Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

K. Knabberchen prose

:: Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
07 Febbraio 2012

 
 
 
 
 
 

Karoline Knabberchen

L'ASSUNTA DEL TIZIANO A VENEZIA

(a cura di Claudio Di Scalzo) 
 
 
Sestriere san Polo –  Venezia, febbraio 1981
Arrivata a Venezia, indovina un po’ dove s'è rivolta subito la mia attenzione? Bravo, so che mi hai capita!
Mi sono immediatamente diretta ai Frari! Oh, ricordi le passeggiate primaverili nel Sestriere di San Polo?
Essere qui m’ha messa di buon umore, in laguna echeggiano ancora le nostre voci. E stranamente questo non mi crea malinconia (sì, mi manchi… ma se mi manchi nella gioia lo sai che è più bello).
La Basilica è così come la ricordavo! Ho fatto una foto al campanile, te la spedirò. So che riderai tanto, è identica a quella che feci con te... ”il campanile pendente” , lo chiamasti.
Mi sono diretta verso l’altare (tu sai, lì c’è la mia passione!)... I frati ridevano forte: quale luminoso contrasto, l’ombra densa del luogo sacro che sfavilla e si dissolve nelle bocche di questi uomini. I frati li ho da sempre cari: t’ho mai raccontato della mia prima “confessione”, in preparazione della Prima Comunione? Non si riusciva a farmi parlare (l’emozione era tale da serrarmi stomaco e bocca): prima tolsero di mezzo il confessionale, …poi tolsero di mezzo il prete! Mi fecero chiacchierare con un frate che chiamarono appositamente per me! Oh, quanta riconoscenza nei miei occhi di bambina! Quell’omone pacifico e delicato, che aveva capito come vivessi con pena il peccato (non ne avevo da confessare, e lui questo capì! Che quello era il mio peso).
 
Ma sto divagando amor mio, come sempre.
 
Allora, facendomi allegramente spazio tra il riverbero delle loro risate, mi sono avvicinata all’Assunta del Tiziano. Oh, la tua demonietta per poco non cade inciampando nel primo scalino, procedendo così a naso in su...
 
Non ho mai capito se sia la luce che esce e si reincarna nello spazio intorno, o gli arancioni caldi che puliscono e cicatrizzano la mia pupilla! Ma ho pianto, anche questa volta. La bruttezza assimilata in questi giorni -tu sai quanta ne è pesata su queste spalle- tutta s’è lavata, dissolta nella grazia e nell’armonia delle linee: le forme circolari, le due piramidi che esaltano lo sguardo … E l’uomo di spalle, in primo piano… con quel suo braccio teso mi muove sempre a un senso di fratellanza, lo capisco… lo compatisco. Anch’io ho il braccio sempre teso, anch’io vorrei rifugiarmi ancora nell’abbraccio di mia madre. Quando a casa, in estate, si stava a giocare in balcone e l’aria era profumata, e mia madre controllava i vasi dei fiori per scovarci gli scorpioni (sempre ne stanava qualcuno). E poi la sera si stava, io lei e mia sorella, a leggere qualche storia.
 
Quell’uomo soffre di questo vuoto. Ma è così vicino... così vicino e sempre, amore mio, quando torno in questo luogo, spero di trovarlo sulla nuvola, spero ce l’abbia fatta. 
 
                                                                                     Karoline Knabberchen
 
 
 
 
Pisa - Febbraio
 
Quando è arrivata la tua lettera veneziana, nel bisbiglio di suoni avvertiti,  ho saputo che la risonanza dalla città dov’eri tornata, per scrivermi, m’avrebbe consegnato lo spazio, a oriente del mio risveglio, vicino al vetro dell’ampia finestra che guarda l'Arno,... sul fiato condensato sarebbero colate parole. Per dirmi che, da ora in poi, mi farai visita con lo scandalo di una lettera che scrivi nei luoghi dove vuoi portarmi, forse lì m'aspetti, e che leggerò sulle superfici più incongrue: vetri, mobili, tegole, travi, piastrelle, tappeti, coperte, monili… per confidarmi che il nostro mondo, dopo Pisa, non è cambiato, anche a Venezia, anche davanti al quadro di Tiziano dove sei stata. Il cicaleggio opalino del nevischio sparso nella notte occhieggia  sugli argini del fiume. Il vuoto dato dall’assenza dei tuoi occhi, delle tue mani, vuoi riempirlo con una lettera da Venezia? Vuoi sapere quale forma prende adesso il mio abbraccio a te che passeggi in cerca della locanda dove vorresti portarmi alle Zattere? Non ti curi del bronzeo livido che provo nel sogno ad occhi aperti:  la simmetria disciplinata di Morte e Vita viene lacerata, tornano luoghi d’acqua, dove sei a tuo agio, e mi dici che la separazione tra noi è un semplice infortunio, del tutto superabile, sotto alla neve delle parole, al fiato condensato, alla descrizione del dipinto di Tiziano… allora la nuvola di cui parli è anche la tua lettera, ma non so quanto sposta ancora in avanti il nostro incontro, futuro, in qualche città da dove mi scrivi, italiana od europea, nel tuo frequente peregrinare, e se questo  postino in gelo di febbraio sui vetri non sia una sorta di romanzo epistolare che ha pagine  di dolore comune che non trova soluzione… o se le lettere che riceverò affermano che la poesia nella sua ingenuità sognante, non sto forse leggendoti?!, offre il lustrale appuntamento, in gioia, come i corpi freddi aspettano il calore della carezza in una diversa realtà. Di primavera. La nostra di innamorati che, in questi mesi separati, si ritrovano. E che sia febbraio non ha la minima importanza, anzi, senza febbraietto corto e maledetto il vetro sarebbe imperfetto… non leggibile.
 
                                                                                   Fabio Nardi


 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Antonino Anile per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Capodanno a Raqqa. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Trakl: An Novalis. Karoline Knabberchen Traduce. Dipinto di CDS
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Confession d'un post-moderne du siècle. Afred de Musset e George Sand a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo