Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

GIOVANNI BOINE 1887-1917

:: Giovanni Boine: A tagliare gli ormeggi 6
06 Maggio 2017

 

Giovanni Boine dopo aver scritto "A tagliare gli ormeggi"

e averne evocato l'eco negli ultimi giorni di vita.

Clikka:GIOVANNI BOINE MUORE 5 MAGGIO 1917

 

 

 

Giovanni Boine

 

A TAGLIARE GLI ORMEGGI

(1917)

 

A tagliare gli ormeggi il vento via ti soffia. Però non si sa dove.
E sia per dove sia! il vento mi strappi via, della disperazione.
Però a scrutarmi nell’oscurità, che gemere, che smarrimento!
Però a cercarmi nella mia pietà stringo le mani in contorcimento non so che Iddio scongiuri per esaudimento nella improvvisa ingenuità.
Non v’è luce nell’opacità! Limai le sbarre di questa prigione: verso la liberazione l’anima ruppe con voracità. Ma porto fu il nulla.
Ormai non ho più nulla da via buttare son nudo fino all’anima non sono che un’anima tutto son fatto di tristezze amare e di sgomento. Senza meta e per disperazione reggo contro me in ribellione ma il nulla fa spavento.
Signore questo rotto corpo, non mi porta ormai non mi conforta pei chiari occhi la sanità del mondo. Qui giaccio qui lento mi disfaccio gemebondo. Oltre al corpo cercai Signore, ansioso le tue porte; sprofondo ora spento nel disfacimento della morte.
Non c’era vero nella verità!
Squamai le fedi ad una ad una con tenacità in cerca della mia, scavai la via pesta della consuetudine. Giunsi all’amaritudine bieca di questa solitudine. E sosta mi fu il nulla oh amici! A tagliare gli ormeggi il vento via ci soffia. Però non si sa dove.

Con nocche di sangue in cima alla scalea scuoto in angoscia la porta di bronzo: sono un perduto nell’eternità.
M’abbranco naufrago alla disperazione; tutto son teso nell’invocazione; – di qui qui qui all’eternità! –

 

 

 

 

 

 

 

Claudio Di Scalzo

 A TAGLIARE GLI ORMEGGI È UNA PREGHIERA

Giovanni Boine scrisse “A tagliare gli ormeggi" nell’ultimo tempo della sua malattia mortale. A me non interessano le preziose note filologiche su come e quando Mario Novaro li abbia pubblicati. Mi preme invece ricordare, in prossimità del centenario il 16 maggio, quando Boine muore a trenta anni, che questa è una preghiera. E che attiene al Sacro.

Ho accostato, di recente, a Lucca, a fine aprile, a questa preghiera di Boine, una di Gemma Galgani agonizzante e un lacerto di Kierkegaard sull’esistenza autentica nell’abbassamento, nell’umiliazione del corpo ammalato, che porta alle vera conoscenza, ricavandone sintonie impressionanti: “Perché il giudizio della conoscenza abbia il suo valore ci si deve buttare allo sbaraglio nella vita, fuori, sul mare, e far echeggiare il proprio grido, per vedere se Dio non lo voglia ascoltare; non stare sulla riva del mare e guardare gli altri lottare  combattere – soltanto allora la conoscenza diventa giudizialmente nota e in verità sono due cose completamente distinte lo stare su un piede solo e dimostrare l’esistenza di Dio e il ringraziarlo in ginocchio”

Giovanni Boine è il singolo nella disperazione della malattia mortale: sta sul piede solo, ultimo, della sua residua capacità e voglia di scrivere come poeta, un testo, da rivolgere a Dio: richiesta d'aiuto consolazione cura; e poi in ginocchio, senza più nessun orpello da letterato s'affida al Cristo all’umiliato dalla Croce dal Male. Sta nella sua stessa solitudine. Ricordiamolo. Del Crocifisso. Nessuno e nessuna lo cura da quando ha tagliato gli ormeggi. È solo. Accanto ai fogli con l'ancora sollevata per il mare aperto della scelta finale... c’è anche un telegramma.  “So che vivi un momento durissimo, nel tuo presente, ma di ciò non mi voglio più occupare per tutti i motivi che ti scrissi e che furono causa della nostra separazione. Sono sollevata a sapere che la signora Sandra viene una volta a settimana a trovarti per sapere come stai, a confortarti conversando un poco con te”. Boine lo guarda, quel telegramma così impietoso, e prova una pena talmente infinita che lo fa quasi soffocare. Poi eleva un Padre Nostro. Anche per chi vergò tali parole ultime. Verso la sua camera di dolore.

Quindi “A Tagliare gli ormeggi”, lo inserisco in "Giovanni Boine muore" per il 6 maggio, come fondamento, testimonianza, frammento, del racconto cristiano sugli ultimi giorni dell'autore di Porto Maurizio. 

"A tagliare gli ormeggi" non è roba per costruirci sopra teorie letterarie. Chi lo fa o lo farà nel centenario somiglia, secondo me, a chi si cala negli ossari per raccattare teschi e scapole a caso tanto per ricostruire uno scheletro su cui studiare a Medicina. Lascino perdere quanto attiene al Boine malato, alla sua ultima produzione scritta che neppure volle sistemare. Si dedichino casomai ai soliti ritornelli sul frammento vociano sulle estetiche che i letterati elevarono nel novecento e che ora sono polvere. Sono sempre esistiti ed esistono anche oggi in rete e su carta stampata chi costruisce statue con la polvere tenendola insieme con la saliva della propria vanità.

Quando anni fa, primavera 2014, andai ad Imperia sulla Tomba di Giovanni Boine, e mi giunse la luce del poeta attraverso il cipresso accosto al marmo dove riposa colui che tagliò gli ormeggi soliti del letterato, mi ripromisi di difendere l'uomo, il fratello nel Sacro, che muore col suo vestito migliore: la fede nell'umiliato Cristo. E questo faccio nel maggio 2017. E farò più in là!

 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» CDS: Boine spasmo agitato e calmo. Poesia mistica e materialista da banco. 17 maggio 2020 103esemo anniversario della morte di Giovanni Boine
» Claudio Di Scalzo: La Tana nell'iceberg di Giovanni Boine. Profezia e Peccato.
» Sara Cardellino: Investi qui le tue risorse. Richiamo a Con gli occhi chiusi di Federigo Tozzi
» Sangue al naso. Karoline Knabberchen e Giovanni Boine e la sonata a Kreutzer di Beethoven
» Bastione Isola dei Morti ovvero la Morte e Giovanni Boine 16
» Claudio Di Scalzo: L'ultimo giorno di vita di Giovanni Boine. Buonanotte babbo...
» Giovanni Boine Muore. Testamento. Reincarnazione-frammento. Karoline Knabberchen
» Il Boine di "Plausi e Botte" nel fortino e i venditori d'auto
» Boine muore in due luoghi 15
» Boine corpo solo - 14
» Morte Fanciullo Boine 13
» Claudio Di Scalzo: Frammenti di critica su Giovanni Boine in progress
» Buxtehude Boine Cristo 11
» Claudio Di Scalzo: La sedia nell'armadio. Giovanni Boine muore, 9
» Giovanni Boine Muore 10
» Boine: I cespugli è bizzarro 8
» Giovanni Boine: Prosa a Maria. VII - a cura di Claudio Di Scalzo
» Giovanni Boine muore 5
» Giovanni Boine muore - 4 maggio 1917
» Giovanni Boine Muore - "Tre o quattro telefonate" - 3 V 1917
» Govanni Boine Muore - 2 Maggio
» Claudio Di Scalzo: Sangue stoino cipresso trasmette. Giovanni Boine muore - I
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine cerca la sua tomba
» Claudio Di Scalzo: Ottetto del Bambino sulla sedia con Boine
» Giovanni Boine: Bisbiglio e vespero". A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il sogno di Boine preso per il naso
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine dalla Nada Pardini
» CDS: la cucina di Giovanni Boine. Post-Libro sul cibo
» Claudio Di Scalzo: Boine muore a maggio
» Claudio Di Scalzo: Boine sotto sale
» Claudio Di Scalzo: Boine Muore io con lui
» Claudio Di Scalzo: i Salmi di Giovanni Boine.
» Claudio Di Scalzo: Giovanni Boine e l'estetica della commemorazione
» Dino Campana: "Arabesco - Olimpia. A Boine"- Disegno Indagine CDS