Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Karoline Knabberchen

:: Claudio Di Scalzo: Il Requiem di Verdi per Karoline Knabberchen
11 Agosto 2013

 

 

 

Claudio Di Scalzo

 

IL REQUIEM DI VERDI PER KAROLINE KNABBERCHEN

 

                        Sommessa e misteriosa sonorità

                        su cui s’avvia iridiscente sospensione sull’eterno

                        il “Requiem aeternam” graduale arcana vampa di estivo pianto

                        per me che rimango per te Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984…

                        cresce con quanto esiste nel non esistito

                        con il pensiero vissuto nel corpo transitorio d’ogni rivelazione terrestre

                        sale in mirabile varietà d’accenti nel “Te decet Hymnus”; oltre s’ascolta

                        la veemenza del “Dies irae” che in modo austero e grandioso

                        dice che dalla vita viene la morte da ogni anima altro.

 

                                            Questa terra matura la scelta

                                            d’accogliere atti che crescono cose pensieri radici d’affetti

                                            che poi dobbiamo scoprire come lasciarli.

 

         C’è un suono nella morte di tutti che sostiene il mio nel passaggio ultimo

         - disse dice dirà Karoline a quel me stesso che la ricorda ogni anno -

         sembra un bisbiglio che attende accetta attraversa

         la risposta che esiste esistette esisterà

         nell’adombramento in perdita del corpo per conoscere noi in Dio

         oltre il male oltre il dolore noi nell’amore assoluto

         che ancora è Dio in noi: “Quantus tremor”.

 

 

Fabio Nardi: "Due K, due tracce di sangue" - 1985


 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI