Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

GIOVANNI BOINE 1887-1917

:: Claudio Di Scalzo detto L'Olandese: Decalogo feuilleton per la pomona dell'Olandese Volante al Campo della Barra dopo Madrid - Con Calamares fritos e Sara Cardellino
24 Giugno 2018



cds: "Bacio al Campo della Barra di ritorno da Madrid" - 24 giugno 2018 





Claudio Di Scalzo detto L’Olandese

DECALOGO FEUILLETON PER LA POMONA DELL’OLANDESE VOLANTE AL CAMPO DELLA BARRA DOPO MADRID.
CON CALAMARES FRITOS E SARA CARDELLINO

Di ritorno da Madrid, ancora al Campo della Barra, mentre Sara Cardellino in silenzio mi guarda commossa, porto la Pomona dell’Olandese Volante (2011- 9 gennaio 2017) nella baracca che ho costruito per noi due, mentre il grano sembra un’orazione. Sara Cardellino per me è Senta che salva L'Olandese maledetto. Nel melodramma che ci riguarda... Wagner, col suo Olandese Volante, ha un posto fondamentale. Dal compositore la testata del sito transmoderno.
 


L'abbraccio nel grano


 

Così si conclude la mia avventura nelle arti. La vita che viene, quella che mi resta, custodirà questo passato. Nell’accudire il volto della pomona - ha i lineamenti di Karoline Knabberchen - affido alle spighe del grano maturo il decalogo che modellò e modella la mia vita. Nell’amore nel bene nella rivoluzione.
 

1

Non ho mai pensato di vivere il ruolo di autore poeta scrittore artista intellettuale come mestiere o carriera. E l'ho dimostrato con le scelte (Clikka: Idina Faro al campo della Barra a Vecchiano. Prima viene l'amore poi i libri da stampare). Ho soltanto svolto il mio “gioco” suggerisce Sara Cardellino (Tutto rivela il grano. Come volavano gli aquiloni. Campo alla Barra). Volevo fare - sarebbe stato meglio per me - il camionista come mio padre. Per campare, questo è il mio vero mestiere, insegno negli istituti, per scelta, professionali o tecnici: in classi“difficili”. Se ho svolto, da sempre, e poi on line, dal 2000, attività che rimandava all’estetica (nei vari generi, scrittura, arti) l’ho fatto per trovare un “accesso ontologico rivoluzionario(György Lukács, Storia e Coscienza di classe) all'amore al mestiere estetico per la classe proletaria, alla quale appartengo, e non per pochi eletti, bensì per gli esclusi, tutti.

I diciotto anni on line, inventando siti e nuovi generi elettronici con personaggi! in parola e immagine (senza firmarne proprietà con copyright borghese); essi hanno avuto la scansione elencata qui di seguito. Per seguire la mia utopia anarco-libertaria, in quella che chiamavo il "nuovo continente acquoreo" o la "pianura infinita calante", mutuando immagini da Melville e Jack London e Wagner, ho lasciato Feltrinelli e Sellerio a fine anni novanta.

TELLUSfolio (Giornale telematico glocale e TELLUS annuario transmoderno). Nel dicembre 2009 E.S. cambiò la password a notte fonda e tutto quanto avevo pubblicato venne usato per ricavarne pubblicità. Nel 2010 inventai L'Olandese Volante. Offrii a MB conosciuto anni prima di condividere parti filosofiche e politiche nel sito. A inizio 2011, contestando la prassi filo-israeliana e sionista che veniva dato al veliero da me pensato anarchico,  venni definito “comunista assassino” e dovetti vendere i disegni di Pazienza di Liberatore di Pratt per rientrare in possesso di quanto avevo ideato.

L'Olandese Volante proseguì la navigazione con la direzione mia e di CC. Cinque anni. Il 9 gennaio 2017 ho saputo da un comunicato rilanciato su Facebook che CC aveva aderito ad altra rivista di letteratura. Con una prassi del tutto opposta a quella anarchica e libertaria dell'OV. Lì vige,  a mio avviso, vassallaggio e ortopedia sui versi dei redattori. E poeti in ragnatela teorica. "Accuditi" dal critico e dai critici fondatori del sito. 

Dunque... Social e capitalismo elettronico (l'irruzione a partire dal 2005-2007 di multinazionali e social e media di vario tipo hanno regimentato e occupato ogni spazio di possibile lotta contro i mezzi di produzione esistenti) e scelte di chi mi affiancò, hanno vanificato completamente la mia utopia politica ed estetica. ("Hai lavorato diciotto anni al pc più d'un ebreo a Babilonia per non ricevere neppure una ciotola di pane zuppo!", mi dice semiseria Sara Cardellino). Dandomi ferita di cui porto cicatrice. Allora dolore. Nausea. Anche per la presa in giro subita. 


Nessuna delle tre persone, qui sopra ricordate in sigla, frequentate da me per anni, con legami amicali e sentimentali, mi ha parlato di persona delle loro scelte di “ripudio”, né guardandomi negli occhi, né per telefono. 

Non sono uno stinco di santo. E se mi chiamano Accio, sulla terraferma, un motivo c'è! Eccome! E ne ho combinate di cotte e di crude, come si dice a Pisa. Però azioni simili non l'avrei compiute neppure verso una persona che conoscevo da un mese! - Non avrei compiuto azioni simili per il mio cristianesimo, incentrato sul Mistero della Croce, sull'episodio del Ladrone e Cristo (Sul Buon Ladrone, su Giovanni Boine); e sulla teoria etica di Mc Intyre (Vecchiano di Alisdair McIntyre 1 - Vecchiano di Alisdair McIntyre 2), perché L'OLANDESE VOLANTE (2011 - 9 gennaio 2017) aveva una sua filosofia facendo finta di non averla, perché pur non essendo mai stato in Epiro né nei venti greci, sono stato nutrito fin da piccino, dai miei padri, di virtù eroiche ed etiche. Imparate nel tragico d'inferni domestici e politici. E poi mi bastò leggere un manuale di storia dell'antica Grecia, non ponderosi trattati, per capire che se avessi ripudiato senza guardare negli occhi la persona a me legata, sarei stato come  Efialte di Trachis alle Temopili e inadatto a ricordare miti e Leonida e Pericle.

E' semplice la Virtù e la Misericordia da intendere da praticare quando ti si presenta l'occasione, se ne hai la postura e l'animo adatto. Nessuna fiorita in erbe poesia a posteriori, alato poemetto, poema farcito di filosofico sincretismo,... può cambiare l'atto in cui non avesti Virtù o Misericordia. Le tre persone che ho ricordato in sigla, in questo inizio Decalogo, ciò non possiedono. E non voglio più averne notizia! Né che qualche motore di ricerca sul web accosti il mio nome al loro!! 

In ciò si è ripetuto il destino di Libertario detto Lalo, mio padre, per me. Sia come partigiano (L'agguato  a gennaio. Di padre in figlio con tradimento) sia come camionista. A lui fu suo fratello, con cui organizzava camion e agraria, a cambiare intestazione del conto in banca, per poi svolgere l'attività economica senza di lui. Usato e ripudiato. E ripudiato pur'io come Camionista dei segni! (clikka: San Paolo camionista. Feuilleton comunista) (Buonanotte babbo, buonanotte camion. Due camionisti)

 

Lalo/Accio: Due loculi partigiani! Feuilleton proletario transmoderno

 

2

La mia natura è giocosa candida scherzosa nonostante il Tragico che ha coinvolto la mia esistenza, fin da bambino, e il dolore del 20 agosto 1984; essa sempre è riemersa. I miei personaggi umoristici e comici lo dimostrano. Ed anche in quelli tragici c’è, spesso, il gioco delle battute, appare la levità quotidiana, lo scherzo. (Nella Barra Rossa/CDS: "Golem e Mara Zap, Rosa Mollica e Marco Pachi, Salata Maretta e Covato Poco, Eroma di Vecchiano, Il Santissimo). Anche nelle avventure di Fabio Nardi e Karoline Knabberchen c'è il sorriso.

Scherzo irriverenza umorismo nero attengono alla vita libertaria. Chi si prende sul serio da mattina a sera sbrodolando cultura, teoria, boria, sono i nipoti e le nipotine del Faust: il dominio sugli altri con la Cultura. Citazioni anche per rinforzare i cazzi mosci le fiche di legno.
La Natura sta invece nel Don Giovanni: che cerca Eros e Amore  a partire dalla sua corporatura materiale e senza maschere letterarie. Che non usa la cultura per vivere l'amore o procacciarsi qualche momento di sesso. Chi subisce o pratica seduzioni faustiane li butterei tutti a mare aperto. Chissà se la loro sapienza li tiene a galla gonfi come sono nell'ego! Nella vanità!

 

3

I miei maestri, nella vita e nelle arti, sono stati mio padre Libertario detto Lalo, Il Pazzo, Margherita Stein, e Karoline Knabberchen. E la Donna che visse due volte nel mio cuore. (Sono in pericolo Sara. Ho bisogno di te). Ad essi aggiungo molti miei conterranei, paesani, umanissimi e pure sperduti nei loro difetti (simili ai miei) nei loro errori (simili ai miei). Non ho mai riconosciuto alcuna "autorità" a intellettuali impegnati nell'estetica. Non ci ho mai perso tempo!, non sono adatti alla mia costituzione, io do importanza alla vita non al suo riflesso in qualche vanesia vocazione al bello e al sublime con cui salvare l'umanità. Sono menzogne idiote. Stronzate. Bêtise (Flaubert). Da Salon Caricatural (Baudelaire). Che ho combattuto con il personaggio Buck Eden (Contro la gerarchia vassallatica in letteratura in estetica on line). Però ho tenuto care le ombre di Gauguin di Modigliani e Jeanne Hèbuterne di Gemma Galgani di Bonaventura Durruti (12 Santi per L'Olandese Volante) e di tanti personaggi (letteratura e arti valgono se inventano personaggi) che fossero Cyrano o D’Artagnan o Achab o Moby Dick. Sono grato a Antonio Tabucchi, un maestro della narrativa, che ricorda me e Lalo. In “Piazza d’Italia”, romanzo; in “Campane del mio villaggio”, poema in prosa con dipinti di Davide Benati.
 





 

 

4

 

Appartengo a chi, come mi ha fatto comprendere, un tempo, Lalo mio padre, Karoline Knabberchen, e oggi Sara Cardellino:

Se tutto rivela il grando dandoti la mano. Come volavano gli aquiloni. Campo alla Barra (gioco creativo); Preghiera per stagione senza volo dell'uccelletto kierkegaardiano

(non di certo a qualche movimento letterario, on line, con sacerdoti e ancelle. Sono di una noia, autoreferenziale, mortale: per quanto scrivono.  Ho sempre rifiutato la prassi e l’idea che per inventare parole e segni fosse necessario una teoria a priori a posteriori per evidenziarne pregi. Per chi la reitera ognidì la considero una "malattia": di letterarietà enfatica!, che non è letteratura bensì riflessione inutile su come dovrebbe essere la letteratura; nociva per la stessa attività creativa. Ma la mediocrità storpiata dal miraggio di una carriera letteraria residua... necessita di queste stampelle. Sotto comando! magari ricevendo, da promossi in gerarchia, dopo aver subito modellamento sulla propria poesia, pubblici encomi e gradi di vice-modellatori-modellatrici sui versi altrui.)

 

Gauguin, Modigliani, Boine, Picasso, Montale, Campana, Tozzi, Dickinson, Jeanne Hèbuterne, Tabucchi, non ebbero bisogno di alcuna teoria a priori. Ho pena, avendo frequentato questi maestri sull'Olandese Volante, per l'infelicità di chi si fa modellare su come scrivere o pensare! Son più liberi i cani al guinzaglio quando li portano fuori casa. Chi segna con citazioni colte spropositate, per ottenere pesca dai motori di ricerca, il proprio territorio poetico ha natura da animali domestici adatti alla ciotola o alla bastonata sulle terga. E questo mio pensiero è figlio di un'azzardata unione di Stirner e Kierkegaard!

Non ho mai fatto mistero di quanto sopra scrivo a chi si avvicinava a me ai miei siti. Meglio ha fatto chi subito si è allontanato dalla mia persona! Senza darmi l’illusione di avere una complicità in atti rivoluzionari ed estetici che invece non esisteva! 
 

Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito.

 

Le due donne, che hanno portato rispetto, al "patto", al mio "gioco", sono state Karoline Knabberchen (Guarda-Engadina 1959- Lofoten-Norvegia 1984), che rifiutò ogni carriera universitaria e letteraria (clikka: Esclusività) ben sapendo che soltanto lei Costanza poteva difendere da ogni sconfitta il suo d'Artagnan di Vecchiano!; e Sara Cardellino, allora Sara Esserino, (I due addii di Sara Esserino che diventerà Sara Cardellino) che dopo la nostra separazione a Villa Malcontenta nel novembre 2011, smise di scrivere poesia per dedicarsi soltanto alla musica come solista e in orchestra. Questa si chiama onestà, dell'essere, nel tragico dell'amore  e delle arti. 

Questo è stato L’Olandese Volante. Nel suo veleggiare nel suo inabissamento. Che aprendomi gli occhi, li tenevo chiusi (io Bella Addormentata, tu con gli occhi chiusi  come mi disse Sara Cardellino) mi ha portato a una vita, traversando il dolore e la nausea per i miei errori e colpe, dove non è più contemplata nessuna attività estetica, che non sia, nel privato, per chi amo. Vivo o morto che sia. Una liberazione!


 

5

L’Olandese Volante è stato una scelta politica ed estetica. Rivoluzionaria. Mai ho cercato entrature pubblicazioni mostre recensioni scambi per quanto scrivevo o disegnavo. Tutto Pro Bono! (clikka: Sara Cardellino: L'anno di Accio e il Pro Bono Malum di Ariosto) Nessuno scambio con chi ha lavorato con le strutture di dominio, nella Microfisica del potere, e per il capitalismo schizoide (Foucault-Deleuze). 

 


cds: "Bacio alla finestra di camera che guarda Plaza Mayor a Madrid"




 

6

Il mio legame artistico è anche, molto, con i generi detti: popolari: melodramma, fumetto, narrativa d’avventura, western. Non esisterei senza questa mia appartenenza. Per me Dumas vien prima di Heidegger o Lacan. O di Wittengstein. Schubert dei Lieder e il rock (Led Zeppelin) prima di Shoemberg. (Barra Rossa/Transmoderno e Transfumetto)


 

7

La mia caratteristica è l’ingenuità. Come il Povero musicante. Di Grillparzer! Suona e non sa scrivere la musica. Sono sgrammaticato. Senza cultura letteraria nei fondamentali. Candido e crudele. Per me prima di tutto viene l’atto concreto. (Lettera di Sara Cardellino al Povero scrittore sgrammaticato. Che vede stracciato il suo fumetto)

Non ho mai tradito chi amavo d’amore assoluto. Sennò esso, semplicemente, non lo sarebbe stato! La mano sul petto che mi pose Karoline Knabberchen la sua scelta di prendermi intero anche con il Male addosso, la sua teoria che ci si possa rincontrare in altro universo: cerchio di esperienze religiose in più vite: io a ciò sono rimasto fedele! Con gli atti concreti. Reali. Tangibili. Nessuna poesia o testo letterario può sanare la ferita che viene inferta quando questa fedeltà viene tradita o non c’è, al di là dell'enfatismo letterario, un amore e un bene all'altezza di qualcosa di assoluto e che non scade come il latte!; questa letteratura è ridicola e mediocre: come abbellire la morchia con pittura dorata. 

La tomba di Paolo Fatticcioni detto il Pazzo (1949-2005) son riuscito a raggiungerla 13 anni dopo la sua morte soltanto con Sara Cardellino! A riprova di cosa sia l’amicizia per me! Cosa sia l’amore che comprende le nervature intime dell’uomo amato. Questa è poesia. Una donna che ti porta alla tomba di un amico e del padre... è poesia e amore assoluto (Accio e Cardellino sull'argine. La tomba di Lalo e del Pazzo
 

 

8

Chi mi conosce, chi mi ha conosciuto, sa che giungo fino all’estremo. Fino a dare tutto me stesso. Ciò spero!, oh se lo spero!!, riscatti agli occhi di Dio, gli atti sconsiderati e banditeschi, i miei limiti, la facilità con cui compio errori e colpe, le scemenze estetiche con le quali ammantai la mia vita troppo a lungo!  “Ho bisogno di te, sono in pericolo”.  E sempre sono arrivato. (L'ultima volta con Paolo Fatticcioni sulle Mura di Lucca) E quando lo sono stato io, in pericolo, e chi chiamavo è giunta, è giunto, per me, dimostra concretamente non a parole!, senza finta letterarietà!, cos’è l’amore cos’è il bene. 

Letterati e letterate, con me, han sempre tradito questo appello: non Il Pazzo, barbiere, non Karoline Knabberchen, non Sara Cardellino, non l’amico pescatore Pietrino.
Più importanti d'una mia "richiesa d'aiuto" sono apparsi gli incontri poetici in libreria, presentazioni di libretti, cene intellettuali, intrecci teorici, traduzioni, progetti editoriali di pubblicazioni... e altre miserie per carriera e visibilità sul proprio nome e cognome.
Con chi, non avendo forza spirituale, non resta fedele al "Patto" non voglio più avere alcun rapporto! né la desidero rincontrare in altri mondi. In altre vite. Che so esistono.
Confido rincontrare, con tutto me stesso, la poetessa che scriveva mirabilmente e niente volle pubblicare, il barbiere narratore orale insausto, e il partigiano nascosto nel cimitero di Vecchiano che faceva saltare le autoblindo nazifasciste e prima posava un fiore sulla soglia della sarta Nada Pardini figlia del gerarca locale. Questa è la poesia che non scade. Questa mi appartiene. Questa è la teologia e mitologia a cui si può restare fedeli una vita e più in là. E ciò scelsi e scelgo!


Sara Cardellino, semiseria, mi ha scritto: "… vabbè che sei stato un bandito, ma che tu non riesca mai ad evitare qualche rivoltellata a tradimento, Sansi poi Baldino poi la Ex Corsara, con i tuoi generi condotti altrove da chi fa il tirassegno,… forse è il caso tu faccia il contadino e basta. Al massimo ti rubano i pomodori e le pesche. E se fatichi a giornate, poi la cucina ci guadagna. Non come con le parole che poi te le friggi!". Ho deciso di darle retta!


 


Karoline Knabberchen

 

 

9

Quando mia madre sembrava morisse… letterati e letterate (anche ospitate nella casa della sarta, ricevendo in dono “cicalini” e limoni) si son tenuti alla larga. Neppure una telefonata. Sara Cardellino, invece, è giunta a tenermi le spalle. E quando viene a Vecchiano porta i dischi, LP, di Puccini per l’anziana signora maestra del cucito. Questa è Poesia. Amore. Bene. Comunismo!
 

(clikka Accio: La musicista cardellina e la sarta)



 

10

il 9 gennaio 2017 ho sentito nella testa le pallottole di Robert Ford. Sparate per conto della legge poetica al servizio degli sceriffi Pinkerton. E son diventato Jesse Accio James ammazzato e resuscitato da Zerelda Zee Cardellino con la musica di Schubert. (clikka: Quando salvai dalla morte Jesse Accio James con l'Ave maria di Schubert il 9 gennaio 2017 di Robert Ford). Però sono morto con il mio passato estetico. Tengo con me Karoline Knabberchen e i personaggi. Vivranno con me al Campo della Barra a Venezia a Marina di Vecchiano. E nei luoghi (dove vivono persone come noi la loro vicenda umana senza necessità di nobilitarla con enfatica poesia più falsa dei biglietti da 100 euro stampati in un basso napoletano) che raggiungerò con Sara Cardellino. La Donna che visse due volte nel cuore dello stesso uomo. Che ha completato melodramma, romanzo, western, cappa e spada.

Quanto scrissi, disperato, per la perdita di Sara! nel 2011: "E' deciso si muore col vestito migliore"... diventa, 5 anni e 5 mesi dopo, ritrovandoci,... un viaggio felice, e il vestito migliore la mia estetica ritrovata "gioco" di  Bambino-grande, fedele agli aquiloni all'avventura che copiò dal Grande Meaulnes. Perché, come mi dice Sara Cardellino, sono un Eroe da libro senza libro

 


 

"Bacio al Campo della Barra Contea di Clay Missouri
tra Zerelda Zee Cardellino e Jesse Accio James.
Di ritorno da Madrid" - 40 x 30, tecnica mista su cartone duro




 

Sara Cardellino e Accio

CALAMARES FRITOS A VECCHIANO VERNAHOLOS

Anelli di calamari per dita di sposa
Alto lignaggio da succhiare sciogliendo arcani.
Anelli infarinati poi fritti con olio di semi
Alteri. All’amante son serviti
Con fetta di limone ferita.


 

-Accio la poesia-ricetta è certamente gustosa, mette appetito, allegria… ma sei proprio sicuro di voler friggere te il pesce acquistato a Viareggio.

-Scusami tanto, … siamo tornati da Madrid, a Vecchiano ora mangi una bella frittura con una bella insalatina e poi la bella Cardellina domattina la porto a Venezia con la macchinina, mia. Ci tengo più a fare il cuoco che ad abbrustolire parole! Trova chi ti fa meglio!…

-Appunto, temo che “bruci” tutto, vien fuori un “untume” unico!... e farai “del tuo peggio!”

-Cribbio!, Sara, ecco che mi fai venì il nervoso! Ma come parli!... “bruci”, “untume”…

-Accio, dammi retta, fai “frigge” alla Nada, che si sta per “sbellià da ride”.

-Oh mamma… ma la senti come mi fa il verso vernaolo questa veneziana!? … dai la tua sentenza…

-Ah, è meglio che friggi te!... e perché?... perché io son già impanato e fritto! E cotto a puntino!… perfetto siamo alla complicità totale contro di me… va beh!… cedo… ma anche lei è fritta! Sia chiaro…

-Accio, intanto, andiamo a prende da Agostino i “pomodorini lucidi” che ci ha promesso… davvero mi vedi fritta cotta di te senza rimedio? …

-Per forza sei pomodorina cardellina! che s’è innamorata del calamaro poeta fritto raro…

-Vieni qui, dietro la siepe, e stai fermo che sennò “t’impungii”… Smack…SMaacKK

 

 

                                                                                                                                
                                                                                                                     "Cardellina col cappello sulla schiena nudina" - Madrid - (cds)




 

LUNGA NOTA CON WESTERN E MELODRAMMA TRANSMODERNO
 

Sara Cardellino scherza usando il vernacolo pisan-vecchianese. Ortica, qui, si dice “pungia”! E se ridi forte l’ombelico si sbellìa. Anch’io, ma con più fatica, perché son duro, linguisticamente, m’esercito col dialetto veneto-veneziano. L’ho parlato anche a Madrid a volte creando una comicità unica. (Sempre su Accio e Cardellino nella cucina vecchianese: Bandito scervellato. la poetica del ragù a Vecchiano. Lucca Comics 2017)

Con questo diario-dialogo, con il quale reali voci affidate a personaggi (racconto transmoderno, da Vecchiano-Campo alla Barra a Madrid e ritorno) salutano dal social per entrare nell’estate, e, magari tornare nell’autunno, rivela come Accio, come Claudio Di Scalzo, un tempo autore nei segni scritti ed estetici, abbia trovato il suo “centro di gravita cardellente”.

Dove ogni vita letteraria e letterarietà non ha posto. Il “centro” è il fritto, l’anziana madre malata di cuore, la giovane musicista che pur suonando Bach come poche, con la sua cultura classica, sceglie Accio, perché le ha fatto trovare la sorpresa, tornando contadino, del grano al Campo della Barra, vicino al lago Puccini, con relativa baracca, come davvero poteva fare un Jesse James per la sua Zerelda Zee.

Nel racconto di oggi col fritto, al centro di gravità ci sta il vicino di casa di 90 anni, che le racconterà dandole i pomodori, di Accio monello. Non sarò io al centro, bensì una voce narrante proletaria, che con parole semplici, narra nel tempo avanti eindietro. Questa è la mitologia che a me attiene.

Sono un uomo semplice.

Non ho mai voluto essere un intellettuale, un colto, insegnare ad altri autori e autrici la letteratura l'estetica la cultura, ma stare dentro una comunità di linguaggi, della mia classe d’appartenenza. Ed ebbi, l'utopia, con L'Olandese Volante (2011-2017), di creare on line, voci, andando oltre il comunismo-capitalistico dei social, dei siti, di ideare un comunismo popolare: narrazioni, autofiction, novel, diari, realismo popolare glocale (locale e globale), poesia-flusso... che fornisse estetica ai movimenti di ribellione e rivolta anti-capitalistica.

In questo quadro anche Agostino mio vicino di casa, anche il giovane sfruttato da Ikea, il migrante e l'antico pescatore anarchico poteva avere (potrebbe avere) la propria dimensione espressiva. Trovare un "accesso ontologico di classe". Non per singoli nominatisi intellettuali guida. Che poi è una ridicola stronzata già, giustamente, seppellita nel Novecento dai movimenti d'avanguardia.

Andando dal giornalaio, distante a 500 metri dal cascinale, dal cancello verde, con il pino e la magnolia e il noce, Sara Cardellino, ha scoperto che ci metto anche due ore, perché la gente mi ferma, mi chiama: “Accio, sei tornato…”.

E ognuno mi racconta un evento, di gioia, di dolore, scherzoso o malinconico. E ricorda il tempo nostro trascorso. E mi chiede della Nada. Di questo racconto, che è orale, non scritto, io sono destinatario e autore con altri anonimi autori e autrici.

Il Cardellino, quando la Domenica delle Palme, nel 2017, ed erano passati 5 anni e 5 mesi dalla nostra separazione, ha risposto alla mia richiesta di aiuto: "Sono in pericolo Sara", e lei è giunta, è arrivata al cancello verde dietro la Chiesa di Sant'Alessandro, chiedendo nei paesi della val di Serchio, semplicemente, "Cerco Accio, potreste indicarmi, dove abita?". E le hanno risposto: "Dietro la Chiesa di Vecchiano, vedrà un cancello verde a barre orizzontali che fece su pa' anarchio, c'è un pino alto dietro un noce e una magnolia e canto la 'asa un limone... chiama forte: Accio!... se è in casa appare sulla porta e ti viene incontro. Se è in giro chiedi di lui in piazza e te lo mostrino di siuro. Non dire il suo nome e cognome, qui per noi, è Accio! E lui ci tiene ad esse chiamao osì".

E se qualcuno ricorda, quando da solo, Accio “stese a mani nude tre fascisti che volevano picchiallo…” o quando andavo con il Pazzo (1949-2005), l’amico barbiere, a caccia di frodo di fagiani e cinghiali nel Parco dei conti Salviati, perché l’avanguardia del proletariato si riappropriasse di quanto era nostro… a costo di prendere qualche fucilata dalla guardie… allora sarà chiaro alla Cardellina… cosa intendo, da una vita, per amicizia, invincibile, e per lotta comunista.
Se, grazie ad un vecchianese, operaio o pescatore, Sara Cardellino, conoscendo da un’altra voce, la mia semplice storia, mi amerà per sempre, di un amore che non scade come il latte, il romanzo avrà avuto la sua conclusione, adatta.

E, seondo me, non vorrei sbagliammi!, andrà ‘osì!
 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Pittura appare fotografia in coppia scompare. Ricordo del Pazzo della Donna d'Engadina
» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino:Trieste di Domenica 5 luglio 2020 ricordando Arthur Rimbaud e Robert Ford nel 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Frasi celebri di Robert Ford. Dallo psicoanalista commentate. Romanzo Western del Nulla.
» Accio e Cardellino: Il Requiem Tedesco e l'Erba Acetosa. Musica Erbe Fiori 1
» Accio: Le cinque ultime carte di Wild Bill Hickok. A Sara Agnes Lake con Cena in Casa Di Levi.
» Accio: Foresta ad est s’appresta al Maxernst. Romanzo Western del Nulla.
» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino: Robert Ford Corvo per ricordare atto torvo il 9 gennaio 2017. Ornitologia da banco
» Accio e Sara Cardellino: Interpretazione western psicoanalitica del codardo Robert Ford il 9 gennaio 2017
» Accio e Cardellino: 9 gennaio 2017. Romanzo Western del Nulla. Premonizioni che Jesse Accio James ignorò e così Robert Ford poté sparargli a tradimento nella testa riscuotendo la taglia che la Legge Poetica di Pinkerton e Baffetti di Rame imponeva
» Accio e Sara Cardellino: Il rame e le sue trame. Novella della ghisa rossa per il "Romanzo Western del Nulla 9 gennaio 2017". Daniela Cantelli Etta Place
» Cardellino: Ser Pelleas Accio e Sara della Laguna nella soffitta di Accio l’Otto dicembre 2019. A ricordo del 9 gennaio 2017 con i Cavalieri della Tavola Rotonda
» Claudio Di Scalzo: Robert Ford sul lettino dello psicoanalista dopo il 9 gennaio 2017 quando uccise a tradimento Jesse Accio James
» Il 9 gennaio 2017 di Robert Ford e Jesse Accio James con l'ulivo di Lalo con parole in ombra prima del BANG finale
» Sara Cardellino: Vicenda d'amore della Ragazza Profumo e dell'Uomo di Ferro. Ad Accio, 2009 e 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Wild Accio Hickok nella neve e corsaro per Sara Cardellino
» Accio: Possiamo definirci reciprocamente morti? Wild Bill Hickok e Jack McCall
» Claudio Di Scalzo: Piove sono a Vecchiano. È una pena. Sulla letteratura e la crudeltà nella vena. Accio, Lalo, Tabucchi, Boine, Il Pazzo, London, Hickok, Donna del 9 gennaio 2017, Cardellino…
» Claudio Di Scalzo detto Accio: L'Olandese Volante è morto viva L'Olandese Volante. Ruolo di Sara Esserino/Cardellino
» Di Scalzo: La morte di Wild Accio Hickok (con Sara Agnes Lake) e di Accio Billy the Kid figlio delle stelle il 9 gennaio 2017
» La Stanza detta di Munny per Accio pistolero spietato e per il comunismo inteso in western maniera
» CDS: Buck Eden e Cardellino Trillo di Luna. La scoperta del biglietto "Rapporto umano e di lavoro"
» Claudio Di Scalzo: La Musata. Ovvero l'amore in pubblicità marca Stirner. Con Ornitologia da Banco Action Painting
» Accio e Cardellino: Se tutto rivela il grano dandoti la mano. Campo alla Barra Contea di Clay Missouri - Come volavano gli aquiloni...
» Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
» Claudio Di Scalzo: “È l’ontologia bellezza” esclama Giuda. Con frammento di Antonio Tabucchi ad Accio sul Tradimento
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen e i morti traditi. Una profezia. I fatti luttuosi accaduti sull'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Vangelo di Giuda. Il tradimento nell'Orto degli ulivi elettronici
» Claudio Di Scalzo: La Collana 14 febbraio. A Sara Cardellino l'ultima opera di Accio la prima salvifica. Wagner Ouverture Ti Amo
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Dialogo Stellato a Verona. Difendere gli scritti su Karoline Knabberchen
» Sara Cardellino: L'anno di Accio e il PRO BONO MALUM di Ariosto
» Claudio Di Scalzo: Hanno ucciso il mio amico Candido Comunismo. Li ucciderò tutti. Sono Spietato
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Quando salvai Jesse Accio James dalla morte con l'Ave Maria di Schubert il 9 gennaio 2017 di Robert Ford - Un racconto, due lettere, e quattro dipinti per l'otto dicembre 2017
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Bacio a dicembre, l'Otto, con la Rapsodia n. 5 di Liszt. Zerelda Zee Cardellino e Jesse James
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Bandito scervellato che amo che ho amato. Ovvero la poetica del ragù a Vecchiano nella notte di Lucca Comics 2017
» Claudio Di Scalzo - Sara Cardellino: L'ultima storia con morti e pistole. Jesse James e Robert Ford a Vecchiano - Vicende Lucchesi ed ermeneutica western 1 - 2 con Jesse James e Butch Cassidy e Il Pazzo
» Sara Cardellino: Un film per te Claudio Di Scalzo. L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford. Adatto all'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» CDS: MAESTRI GAGLIOFFI omaggio al Thomas Bernhard di ANTICHI MAESTRI e Critica alla cultura ai tempi della Pappa Web Ontologica. Orazione Cruda Esagerata. Stele Paolo Fatticcioni. Carcere e Poesia 1972. A Pianosa torturavano.
» Claudio Di Scalzo: Piccolo Accio e Accio Billy (fumetto esistenziale con Aglaia-Cardellino)
» Claudio Di Scalzo: Piccolo Accio e Accio Billy (fumetto esistenziale con Aglaia-Cardellino)
» Accio Billy The Kid al Saloon Estetiche Arti Poetiche - Con Adriano Sofri - 3
» Accio Billy The Kid al Saloon Estetiche Arti Poetiche - 2
» Accio Billy The Kid al Saloon Estetiche Arti Poetiche - 1
» Lapide Claudio Di Scalzo