Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Feste Accio e Cardellino

:: Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
26 Novembre 2017


CDS: “Fabio Nardi e Il libro Perduto di Karoline Knabberchen”

Installazione - Ferro, legno, cera - 1987

Visita nel Marzo 2014 foto Roberto Peccolo gallerista




Karoline e Fabio


Karoline Knabberchen in questa lettera rivela tutto il suo amore
per Fabio Nardi e la sua indomita opposizione a ogni carriera letteraria borghese.
Anche questa lettera sta nel Libro Perduto.

(clikka) LETTERA A FABIO SULL’ESCLUSIVITÀ IN AMORE IN POESIA





Claudio Di Scalzo

IL LIBRO PERDUTO DI KAROLINE KNABBERCHEN

(aperto l’Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino)

 

1

Il “Libro perduto di Karoline Knabberchen” è un’installazione in Ferro-Legno-Cera che realizzai sulla parete di una chiesa sconsacrata in Lucchesia nel 1987- e non intendo rivelare dov’è, se uno ci capita la vede sennò no, se la vede qui non è la stessa cosa - come autore e come personaggio Fabio Nardi. L’opera non è stata mai firmata. Come altre che ho disseminato, in quegli anni e dopo, in luoghi che sceglievo o mi sceglievano. Anche in pittura o affresco o scrittura spray. Qui a volte torno, sarò qui anche l’Otto dicembre 2017, per il mio compleanno, a toccare questo LIBRO dove sto nella “piega” a me adatta con Karoline (1959-1984). E che alcune vicende di quest’anno hanno rinsaldato come catena d'amore che non si spezza. Né mai si spezzerà!

Il Libro Perduto contiene quanto mai sarà letto: perché parte degli scritti della poetessa e filosofa fidanzata di Fabio Nardi fotografo, e dei quali ho custodito l’avventura, sono andati realmente perduti distrutti dalla madre (Gerda Zweifel ) assieme alla quasi totalità delle fotografie di Nardi con KK; perché gli inediti da me custoditi a Vecchiano assieme a quelli di CDS/NARDI non saranno pubblicati. Quanto custodito sull’Olandese Volante basta e avanza. Dunque questo “Libro”, trenta anni dopo, è adatto a concludere anche la mia vicenda di autore ancorché atipico in varie estetiche e vicende.

Nel “Libro Perduto” c’è anche l’errore, la colpa, l’equivoco, il male. Non è un libro consolatorio. C’è del Sacro. Che scuote. L’autore di questo “Libro” e il personaggio Nardi ne sono stati investiti a più riprese. Di quanto attiene a loro si sono presi cristianamente responsabilità dolore strazio. Hanno però impedito che IL LIBRO PERDUTO, LA STORIA DI KAROLINE KNABBERCHEN, la sua presenza in vita e in morte, fosse acquisita o scambiata come esercizio letterario da chi l’avvicinò. Per ricavarne pubblicazioni. Carriera letteraria. In anni lontani come in tempi recenti.

Tutto, ma proprio tutto, il LIBRO PERDUTO TIENE IN SÉ. TUTTO. E qui rimarrà!

L’otto dicembre 2017, giungo in questa pagine di ferro e carta fantasmatica e cera come candela che non si spegne né si consuma, entro un’ultima volta con il nome e cognome d’autore con il nome e cognome di Fabio Nardi nelle vicende qui raccolte. Non ci saranno altre fotografie o disegni. Non sarò solo. Sara Cardellino - la donna che visse e vive due volte nel mio cuore - mi terrà per mano nella religione adatta per incontrare l’altra mano che il 20 agosto 1984 non riuscii ad afferrare per salvarla dal gorgo mortale alle Lofoten. Isola Austvagoy. In Norvegia.

 


Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo abbracciano il LIBRO PERDUTO
dell'amata Karoline Knabberchen - Foto Roberto Peccolo gallerista

 


 

2

IL LIBRO PERDUTO DI KAROLINE KNABBERCHEN racchiude il lusso folle della morte per suicidio. Consunzione anonima nel gorgo del tempo, sacralità, rito. Ci sono forze in questo LIBRO PERDUTO che modellano il dinamismo dei poveri materiali usati. Effrazione al canone della lapide, opera nello scuro della matericità detta vertigine del libro cancellato.

Il rigore dell’impianto coesiste con una sorta di vitalità nel ricordare perdita e morte che si “spericola” nell’ appuntamento altrove, in altra simmetria: si sottrae al tempo letterario o estetico vigente, per indicare un emblema e l’azione della fede nel re-incontro. Questa è un’opera cristiana.


 


Claudio Di Scalzo dinanzi al Libro Perduto di Karoline Knabberchen
Foto Roberto Peccolo Gallerista



 

Vi si delimita il vuoto che si creò il 20 agosto 1984. Attorno le simmetrie esistenziali di Nardi personaggio di me autore e di chi ama Karoline Knabberchen cercandone il centro per amore e bene da proseguire verso la mia persona per come ero per come sono. Però mutato - nelle fondamenta - dalle due donne che mi proteggono mi salvano. Karoline e Sara.

Questa dominante percettiva questa esuberanza nella fede, in quanto non si consuma, non si elide, resta amore per sempre, si realizza perché Sara Cardellino è tornata per la seconda volta la Domenica delle Palme 2017 nella mia vita di uomo. E può aiutare Nardi nella moltiplicazione e divisione adatte alle vicende terrene e spirituali, di chi la letteratura che generò ritiene sia necessario si nasconda ancor più.

Questa è un’opera che può teatralizzare il corpo e i corpi di chi vi si pongono davanti se fotografati; ecco perché non ci sono fotografie dell’otto dicembre 2017; ma quelle che risalgono a quattro anni fa.


 


Sara Cardellino l'Otto Dicembre 2017
in visita al Libro Perduto di Karoline Knabberchen
con Claudio Di Scalzo


 

Il Libro Perduto ha la preziosità e la mancanza di soluzioni propria del labirinto. Bisogna entrarci col filo dell’amore che non si spezza né muta e tenerne i capi assieme Karoline K ed io e Sara Cardellino.

Questo rituale è ostensiorale, rima voluta, va oltre le categorie inutili di bello estetico. Questa è l’antica vite del sacro. Del Vangelo. Della Croce. Del Sangue. Della Rinascita. Della Resurrezione. Non necessita di altro.

La materia povera ferro cemento cera se ancora spalmata producon l’idea d'impianto sacro di preghiera di sinfonia e la conchiudono. Svanendo. Se qui tornassimo tra un anno si riproporrebbe quanto ora intuiamo e viviamo. Dentro e fuori questo Libro Perduto. Non so se tra un anno sarò ancora vivo. So che ancora ci sarà Karoline Knabberchen e Sara Cardellino con me. Ovunque sia.

Questa costituzione materiale di ferro e pagina è la fuga da ogni materialità estetica: la polarità di peccato e salvezza realizza la semplicità della preghiera senza necessità di poesia letteratura arti.

L’ombra che avvolse IL LIBRO PERDUTO svanisce nella notte per arrivare alla luce del mattino dopo il 9. L’Immacolata Concezione è avvenuta. Il bambino di sette mesi è nato nella povera casa di una sarta e di un camionista. Si salverà dalla morte quasi data per certa dal medico. Deve incontrare nella sua giovinezza Karoline Knabberchen non deve morire.

Bambino appena nato che somiglia come disse il padre a un “conigliolo spellato”. Deve diventare alto aitante coi capelli ricci e conoscere la poetessa Svizzera a Pisa in una strada dietro Piazza Cavalieri dove il padre ha un magazzino. D’agraria. Lei cercava quel giorno una gabbietta. Per un canarino. Ora quell’uomo coi capelli grigi nel suo autunno ha accanto chi lo porta all’esperienza della musica e all’incontro con quanto vive e si ripete nell’amore. Nella Fedeltà. Nella temporalità che un tempo fu inerzia spreco peccato. La donna è un Cardellino.

 


Sara Cardellino in visita notturna al Libro Perduto
di Karoline Knabberchen con Claudio Di Scalzo detto Accio

 

Le mani si intrecciano.

Oltre la morte e il presente l’esperienza dell’assoluto.
 

 

SULL'OLANDESE VOLANTE BARRA ROSSA/KAROLINE K

(clikka) Karoline knabberchen ammalata


(clikka) Lettere di karoline Knabberchen e Fabio Nardi
 

vicende di Karoline Knabberchen

(Guarda-Engadina 1959 - Lofoten-Norvegia 1984)

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen nella casa di Fabio Nardi a Vecchiano e in Engadina. Poesie e Diario 1979 - Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Karoline Knabberchen: Jeanne Hébuterne scrive a Modì
» Karoline Knabberchen: Mallarmé sulla tomba pagina bianca di Anatole. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Bambino e Bambina che saltavano i fossi. Libro Perduto di Karoline Knabberchen. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Voglio dirti Fabio del litorale mistico...
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Ho troppo male... a Fabio Nardi. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» Fabio Nardi: Notturno in Bretagna. Collezione Karoline Knabberchen. Cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Munch. A Karoline Knabberchen. Un pittore al giorno 1
» Karoline Knabberchen. Mi hanno accesa in un colpo. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Kafka non abita più qui. A cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Ti parlo da dove io sono da tanto. Anche Erbario Engadinese con Peonia.
» Fabio Nardi: Antonino Anile per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabbechen: Alambicco distilla l'aria (8 dicembre, a Fabio Nardi) - Cura Claudio Di Scalzo con Notizia sul Canzoniere di KK
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Corpo Nudo della Poesia. Umorismo crudo. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: “Ti amo”, dice Karoline Knabberchen in tre movimenti
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: I due punti di Karoline e Wittgenstein. Pagine di Diario Bagnate.
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Alfred de Musset e George Sand a Venezia. Goetzinger fumettista
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dieci nuvole con raddoppio di Eros per Karoline Knabberchen e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Mugnaio o pittore? (Su Constable) - A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Ti amo Karoline mia ranocchietta Knabberchen. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Oltre l’aneddotica in poesia con Machado. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Quartetto per il luglio della calda cosa lingua con Karoline Knabberchen e altri maestri - Prima parte
» Karoline Knabberchen: Stilita Post-Moderno in Rock Pose. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Karoline hier sul ferito petto La Mer. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Mahler Mille in petto. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Vento s'alza sopra San Frediano in Lucca
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo