Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

ACCIO E CARDELLINO

:: Lettera di Sara Cardellino a Claudio detto Accio. Al mio povero scrittore sgrammaticato - E lettera a fine maggio al povero disegnatore che scopre stracciato il suo fumetto
17 Maggio 2017


Sara Cardellino e Claudio Povero Musicante Scrittore

Domenica delle Palme 2017

 

 

LETTERA DI SARA CARDELLINO  A CLAUDIO DETTO ACCIO

AL MIO POVERO SCRITTORE SGRAMMATICATO

 (In risposta alla -  clikka -  "Lettera a Sara Cardellino con grazie cristiano  e comunista 

Claudio, ho letto la tua lettera dove mi rendi personaggio anche disegnato. Ti dico in sincerità che forse sarebbe meglio non entrassi in alcun libro, come Sara Cardellino dopo esser stata Sara Esserino; anche se gli scritti sono struggenti e i disegni colgono quanto mi agita. Ti sono vicina in questo tuo momento perché anch’io so cosa vuol dire avere i genitori ammalati gravemente.

Del nostro passato e di come tu lo hai interpretato non scrivo qui. Hai avuto grandi responsabilità nel dramma che vivemmo e che mi facesti vivere. Sulla mia reazione hai inventato un personaggio struggente come Sara Esserino che (clikka) a Villa Malcontenta il 20 novembre 2011 fugge dal legame perché non riusciva più a vederti in ogni estetica perduto, inaffidabile per questo, mettendo a rischio l'amore reale che vivevano. Ma io non ero e non sono una pavida che voleva impedirti d'esprimere la tua natura. Oggi lo sai in maniera del tutto rivelata. Però anch’io devo ricredermi. Tu sei un uomo affidabile. La tua affidabilità paradossalmente porta alla rovina l’amore che assieme all'amata inventi. Ciò è la tua disperazione, e lo sai, perché me lo hai confidato tu per primo. Per non cedere ad atti estremi – in ciò sta il personaggio tragico di Karoline Knabberchen col suo mistero. Perché si uccise? Quanto di te è stato, è, Fabio Nardi che non l'ha salvata? – devi immaginare che questa rovina o catastrofe che crei sia il viatico per scrivere qualcosa di memorabile. Di altamente bello. Direi unico. Che poi, per punirti, non pubblichi, non fai conoscere se non a frammenti, poi lo nascondi. E credo che tutto ciò finirà per perdersi.

Ora voglio dirti qualcosa che spero non ti sorprenda. Penso tu sia l’uomo più buono che io abbia mai incontrato. E per questo anche se non posso vivere con te, non posso fermarmi qui!, come vorrei!: provo ancora quanto mi coinvolse in un maggio lontano del 2009. In un novembre lancinante nel 2011: quando lasciai l'amore che tutta ancora mi scòteva. Tu Accio sei buono come il Povero Musicante di Grillparzer. E se lui non conosce la grammatica musicale per suonare eppure suona lo stesso tu non conosci la grammatica di base dell’amore eppure lo vivi e lo inventi per chi ami; io stessa un tempo, partecipai a questa musica inaudita, che non ha la grammatica per reggersi infinitamente. E prima o poi subentra una stonatura, un rumore assurdo, un berciare scomposto che rompe l’esecuzione. E cala il sipario. Tu sei nuovamente solo!



"Non soffrire più Accio. Te lo chiedo io, Sara.

Ora basta! Non voglio accada così ancora!"


 

Io però adesso so il segreto e il mistero del Povero Scrittore di paese parente del Povero Musicante e ti starò nel bene, nell'amore, non posso fare altrimenti, accanto. 

Scoprendo quanto in pochi mesi hai disegnato e scritto sulla tua vicenda di figlio e di artista - coinvolgenti fino al pianto quanto scrivi per Gemma Galgani - so che quanto possiedi è un dono che ti ha dato il Cristo. Tu più sei perduto e sperso o bellicoso e inutilmente aggressivo componi quanto i maestri compositori padroni d’ogni teoria e addetti alla concertazione di orchestre non riescono a fare. E lo componi soltanto per chi ti dona anche una semplice carezza. Una parola dolce. Togliendoti per poco da una solitudine che vivi da sempre. Io questo ora, Claudio, Accio!, so! 

Non hai nessuna vanità o presunzione che hanno gli autori o le autrici in cerca di lettori, riconoscimenti, premi. Anche i più onesti verso il mestiere letterario li superi perché tu scrivi e disegni soltanto per chi ami. Nella missione che ti sei imposto di rendere l'amore assoluto e per sempre. Tu sei parente dei folli come Novalis e Hoelderlin e Modigliani. E nessuno lo saprà mai. Qui sta la tua bellezza ai miei occhi di donna. E per questo sei nei miei pensieri anche se neppure un bacio tra me e te ci sarà. L'ultimo è stato, e voglio fortemente voglio!, che sia così!,  quello che ci demmo nel Vicolo del Gatto  e poi a Villa Malcontenta... io Sara Esserino, a Verona, sul Brenta. E non so se ci riuscirò!!

Tu chiedi soltanto che il libro che vivi assieme a chi ami sia scritto soltanto in due. Anche se non verrà mai pubblicato. E' una richiesta che ritengo logica. Allora, nel 2011, dopo la nostra separazione fui talmente addolorata di non poterci più stare con te, in quanto avresti ancora scritto, che decisi di seppellire, realmente, quanto m'avevi affidato. Ti racconterò tutto presto! E dopo non ho più scritto un rigo. Né ho partecipato a nessun evento in poesia. Ho smesso di scrivere. O con te o con nessuno! E' stata questa la mia fedeltà all’amore assoluto.

 



Domenica delle Palme 2017


 

Io credo che dinanzi alla tua sgrammaticata e candida epopea d'amore che doni starti fedele in questo sia quanto attiene a chi ama. Sennò non è un amore adatto. Non lo è mai stato. Non è abbastanza grande! Si può dialogare con chiunque (come te scelgo le persone semplici, non i poeti o gli intellettuali, bensì missionari, volontari nel sociale, persone del mio quartiere dove abito) però musica e scrittura la si fa con il Povero Musicante Scrittore che ha soltanto questa gioia. 

Questo volevo sapessi e credimi per questo ti porto con me - mi sono sposata dopo la nostra separazione e rispetterò il Sacramento! devo farcela!!! - anche se non posso sfiorare le tue labbra e carezzarti a notte le rughe le ferite i segni degli anni che ti hanno devastato da quando stavi ritto su di una sedia, (clikka) Bambino, a recitare a forza poesia. Lì sei una figura cristologica e la abbraccio fino a farti sentire quanto batte nel mio petto il mio cuore religioso simile al tuo. Religioso! Ricordalo.   Sara Cardellino


 





 


Il dono di Sara Cardellino ad Accio la Domenica delle Palme a Vecchiano



 

Sara Cardellino

LETTERA AL POVERO DISEGNATORE CHE SCOPRE TRADITO IL SUO FUMETTO

È passato un mese dalla lettera che ti scrissi e in questo tempo, standomene a Praga per i concerti di maggio ho pensato a te. Anche se non te ne ho dato notizia scrivendoti o telefonandoti. Sono troppo coinvolta da quanto ti sta accadendo e addolorata per la fine dell’Olandese Volante. Che poi è anche, temo, la fine di ogni tuo rapporto con quanto hai amato nei segni nella tua intera vita. Perché smetterai di scrivere e disegnare.

In questi giorni, tra le fatiche delle prove per il Concerto di Mozart per flauto KV 314, e gli impegni per l’esecuzione col mio partner della Sonata per flauto e piano di Poulenc, ma eseguirò anche la Serenata del tuo amato Schubert, ho letto attentamente le tue ultime pubblicazioni, le conclusive, sull’Olandese Volante.

Sono l’ultimo capitolo, adatto finale, del romanzo transmoderno. Racconti con i personaggi con te ortonimo ed eteronimo la tua esistenza nel nodo terribile vissuto a gennaio-febbraio e nei mesi seguenti fino a questo fine maggio. La tua disperazione. Tu, un tempo così allegro, s’avverte che non hai requie né voglia di scherzare.

La sincerità degli accenti, l'amara delusione politica, la biografia velata e rivelata, la passionalità, i temi, le suggestioni, sono perfettamente adatte all’estetica, transmoderna, e te l’ha scritto anche Rosa María Rodríguez Magda, mi dicesti la Domenica delle Palme, dispiaciuta che il veliero transmoderno dalla sua filosofia ispirato cessasse la navigazione.

Ma quale transmoderno? in quale genere riversato in questi ultimi mesi? Io penso nell' illustrazione fumettistica. Sono commossa, conoscendoti, che tanta parte di questo finale tu l’abbia affidato al fumetto. Perché da lì bambino Accio partisti. E poi da adulto. Qui affiora parte del Mistero di Karoline Knabberchen. Tento di darne una soluzione possibile. Poi sono, te lo confesso, ulteriormente coinvolta perché hai mischiato il tutto con la musica.


 


Sara Cardellino flautista a Praga a maggio 2017



 

Accio, tu stai scrivendo del linguaggio musicale con una competenza che mi sorprende e mi muove all’ammirazione. Un mio amico dell’orchestra e con il quale eseguo sonate per flauto e piano, è rimasto di stucco. Su quanto hai scritto per Schubert. E mi ha detto quello che io penso. Uno così se studiava musica a venti anni diventava compositore. Ma chi è di preciso? mi ha chiesto. È un uomo che prima di sposarmi ho amato tanto. E che ho ferito e lui ha inventato un fumetto dolcemente malinconico per me. È un artista in tutta purezza e crudeltà, anche verso se stesso. E sparirà e conosceremo soltanto un coriandolo di quanto ha ideato. Della festa continua donata e dedicata a chi amava a chi voleva bene. Io, dopo il 20 novembre del 2011, poi te ne parlerò!, ho raccolto ogni singola stella filante. Altri  - in ampia schiera - hanno fatto marcire quella gioia perché non diventava carta stampata!

Folle e lucido. È il mio Eroe da libro. Ho detto al pianista che scopriva qualcosa di inaudito. Perché nessun artista agisce come te. Tutti e due abbiamo il Grande Meaulnes come romanzo fondante, ho proseguito. Ero la sua Yvonne, e per non morire, non l’ho sposato. Questo il finale cambiato al libro. Ma un po’ sono morta lo stesso. Poi ho chinato il capo. E l'amico gentile mi ha passato un fazzoletto per gli occhi!



 


Sara Cardellino nel notturno praghese 2017



 

Le passionalità con cui scrivi è sceneggiatura di un fumetto. Diretta, coinvolgente. Comprensibile. Il tuo fumetto. Amori perduti, tradimenti, odi, amori assoluti che sfidano la morte, tavole colorate e melodramma, e romanzo feuilleton popolare. Salgari e Dumas e Puccini. Finimore Cooper con Kipling in casa Gauguin. Jeanne Hebutèrne e Gemma Galgani. Il tuo mondo. Ed infatti la stessa testata, L'OLANDESE VOLANTE, è commistione di rimandi al Sacro con Wagner e di fumetto: storia dei pirati, Tortuga, arrembaggi contro gli spagnoli di Maracaibo. L'Olandese e la Corsara della Metamorfosi, se ricordo giusto. Due personaggi alla guida del veliero, corsari, in guerra di corsa-web contro la letteratura ridotta a merce lustra on line. Negata a ogni compromesso con i letterati da Antico Regime in gerarchica letterarietà. Se sei rimasto da solo, come del resto sei sempre stato!, nel tuo fumetto, è perché tu questo fumetto lo ritenevi reale prassi estetica. Non mi sembra che, a gennaio-febbraio, questa guerra di corsa, abbia avuto gli esiti che immaginavi, vero?

Da qui svolgo il mio ragionamento sul Mistero di Karoline Knabberchen e il tuo rapporto con lei.

Tu hai vissuto realmente con Karoline Knabberchen una vita di coppia in amore e nelle arti. Negli anni che racconti. Avete scritto, viaggiato in Europa, fotografato, dipinto. Era il vostro gioco in amore applicato. Non avevate nessuna carriera letteraria o artistica o accademica da rincorrere. La rifiutavate. Tu realizzi il fumetto a cui aspiri fin da monello e lei la spiritualità metafisica, la letteratura soltanto parola e voce non scrittura. Il tutto per vivere un amore che sia per sempre. Anche nel fumetto gli amori sono per sempre e non solo nel melodramma o in Dante e Shakespeare!

E ci siete riusciti! pur nella tragedia. Quanto hai scritto ultimamente grazie a Schubert credo ti avvicini, come Autore e come Fabio Nardi, al groviglio che portò Karoline al suicidio. E, aggiungo, che non avresti trovato questi accenti e questa verità se tu non avessi vissuto i primi mesi di quest’anno nella totale angoscia. Con la sola consolazione di rileggere il Kierkegaard di Esercizio del Cristianesimo.

Anch’io, ricevetti, da te, sopra Karoline Knabberchen, una versione che come scrivi in (clikka) "Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero" non entra nei particolari del dramma. Deve bastare qualche frammento del Canzoniere di KK pubblicato in trenta e passa anni.

E penso che tu abbia fatto bene a non rivelare tutto.

Con le donne che tu hai amato (e io so che mi hai amata come autore reale e come personaggio, non so cosa è successo dopo la nostra separazione, se ancora autore e personaggio erano uniti o separati! in altri tuoi legami) hai proposto di vivere quanto Fabio Nardi vive con Karoline Knabberchen, e che tu intendi, intendevi, vivere nel reale, un amore, un legame di coppia, da riversare per gioco e passione, nei vari generi letterari ed estetici dal sublime all’umoristico, usando filosofia e trame popolari. E, creando in coppia una sorta di comunismo transmoderno romanzesco (Clikka: COMUNISMI) che consentisse di tenere accosto vite e date e personaggi della rivoluzione  come hai raccontato in Comunismi. Questa è stata la tua rotta per L'Olandese Volante.

Alla base il fumetto. Basta tu ripassi le coppie che hai ideato. Sono perfettamente da fumetto. Sorta di graphic novel o poem. E del resto case editrici del settore ti hanno fatto proposte, a Lucca Comics, che tu hai ignorato.

Quindi dentro questa tua vita da fumettista segreto, o da Povero fumettista parente del Povero scrittore, i tuoi accenti su come giudichi e vivi quanto accade nel fatuo mondo estetico-poetico, perché vivi quanto i tuoi personaggi soffrono, sia chiaro!, sono perfettamente adatti. Direi necessari! 

Ovviamente questi poeti e artisti da web l'han giurata all'Olandese Volante. Nessuno in tutta la rete in lingua italiana ha mai messo loro davanti questa verità. E infatti puoi girare on line una giornata, mesi, anni, e sui siti di poesia e letteratura e arti, che citano ogni filosofo da AristoteleHeideggerNietzsche, non trovi mai Marx, mai Bakunin, mai Lenin, mai Luxemburg. Il Tradimento degli intellettuali, come scrisse nel suo libro Julien Benda nel 1927, dei chierici, è perenne. Vige anche in questo 2017 sulla Rete.

Avendo provato sulla tua pelle e sui tuoi nervi!, in diciassette anni on line!, con i siti inventati, L'Olandese Volante è soltanto l'ultimo e il più bello, il tradimento dell'anarchismo estetico, tu irrompi col tuo privato reso romanzo popolare e fumetto sull'Olandese Volante che va a morire. E spezzi il galateo politico liberal e sentimentale in voga tra addetti alla cultura poetica. Che è ideologia di nascondimento falsa.

Dopo che ci separammo non li ho più frequentati. Eppure faceva gola all'editore di pregio, molto ben distribuito, la poetessa musicista interprete al flauto traverso di bella presenza. Ero l'unica. Investimento sicuro su di me. Ma di stampare libri di poesia o poemetti, se non eri con me, come dite voi di Pisa, scusa la brutalità, non me ne importava una sega nulla!

Ridi almeno ora Accio mio. Ti imito nell'umorismo nel rappresentare questa génia - vasta schiera! - che ha affondato L'Olandese Volante! E sono serissima nel ricordare che questo è stato il modo per dirti di che tempra era l'amore mio per te! (clikka: I due addii di Sara Esserino che diventerà Sara Cardellino

"Prima viene l'amore poi i libri da stampare" esclami ricordando come rinunciasti a Feltrinelli e Sellerio per  l'utopia politica Cyber-Soviet e per amore di Idina Faro (clikka: "Prima viene amore non libri da stampare") 



 


Sara Cardellino  la Domenica delle Palme a Vecchiano



 

Apprezzo, pertanto, caro Claudio, nella città di Franz Kafka - che in punto di morte chiese di distruggere i suoi manoscritti - questa tua vocazione fino a chiamare quanto successo col nome veritiero. Con la rappresentazione adatta. Anche del Tradimento - sbaglio o in sette anni poeti e vari artisti si son affacciati lì per poi darsele a gambe! - delle idealità dell'Olandese Volante! Del resto sotto la testata c'è scritto "ROMANZO TRANSMODERNO". Quanto narri realistico e simbolico è appunto un "romanzo" dove sei voce narrante e molteplici personaggi. E gli atti in amore in politica, nobili o detestabili, esistono per chi li compie anche senza il romanzo a raccontarli. Rimangono nella psiche e nell'animo.

Non so cosa sia accaduto dopo di me nei tuoi legami. Affermo però che Karoline Knabberchen rappresenta la purezza della poesia. E che se fossi rimasta in ambito d'attività poetica avrei fatto di tutto perché avesse qualche riconoscimento. Nessuno degli addetti ai lavori letterari e poetici - schiera vasta - ha mai scritto un rigo sul Canzoniere di Karoline Knabberchen. E se mi avessero cercato come firma sarebbero diventati miei amici collaborando attivamente all'Olandese Volante come per converso propone la nostra eroina svizzera nel coinvolgente "Karoline Knabberchen: Esclusività".  Magnifico rovescio per l'assoluto dell'amore! Questo è un racconto che rimarrà, Claudio, anche se l'Olandese Volante dovesse inabissarsi. E così i personaggi che han vissuto la fine con te dell'avventura. C'è una giustizia che va oltre i calcoli del presente verso la bellezza e l'arte. Una cura che poi s'impone. E ciò ti riguarda! Accio. Riguarda quanto hai dato alla letteratura e all'estetica. 

Oggi, dinanzi a questo sconfortante panorama è giusto il tuo ritorno a casa, al cattolicesimo della tua adolescenza quando inventasti il "Portatore di Croci" per Don Gino, alla cura senza pubblicare niente della tua vicenda con KK, e alla - possibile - scelta del silenzio, venendo via dal web e smettendo di scrivere e ogni altra attività estetica. Scrivo "possibile" perché penso - egoisticamente - a quanto non potrò più leggere e vedere, e, di più, al dolore che ti darai con questa mutilazione. Forse bisogna, assieme se vuoi, pensare ad una mediazione verso questo tuo radicalismo.

 


Sara Cardellino



 

Però, devo dirti, che chi ha fatto in questi decenni scelte di vivere la letteratura come un lavoro un prodotto da vendere sono assolutamente legittimati a farlo. Sei tu che sei diverso. Da tutti loro. Autori e autrici.

Scoprendolo in questo gennaio-febbraio hai perso il tuo candore e la tua innocenza di fumettista. Sessantenne. E ti sei sentito anche un po’ babbeo. Ma semplicemente gli altri hanno aspirazioni che non collimano con le tue.

Necessitano di carriera letteraria, scambi poetici altisonanti da rilanciare su Facebook, pubblicazioni, conferenze, corsi di poesia dove istruire altri poeti, che con la poesia e l'estetica, come la intendi, ci dice, altro mio umorismo pisaneggiante, come i cavoli a merenda.
 
Tu a questo "contorno!" non sei adatto. Chi nei decenni ti ha avvicinato - fitta schiera - questa loro necessità te l'hanno taciuta.  E così hai subito, a termine di tanta navigazione on line,  l'atto più disumano e impoetico di cui abbia notizia! Il tuo fumetto è stato strappato!, il fumetto del Povero Scrittore di Paese che come sola mitologia ha un padre camionista anarchico, una sarta che cuciva splendidi tailleur e un barbiere Pazzo, è stato strappato.  Personaggi fondamentali del tuo fumetto  politico e poetico.

Cos'avranno avuto in più la cerchia dei colti poeti e poetesse, da frequentare assiduamente, ti sei chiesto, rispetto a questi protagonisti della tua biografia, dell'Olandese Volante, del fumetto esistenzialista che andavi disegnando? Niente!, ti sarai risposto, dolorante e furente, perché esprimono la mitologia proletaria, comunista anarchica, la bonta popolare col suo scarno alfabeto; sono chi ha combattuto il nazifascismo e la protervia del regime democristiano, e ha sofferto ogni ingiustizia del Capitale, anche da vecchi!, senza soldi per le cure!, e ai tuoi occhi, anche ai miei Accio!, valgono più delle mitologie delle antiche civiltà sparsi in poemi falsi già ai tempi di Foscolo. Incistati con religioni pseudofilosofiche, come nei peggiori poemi di Arturo Onofri!, che la semplicità del Vangelo rende vana elucubrazione.

E tu come un bambino, con l'età che hai!, sei rimasto trasecolato, incredulo, hai usato la fionda e i richiami a Karoline Knabberchen a Modigliani e Jeanne Hébuterne, a Majakovskij, a Boine. Cosa pensavi di ottenere Povero scrittore sgrammaticato povero fumettista!? Pensi ancora che ricordando il Sacro si possano sconfiggere le seduzioni della vanità intellettuale demoniaca in giro? Pensi possa qualcosa contro queste persone L'ecclesiaste, il Libro della Bibbia che tieni sul comodino a notte assieme ai Salmi e alle avventure di Paperino e Paperina, Tintin, L'Uomo Masherato e Diana Palmer?  

Il tuo fumetto, sull’Olandese Volante, di questi mesi, è la risposta a questa innocenza che hai perduto. All'amara delusione in cui ti sei trovato. Non ci sono monelli che giocano, adulti che scrivono e che si amano e che lottano per la rivoluzione nei segni. Era tutto nella tua testa! 
Al massimo lo accettavano come letteratura. E dunque finzione. Non realtà. Tu pensavi fosse realtà. La vivevi nel reale, e ci scrivevi e "fumettavi". Ma non era così per chi ti avvicinava.

L’unico amore grande, che ti ha permesso di vivere questa avventura, che non è mai scaduto, è stato quello di Karoline Knabberchen. E tu l’hai fatto vivere a Fabio Nardi.

E poi il mio! Con te Accio. Altro fumetto. Quello di Sara Esserino tornata Sara CardellinoPerché i grandi amori, se lo sono!, necessitano del tragico e non della commedia che impone fare poesia on line sui blog sui social! Necessitano della parola che rivela la bellezza stordente dei sentimenti quando nascono sia il dramma di quando svaniscono travolti da passioni incontrollate! 

In queste vicende, reso "romanzo transmoderno" (le narri da diciassette anni) c'è la vita la carne lo spirito, non è come commentare, con la solita piaggeria in uso sul web, il librino edito dell'amico o dell'amica per incrementare fruttuosi "dialoghi" letterari ed entrature! Ghe fa in sta' manera buta la vida
 in aséo! (chi opera in questo modo - un esercito di poeti! - trasforma la sua vita in aceto, dialetto veneto)

Tuto va e vien, e gnente se mantienIndiferensa fa el calo al core bruto. Recita il proverbio veneto.
(tutto va e viene. L'indifferenza rende il cuore calloso e brutto)


Karoline Knabberchen ed io siamo figure tragiche. Che vivemmo con l'amato nell'ascesa dell'amore nella sua catastrofe la parola-lo sguardo-le mani intrecciate. Non usammo, lei alle Lofoten io a Villa Malcontenta sul Brenta, le oscene segreterie telefoniche utilizzate da una miriade di genti che siano poeti o meno.  Ed è giusto, te lo scrivo, che con te, noi si possa restare in Canzonieri, libri bellissimi e ineguagliabili, che non vedranno mai la stampa. Che scompariranno con noi! Questa è Religione questo è Comunismo! 

 




Mara Zap a Kampa nel maggio 2010
col cuore intrecciato
al suo Golem 


 

Disperato artista, Accio mio, mi sono aggiunta a Karoline sulla questione dell’amore che non è scaduto!, anche se sono sposata e rispetterò (non so se ci riesco, se sia giusto!) - tormentata oh se lo sono tormentata - il sacramento!, però oggi ti abbraccio forte, qui, sul Ponte Carlo; suonerò pensando a te come ho fatto l’altro ieri, e andando all’isola di Kampa dove hai inventato, con me!, le avventure di due fenomenali personaggi come Mara Zap e Golem, questa lettera triste la finisco sorridendo, sorridendoti - Ti siano leggeri i mesi che vengono che so drammatici. Bacia la Nada per me. Una sarta e un camionista hanno messo in giro un bel personaggio anche se lo chiamano ancora Accio. E che è, lo scrivo, il mio fumetto preferito. Quello in cui la mia vita si riconosce e avrei voluto tanto scriverne la trama fino all’ultima pagina con te. E so che mi aspetti. Perché anche il nostro amore è un sacramento!
Dio mio!, non merita forse Accio, non merito forse io di vivere per la seconda volta nel suo cuore e lui nel mio! La religione non può impedirlo! 

Tua Sara Cardellino
che nel salutarti ti trascrive quanto Bruckner,
compositore candido scrisse nella sua dolcezza cristiana;
tu, Accio, prova sostituire il Te Deum
con Canzoniere di Karoline Knabberchen,
e ne sarai consolato:


"Quando Dio mi chiamerà un giorno e mi chiederà
che cosa hai fatto coi talenti che ti ho dato.
Ebbene, allora io alzerò davanti a Lui
la partitura del mio Te Deum
ed Egli certo mi giudicherà benignamente".



 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Sara Esserino alla maniera di Julia Margheret Cameron a Venezia. 2011-2019. Con Heaven Stood Steel di Willy deVille
» Sara Cardellino: Musica per il compleanno di Accio nato immacolato di sette mesi che vita ebbe coi suoi sorrisi e pesi - 8 XII 1952 - Vivaldi Mozart Schumann Reger Halffter Leo Bach
» Sara Cardellino per il compleanno di Accio l'8 Dicembre 2019 la Canzonetta spirituale sopra alla Nanna di Tarquinio Merula
» Accio e Cardellino a Sankte Moritz Samedan. 35° anniversario della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984. La punta dell'iceberg.
» Accio e Cardellino: Il destino scritto dell'Averla. In difesa di Karoline Knabberchen nel 35° della morte il 20 agosto 2019. La punta dell'iceberg.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Fabio Nardi e Claudio Di Scalzo: 35° della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto. La punta dell'iceberg.
» Accio: Sara nella carta il 14 febbraio 2019 tien passione alta nell’amorose prove
» Claudio Di Scalzo: Giuramento d'amore con folaga e doppietta sul lago Puccini il 14 febbraio. Accio e Sara Cardellino adolescenti
» Accio e Sara Cardellino: Ricordi estivi a gennaio con manga e tubino nero e capanno. Kitakami-Bocca di Serchio
» Accio e Cardellino: Mostra domestica a Venezia sull'amore 2009-2011. Nel gennaio 2019 nostre Cime Tempestose.
» Accio e Sara Cardellino: Primo bacio dell'anno novo 2019 a Venezia primo risveglio con litigio. E Legge "Lascia l'ultimo ballo per me" - A Torcello vento bello!
» Accio scrive a Sara Cardellino: Riflessioni con Gemma Galgani d'uno scasato per l'8 dicembre 2018 e l'anno che viene 2019. Con ricordo del 9 gennaio 2017
» Accio e Sara Cardellino: Notti nel Cascinale ogni storia vale 1,2,3,4 - Con il pescatore di branzino che tien così Sara lontana vicino! e Bruxelles-Vecchiano
» Accio e Sara Esserino nel fiume a cielo aperto. Epistolario 2011
» I Ponti sull’Arno sul Serchio di Accio e Sara Cardellino come riverbero dei ponti di Madison County di Robert Kinkaid e Francesca Johnson. Con ricordo di Polidina e Messinella
» Claudio Di Scalzo: Accio e Sara Cardellino a Vecchiano a Lucca Comics 2018. La fionda spezzata e risaldata. Con Ricordo di Karoline Knabberchen. E di chi disse ad Accio: Vado alla Polizia!
» Claudio Di Scalzo: Le Coccinelle per Sara Cardellino dell'Olandese Volante rivelano il destino
» Accio: Sara Cardellino nel Rosa-Verde-Giallo Mattino. Lucca Comics & Games 2018
» Claudio Di Scalzo: Traducendo Stevenson questa poesia per Sara Van de Cardellino. Bocca di Serchio Samoa
» Sara Cardellino e Accio: Verso l’Isola che c’è da dove vedremo passare L’Olandese Volante
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Sara Cardellino e Accio: La Riviera del Brenta ieri e oggi con Villa Malcontenta. 2011 e 2018
» Claudio Di Scalzo detto L'Olandese: Decalogo feuilleton per la pomona dell'Olandese Volante al Campo della Barra dopo Madrid - Con Calamares fritos e Sara Cardellino
» Accio e Sara Cardellino a Madrid. Racconto Transmoderno
» Accio e Cardellino al Teatro Real di Madrid. Con semiseria dichiarazione del Cardellino Intimissimo...
» Claudio Di Scalzo: Lalo Cardellino Rondini Knabberchen. Giugno 1983/2018. Con preghiera senza volo dell'uccelletto Kierkegaardiano
» Accio e Cardellino: Colline Tempestose da Pisa a Madrid. Un Linton a testa non rovina nuova festa.
» Accio: la musicista cardellina e la sarta
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Accio Strapaesano telematico: La Bohème di Torre del Lago per Sara Cardellino
» Sara Cardellino - Accio: I neofascisti a Lucca, Ilaria del Carretto, Knabberchen, Nada, Poulenc. Considerazioni finali sul ready-made rettificato nato nel gennaio innamorato. E la cura di quanto in arte fu ideato.
» Accio a Villa Roncioni. Foto Sara Cardellino 2
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Noi due nel Magnificat di Bach
» Sara Cardellino: The House of Rising Sun, La Casa del Sole per Accio per l'anno che finisce per quello nuovo 2018. L'Addio al web in barca con Sara Cardellino.
» CDS: Se il treno parte con la Cardellina se Accio la disegna - Lucca Comics and Games 2017
» Una sola infinità di Sara Cardellino. A Venezia a Vecchiano. Con proverbi e Puccini
» Accio e Sara Cardellino: La notte del camionista con Debussy
» Claudio Di Scalzo: Frittura veneziana con Malipiero e Gozzi e Cardellino
» Claudio Di Scalzo: La mia morte come autore dopo i fatti dolorosi del 9 gennaio 2017 - Con Sara Cardellino alla tomba di Libertario detto Lalo a Vecchiano
» Accio: Alla Reginetta Azzurra - a Sara Cardellino a Karoline Knabberchen - Ornitologia celeste
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Io ti aspetto. Sono qui sulla banchina! (Lettera fondamentale a Sara Cardellino)
» Sara Cardellino: Scene della foresta di Schumann con Accio in pericolo
» Sara Cardellino: Scene infantili di Schumann per la nostra segreta poesia
» Sara Cardellino: Eroismo il 20 agosto 2017 con la sinfonia Eroica di Beethoven. A Karoline Knabberchen nell'anniversario della sua morte
» Claudio Di Scalzo: Sara Cardellino salva il Falco Ferito.
» Claudio Di Scalzo: Sono in pericolo Sara. Ho bisogno di te.
» Sara Cardellino e altre piume cangianti. E Vivaldi. Con giuramento pè ir mi Accio che quanto inventammo e inventiamo resterà segreto incantato in due per sempre firmato.
» Claudio Di Scalzo: Dieci Petrarchista in rivelata vista. Con la donna che visse due volte nel petto di un uomo: Sara Esserino e Sara Cardellino. E la storia del dipinto che trova il titolo adatto trentanove anni dopo.
» Sara Cardellino: Confessione sospesa con Brahms. Epistolario, 2011 - Epistolari conservati ed epistolari cancellati.
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Brahms, la Croce, il Bene. Col Ragno del Male.
» Accio - Sara Cardellino: Olandese Volante disalberato - Post Scriptum su di me che gna fà
» Claudio Di Scalzo: I due addii di Sara Esserino (che diventerà Sara Cardellino)
» Claudio Di Scalzo: Musica per Sara Cardellino 1
» Claudio Di Scalzo: L'unica volta poeta
» Accio: Lettera a Sara Cardellino con grazie cristiano e comunista
» Noi due libertari: a Lalo (con Karoline Knabberken)
» Claudio Di Scalzo: Storia con designers. Da AMORI A BASSA QUOTA
» Giovanni Boine e il Cristo sulla Croce. Anche articolo di Mme de Stael
» CDS: Orologio a cucù. Da AMORI A BASSA QUOTA
» Claudio Di Scalzo: Olandese in Cristo. Pasqua 2017
» Claudio Di Scalzo: Palmo spellato. Teologia poetica
» Claudio Di Scalzo: Ottetto del Bambino sulla sedia con Boine
» Claudio Di Scalzo: I miei Morti, la Poesia nel Comunismo
» CDS: Bambino Briciole Pollicino Pasqua. Esercizio del Cristianesimo
» Claudio Di Scalzo: Storia vera del Bambino sulla sedia
» Sara Cardellino scrive col cappellino: Non ti ho mai perduto (San Valentino per Accio)
» Accio: Aria mozartiana per Sara Cardellino
» I Salmi di Boine 1 - Ceppo del male, fotografia, Galgani
» Il Bambino sulla sedia febbraio 2017. Con Bambina Prima Comunione
» CDS: Il dolore gigante del Bambino sulla sedia
» Claudio Di Scalzo: Gauguin e Bernard. La Teoria, la Parola e il Vomito. 9 gennaio 2017 Romanzo Western del Nulla
» Claudio Di Scalzo: Olandese Falco Ferito
» Sara Cardellino scrive ad Accio. E Accio la disegna.
» Claudio Di Scalzo: È deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Accio a villa Roncioni con il calcinaccio. Foto Sara Cardellino 1