Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

TRANSMODERNITÀ

:: Karoline Knabberchen: Esclusività. Claudio Di Scalzo: Il Cosmonauta Accio - La tekné retorica non è poesia bensì musata cadendo dal nido!
20 Agosto 2019


Karoline Knabberchen (Guarda 1959- Lofoten 1984)
 Fotografata da Fabio Nardi nel gennaio 1980



Il "Foglio Di Lalo" ricordato nella lettera è stato negli anni 1979-1982
un reale ciclostilato-fotocopiato della coppia Knabberchen-Nardi
e verrà inserito nel Canzoniere di Karoline Knabberchen.
Foglio romanzesco sulle vite dei comunisti degli eretici
con frammenti della coppia sul presente italiano.

La rivista ricordata nella lettera salvo il nome era realmente pubblicata
e Karoline Knabberchen ricevette realmente invito
 a entrare nella Redazione.
Karoline Knabberchen rispose realmente, e in ambito universitario
se ne parlò a lungo, come scrive nella lettera a Fabio Nardi.
Proponendo al barone universitario e "sapientissimo" intellettuale
che con tanto calore la promuoveva redattrice nella sua prestigiosa rivista 
a collaborare lui con i suoi amici al "Foglio di Lalo" ciclostilato.
 
Karoline oltre che amare Fabio Nardi come il suo Canzoniere racconta
era giovane donna rivoluzionaria nella sua etica.

Chi adesso scrive questa nota ritiene pure 
fosse una forma angelica che a volte capita di incontrare.
Quando l'amore, la fedeltà, l'assoluto
è qualcosa per cui si può vivere
e anche morire.

Per questo l'amo e Fabio Nardi con me
e la ritroveremo!



clikka: Mozart e Brahms e Kierkegaard il 20 agosto per Karoline Knabberchen
(sull'esclusiva-esclusività in amore)




Karoline Knabberchen

LETTERA A FABIO SULL’ESCLUSIVITÀ IN AMORE IN POESIA

Caroilmiofabio… ti scrivo dalla neve d’Engadina felice bambina (rima gioiosa),... e questa lettera voglio somigli a una riga rossa che ti raggiunge… ehi! Non equivocare non è una linea bolscevica… ma linea di febbre d’amore tanto estesa che non si può misurare… e che soltanto quando divento la tua bambina ranocchietta posso inventare e spedirti… ma questa fantasia fiabesca si regge su dati reali inoppugnabili e, per farti felice, sul materialismo dialettico tanto caro al Barbuto di Treviri che hai nominato tuo nonno protettivo perché ti senti, unico, nel rispettarne i dettami dei “Manoscritti economico-filosofici” del 1844, quando s’inventa un comunismo che non conceda neppure alle cose d’arte un valore di scambio ma d’uso, e cioè nessuna vendita monetizzazione feticismo alienazione, ma godimento puro in comunità comunista. Mi fa sorridere questa tua convinzione e fedeltà, lo sai, tanto che ti chiamo “L’ultimo Mohicano Marxista” in una città, come questa di Pisa, dove tutti nella cultura son marxisti e comunisti e nell’università non trovi un liberale neppure a pagarlo oro. Però basterebbe entrare alla Feltrinelli con tutto quel marxismo comunismo in vendita per capire che per te la vedo ardua. Andrai incontro ad amare delusioni mio bel fotografo!... ma io divago… la linea rossa mi richiama alla linearità d’amor freccia per il tuo cuore a Vecchiano! Prendo la mira…

Domenica mattina, tu eri andato a Carrara per un servizio fotografico sugli ultimi anarchici, bravo Fabio offri click e cornice a chi forse più dei comunisti marxisti ha avuto una sua coerenza rispettabile anche nella cultura!, e allora al Caffè dell’Ussaro sul Lungarno Pacinotti, mentre bevevo il mio tè alla menta, mi s’è avvicinato il potente accademico comunista che insegna pure alla Facoltà di Filosofia, sì quello che ha scritto il saggio su “György Lukács e il realismo possibile del novecento”, e sedendosi al mio tavolo si è presentato cortesemente, in modo molto inglese, e mi ha informato che avendo avuto notizia di certi miei interventi sull’idealismo di Schelling al seminario tenuto dal suo assistente a Filosofia, avrebbe avuto piacere che collaborassi alla sua rivista Dialettica Allegoria: filosofia e letteratura contemporanea; che lei certamente conosce, ah bene, non ne dubitavo, come lei sa è rivista molto diffusa nell’ambiente culturale italiano, e pubblicando, accanto ai testi in italiano, parti in varie lingue europee, ha pure una caratura internazionale, dunque, probabile sia nelle biblioteche e nelle università della sua Svizzera; m’informo sempre sulle mie future redattrici, non si stupisca!, per la mia offerta, non collaborazione episodica, ma redazione!, dove interloquirà con me e con alcuni fra i maggiori studiosi filosofi e scrittori e poeti in circolazione, ha degli occhi magnifici nel dilatarli, sì sì, aggiungo che essere redattrice nella mia rivista le aprirà, se scrivesse dei libri, la pubblicazione presso importanti case editrici, io stesso la antologizzerò con altri autori, come può immaginare ho creato una linea filosofico-letteraria originalissima!, con la mia prefazione quando curo la mia collana presso l’editore pisano ETS, ogni anno esco con un volume poi studiato anche dagli studenti in varie facoltà,… posso considerare il suo ingresso cosa fatta, vero?… e mi consenta di offrirle il tè, ne prendo uno anch’io con questi ottimi biscottini che ingolosivano anche il poeta della Natura Matrigna, Matrigna non nella dolciaria pisana, credo.

Signor Gualtieri, la sua offerta è molto gentile e potrebbe lusingarmi, ma io già sono in una Redazione, di più, siamo due direttori, non abbiamo né redattori né collaboratori, stranamente i comunisti non gradiscono l’avventura che proponiamo di un’arte e di una letteratura del tutto gratuita, Pro Bono, per il bene di tutti. La conosce questa locuzione?, è usata di rado, per descrivere un “impegno” continuo facendosi carico volontariamente e senza la retribuzione di alcuna somma, come servizio, per me e Fabio Nardi fotografo di un servizio verso il popolo. E adesso le faccio la proposta, a lei e ai suoi amici, di collaborare a questo foglio ciclostilato che si chiama “Il Foglio di Lalo” dedicato al padre del mio fidanzato, Libertario Nardi detto Lalo, ex partigiano, e morto l’anno scorso.

L’accademico mi ha guardato irritato e poi sprezzante, dicendo: non conosco questo “volantino”, ha detto proprio questo volantino!, né la vostra attività politico-culturale; signorina Karoline Knabberchen, mentre la mia era una cosa seria, la sua è per me una presa in giro! Interrompo la conversazione, consideri quanto le ho detto mai pronunciato. Ma scusi, lei non è comunista? Sì, e so capire al volo quando mi trovo davanti alla solita stupidaggine anarcoide e pseudo marxista messa in atto da dilettanti.

La nostra rivista ciclostilata composta da un solo foglio è rimasta sul tavolo tra le briciole dei pasticcini di Leopardi. Che se fosse stato lì forse avrebbe apprezzato il nostro sforzo. In fin dei conti riveliamo quanto “le magnifiche sorti e progressive” (La Ginestra) siano in mano ad astuti intellettuali che si sistemano nella cultura agendo remunerati in vanità e cattedra benedicente la vera cultura la vera poesia la vera filosofia la vera letteratura per cambiare la società con loro a gestirne da dotti gli esiti. Un incubo di sapienza onnicomprensiva! E che se domani finisse la mammella comunista del PCI potrebbero scoprirsi idealisti e neo-ellenici decantando l’aristocrazia che da Agamennone vien fino ai finanzieri in borsa.

Gualtieri, lo ricordo perché è successo l’altrieri, ridi pure ti sto superando nell’uso delle rime umoristiche!, se ne andato in un fulgore funebre mentre sui lungarni sfavillavano i ghiaccioli di gennaio. Nel pomeriggio sono dovuta rientrare a Guarda perché mia madre cadendo si è fratturata un braccio, e, ora tutto risolto, accudisco la linea rossa.

E DICHIARO (faccio la compagna da Terza Internazionale, eroina di John Reed! o di Majakovskij!): provo per te un grande amore, mio compagno vecchianese, non scordarlo mai! DICHIARO che sono felice di stare alla pari con te – tu fotografi e disegni io scrivo di filosofia e poesia - in questa avventura ciclostilata e dattiloscritta, e ti offro ogni “esclusività-esclusiva” affinché il nostro “comunismo anarcoide” possa durare finché ne avremo voglia. E se ho voglia potrò, di mia scelta dialogare con chi mi pare, e offrire addirittura scritti ad altre riviste – a Pisa c’è l’imbarazzo della scelta – però tu hai L’ESCLUSIVITÀ di me alla guida di questo “FOGLIO DI LALO”. Che poi in pochi leggono e considerano. Salvo i tuoi paesani. Ma è bello non avere seguaci, gerarchie, interpretazioni, commenti a guastare la festa dell’assoluto comunista in estetica e politica vivendo l'amore libertario.

E, Fabio mio, tra me e me, ringrazio che il presuntuoso intellettuale sia passato dal mio tavolino con la sua pomposa offerta redazionale: ha messo alla prova l'amore che provo per te! So che tu avresti fatto la stessa scelta! Anche se la battuta di chiedergli di collaborare lui e i suoi alti dignitari al "Foglio di Lalo" la rivendico come creativa freccia elvetica della discendente di Guglielmo Tell.  

La tua Ultima mohicana svizzera ti bacia stretta, bacia il suo ILLUSIO, che pensa di trasformare il mondo con un foglio e che di quanto lui scrive e propone a nessuno importa niente! Soprattutto ai “comunisti” agli intellettuali agli artisti in carriera. Perché tu Fabio non sei comunista sei un monello in cerca di bene e d’amore. Ed il mio l’hai in esclusiva! E sarà per sempreUn giorno a Lucca ti ho posato la mano sul petto inquieto e ferito per guarirti. Se tu guarisci del tutto anch’io guarirò del tutto!

Lo scopri cosa si può ottenere con un ciclostilato dattiloscritto?! Tua Ranocchietta. Che domani l’altro sarà ancora da Elvira a mangiare crostini e poi ripartirà con i limoni in tasca che le dona. Abbracciala...

Spedita questa lettera le telefono perché so che ha problemi di cuore! Stai accosto a questo cuore compagno Fabio! che è da lì che ricevi fiori e spine. Per essere quello che sei.

 


 

POST SCRIPTUM  BASILARE DI KAROLINE PER FABIO

(...perché l'esclusività che mi chiedi che ti dono,
perché l'esclusività che ti chiedo che mi doni,  
ti salva e mi salva) 

 

Tu con amore hai liberato le idee nella mia testa. Che come vitelle felici saltano sui prati. Tutti coloro che dicevano di amarmi hanno strozzato le idee nella mia testa. Tu no. Chi passerebbe di continuo giorni a fotografare e disegnare chi ama se non uno che libera le idee in chi ama. E che essendo solo - hai solo me Fabio, lo so! - vuole tenere accosto chi ha l'alfabeto adatto per decifrare per gioire per spaventarsi nel mondo assieme. E io incornicerò quanto inventi per me con tutta la filosofia e poesia che posseggo. E ti prenderò “tutto intero”, anche con la tua selvaticheria paesana senza misure nei litigi. L’amore è fatto per migliorare e salvare chi si ama se lo si ama nell’assoluto. E l’assoluto comprende il Buio e il Male. C’è anche in Dio. Come scrive Schelling. Il mio amore sarà per sempre. Impossibile, semplicemente impossibile!, che un acculturato vanesio come Gualtieri, rotto a ogni intrallazzo culturale e politico, potesse scatenare in me un’ambizione culturale accademica. Neppure se m’offrissero la direzione del New York Times lascerei la cura con te del nostro ciclostilato “Foglio di Lalo”! sapendo di perderti, di darti ferita che non si rimarginerebbe più!


 



 

Claudio Di Scalzo

IL CANZONIERE DI KAROLINE KNABBERCHEN

 

Il Canzoniere di Karoline Knabberchen, è un immaginario, per estensioni tematiche, che tiene in sé presupposti speculativi che sono anche carne e sangue, reale, di un’avventura poetologica e narrativa. Romanzo. Il personaggio di Karoline ha il cuore angelico oceanico, e può contenere anche altre firme, che ne dilatano il battito. Come per il fumetto e cinema e serie televisive auspico che altre firme ne scrivano un altro lemma, di questa partizione. Transmoderno.

Nel suo viaggio terrestre e da presenza oltre la morte Karoline ci dona il suo elenco di illusioni e allusioni perché noi si possa, io e Fabio Nardi, comporre l’atto consustanziale alla sua biografia con testi creativi che siano anche recita, preghiera, religione, alchimia. L’angolatura prospettica della storia di Karoline Knabberchen morta, taglia la parola personale perché accolga nella ferita un sistema di immaginario in dialogo con la prosodia, la cadenza, il respiro adatto ai nomi del reale e di quanto lo valica.

La presenza della "ranocchietta" saltellante Knabberchen, noi due, Claudio Di Scalzo e Fabio Nardi, la conduciamo nelle pieghe del mondo per danzare ogni rapporto di creazione linguistica come fuoco in-fatuato tra pagina stampata ed elettronica, sperando somigli a fuoco divoratore dei tempi a noi consentiti non spegnendosi. Scriviamo perché la voce di Karoline Knabberchen vinca ogni consumazione. E resti racconto per chi la vorrà incontrare.

L’arditezza si confà a questa scommessa, nostra, con la delicatezza di una giovane donna svizzera, che sostò a Pisa, nei primi anni Ottanta, e nel paese di Vecchiano, e che molto viaggiò nella sua breve esistenza (Guarda.Engadina 17 IV 1959 - Lofoten.Norvegia 20 VIII 1984), a volerne raccontare, nei generi più diversi, ogni reale extratestuale per proliferazione di eventi e apparizioni.


Dai rami del bosco a Guarda, dove Karoline nacque, arriva il muschio del tronco che s’affida a un nord perenne, e la fragranza scaldata dal sole autunnale dei rami a Sud. Se immaginate chi scrive che questo tronco abbracciano avrete il rigore circolare costruttivo che ci anima.


Però il poema necessità che il bosco e il tronco e i rami da noi scelti guardino il mare, e noi con loro, l’oceano e il cielo stellato che di esso fa calco nel visibilio di certe notti, perché noi cerchiamo una semantica della forma che sia pura, e il Sacro s’accosta soltanto all’immensità. In questo processo, e ci sentiamo molto antichi, le nostre identità si mischiano negli spazi vissuti a quelli da vivere, all'intreccio del già scritto a quanto verrà versato nell’abisso concavo dell’immaginario. E le nostre psiche avranno la loro morfologia - spacchiamo il presente nel passato e futuro, invertiamo i tempi - nello sguardo della donna svizzera che ci guida.


Ogni procedimento artistico diventa, se sposato, un anello da portare al dito indice con cui si scrive; io e Fabio Nardi nel Canzoniere di Karoline Knabberchen ne accettiamo che esso distringa la mano e le ossa e la pelle nella crescita del procedimento artistico perché ogni lacerazione reale abbia legittimazione nella trama iridescente della fascinazione di quanto verrà letto e guardato nell’opera avendo al suo stesso interno la finzione della poesia: perché ogni anello ti consegna a una fede e insieme ti lacera le falangi se mai volessimo staccarlo dall’impegno preso. L’amore per Karoline Knabberchen è per sempre!

La tensione nell’immaginario per Karoline è unificante. Come la paglia tagliata conserva l’oro e la recisione della falce.

Ogni rappresentazione porta con sé l’eterogeneità e sta alla tensione unficante – useremo la dialettica? – estrarre dal caos del “racconto” quanto ha forza detto mito del sacro nella vita nella biografia poi morte e quanto vale meno di un’ombra di scodella rimossa vuota dal tavolo.


Karoline Knabberchen raggiunse con Fabio Nardi, la tomba di Giovanni Boine a Imperia/Porto Maurizio. (Da questo viaggio la raccolta: Clikka: Karoline Knabberchen: La Resurrezione di Giovanni Boine) Una tomba può rivelare che quanto sembrava noto nasconde l’gnoto in cerca d’altro nome. L’esperienza stratificata nell’oblio del poeta ligure rivela che il nostro immaginario è sempre affamato di alterità, verso quanto si rivela dedizione, custodia, cura, e anche un gorgo nell’oceano può somigliare ad un fiore che ancora fiorisce nel circolo dell’eternità da depositare dove la pietra parla.


 

                                                                                                                                                    

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                    CDS: "KK all'ultimo sole"





 

PERSONAGGI PRINCIPALI
DEL "CANZONIERE DI KAROLINE KNABBERCHEN"
 

KAROLINE KNABBERCHEN

Poetessa svizzera che studia letteratura e filosofia all’università di Pisa

e che si suicida venticinquenne alle Lofoten, Austvågøy, il 20 agosto 1984

FABIO NARDI

Fidanzato vecchianese di KK e artista fotografo dalla vena eclettica

LIBERTARIO NARDI

Babbo sempre evocato senza tomba fissa

ELVIRA SPINELLI

Madre di Fabio, sarta in ogni luogo apprensiva

ETEOCLE SPINELLI

Nonna di Fabio

ANDRI KNABBERCHEN

Padre dei pomeriggi in barca

GERDA ZWEIFEL

Madre severa, signora degli incubi

RUT ZWEIFEL

Nonna dei garofani rosa

UGO SENTITO

Filosofo misteriosofico


 

PIANO DELL'OPERA

KAROLINE KNABBERCHEN. CANZONIERE D’AMORE IN VITA

 

Libro-Introduzione

"Le età dell'angelo svizzero Karoline Knabberchen - Diario Bagnato"

La freccia di sabbia. Libro Primo. Due tomi.
Due piante nel nocciolo. Libro Secondo.
Bave. Viaggiatori da Biblioteca.
Ornitologia vecchianese ed engadinese da banco per KK.  Libro Terzo. Due tomi
Quaderno illustrato vecchianese. Libro Quarto.
Viaggio intorno a un volto. Libro Quinto. Due tomi.
Spuma sulla carrucola in risalita. Libro Sesto.
Anello Rovente. Libro settimo.

KAROLINE KNABBERCHEN. CANZONIERE D’AMORE IN MORTE

Il verso annuale della ranocchia. Fiabe del camino.

Telegrammi sott’acqua. Candele spente
Come apparve la morte a Karoline Knabberchen. Libro ottavo

Karoline disegna. Libro Nono.
Filosofia da baita. Proiezioni musicali. Libro Decimo.
Tavolozza per Gaudio e Requiem. Cardiodramma. Libro Undicesimo
Fabio Nardi - Karoline Knabberchen. Epistolario. Lettere. Biglietti postali. Cartoline. Libro Dodicesimo
La Resurrezione di Giovanni Boine. Libro Tredicesimo


 

Del “Canzoniere di Karoline Knabberchen” in trentasette anni sono stati pubblicati pochi estratti da “La freccia di sabbia”,
“Quaderno illustrato vecchianese”, “Viaggio intorno a un volto”,
“Cardiodramma”, soprattutto sulla rivista poi annuario Tellus, e sporadicamente in mostre collettive di poesia visuale negli anni Ottanta.

 

CDS cura il racconto illustrato in versi e prosa e fotografia: "Karoline e il fotografo"

 



"Karoline Knabberchen (Guarda-Engadina 1959/Lofoten, Norvegia 1984) ad Amsterdam, 1984"
 Foto Fabio Nardi. Copyright Claudio Di Scalzo - "Canzoniere di Karoline Knabberchen"



 

SULL’OLANDESE VOLANTE - Barra Rossa - ALCUNI CAPITOLI

DEL CANZONIERE DI KAROLINE KNABBERCHEN



CLIKKA

KAROLINE KNABBERCHEN D'ENGADINA

Karoline Knabberchen

Karoline Knabberchen ammalata

Karoline Knabberchen - Innocenza tua e mia

Libro perduto di KK
 

 


 







Il Cosmonauta Accio allo specchio velato dell'astronave -  marzo 2017


 

Claudio Di Scalzo

IL COSMONAUTA ACCIO
 

Entrò nell’ECCELSO RITIRO DEI COSMONAUTI IN POESIA. Lì stavano cosmonauti che non avevano mai volato con l’astronave nello spazio. Ne avrebbero avuto la voglia. Ma poi o perché non avevano il fisico adatto, o perché temevano i rischi di quel viaggio solitario e angosciante ed era più comodo spiegare lo Spazio in quel loro laboratorio poetico spaziale, dove l’ego-cosmico di uomini e donne danzava simulazioni sulla bellezza e l’immensità dell’universo, convinti di catturarlo, nessuno era mai partito né aveva lasciato la Terra e quel coriandolo di Space Center con relativa libreria e galleria e cattedre e targhette coi nomi in stampatello degli istruttori di poeti e poetesse. Nessun viaggio nel sistema solare. Tantomeno oltre Nettuno e Plutone. E le galassie più lontane.

Accio, sciagurato e coraggioso, invece aveva navigato dalla fine del 2014 ad inizio 2017, nell’universo. A suo rischio e pericolo. Aveva trasmesso alla sua fidanzata rimasta a terra, fotografie, pitture, e ogni genere di letteratura su quanto vedeva sui pianeti in cui scendeva, sulle meteoriti e gli asteroidi che scansava, sui buchi neri che lambiva, sulla geografia delle galassie, delle stelle che s’accendevano e si spegnevano, sempre solo, senza mai cedere all’angoscia di quella solitudine, della mancanza di una carezza, di una parola da vicino. Rimediava persino alla mancanza d’eros descrivendo e pitturando un formidabile Kamasustra spaziale. Adesso era tornato. Ed entrava in quel palazzotto di periferia scrostato. Pochissimo frequentato. Da nessuno ricordato. Perché degli astronauti che non volavano e soltanto simulavano non importava niente a nessuno. E della vicenda spaziale di Accio, che avrebbe suscitato anche entusiasmo, come un romanzo d’avventura, nessuno sapeva nulla, perché a lui non interessava divulgarne gli episodi. Li aveva mandati soltanto alla cosmonauta fidanzata. E a breve si sarebbe scandalizzato per come lei li aveva messi in comune, in quell’Eccelso Ritiro Poetico, per farli analizzare, dai suoi amici in ritiro perenne dal volo vero.

Nessuno lo riconobbe tra i colleghi cosmonauti imbellettati nella moda finto-trasandata degli intellettuali spaziali, e non come lui dentro una sdrucita e maculata tuta spaziale che ne annullava i lineamenti. Stavano spiegando com’è lo spazio, com'è il tempo poetico in esso, la vita in esso, insomma l’astronomia poetica completa senza averla mai visitata. Maestri senza esperienza. Nominatisi tali. Lo riconobbe la donna? Forse sì forse no. Lui però vide i disegni che lei aveva ricavato da quanto in immagine spediva da lassù, e ascoltò i versi ricavati dalle sue descrizioni dai generi che le aveva affidato. Su quell’immensità. Da cui lei aveva estratto la sua idea terrestre e pedestre di poesia spaziale.

Il cosmonauta Accio provò, dinanzi a quegli scarabocchi di lei, che si riferivano ai due anni che le aveva affidato, a quelle parole umbratili ed enfatiche assieme che pensavano di raccontare l’universo, ed invece erano una delle tante simulazioni per poeti senza volo, una nausea alta, tanto da vomitare nella sua tuta. Dal suo naso prese ad uscire sangue. Un’epistassi dettata dall’angoscia dallo sconcerto dall’amarezza anch’essa infinita. Poi capì che di quel luogo di chi stava recitando il ruolo di poetessa, del corpo che ne sorreggeva le gesta non gli importava più niente. Un’immagine sbiadita in un attimo. Ripensò, lui che non citava mai i libri letti, anche perché aveva letto soltanto quelli di uno scrittore ebreo austriaco morto alcolizzato alla vigilia della seconda guerra mondiale a Parigi, a come stava apportando, col suo episodico ritorno, una variante al romanzo “Fuga Senza fine”. Quando Tunda Cosmonauta guarda la fotografia della fidanzata custodita in quegli anni e cucita nella giubba di lui nomade e perseguitato in una guerra insensata con esiti tragici, scopre che immagine e reale figura ritrovata erano per lui del tutto indifferenti.

Voltò le spalle. Ma prima i loro occhi si incontrarono, si riconobbero. Uscì. La tuta aveva un meccanismo perfetto di estrazione di quanto era indesiderato. Come il vomito o il sangue sul mento sul petto. La tuta nettò il suo corpo. Ed espulse il materiale in un sacchetto trasparente.

Il cosmonauta Accio aprì la busta, prese una tela che aveva bianca nell’astronave, e dal vomito dal sangue ricavò dipinto e parole. Un'ultima opera. Geniale? La firmò. La dedicò alla figura che aveva rivisto. E se ne andò lasciandola sulla porta. Accese i motori dell’astronave. E ripartì tenendo in sé la destinazione. Non avrebbe più scritto o disegnato o fotografato l’universo che visitava. Però ora sapeva dove andare e tornare. Sarebbe stato un cosmonauta diverso. Perché gli esiti scoperti nell’Eccelso Ritiro Poetico lo riguardavano come una colpa o un errore. Che vivendo come aveva vissuto aveva incrementato. La scoperta nauseante provata, una sorta di Getsemani e di Croce, ora poteva condurlo a una possibile salvezza. Grazie all’amore. A dove dirigeva il suo bolide spaziale già oltre l'atmosfera terrestre. Sfiorante la luna.



 


Ultima vicenda rossa e spaziale per il Cosmonauta Accio

 




NOTA NECESSARIA 1


"Il Cosmonauta Accio" fa parte della raccolta "APOLOGHI PER LA SERA MUTA". Alla quale mi dedico da tanto ma tanto tempo. Una manciata sono stati pubblicati in date lontane sull'annuario di Geofilosofia e Arti TELLUS. Sulla rivista svizzera "Bloc Notes", su quella lombarda "Quaderni Valtellinesi". Con questo stravagante cosmonauta concludo il genere. 

 

NOTA NECESSARIA 2

CDS

LA TEKNÉ RETORICA NON È POESIA BENSÌ MUSATA A TERRA CADENDO DAL NIDO

(Ci sono poeti e poetesse che pensano di esistere in poesia con la tekné del loro linguaggio nutrito da teoria superlativa filosofica, e propongono, scartando l’avventura genuina nelle fratture imposte dal male e dall’ideologia, poesia retorica trasformandosi in retorici uccelletti implumi che senza ali, illudendosi di averne forti e piumate, cadono dal nido senza volo: morendo ridicoli tanto quanto aspiravano al sublime letterario. Perché la letterarietà e la tekné non è poesia né mai lo sarà. Poveri poeti e poetesse che battono “musate” al suolo sfracellando la loro lingua!)


 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino:Trieste di Domenica 5 luglio 2020 ricordando Arthur Rimbaud e Robert Ford nel 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Frasi celebri di Robert Ford. Dallo psicoanalista commentate. Romanzo Western del Nulla.
» Accio e Cardellino: Il Requiem Tedesco e l'Erba Acetosa. Musica Erbe Fiori 1
» Accio: Le cinque ultime carte di Wild Bill Hickok. A Sara Agnes Lake con Cena in Casa Di Levi.
» Zerelda Zee Cardellino e Jesse Accio James: Doppia catena liberata. 30 giugno 2017 Campo alla Barra Contea di Clay Missouri. Collaborazione di Tiziana Tius.
» Accio: Foresta ad est s’appresta al Maxernst. Romanzo Western del Nulla.
» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino: Robert Ford Corvo per ricordare atto torvo il 9 gennaio 2017. Ornitologia da banco
» Accio e Sara Cardellino: Interpretazione western psicoanalitica del codardo Robert Ford il 9 gennaio 2017
» Accio e Cardellino: 9 gennaio 2017. Romanzo Western del Nulla. Premonizioni che Jesse Accio James ignorò e così Robert Ford poté sparargli a tradimento nella testa riscuotendo la taglia che la Legge Poetica di Pinkerton e Baffetti di Rame imponeva
» Accio e Sara Cardellino: Il rame e le sue trame. Novella della ghisa rossa per il "Romanzo Western del Nulla 9 gennaio 2017". Daniela Cantelli Etta Place
» Accio: Johann Sebastian Bach per i morti della mia stirpe per il 9 gennaio 2017
» Cardellino: Ser Pelleas Accio e Sara della Laguna nella soffitta di Accio l’Otto dicembre 2019. A ricordo del 9 gennaio 2017 con i Cavalieri della Tavola Rotonda
» Claudio Di Scalzo: Robert Ford sul lettino dello psicoanalista dopo il 9 gennaio 2017 quando uccise a tradimento Jesse Accio James
» Il 9 gennaio 2017 di Robert Ford e Jesse Accio James con l'ulivo di Lalo con parole in ombra prima del BANG finale
» Sara Cardellino: Vicenda d'amore della Ragazza Profumo e dell'Uomo di Ferro. Ad Accio, 2009 e 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Wild Accio Hickok nella neve e corsaro per Sara Cardellino
» Accio e Cardellino: Voglio un bacio da fumetto! Cento poi mille! 8 dicembre 2019. ABC usato da Accio per personaggi e storie.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Claudio Di Scalzo: Romanzo Western del Nulla con prefazione Requiem. Alisdair McIntyre Lalo Karoline Knabberchen Il Pazzo Accio Sara Cardellino
» Accio: Possiamo definirci reciprocamente morti? Wild Bill Hickok e Jack McCall
» Claudio Di Scalzo: Piove sono a Vecchiano. È una pena. Sulla letteratura e la crudeltà nella vena. Accio, Lalo, Tabucchi, Boine, Il Pazzo, London, Hickok, Donna del 9 gennaio 2017, Cardellino…
» Claudio Di Scalzo detto Accio: L'Olandese Volante è morto viva L'Olandese Volante. Ruolo di Sara Esserino/Cardellino
» Di Scalzo: La morte di Wild Accio Hickok (con Sara Agnes Lake) e di Accio Billy the Kid figlio delle stelle il 9 gennaio 2017
» La Stanza detta di Munny per Accio pistolero spietato e per il comunismo inteso in western maniera
» CDS: Buck Eden e Cardellino Trillo di Luna. La scoperta del biglietto "Rapporto umano e di lavoro"
» Claudio Di Scalzo: La Musata. Ovvero l'amore in pubblicità marca Stirner. Con Ornitologia da Banco Action Painting
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Accio e Cardellino: Se tutto rivela il grano dandoti la mano. Campo alla Barra Contea di Clay Missouri - Come volavano gli aquiloni...
» Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
» Claudio Di Scalzo: “È l’ontologia bellezza” esclama Giuda. Con frammento di Antonio Tabucchi ad Accio sul Tradimento
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen e i morti traditi. Una profezia. I fatti luttuosi accaduti sull'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Vangelo di Giuda. Il tradimento nell'Orto degli ulivi elettronici
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Dialogo Stellato a Verona. Difendere gli scritti su Karoline Knabberchen
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Sara Cardellino: L'anno di Accio e il PRO BONO MALUM di Ariosto
» Claudio Di Scalzo: Hanno ucciso il mio amico Candido Comunismo. Li ucciderò tutti. Sono Spietato
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Quando salvai Jesse Accio James dalla morte con l'Ave Maria di Schubert il 9 gennaio 2017 di Robert Ford - Un racconto, due lettere, e quattro dipinti per l'otto dicembre 2017
» Claudio Di Scalzo - Sara Cardellino: L'ultima storia con morti e pistole. Jesse James e Robert Ford a Vecchiano - Vicende Lucchesi ed ermeneutica western 1 - 2 con Jesse James e Butch Cassidy e Il Pazzo
» Sara Cardellino: Un film per te Claudio Di Scalzo. L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford. Adatto all'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Piccolo Accio e Accio Billy (fumetto esistenziale con Aglaia-Cardellino)
» Lapide Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Idina Faro al Campo della Barra a Vecchiano - La rondine. Prima viene Amore non libri da stampare.
» Claudio Di Scalzo: Goya orto degli ulivi