.

Quando quel giorno, il 10 febbraio, desideravo giocare tu mi indicasti il saloon. Mi hai detto stai tranquillo, Paolo detto il Pazzo, siediti. Inizia a giocare. Smettila con l’assurda cautela di sederti con le spalle alla parete. Dalle all’ingresso. Che poi io entro e ti abbraccio mentre giochi le spalle e ti bacio la fronte e carezzo i lunghi capelli che da barbiere dovresti almeno tagliare le doppie punte.

Ti ho creduto. Sei entrata e come il vigliacco Johnn McCall mi hai sparato alla testa. il trafiletto telegramma del 10 febbraio! Nessun libro a posteriori, Neera, può cancellare questa tua scelta!

Ecco, Neera, fai conto che il pistolero tradito e ucciso abbia non le carte, dette “le carte del morto” due assi due otto, ma questa lettera che leggerai. La mano del morto di Wild Paolo Pazzo.

Questa lettera che ti avrei detto a voce guardandoti negli occhi se tu non ti fossi nascosta da me senza poterti raggiungere, ti farà lo stesso vedere le mie pupille scure la mia fronte il sangue del naso con la morte la stessa mia voce udrai seppure ne negasti il tono in ogni telefono con le segreterie innestate muro; questa lettera ti rivelerà che sta morendo l’uomo, da te ucciso, che più hai amato e ami nella tua vita. Che cercherai in altre vite! Il nido disertato il suo cuore Pazzo! Tanto da vaticinare nel tuo libro pubblicato di rincontrarlo. Non sarà possibile! gli amori vivono nel cerchio eterno se c’è la fedeltà a quanto è per sempre. Le uova che deponi sono malate hanno troppe parole nel tuorlo. Nessun uccelletto poeta poetessa può nascere con troppe parole. Ne rimangono soffocati. Se ti tocchi la gola anche tu hai un groppo di pianto. Ecco piangi. Piangi Neera! e se il pianto diventa rosso hai toccato il male che mi uccide. E un po’ di poesia ancora la potrai vivere. Ma lontano da me!

Il tuo libro pubblicato, Neera, si sforza poeticamente in prosa di rivelare il tuo passato e il tuo presente. Nelle arti nell’amore.

Dalle mie parti, Neera, visse un grande scrittore che scrisse libri fondamentali, altro che i tuoi amici coltissimi, sugli equivoci piccoli, il nostro è stato un piccolo equivoco, con una passerotta che ambiva a diventare usignolo e con un rapace matto come me, un falco in cerca della carabina poetica che lo uccidesse scopertosi fratturato. Ucciso invece da un trafiletto postale. Del tutto impoetico. Brutto.

E poi, pur non essendo smaliziato in cose letterarie come te e i tuoi amici, ti scrivo, ti rivelo, col sangue al naso, che sei entrata, Neera, in un perfetto gioco del rovescio col tuo libro scritto e pubblicato.

Tu hai scritto il tuo passato con me in amore e follia, ed hai rivelato il tuo presente. Ma è il tuo passato che ancora desideri. Mentre il tuo presente, composto della sostanza nei rapporti poetici e sentimentali che ti fece ammalare un tempo, è il tuo passato: fatto di gerarchica sottomissione, dove sei ed eri imbeccata con parole a te inadatte e alla lunga superficiali e inutili.

Intanto i becchi liberi che mangiano cosa vogliono, volando dal nido, frutti insetti erbe granaglie, non puoi più conoscerli. Vivi a comando d’alimentazione e di volo. E questo sia il mio ultimo gioco di animale pazzo vivo che nella morte trova volo senza freni. Come il Falco, oh mi è tornato a mente il poeta, si chiamava Robinson Jeffers! Addio Neera!

 

... non restava che imposta miseria
l’osso era troppo rotto per risanarsi, l’ala strascicava
sotto gli artigli muovendosi.
(...) tornò chiedendo la morte,
non come mendicante, negli occhi conservava
l’antica indomita fierezza. Gli feci dono del piombo
nel crepuscolo. Ciò che cadde languido era,
piume  (...) ma quello che si librò, il guizzo impetuoso:
gli aironi notturni presso al fiume in piena
strepitarono di paura quando si levò,
prima che fosse del tutto spoglio di realtà.



Tuo Paolo detto Il Pazzo










Paolo detto Il Pazzo

POST SCRIPTUM: PAROLA LUCENTE NEL SUO VOLO SEMPLICEMENTE INFINITO

TE SEI PIU' IMPORTANTE

 

Te sei più importante, mi disse Bambinaccio. Te sei più importante, disse alla poetessa svizzera. Te sei più importante diceva lei al suo Bambinaccio. “Te sei più importante”, poche parole, ma salvarono l’amore assoluto il bene infinito. Questo il linguaggio degli ultimi, che ha riflesso nel Vangelo. Poche parole ma che non scadono nel tempo terrestre e in quello dell’eternità che ci è dato vivere.

Ti rivelo come nacque questa espressione, Neera, rendendo necessario il post scriptum del Pazzo morente.

Quando Bambinaccio, scrittore Feltrinelli e corteggiato da Sellerio, a Vecchiano doveva incontrare a cena, nel giorno, autori magari con decine di libri e giurati al Premio Viareggio, in casa dell'autore del Sostiene Pereira, quando un brindisi un’amicizia un’intesa pure una scopata può significare un libro pubblicato, una presenza in TV, recensioni amiche sui magazine… se lo chiamavo al telefono per andare a pescare lucci e tinche sul Lago di Massaciuccoli-Puccini o andare a caccia di cinghiali lui sceglieva l’avventura con me. A volte lo facevo apposta per metterlo alla prova. Se poi gli chiedevo perché veniva con me lasciando i grandi autori e autrici ed editori (che pure stimava per quanto avevano ideato, e ricambiato per quanto da lui ideato e nascosto, perché sputtanarli ognidì come fanno i tuoi pseudo maestri è da frustrati invidiosi e basta!)  a cena in Piazza dei Cavalieri senza di lui, rispondeva sorridendomi, non lo scorderò mai, Neera questo suo sorriso, era identico al mio: “Te sei più importante!”.

Se la sua poetessa stava dolorante nelle ossa, nelle febbri, in Engadina, lui passava ore al telefono da Vecchiano, con la prolunga alla cornetta, si sedeva sul dondolo scorniciato del giardino sotto la magnolia, a due passi dal cancello verde canto il pino, e stava con chi amava. Se Lei gli chiedeva perché non fosse in giro a distrarsi un minimo, lui rispondeva: "Te sei più importante!" E poi si buttava in branda lieto senz'altri desideri che non dire: "Buonanotte Lalo, al padre morto, buonanotte Canarina d'Engadina" prima d'addormentarsi. Ho sempre ritenuto questo suo atto d'ogni notte la sua poesia più grande!

E la sua amata Canarina d’Engadina se lui la invitava a raggiungere il letto a prendere i medicinali a non sforzarsi a parlare che le costava fatica, lei rispondeva “Te sei più importante!”. E prima di salutarlo, temendo di essere ascoltata da sua madre che osteggiava Bambinaccio e il loro legame, lo salutava con “Grazie grazie grazie”. Tradotto “Ti amo / e sarà / per sempre”.

Spero tu abbia inteso cos’è l’Amore per me, Neera. Ho tanto sperato che anche tu, una volta ricevuti gli inviti redazionali di cui niente sapevo, mi raccontassi tutto… dicendomi: “Te sei più importante!”.

Non è accaduto. Ciò è nascosto nel tuo libro. Nessuno mai conoscerà quanto qui scrivo. Ma tu ora sai che si può anche scegliere di dire “Te sei più importante!”. E questo è il volo e il canto più bello di qualsiasi volatile. Credo la poesia allo stato puro. Adatta se mai l'avessi ricevuta a essere capita e custodita, in questa vita e nell'altra, anche da un povero barbiere matto come me. Oltre la morte in altre vite, ove vado solitario, senza più rincontrarti, come recita la lapide che ho dettato.  Addio.
 

Lapide di Paolo detto Il Pazzo

SONO GIUNTO CON VOLO SOLITARIO A UN BATTITO D’ALI DAL NIDO DEL TUTTO.

E DA TUTTO CON BATTITO D’ALI SOLITARIO SENZA ABITARE NIDO SONO VOLATO VIA.

VERSO LA MIA MORTE VERSO ALTRA VITA. E VITE.






 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Lettera a Sara Cardellino sull’Erbario Cristologico Minimo di Karoline Knabberchen in riferimento al Male che il 9 gennaio 2017 sfascerà velatura all’Olandese Volante.
» Karoline Knabberchen: Concezioni del divino al Campo della Barra di Vecchiano. Erbario Minimo Cristologico. 36° della morte il 20 agosto 1984
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Ornitologia Filosofica da Banco. Kiwi e Spiritualismo di Berdajev. Dedicato a Karoline Knabberchen. 1979
» Karoline Knabberchen: Erbario Cristologico Minimo con Girasole Primula Fresia. 4
» Karoline Knabberchen: Fiordaliso per Müntzer con filosofi nel suo profumo. Erbario Cristologico Minimo 9
» Karoline Knabberchen: Georges Rouault per L’Erbario Cristologico Minimo - 6
» Karoline Knabberchen: Il Dio teista e il Dio dei greci. Erbario Cristologico Minimo con Iris. 8
» Karoline Knabberchen: Rovesciato punto esclamativo cristiano con Ornitologia Filosofica da Banco. Trieste. 1979
» Sara Cardellino: L’Olandese Volante di Wagner versione 1860 per Karoline Knabberchen nel 36° della morte. Campanula per Erbario Cristologico Minimo. 5
» Sara Cardellino: Mottetti di Guillaume de Machot per Karoline Knabberchen. 36° della morte il 20 agosto 1984. Erbario Cristologico Minimo.
» William Butler Yeats - Sailing To Byzantium… Verso Bisanzio Lofoten. A Karoline Knebberchen la traduttrice Sara Cardellino nel 36° della morte
» Accio: Pittura appare fotografia in coppia scompare. Ricordo del Pazzo della Donna d'Engadina
» CDS: Aforistica ex-tomistica domestica. Con ricordo di Karoline Knabberchen e Giovanni Boine.
» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Karoline Knabberchen-Fabio Nardi. La foto sul comodino a Barcellona. 1979
» Accio e Cardellino a Sankte Moritz Samedan. 35° anniversario della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984. La punta dell'iceberg.
» Accio e Sara Cardellino: Il destino scritto dell'Averla. In difesa di Karoline Knabberchen nel 35° della morte il 20 agosto 2019. La punta dell'iceberg.
» Cardiodramma in lapide. 35° della morte di Karoline Knabberchen. La punta dell'iceberg.
» Claudio Di Scalzo detto Accio: 35 anni dopo il gorgo Lofoten scalino dopo scalino. La punta dell’iceberg. Quando incontrai Karoline Knabberchen (1959-1984)
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: 35° della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto. La punta dell'iceberg.
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Amore in Sestetto - La Misericordia di Gemma Galgani e la mia in amore - Ultima prefazione e prima di una nuova vita di Nardi/Di Scalzo - Il Fanciullo Schubert e la Morte - Passionista Fanciullo con Schumann nel tempo lungo frullo - Lara Di Vicenza: Lettera al Fanciullo Passionista di Gemma Galgani - Nada e Accio: Mare e Ospedale - Cardellino: Giusti per la Nada - Cardellino: Senta Galgani - Notizie dal reparto Cardiologia - CDS: Preghiera per la Madonna della Rosa in Lucca
» Karoline Knabberchen: Esclusività. Claudio Di Scalzo: Il Cosmonauta Accio - La tekné retorica non è poesia bensì musata cadendo dal nido!
» Sara Cardellino e Accio: Viaggio alle Lofoten Austvågøy in cerca di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Lalo Cardellino Rondini Knabberchen. Giugno 1983/2018. Con preghiera senza volo dell'uccelletto Kierkegaardiano
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Karoline Knabberchen: Sacro e Amore. Indice Canzoniere di KK. Claudio Di Scalzo
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Karoline Knabberchen: lettera dalla mia camera d'Engadina sull'amore nostro a Fabio Nardi
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen nella casa di Fabio Nardi a Vecchiano e in Engadina. Poesie e Diario 1979 - Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Karoline Knabberchen: Jeanne Hébuterne scrive a Modì
» Karoline Knabberchen: Mallarmé sulla tomba pagina bianca di Anatole. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Bambino e Bambina che saltavano i fossi. Libro Perduto di Karoline Knabberchen. Cura Claudio Di Scalzo
» Quando una metà cerca quanto la rende intera. Nel bosco di Eichendorff. INN EN di Karoline Knabberchen.
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Tombe. Pianto per Karoline Knabberchen. Con il Requiem Tedesco di Brahms
» Sara Cardellino: Io bella addormentata, Tu con gli occhi chiusi. La tragedia di Lalo di Karoline Knabberchen...
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Nardi-Di Scalzo-Cardellino: A Karoline Knabberchen nel trentatreesimo della morte (Guarda - 10 aprile 1959 - Lofoten 20 agosto 1984)
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Karoline Knabberchen: Voglio dirti Fabio del litorale mistico...
» Fabio Nardi: La morte per acqua di Karoline Knabberchen con Schubert
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Ultimo Schubert per Karoline Knabberchen - Sara Cardellino: Warum? di Schumann per Karoline.
» Fabio Nardi scrive a Karoline sul Buon Ladrone, su se stesso, su Boine - KK risponde - Fabio Nardi il 23 giugno col salmo 102 ricorda a KK che "tutto può essere perdonato"; rammenta la maestra che volle umiliarlo e come sia più sereno a non scrivere né fotografare più - La Resurrezione di Giovanni Boine, II, di Karoline Knabberchen, 1983
» Karoline Knabberchen: Innocenza tua e mia
» Claudio Di Scalzo: Moschettiere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: La resurrezione di Giovanni Boine - I
» Claudio Di Scalzo: Vivaldi Padova Nardi Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Lucca Giovanni Boine Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Due lettere di Karoline Knabberchen. Ciliegio Poesia Incuba
» Karoline Knabberchen: Sono io... a Fabio Nardi
» Fabio Nardi: 33 anni per tornare da Karoline Knnabberchen
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen in casa Boine
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen e l'elogio del silenzio
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Di Scalzo/Fabio Nardi: Autoritratto a Carnevale
» Fabio Nardi: Bambino Cardellino Golgota. Con manoscritto Knabberchen
» Fabio Nardi: Il Povero Scrittore. A Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Apologo di fine anno per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen e la Grundtvigs Kirke
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Ho troppo male... a Fabio Nardi. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» CDS: Sguardo arboreo 4 - KK Quaderno del Mite Inverno
» CDS: L'Arcangelica K K - Vetrata Quaderno Mite Inverno 1
» CDS: Probante il sangue. Vetrata per Karoline Knabberchen, 2
» CDS: Quaderno del mite inverno. Vetrate di Karoline Knabberchen 3.
» Di Scalzo o Nardi: Karoline Knabberchen nel sogno ottobrino con Grünewald
» Claudio Di Scalzo: Ti scrivo nell'uncino del tempo. Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Notturno in Bretagna. Collezione Karoline Knabberchen. Cura CDS
» Karoline K: Tu non morirai - Quaderno del mite inverno XVII - Nota autore
» Karoline Knabberchen - Quaderno del mite inverno III
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno V
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XIV
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XV
» KK: Requiem della Ranocchia - Libera me, domine VII
» Claudio Di Scalzo: Munch. A Karoline Knabberchen. Un pittore al giorno 1
» Fabio Nardi: Tre foto a Karoline. Quaderno del mite inverno XIV
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen a Monza - 2
» Karoline Knabberchen: Fidanzamento rotto e cilindro ventoso XIII
» Karoline Knabberchen: Le due K. Quaderno del mite inverno XII
» Karoline Knabberchen: Requiem della Ranocchia I
» CDS: Sulla ultima teologia di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno XI
» Karoline Knabberchen: Corteggiamento. Quaderno del mite inverno XI
» Karoline Knabberchen - L'amore alla pari - Quaderno del mite inverno X
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno IX
» Karoline Knabberchen: "Sei tutta la mia famiglia" - Quaderno del mite inverno VIII
» CDS: Sulla fronte di Majakovskij. Pensando a Karoline K
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno - VI
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno VII
» Claudio Di Scalzo: Knabberchen per Majakovskij
» Claudio Di Scalzo: Soffice lapide per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno II
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno I
» Karoline Knabberchen: Quaderno del mite inverno - IV
» Karoline Knabberchen. Mi hanno accesa in un colpo. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto a 63 anni come Cavaliere di Rembrandt. (a Karoline K)
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto a Praga come Cavaliere di Rembrandt - (a KK)
» Karoline Knabberchen: Kafka non abita più qui. A cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Diario maggiorenne di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Ti parlo da dove io sono da tanto. Anche Erbario Engadinese con Peonia.
» Claudio Di Scalzo: Tre foto per Nada e Lalo, I
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Lettera di Karoline a Fabio Nardi che si fotografa il volto
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Maestro di equitazione e Karoline Knabberchen 8 Marzo
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Trinità Domestica per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabbechen: Alambicco distilla l'aria (8 dicembre, a Fabio Nardi) - Cura Claudio Di Scalzo con Notizia sul Canzoniere di KK
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen malata
» Karoline Knabberchen: Corpo Nudo della Poesia. Umorismo crudo. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen a Lucca-Bruxelles col Cristo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Natale 1983. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Fagiana a Praga. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Doppia catena liberata Knabberchen/Nardi. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Pagine di Diario bagnato. Canzoniere di Karoline Knabberchen. Con Tracce di lettura
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Fantasio e la sua eco. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Dono tanto per capirci. Dono per tutto dirti. Karoline Knabberchen alla Grundtvigs Kirke di Copenaghen
» Claudio Di Scalzo: “Ti amo”, dice Karoline Knabberchen in tre movimenti
» Claudio Di Scalzo: KK alla Grundtvigs di Copenaghen
» Karoline Knabberchen dalla Grundtvigs Kirke di Copenaghen: Mi perdonerai! - Canzoniere di Karoline Knabberchen a cura di Claudio Di scalzo
» Claudio Di Scalzo: Canto del volto celato. Con Dino Campana. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen.
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten V
» Claudio Di Scalzo: Karoline preraffaellita a Vecchiano. Dal canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Segreteria Telefonica Surrealista. Mitologia del Martin Pescatore. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen alla National Gallery perseguitata da M.me Sosostris
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten III
» Claudio Di Scalzo: Mattonelle Lofoten IV
» Fabio Nardi: Petrouchka e Knabberchen il 20 agosto
» Karoline Knabberchen: Lalo al Campo della Barra
» Claudio Di Scalzo: Bosco nel bianco dicembre
» Claudio Di Scalzo: Calvario e Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Mangianastri con musicali astri
» Claudio Di Scalzo: Abbigliamento mistico di KK
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen a Lucca nel tempo natalizio
» Fabio Nardi: Mattonelle Lofoten - II
» Claudio Di Scalzo: Uomo contempla la luna. Trittico per KK
» Claudio Di Scalzo: Oceano sopra mattonella Lofoten
» Fabio Nardi: Mattonelle Lofoten - I
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Stanotte m'è apparsa Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Acquarelli parigini di Karoline Knabberchen - 4
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Acquarelli parigini di Karoline Knabberchen - 3
» Claudio Di Scalzo: Pierre Cochereau in Saint-Séverin. Canzoniere di KK
» Claudio Di Scalzo: Acquarelli parigini di Karoline Knabberchen - 2
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Acquarelli parigini di Karoline Knabberchen - 1
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Manfrina surrealista 1 - 2
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Lettera di Karoline Knabberchen su Anton Cechov
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Mar ghiacciato di Karoline Knabberchen 2 - Pagine di Diario Bagnato
» Claudio Di Scalzo: Mar ghiacciato di Karoline Knabberchen 1 - Pagine di Diario bagnato
» Claudio Di Scalzo: L’ossessione di Fabio Nardi. Canzoniere di Karoline K.
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Illusio gracidante. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» CDS: Lettera a Ugo Sentito e Karoline ascoltando Schumann il 22 febbraio
» Claudio Di Scalzo: Meditazione in Karoline (K in Arte Hayez) Verona 1980 - Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 4
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 3
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 2
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline con Kierkegaard a Bruxelles 1
» Claudio Di Scalzo: I due punti di Karoline e Wittgenstein. Pagine di Diario Bagnate.
» Claudio Di Scalzo: Discorso d'Amor di lungo corso. Antologia per KK
» Claudio Di Scalzo: Ci sono momenti di Karoline... Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Focherello 2 novembre
» Claudio Di Scalzo: Mezzogiorno sulle Alpi con Fabio e Karoline. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen.
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Grieg - Sinfonia Lofoten 7- A.B.Michelangeli
» Claudio Di Scalzo: La spoglia prendi... - Sinfonia Lofoten 13
» Karoline Knabberchen : Sinfonia Lofoten 9, III - Grieg e Bull
» claudio Di Scalzo: 30° della morte di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen : Edvard Grieg - Sinfonia Lofoten 9, I
» Karoline Knabberchen: Prima poesia
» Claudio Di Scalzo: Karoline malata a Bergen. Sinfonia Lofoten 3
» Claudio Di Scalzo - Karoline Knabberchen: Sinfonia Lofoten 1, 2
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Claudio Di Scalzo: Karoline K a Marinella di Sarzana
» Claudio Di Scalzo: Goethe e Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Alfred de Musset e George Sand a Venezia. Goetzinger fumettista
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dieci nuvole con raddoppio di Eros per Karoline Knabberchen e Fabio Nardi
» Fabio Nardi: Due colonne a Liegi
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Canagnello - Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Mugnaio o pittore? (Su Constable) - A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Ti amo Karoline mia ranocchietta Knabberchen. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Illusio e Fantasio in montagna. Dal Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Lord Chandos tra spiaggia e mare. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Notizie dalla diga. Canzoniere di KK
» Fabio Nardi: Serenata per un satellite sulle Lofoten. Con prefazione di CDS sul mistero di KK
» Fabio Nardi: Campane per organi di tre chiese - 20 VIII 1984
» Claudio Di Scalzo: Compiuta trilogia del profondo - 20 VIII 1984
» Karoline Knabberchen: Il Cigno morto di Radiguet
» Claudio Di Scalzo: 5 frammenti di Saffo per la Ranocchietta morta
» Claudio Di Scalzo: Il Requiem di Verdi per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Oltre l’aneddotica in poesia con Machado. Cura Claudio Di Scalzo
» Narrative photo Fabio Nardi in toto
» Karoline Knabberchen ad agosto
» Claudio Di Scalzo: Quartetto per il luglio della calda cosa lingua con Karoline Knabberchen e altri maestri - Seconda parte
» Claudio Di Scalzo: Quartetto per il luglio della calda cosa lingua con Karoline Knabberchen e altri maestri - Prima parte
» Karoline Knabberchen: Stilita Post-Moderno in Rock Pose. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Karoline hier sul ferito petto La Mer. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Flautato Granellino con Benedetto Marcello
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Claudio Di Scalzo: Arpa Maggiolino Karoline. Canzoniere di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Jeanne Hébuterne scrive a Modì.
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Apologhi per il Serchio e dintorni. Con Libertario Nardi. Le età dell'angelo svizzero Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Mahler Mille in petto. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Poesia d'amore per San Valentino. Antologia per KK. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen legge Maria Barbara Tosatti
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'oro della poesia cercato con Brick Bradford. Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Vento s'alza sopra San Frediano in Lucca
» Claudio Di Scalzo: Bigliettino natalizio di Karoline Knabberchen. 1980
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Claudio Di Scalzo: Géricault verso Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dalla riva il tuo sguardo. Tellina per KK. Con manoscritto di Karoline Knabberchen
» CDS: Il bauletto di Christina Rossetti a maggio (a KK)