Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

KK/FN Vetri Danesi

:: Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
03 Agosto 2018


Claudio Di Scalzo

VETRI DANESI

(da una a cento poesie di Karoline Knabberchen

e raddoppio di Fabio Nardi)

1984-2014

 

Fabio Nardi torna trenta anni dopo, nel giugno, in Danimarca, Copenaghen, sui luoghi che transitò con Karoline Knabberchen (Guarda, 10 aprile 1959 - 1984, 20 agosto, Austvågøy, Lofoten, Norvegia) prima del suo suicidio. Alle cento poesie scritte allora da KK, dal titolo VETRI, vetri danesi, il fidanzato aggiunge suoi versi. 



PARENTI ALLO STATENS MUSEUM FOR KUNST

Seconda parte

 

 

21


 

 

Le eterne nozze della signora Matisse

Col verde che le taglia il volto

Col marito verderame a pochi metri

M’appaiono come una stele

Non dell’Arte

– pure lo sono! –

Bensì dell’amore che merita

Giacenza per dire che a volte,

Da volto a volto, si può essere sufficienti

A vincere l’oblio, perché bambini perché gioco di Dio – (KK)

 

21

Ho amato quel taglio verde sul tuo volto

fatto apposta, senza sfregio alcuno –

t’ho nominata così accanto a me

un doppio di te da ammorbidirmi le dita (FN)

 

 

°°°

 

22

 


 

Sto qui marinaio dalla maglietta

Al verde che m’incupisce nella notte calante

Rischiosa navigazione in barba ai flutti del moderno!

Cerco l’equilibrio nell’amore come nella linea nella forma:

(non vi fate ingannare dai tubetti strizzati mie viscere)

Starò – verde tratto – a priori e a posteriori

In pittura ed in mia morta natura accostato

Alla linea – verde per calcolo e simbologia – fronte

Naso labbra di mia moglie:

Tatto

Del desiderio

Odore che ghermisce

 

Gusto nel porto

Dioniso il buon Matisse ferisce (KK)

 

22

Non t’avvicinare troppo, Karoline

al fioretto del suo sguardo:

ti ghermisce e tramuta nella sua trottola,

sei già troppo vicina per sottrarti del tutto

all’alambicco che ti distillerà

preziosa acquavite del delirio amoroso (FN)

 

 

°°°

 

 

23





Alice mi guarda

Dona la follia di parlarmi

Il tuo fidanzato

Era nervoso ad Elsinore Castle

Anche Modì lo era con me

Non stavo ferma pensavo a Raymond

Che m’aveva messo un angelo in corpo

A recitar preghiere nell’ombra

Delle mie tenere cosce

Ecco il perché del piccolo Crocifisso

Dedica di Modì a chi è pura

Nell’amore senza potere

Che un bacio riduce in catene –

Attenta al pisano pericoloso

Come il livornese che mi dipinse

Karoline ranocchietta dal colore prediletta

Apri la camicetta - -- hai Cristo tra i seni

E nel suo dolore mastica certi tuoi giorni danesi

Come il bombo la foglia verde

Cristo ti porta la seta della poesia

Chi ti ama la disfa senza accorgersene –

Rendilo edotto sulla tua giovane purezza

Sulla mia a te rivelata – Salva il reale

Che si desta dalla ferita dove lo merita. (KK)

 


 

23

Come tieni le manine in grembo

anche tu Karoline, che pari uno specchio:

cosa macini nelle coppe delle mani?

Hai un regalo per il tuo Fabio,

vuoi dipinga un roveto in cui nascondere

le pupille aeree dell’infanzia?

Qui le nuvole passano di bocca in bocca

Succhiane una, assaggiane la bianca vertigine!

Le tue gambe s’infileranno dritte nella terra

e Fabio verrà ogni sera a bagnarti le radici.

Sarà il vostro patto per l’eternità. (FN)

 

 

°°°

 

24


 

 

Karoline che ricevi confidenze da Alice

- - - - - - - -

Il tempo che fugge la ventura di chi parte

Quanto resta in suo alveo smanioso

Per grazia di stagioni aride a Parigi e dintorni,

recito ogni notte alla luna che m’immagino su Livorno –

Jeanne sale dai fossi nel quartiere Venezia

Non s’è fatta male precipitando dopo la mia morte

Il bimbo crescerà dal suo grembo alla tela che ha in mente

Di dedicargli - - - accadono strane cose se ci si veste da Pierrot

E la luna, di giorno, me la porti tu giovane svizzera parente di Jeanne senza saperlo.

L’Amore è tanto più vicino se essendo amati lo si pensa lontano!

Come scrisse un mio conterraneo al cuor pittorico ratto s’apprende

Se affidato dalla donna in due luoghi – davanti e dietro alla tela lo posò Jeanne –

Davanti all’obiettivo ed all’uomo che fotografa, lo poni tu!

Sempre insieme ci evocherà amanti, in ogni parte dove andremo

Dove resteremo – io qui e in altre cornici – avremo centro e universo (KK)

 

Variante confesso

 

24

Le lacrime le ho appese al vento di ieri, quelle fanciulle

che cadono grosse come monete sul tuo seno.

Favoleggiano di un luogo amaro – durante le scomuniche,

di un tempo per suicidi amori.

Accadi anche tu, tra queste finestre aperte

e porti una maschera di carne che spaventa,

lasciatelo dire da chi di mascheramenti se n’intende!

Nessuno intorno a te se n’è accorto? Ma che mi dici!

Pure tu sembri guardarti per la prima volta

in uno specchio:

non è lieto compito per me questa rivelazione,

tra scherzi e monellate c’è pur sempre il velo di dolce tristezza (FN)

 

 

°°°

 

 

25

 

 

 

Studio per gioia di vivere, alfabeto sembra

Per nominarla senza niente intorno – le case

Di Copenaghen ad esempio o il mar Baltico ad esempio

O il Castello di Amleto ad esempio – e lì senza scriverla

Né misurarla vivere io e te – Matisse stava nel Sud

Però della Francia, a Collioure. Con Derain che aveva la mia età.

Noi andiamo sempre più a Nord, forse per questo non siamo felici come vorremmo!

Un Boschetto a me, presto, un boschetto tra larici e sempreverdi!

Dove il bacio sia raggiato fluire tra tutti gli umori del rosso del giallo. (KK)

 

 

25

Baciami le mani all’ombra di questo cielo rosa:

sono – le mie dita – tubetti da cui spremere

la definizione di me, sulla tua tela.

Mi serve lo sguardo che latra – e luce che filtra dal setaccio

della tua pupilla:

per concepirmi immacolato dentro il tuo battesimo

sarà ogni pennellata la Via Crucis sciolta sul palato

per rinominarti viva dentro il mio Castello (FN)

 

 

°°°

 

 

26

 

 

 

Tre donne nella cronaca febbrile

d’una giornata al mare – nel lusso

della poesia nascosta sulla gronda

del simbolismo – Matisse ripete il Lusso Primo

che sta a Parigi molto meglio in vista. Il mare

del Sud è lontano da Copenaghen come dal Pompidou.

Tre donne, di diverse età, nel panismo del salmastro

Della schiuma dei fiori salvi dall’onda.

La figlia alla madre carezza il piede caprino

Nascosto dal telo bianco, ne taglierà il callo

Ferendosi le mani. Questa son io nel serbato ricordo

Di me bambina al mare ligure – Anche la moretta

Sdoppia l’esilio dalla gioia che m’appartenne fuggendo

L’acqua perigliosa per accudire fiori, la mia poesia?, non vista.

Il mio lusso nella veemenza della delusione

Che vivere sulla spiaggia non porta a trovare Dio.

Neppure ieri ad Elsinore Castle. (KK)

 

 

 

26

Nella nuvola scorgo (non l’ho fatto una vita

ritagliar forme-nuvole? ) il tuo profilo.

Matissiano anche tu, veleggi le tele che mi osservano?

E non è forse Nausicaa la fanciulla inginocchiata?

Tu barbuto Ulisse t’avvicini leonino

con millenni di distanze

nella criniera lavorata dagli elementi?

Le labbra –le lecco – hanno un gusto amaro

arrivano fin qui sbuffi d’onda da qualche

lontano paese dei Feaci. (FN)

 

°°°

 

27

 


 

Tre pesci rossi nel cilindro di vetro. Non c’è fondale

Non c’è limo né sabbia – c’è la dialettica hegheliana

Bene in vista: tesi antitesi sintesi. Tre pesci tre donne.

In guizzo verso l’uomo con la Nikon , Fabio. Prigioniere.

(Come le hai consegnate al tempo di uno scatto. Trasprente

Accordo opaco e muto nella ferita) - Della narrazione

Che ci disfa immoti nella pittura

Come nella fotografia se la filosofia nascosta dell’amore

Agguanta per modellarti verso un esito imprevisto.

Da chi nuota, respira in bolle, vibra nell’arredamento

Del possesso incauto. Il terzo pesce, io Karoline,

gettando squame e coda è uscita dal vetro, sta nuda

davanti a te. Mi sollevo la fronte che poi bacerai.

Nuda con fiori estivi tornerò all’acqua. Nel vaso di vetro più! (KK)

 

 

27

Vedi cosa scrivo nelle geometria della mia fronte?

Tutta la vita che m’ha mutata – intrisa

nel paesaggio filosofico, immortalata in vetri

taglienti- la speranza destata e il profilo ironico

del mito.

Sono anche spirito assoluto da quando sono sgusciata

fuori dall’acqua, forse asciugandomi

ho perso consistenza e tu che morderai stasera

a cena? (FN)
 

 

°°°

 

28

 

Piango. E non sono le cipolle di Matisse. A imporlo.

Ne vuoi l’elenco?

La polvere della parola tavola, felice; la polvere della parola brocca,

dissetante; la polvere della parola cipolla nella sua ubiquità poetica,

necessaria. Ogni parola che mi riguarda che sfogli senza criterio, qua e là,…

mi porta lacrime.

 

Questo dipinto di Matisse m’appare l’ultima dimora della parola casa,

cucina, cibo, uomo, donna,… esistenza macchia rossa. (KK)

 

 

28

Per gioco provo a infilare perline di sillabe

e con grande sorpresa scopro

che in ogni direzione - con ogni interazione –

ad ogni nuova dizione –

compongo il mio nome.

BroCA-cipolla ROsa –LINEe sulla ceramica

E potrei continuar per ore a montare e smontare

la mia dissoluzione. (FN)

 

 

°°°

 

29

 

 

 

Sto accanto a te per i tuoi sì i tuoi no

Smeraldi i primi sassi i secondi

O viceversa nella scansione ritmica dell’amore che sgomina

In ogni moto, costola per costola, (lì mi ci batte ancora il cuore sai?)

Legamento per legamento d’organi (ho ancora polmoni accanto al cuore, sai?)

 

… dal di dentro del gesto prima che diventi parola,

nella velocità che gioca pupilla palpebra ciglia,

varco il confine nell’assenza di suono, intera.

 

Le pagine in musica di Braque potrei suonarle anche se per tutti sono illeggibili.

Posa le dita sulle mie labbra e te ne sinceri! (KK)

 

 

29

Credimi – mentre ronzo accanto al tuo nome –

perpetuo la tua nascita, e tu mi offri questa incandescenza!

I paesaggi zeppi di virgole in cui inciampo

sono faraglioni metafisici.

E quel che suona nel tempo delle labbra

è fuoriuscita di geometria del dentro,

sono la sinfonia posata sul tuo perché. (FN)

 

°°°


 

30

 

 

Sai! Il bosco mi dice in ogni caso capitata qui per caso

Chi sei Karoline? Perché sei qui tra cortecce e verdi fronde?

Sempre il bosco prende la paglia dei miei capelli

Come sfumatura…. che sia dipinto il bosco o composto di rami pruni musi affilati

con bestie ratte dai denti appuntiti nei canti di presepi volatili…

 

Braque passò dall’essere bestia rossa e gialla e blu ai verdi volumi

Che portavano cubi come estrema unzione al paesaggio classico.

Aveva Cèzanne a far da volpe nel bosco… e lui era un cagnolone

Intelligente che fiutava il nuovo venuto dall’ottocento…

 

Questo bosco è l’evento che mi rivela l’esperienza dell’afrore

Non posso narrarlo né dipingerlo a mia volta

Farne però l’elenco di graffi sul tuo petto, stanotte, sì…

Il bosco di Braque sarà l’evento che da senso al caso di essere la tua bestiolina

nella tana – perché sei qui ti dirò mi dirai? Chi sei? Perché mi hai atteso? (

… (KK)

 

30

Scorgi un raggio perpendicolare alle mie pene

se raccogli in frutto ogni tracciato,

come piegare il sole

e crescere una coltura mentale nel braccio –

mi arrovellerò in ogni ora posata sul ciglio

della notte e intaglierò la tua forma,

t’annuserò nell’aria se non ti metti controvento

per predarmi

o sarà gioco comune anche la caccia

volumetrica – nel tiro mancino del colore. (FN)

 

 

°°°

 

 

31
 

 

 

Prova col nero, dice Braque. Caravaggio ci faceva uscire uomini e santi

Io meloni, peperoni, uva, frutta di stagioni – Frutta e verdura

Che si tasta a occhi chiusi … annusa la terra Karoline…

Che ebbe l’anguria sotto le sue rotondità… è il sistema migliore

Per capire l’arte mia, con gli occhi chiusi aprirli di scatto…

Se la parola diventa priva di terra cerca l’acqua – se l’amore cuoce

Disperde il vapore dell’assenza … tutta natura morta

Per lo spirito dei tempi danesi che ti toccano… prova col nero, dice Braque… (KK)


 

31

Al nero aggiungo diluito il tic tac dell’orologio,

lungo i quadranti voraci incontro l’ora che mi sdoppia:

Fabio mi troverà preparata – compiti fatti –

L’affiorare lento d’ombra

come me che salpo – oltre la rotta

impasta ore senza lievito

E domani avrò la mia consistenza di figura

a partire da quel nero scongiuro

cucito nella bocca del saluto. (FN)

 

 

... CONTINUA



 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Antonino Anile per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Capodanno a Raqqa. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Trakl: An Novalis. Karoline Knabberchen Traduce. Dipinto di CDS
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Confession d'un post-moderne du siècle. Afred de Musset e George Sand a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo