Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

TRANSMODERNITÀ

:: Sara Cardellino: Vicenda d'amore della Ragazza Profumo e dell'Uomo di Ferro. Ad Accio, 2009 e 2017
09 Gennaio 2020







Sara Cardellino

VICENDA D’AMORE DELLA RAGAZZA PROFUMO D’AGRUMI E DELL’ UOMO DI FERRO.

Ad Accio, 2009 e 2017


 

Prefazione nel gennaio 2020

Questa fiaba la scrissi per te nel luglio 2009. Per dirti tutto quanto senza il fiabesco non riuscivo felice a dirti. Te la lessi a Marina di Vecchiano. Non te la consegnai. L’avrei custodita io. Pure nel suo esito d’amore che vince ogni ostacolo ma che impone la metamorfosi agli amanti.

In questo gennaio acconsento tu la custodisca. Che la pubblichi sull’Olandese Volante. Perché il 9 gennaio 2017 l’Uomo di Ferro ha subito qualcosa che quasi lo faceva annegare per la disperazione provata per la nausea a scoprirsi preso in giro nella sua meccanica poetica. E ciò è avvenuto perché la Ragazza dal profumo d’agrumi, io Sara, ti aveva abbandonato, il 20 novembre 2011, pur sapendo che le tue giunture avrebbero rischiato ogni malasorte perché sei diverso e ingenuo e tutti con te possono vincere con qualche raggiro: addirittura definendosi migliori di te in poesia o negandotela mentre te la rubano.

Sono tornata la Domenica delle Palme 2017 dal mio Uomo di Ferro, ma so quanto hai sofferto, e voglio farmene carico, come tu, ti sei preso il mio, di dolore, che vissi in famiglia e nella nostra separazione tanto che mio collo mie labbra avevano smesso di profumare.
.


 




 

“L'uomo-ferro camminava nella sua piccola città, tutta un intreccio inestricabile di viottoli, portici e ponti. Nel saliscendi di scalini andava lento per il peso delle sue ossa di ferro. Aveva muscoli induriti e pelle alluminio, e il volto sembrava scorza di frutto seccato al sole di estati violente. Si trascinava a fatica con lo sguardo rivolto ai ciottoli neri. Anche i pensieri erano scuri e sfocati. S'immaginava contorni confusi di una casa senza finestre, circondata da qualche albero storto, e che di fronte aveva il mare, liscio e infinito. Forse era quella la sua meta, ma non riusciva a completare un pensiero che già si smarriva nelle nuvole di un altro. Non mangiava né beveva. Ciondolava soltanto, nel caldo d'un luglio impietoso. E quando arrivava la sera, non c'era brezza che addolcisse il suo soffrire. Perché lui uomo-ferro non sentiva le carezze del vento. Non sudava, non piangeva, non parlava. Ma aveva un olfatto finissimo: questo solo era il senso che uno strano destino gli aveva concesso tanto acuto.

Gli abitanti del borgo si erano abituati ai suoi cigolii e quando lo vedevano passare davanti alle loro case, un poco scostando le tende, scuotevano il capo e tornavano alla loro vita a colori, ai giochi dei figli, alla televisione, al pranzo appena iniziato. Non amavano affatto quell'uomo pesante. Non era violento, non dava loro fastidio, ma intuivano un malessere insinuante perché nelle sue apparizioni cigolanti, per un attimo si ritrovavano faccia a faccia con la ruggine dei loro cuori.

 

Le ragazze però ne avevano paura e appena sentivano il suo sferragliare, cambiavano strada o s'infilavano in qualche vicolo stretto, aspettando in silenzio il passaggio di quella creatura mostruosa.

Ma lui respirava i loro profumi, le fresche scie che si lasciavano alle spalle e ne rimaneva inebriato. Era il solo sollievo in quell'inferno di ferro incandescente che gli aveva soffocato anche il cuore. Gli era rimasta una manciata di ricordi ingialliti che non bastavano a comporre una storia. Sapeva di essere nato vicino alle onde, cullato dai profumi pungenti del rosmarino e dei limoni. E questo desiderava: solo profumi e uno su tutti, quello del mare. Non osava nemmeno pensare d'immergersi e nuotare, nuotare lontano per avvolgersi d'acqua e rinfrescare le sue braccia roventi. Uomo-ferro, affogheresti nel batter d'un ciglio! Sei pesante, troppo pesante. E lo sai.

C'era una ragazza, la ragazza della fontana, che più di tutte profumava d'agrumi. La sua gonna di stoffa leggera frusciava a quel vento carezza che lui non sentiva, portando con sé la fragranza del bergamotto e del cedro. E dai suoi capelli si spandeva odore di salsedine. Gli occhi acquamarina scintillavano in riflessi di onde al tramonto.

Si appoggiava, lui ferro, all'angolo di un palazzo affacciato sulla piccola piazza. Così la guardava, sforzandosi di tenere sollevate le palpebre stanche. E la respirava. Lei ne era un poco turbata, ma gli sorrideva da lontano e sollevando l'esile braccio accennava un saluto. Nel gesto tutta si muoveva flessuosa e poco bastava perché il suo profumo invadesse lo spazio circostante e lo raggiungesse. Nel caldo insopportabile, sotto il peso insostenibile del suo corpo, l'uomo-ferro si scopriva ora dopo ora più leggero, come forse mai aveva sognato.

E così un giorno accadde che l'Amore gli desse tutto il coraggio che non conosceva, spingendolo alla corsa, sulle prime goffa e scomposta: ogni movimento era rumore d'ingranaggio e il corpo metallo lanciava bagliori accecanti. Gli abitanti lo guardavano attoniti, non capendo il motivo di quel correre sventato. Ma lui avanzava con slancio e sempre più veloce, giù per i vicoli e le stradine. Il mare, ecco cosa cercava!

E quando arrivò sulla spiaggia d'un tratto si fermò. Vide la distesa infinita dell'acqua, il sole specchiato. E sentì il profumo. Prima fra tutti dietro di lui era giunta la ragazza della fontana. Si voltò ansimante e la vide. Ritta nel vento gli sorrideva. Fu un lampo negli occhi: riprese la corsa e, lei dietro a lui, si tuffarono fra le onde. No, non affondò l'uomo-ferro, non venne inghiottito dalla schiuma, perché l'Amore miracolo gli aveva tolto ogni peso! E l'aveva fatto sughero che non conosce abisso. Il ferro si era sciolto, scomparendo nell'acqua, e da un piccolo gorgo ne era uscito un coperchio. La ragazza gli si fece vicina e circondandolo tutta assunse le forme di un'anfora. I pizzi della sua gonna ne diventarono gli splendidi decori. Così gli amanti finalmente uniti, per sempre custodirono un profumo tanto intenso che all'uomo non è dato sentire.

 


Sara luglio 2009



 

Ecco, piccola mia, quella che ti ho appena raccontato è la storia dell'uomo sughero e della ragazza anfora e del loro amore profumato e senza fine”. Nella sala principale del Museo dei Marinai, di fronte alla teca di vetro che conservava l'anfora e il suo coperchio su un bel piedistallo, i grandi occhi della bambina si erano spalancati brillando tutto il loro azzurro. “E questi bei segni sull'anfora, nonno, cosa vogliono dire?”. “Sono caratteri strani, bambina, che nessuno è mai riuscito a decifrare, ma è certo che nascondono la ricetta di quel profumo misterioso e divino. Il profumo dell'Amore Assoluto”.



 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Accio: Foresta ad est s’appresta al Maxernst. Romanzo Western del Nulla.
» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino: Robert Ford Corvo per ricordare atto torvo il 9 gennaio 2017. Ornitologia da banco
» Accio e Cardellino: Interpretazione western psicoanalitica del codardo Robert Ford il 9 gennaio 2017
» Accio e Cardellino: 9 gennaio 2017. Romanzo Western del Nulla. Premonizioni che Jesse Accio James ignorò e così Robert Ford poté sparargli a tradimento nella testa riscuotendo la taglia che la Legge Poetica di Pinkerton e Baffetti di Rame imponeva
» Accio e Cardellino: Il rame e le sue trame. Novella della ghisa rossa per il "Romanzo Western del Nulla 9 gennaio 2017". Daniela Cantelli Etta Place
» Accio e Cardellino: Nel cerchio del tempo a Milano dicembre 2019 - Se riappare Accio Jerry Lewis torno sosia di Julie Parrish. Ricordo del 9 gennaio 2017
» Accio: Johann Sebastian Bach per i morti della mia stirpe per il 9 gennaio 2017
» Cardellino: Ser Pelleas Accio e Sara della Laguna nella soffitta di Accio l’Otto dicembre 2019. A ricordo del 9 gennaio 2017 con i Cavalieri della Tavola Rotonda
» Claudio Di Scalzo: Robert Ford sul lettino dello psicoanalista dopo il 9 gennaio 2017 quando uccise a tradimento Jesse Accio James
» Il 9 gennaio 2017 di Robert Ford e Jesse Accio James con l'ulivo di Lalo con parole in ombra prima del BANG finale
» Claudio Di Scalzo: “È l’ontologia bellezza” esclama Giuda. Con frammento di Antonio Tabucchi ad Accio sul Tradimento