Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

PASSEGGIATA KIERKEGAARD

:: Sara Cardellino: Musica per il compleanno di Accio nato immacolato di sette mesi che vita ebbe coi suoi sorrisi e pesi - 8 XII 1952 - Vivaldi Mozart Schumann Reger Halffter Leo Bach
08 Dicembre 2019


A. Vivaldi: Op. 2 n. 1 - Sonata for violin & b.c. in G minor



 

Sara Cardellino

MUSICA PER IL COMPLEANNO DI ACCIO NATO IMMACOLATO
DI SETTE MESI CHE VITA EBBE COI SUOI SORRISI E PESI - 8 XII 1952

 


Bambino sulla sedia Accio

 

Il personaggio che rimanda alla tua biografia che scelgo per destinargli quanto scrivo in progress, per il tuo compleanno, è il Bambino sulla sedia. Tu, Accio, che vai mandato da tua madre a riscuotere con la cartelletta i soldi dovuti a tuo padre anarchico da contadini ingrati e astuti. Alcuni te li consegnavano ma dopo averti umiliato facendoti salire sopra una sedia a recitare poesie in rima studiate a scuola di Pascoli e Carducci e tuoi versicoli. Da qualche parte hai ricordato per questa tua vicenda l’umiliato di cui parla Kierkegaard a proposito del Cristo. Tu chierichetto di Don Gino e figlio dell’anarchico “libertario di nome e di fatto” come di lui scrive Tabucchi, subivi l’urto dell’ideologia ugualitaria del padre, “io lavoro e lavoro con prezzi onesti e comunisti e chi riceve ciò deve portarmi quando li ha i soldi a casa sennò io non ci vado a riscuotere non meritavano il mio lavoro né merita li riveda”.

Ma tu finivi sopra una sedia a far la scimmietta poetica sotto ai lazzi e le prese in giro. E tenevi per te il segreto, sennò tuo padre tutti li avrebbe disfatti con l’ira sua feroce che non ammetteva ferissero l’amato figlio unico.

E quando giocavi con i loro figli finivano per sfasciarti invidiosi gli aquiloni e spezzandoti le fionde lancianti sassi più lontani con le gomme ricavate dal camion di Lalo.

Quindi Il Bambino sulla sedia tutto solo a correre come Accio sull’argine è il mio eroe meritevole di quanto in musica scopro per te.

So che custodirai al meglio quanto dono al bambino all’uomo nel grigio Accio.

Niente di quanto è nato nel nostro legame in dieci anni, compresa la lunga separazione di 5 anni e 5 mesi, avrà mai pubblicazione in libri. Devoti come siamo al pianista Arturo Benedetti Michelangeli e al direttore Celibidache, che raramente riversarono su disco quanto eseguivano, valeva la serata in teatro e basta, nessuna moltiplicazione in merce disco, possiamo imitarli ed esserne protetti nella scelta. Nostri santi terrestri.

Questa, come dici, “è Religione è Comunismo”. Soltanto così ho potuto farti scendere dalla sedia quando sono tornata da te la Domenica delle Palme 2017. Il 9. A muovermi è stato constatare che eri in pericolo, mortale, come mi dicesti al telefono (Sono in pericolo sara. Ho bisogno di te), perché l’umiliazione ti aveva investito il 9 gennaio come mai ti saresti aspettato.

Sono venuta per il Bambino monello Accio umiliato e per l’uomo utopista tanto facile da prendere in giro. In questo melodramma e reale vicenda ho scelto scelgo di vivere con te. E sarà per sempre!

Studiosa di Vivaldi e Bach i primi frammenti scritti e sonori rimandano a loro ricordando come interpreto tua psicologia tua vita intrecciata, a pari, alla mia. Perché anche la Bambina sottoposta a prove sfibranti di musica, prigioniera nella cameretta, è stata salvata da Accio. (lo riveli in Accio e Cardellino sull'argine del Serchio con Karoline Knabberchen...). Qui lo ricordo. Salvata da piccina - che bella questa parola che usi - e da grande. Perché io e te siamo sempre a pari. Questa è la nostra poesia senza bisogno di scriverla di pubblicarla o che qualche critico la riconosca tale. In ciò se io ti portò libertà tu stesso a me la dai.

 


Sara Cardellino, l'amata musicista - Foto di Accio



 

1

FURIA DEL VENTO LEGGEREZZA DEGLI AQUILONI

Se ascolto la sonata op 2 n. 1/6 di Vivaldi, sei sonate per violino, scopro che quando il suo stile si stava sviluppando, anche nell’imitazione di Corelli, vieppiù egli si differenzia soprattutto nei movimenti delle danze della suite. Vivaldi coglie l’occasione di rinnovare, si direbbe oggi citare tradendo, lo stampo stilistico, differenziando ciascuna sonata per ritmo agogica melodia. Quest’ultima resa congiunta o disgiunta nella tessitura imitativa. Praticamente qui compare già la celebrata “furia” vivaldiana di là da venire a breve.

Se instituisco parallelo con Accio, se nella soffitta vecchianese leggo e sfoglio le tue poesie visuali di te ventenne, capisco la tua “furia” selvatica da Bambino sull’argine cresciuto che entra nei testi delle avanguardie dadaiste e surrealiste e visuali americane per tirarci fuori il nocciolo della propria melodia creativa presa in parola in immagine. Furia, certo, passionalità furente e incalzante parente, lo so, degli aquiloni colorati che dovevano volare sempre più in alto e vivendo a pari col vento sul Serchio. Tu sei questo ancora.


 

2
 


Vivaldi: Concerto in La Maggiore RV 158




CUORE VIVALDIANO SULLA MANO

Prendendo il Concerto per archi in La maggiore per archi e basso continuo 158 RV di Vivaldi ovvio che gli strumentisti suonino assieme coi loro strumenti ma quanto conta nella possibile esecuzione, che io prediligo, se l’ascolto a teatro, è che il gruppo suoni il concerto come se fosse un solo solista. Che ogni componete metta da parte il proprio ego sullo strumento. A questo punto il Concerto, al riparo da ogni atto singolo istrionico, rivela la sua intatta raffinatezza, e l’insieme porge la libertà recitativa scritta da Vivaldi nell’accadimento musicale presente.

Il Concerto Vivaldiano lo accosto ai personaggi femminili e maschili da te ideati, Accio. Se, come spesso ti accade, di farli recitare e vivere avventure senza che nessuno prevalga sull’altro, senza che nelle coppie di amanti, ci sia supremazia dell’uomo o della donna, il disegno, senza che tu ne fossi anche del tutto cosciente, che hai messo e metti in atto, si manifesta in tutta la sua singolarità. Sara Cardellino e Zerelda Zee Cardellino e Sara Earnshaw e Sara Chan Butterfly con Mara Zap e Misteriosa Dama R e le tante altre salutano il proprio compagno che tiene a pari nell’avventura il suono del cuore innamorato con loro. E numerose coppie diventano una. Bel risultato Accio vivaldiano cuore verso me sulla mano!

 


3

 

MOZART SINFONIA n. 38 “PRAGUE” diretta da PETER MAAG



 

DIRETTORE SVIZZERO, MOZART DI PRAGA, FIOCCO DI BIMBA VENEZIANA
(Nel tempo di Lucca Comics 2019)

Ascoltavo Mozart da piccola, negli anni ottanta, grazie al direttore Peter Maag. I miei genitori mi portavano a teatro quando lui dirigeva l’Orchestra di Padova e del Veneto. La prima volta avevo sette anni. Conoscere la musica dal vivo modella il cuore riprodotta il cervello. Non è la stessa cosa.

Più tardi, studiando musica e le partiture, la sua discografia mista ai miei ricordi, seppi che il direttore svizzero di San Gallo, presente anche al Festival mozartiano di Salisburgo, si era dedicato soprattutto con l’Orchestra Veneta alle ultime sinfonie di Mozart, dieci: 41 (Jupiter), 40, 39, 38 (Prague), 36 (Linz), 35 (Haffner), 34, 33, 32, 31 (Paris). Queste avevo ascoltato da piccola da adolescente da giovine studentessa a Venezia di flauto traverso e pianoforte.

Sarà perché l’orchestra era veneta sarà perché mio padre e mia madre mi tenevano per mano entrando a teatro sarà per il fiocco celeste (mia madre sulla scia di Skrijabin associava al suono colori. Il celeste asprigno pervinca si adattava secondo lei alla Sinfonia Praga) che avevo tra i capelli sul vestitino delle occasioni musicali eleganti, ma per me Maag vale, dirigendo Mozart, quanto i direttori che poi avrei ascoltato come Maazel Rattle Ozawa Muti Abbado.

M’interessa del direttore, scomparso nel 2001, la sua interpretazione scrupolosa, l’attenzione all’esegesi poetica come all’intelaiatura orchestrale, all’agogica espressiva unitamente all’equalizzazione timbrica. Tutto rimanda alla necessità in Maag. Alla precisione. Prediligendolo rivelo la mia natura di devota al latino alla filologia.

Risultato, che l’orecchio può confermare, un Mozart colto in tutto il suo splendore musicale nella più profonda invenzione artistica.

Mozart compose più di trenta sinfonie in soli quattro anni dal 1770 al 1774 mentre soltanto dieci ne scrisse nei restanti tredici anni della sua vita. A queste dieci partiture sinfoniche Peter Maag con l’Orchestra di Padova e del Veneto dedica i suoi ultimi sforzi di direttore e d’orchestrazione. La bambina Sara ieri alla Fenice, e oggi nel cascinale con te Accio e la Nada, è felice ad ascoltare dal giradischi con LP la dedizione del direttore svizzero il genio del compositore. (Nel tempo di Lucca Comics 2019 - SC)

 



4

DANZARE DOVE NASCE LO SPAVENTO A CADENZARE

 


Boris Berezovsky plays Schumann Davidsbündlertänze, op. 6 


 

Le Davidsbündlertänze di Schumann sono danze dei compagni di David contro i filistei adoratori di una musica di alcun spessore. Sorvolando su quanti filistei io e te abbiamo incontrato, è sul richiamo schumanniano alle “danze dei morti delle Grazie dei folletti” che mi concentro. Quando viene novembre con la Festa cristiana dei morti. Ripenso ai morti che abbiamo salutato crescendo e che son rimasti nei paraggi del nostro sentire umanissima perdita, e al suggerimento di Schumann per porre nella danza gioia e dolore.

L’ascolto delle Davidsbündlertänze mi lascia senza fiato. Prostrata fisicamente. Queste danze come le intendo consegnano il senso assoluto ultimo delle cose, e non essendo serena dinanzi alla mia infanzia e prima giovinezza, le Davidsbündlertänzeesse mi fanno conoscere soltanto il dolore che vissi nella giovinezza e il lacerare estremo delle scelte nel mio petto di allora. Mi sembra necessario quasi urlare, anni fa urlavo davvero, urlo interiore erompeva malinconico pure come malattia. Eusebio di Schumann mi portava a questo. Credo che anche tu abbia provato un capogiro simile ascoltando quest’opera di Schumann. Dopo le tue frenesie rock. E temo che se le avessi ascoltate alla mia età il Bambino sulla sedia si sarebbe mangiato la lingua per non più parlare in versi.

Inanello questa interpretazione perché quando ti ho fatto ascoltare, a Venezia, Il Concerto senza orchestra, Sonata in Fa minore op. 14 di Schumann, ti ha preso un’inquietudine estrema da me percepita per come battevi le palpebre.

Il maniacale ripetersi delle cellule musicali in quest’opera ti stava mettendo alla prova nella tua adolescenza. Difatti hai esclamato: ma qui c’è più buio che nelle Danze di David.

Questa composizione è tra le più misteriose del nostro disperato romantico amico del Reno.

Io ti ho abbracciato e ho pianto. Felice che nell’emozione tu potessi raggiungermi da piccola tu pensandoti piccolo e solo nel mondo come mi sentivo io.

Le Davidsbündlertänze sono appunto le danze dei compagni di David; "danze dei morti, delle Grazie, dei folletti", suggerisce l'autore; partendo dalla Lega contro i filistei Schumann evita le crociate trionfalistiche contro i nemici della musica e dell'arte, e preferisce definire un itinerario intimissimo e privato, animato da quella dicotomia fra le due parti contrastanti della sua personalità che si presta anche a una lettura psicoanalitica. Non a caso ciascuno di questi diciotto piccoli "pezzi caratteristici" reca in calce la lettera F o la lettera E (o anche tutte e due le lettere), a suggerirne, tramite la personalità di Florestano e Eusebio, l'ambientazione espressiva. E poiché per Schumann "in ogni tempo si mescolano Gioia e Dolore" (come recita l'antico detto riportato all'inizio dello spartito), ecco che l'intera composizione è emotivamente scissa fra queste due sensazioni.

A garantire la concezione unitaria dello spartito c'è innanzitutto il movimento di danza che lo percorre internamente da capo a fondo - privilegiato è il Valzer, ma si trovano anche due Landler (nn. 2 e 14) e una Polka (n. 12) - poi l'esuberanza della scrittura pianistica, imprevedibile nel fraseggio, ricca di soluzioni sorprendenti - anche se va osservato che nel sottoporre lo spartito a revisione, Schumann ne edulcorò in parte i tratti più anticonformisti; oltre a mutarne il nome in "Davidsbündler" ("Compagni di David").
 


5
 


 

 

IO x REGER TU x MAHLER STRAUSS. IO CLASSICA TU BAROCCO
(con richiamo a Versace ad Armani)

La differenza nell’immaginario, vogliamo definirlo estetico in senso lato?, tra me Cardellino e te Accio, riesco a renderlo emblematico se pongo in contrapposizione figure di compositori. Per te valgono Mahler e Strauss, perché sei barocco in essenza vitale e di forma fin negli atti quotidiani. Mahler e Strauss ambedue torrenti sonori spesso, a mio avviso, dispersivi. Mahler e Strauss non si accontentano della forma sonora ma devono rinvingorirla intrecciandola con immagini pittura racconti poesia per dare “visione”. Per Reger, che io scelgo per me, contrapposta al tuo sentire-agire, vale invece la lezione di Brahms e prima ancora, e soprattutto di Bach. Il mio amato Bach.

Scelta fondamentale. Anche in Reger si frangono i sistemi tonali, iniziano a frangersi, però si rivolge alle sue volute melodiche, all’ordine dei registri, in definitiva è gotico non barocco. Io sono Gotica tu Barocco.

La sonorità gotica sviluppa enfatizza il concreto melodico in dialettica con l’infinito. Reger sceglie questo ideale e lo esalta nello stile organistico. Esemplare sono le “Variazioni su un tema di Hiller”. Qui il compositore cambia i registri dei timbri orchestrali e c’è pure sfrenamento ma controllato. Sa controllare la spontanea espressione con volontà con disciplina “classica”. Ti delineo pure mio ritratto Cardellino. Spero tu colga in me armonia d’amore anche se a volte, come da partitura, severa nei contorni verso il tumulto tuo straussiano mahleriano in generi diversi affidato. Dai tanti strumenti d’orchestra che a volte ne basterebbero la metà per dire l’essenziale. Ma per questo, non lo nascondo, tu sei perfettamente adatto all'epoca Duemila, se ti mettessi in vetrina con la tua produzione barocca avresti il successo di Versace di Dolce & Gabbana sui social nella produzione. Ah, ecco un richiamo adatto, anche nell'abbigliamento, io prediligo Armani. Classico.
 

 

6



 

DA HALFFTER CHE PROSEGUE FALLA PER NARDI E KNABBERCHEN LA CALLA

Per l’8 dicembre dell’autore Accio per il fotografo nardi e fidanzata Knabberchen (1959-1984) vale la musica scritta dallo spagnolo Ernesto Halffter (1905-1989). Il compositore spagnolo prosegue la lezione di Falla. Ne è per certi versi determinato e molto ispirato. Così come Karoline Knabberchen ha determinato e molto ispirato Fabio Nardi nello scrivere il Canzoniere alla fidanzata morta suicida e l’autore che li racchiude personaggi.

Ad Accio Fabio Karoline porgo questa “Habanera” come calla.

Per la sua levità leggerezza dolcezza squisita.

Halffter mentre scrive partiture al pianoforte rivela elementi timbrici e colori d’alta sensibilità, cura ammirevole nel tocco e nel tono intimo e riservato, esattamente come Accio nello sfogliare con me quaderni e fogli della nostra amica Karoline nella soffitta del cascinale vecchianese.

Come si prosegue un’opera dispersa e mai raccolta? Halffter può insegnare molto su quanto ancora da compiere per Karoline Knabberchen. Anche quando il compositore scrive musica omaggiando Chopin. Anche quando scrive la fascinosa Rapsodia Portoghese.

Accio io sono accanto a te, a Nardi a KK, per aiutarti nella cornice musicale adatta a quanto è sublime e tragico nella poesia inghiottita dal Gorgo Lofoten.



 

7
 


Leonardo leo - Toccata 2 in Sol Minore



 

MUSICA DI LEO PER LA STANZA DEL CASCINALE OVE NACQUE ACCIO

Il pugliese Leonardo di Leo, compositore di spicco della scuola napoletana settecentesca, produsse musica strumentale eccellente per stanza. Concerti per flauto nn 1 e 2. Concerto per 4 violini e le poliedriche Toccate per cembalo. Composizioni molto, ma molto, meno conosciute della più nota produzione vocale del maestro.

Sono però esse che ritengo adatte alla stanza, con i mattoni rossi, e le pareti verdoline, dove nascesti di sette mesi l’8 dicembre 1952. Sottopeso a rischio di morte. “Sembra un conigliolo spellato” disse il forte padre Lalo alla Nada stravolta con scarsissima delicatezza, “ma sopravviverà perché il sangue tuo e mio è forte Nada” rimarcando il legame che li univa in un sorriso. E pure mi hai raccontato Accio, che tua nonna Messinella, diceva che entravi comodo in una scatola di scarpe.

Battezzato nel linguaggio della stirpe del popolo estremista. Padre partigiano comunista, nonna fascista vedova di Pardini Vittorio ardito marcia su Roma fulminato nel còre all’arrivo degli americani a Vecchiano nel settembre 1944.

Ti sia la musica dolce fantasiosa duttile risarcimento dell’asperità nascitura. Accio mio.

 

8

 

Mstislav Leopol'dovič Rostropovič: Johann Sebastian Bach 6 suites for cello solo



 

BACH SUITES VIOLONCELLO PER BIMBO ACCIO BELLO

I critici psicologicamente più avveduti concordano nell’affermare che se Bach col violino fu coraggioso col violoncello fu intrepido.

Pertanto siccome penso che tu Accio sia coraggioso nella scrittura estraendola dalla vita reale dal dolore come dall’amore, che tu sia nato con questo destino e sigillo di sette mesi, e intrepido nell’estetica visuale sia essa pittura o fotografia, anticipi i tempi come nella nascita, sento adatto nell’Otto di questo ultimo frammento per te, il richiamo al mio amato Bach coraggioso col violino e intrepido, audacemente intrepido, con le partiture per violoncello.

Ed è Rostropovich a interpretare al meglio il Bach del violoncello. Perché riesce, con altrettanta audacia, a superare le difficolta dell’esecuzione, i problemi di pratica virtuosistica di espressione di stile.

Tu sei autore; e interprete di Karoline Knabberchen di quanto ti ha lasciato e, di me Cardellino, nella vita di coppia reale nella musica e parola che ti affido. Si sì, le Suites per violoncello di Bach e come Rostropovich le suona, è quanto di più adatto per il tuo compleanno e per dirti il mio amore per te.


 

FINE

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Sara Esserino alla maniera di Julia Margheret Cameron a Venezia. 2011-2019. Con Heaven Stood Steel di Willy deVille
» Sara Cardellino per il compleanno di Accio l'8 Dicembre 2019 la Canzonetta spirituale sopra alla Nanna di Tarquinio Merula
» Accio e Cardellino a Sankte Moritz Samedan. 35° anniversario della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984. La punta dell'iceberg.
» Accio e Sara Cardellino: Il destino scritto dell'Averla. In difesa di Karoline Knabberchen nel 35° della morte il 20 agosto 2019. La punta dell'iceberg.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: 35° della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto. La punta dell'iceberg.
» Accio: Sara nella carta il 14 febbraio 2019 tien passione alta nell’amorose prove
» Claudio Di Scalzo: Giuramento d'amore con folaga e doppietta sul lago Puccini il 14 febbraio. Accio e Sara Cardellino adolescenti
» Accio e Sara Cardellino: Ricordi estivi a gennaio con manga e tubino nero e capanno. Kitakami-Bocca di Serchio
» Accio e Cardellino: Mostra domestica a Venezia sull'amore 2009-2011. Nel gennaio 2019 nostre Cime Tempestose.
» Accio e Sara Cardellino: Primo bacio dell'anno novo 2019 a Venezia primo risveglio con litigio. E Legge "Lascia l'ultimo ballo per me" - A Torcello vento bello!
» Accio scrive a Sara Cardellino: Riflessioni con Gemma Galgani d'uno scasato per l'8 dicembre 2018 e l'anno che viene 2019. Con ricordo del 9 gennaio 2017
» Accio e Sara Cardellino: Notti nel Cascinale ogni storia vale 1,2,3,4 - Con il pescatore di branzino che tien così Sara lontana vicino! e Bruxelles-Vecchiano
» Accio e Sara Esserino nel fiume a cielo aperto. Epistolario 2011
» I Ponti sull’Arno sul Serchio di Accio e Sara Cardellino come riverbero dei ponti di Madison County di Robert Kinkaid e Francesca Johnson. Con ricordo di Polidina e Messinella
» Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
» Claudio Di Scalzo: Le Coccinelle per Sara Cardellino dell'Olandese Volante rivelano il destino
» Accio: Sara Cardellino nel Rosa-Verde-Giallo Mattino. Lucca Comics & Games 2018
» Claudio Di Scalzo: Traducendo Stevenson questa poesia per Sara Van de Cardellino. Bocca di Serchio Samoa
» Sara Cardellino e Accio: Verso l’Isola che c’è da dove vedremo passare L’Olandese Volante
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Sara Cardellino e Accio: Separazione e reincontro sulla Riviera del Brenta ieri e oggi con Villa Malcontenta. 2011 e 2018
» Claudio Di Scalzo detto L'Olandese: Decalogo feuilleton per la pomona dell'Olandese Volante al Campo della Barra dopo Madrid - Con Calamares fritos e Sara Cardellino
» Accio e Sara Cardellino a Madrid. Racconto Transmoderno
» Accio e Cardellino al Teatro Real di Madrid. Con semiseria dichiarazione del Cardellino Intimissimo...
» Claudio Di Scalzo: Lalo Cardellino Rondini Knabberchen. Giugno 1983/2018. Con preghiera senza volo dell'uccelletto Kierkegaardiano
» Accio e Cardellino: Colline Tempestose da Pisa a Madrid. Un Linton a testa non rovina nuova festa.
» Accio: la musicista cardellina e la sarta
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Accio Strapaesano telematico: La Bohème di Torre del Lago per Sara Cardellino
» Sara Cardellino - Accio: I neofascisti a Lucca, Ilaria del Carretto, Knabberchen, Nada, Poulenc. Considerazioni finali sul ready-made rettificato nato nel gennaio innamorato. E la cura di quanto in arte fu ideato.
» Accio a Villa Roncioni. Foto Sara Cardellino 2
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Noi due nel Magnificat di Bach
» Sara Cardellino: The House of Rising Sun, La Casa del Sole per Accio per l'anno che finisce per quello nuovo 2018. L'Addio al web in barca con Sara Cardellino.
» CDS: Se il treno parte con la Cardellina se Accio la disegna - Lucca Comics and Games 2017
» Una sola infinità di Sara Cardellino. A Venezia a Vecchiano. Con proverbi e Puccini
» Accio e Sara Cardellino: La notte del camionista con Debussy
» Claudio Di Scalzo: Frittura veneziana con Malipiero e Gozzi e Cardellino
» Claudio Di Scalzo: La mia morte come autore dopo i fatti dolorosi del 9 gennaio 2017 - Con Sara Cardellino alla tomba di Libertario detto Lalo a Vecchiano
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Io ti aspetto. Sono qui sulla banchina! (Lettera fondamentale a Sara Cardellino)
» Sara Cardellino: Scene della foresta di Schumann con Accio in pericolo
» Sara Cardellino: Scene infantili di Schumann per la nostra segreta poesia
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Sara Cardellino salva il Falco Ferito.
» Claudio Di Scalzo: Sono in pericolo Sara. Ho bisogno di te.
» Sara Cardellino e altre piume cangianti. E Vivaldi. Con giuramento pè ir mi Accio che quanto inventammo e inventiamo resterà segreto incantato in due per sempre firmato.
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Sara Cardellino: Confessione sospesa con Brahms. Epistolario, 2011 - Epistolari conservati ed epistolari cancellati.
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Brahms, la Croce, il Bene. Col Ragno del Male.
» Accio - Sara Cardellino: Olandese Volante disalberato - Post Scriptum su di me che gna fà
» Claudio Di Scalzo: I due addii di Sara Esserino (che diventerà Sara Cardellino)
» Lettera di Sara Cardellino a Claudio detto Accio. Al mio povero scrittore sgrammaticato - E lettera a fine maggio al povero disegnatore che scopre stracciato il suo fumetto
» Claudio Di Scalzo: Musica per Sara Cardellino 1
» Claudio Di Scalzo: L'unica volta poeta
» Accio: Lettera a Sara Cardellino con grazie cristiano e comunista
» Noi due libertari: a Lalo (con Karoline Knabberken)
» Claudio Di Scalzo: Storia con designers. Da AMORI A BASSA QUOTA
» Giovanni Boine e il Cristo sulla Croce. Anche articolo di Mme de Stael
» CDS: Orologio a cucù. Da AMORI A BASSA QUOTA
» Claudio Di Scalzo: Olandese in Cristo. Pasqua 2017
» Claudio Di Scalzo: Palmo spellato. Teologia poetica
» Claudio Di Scalzo: Ottetto del Bambino sulla sedia con Boine
» Claudio Di Scalzo: I miei Morti, la Poesia nel Comunismo
» CDS: Bambino Briciole Pollicino Pasqua. Esercizio del Cristianesimo
» Claudio Di Scalzo: Storia vera del Bambino sulla sedia
» Accio: Aria mozartiana per Sara Cardellino
» I Salmi di Boine 1 - Ceppo del male, fotografia, Galgani
» Il Bambino sulla sedia febbraio 2017. Con Bambina Prima Comunione
» CDS: Il dolore gigante del Bambino sulla sedia
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: Olandese Falco Ferito
» Sara Cardellino scrive ad Accio. E Accio la disegna.
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Accio a villa Roncioni con il calcinaccio. Foto Sara Cardellino 1