Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Transmusica

:: Claudio Di Scalzo: Notte corporale con Bach e Schumann niente male. Musicante a maggio
19 Maggio 2014

 

 

 MUSICANTE A MAGGIO 2 - A CHIARA CATAPANO 

Claudio Di Scalzo

NOTTE CORPORALE CON SCHUMANN E BACH NIENTE MALE

Cara Chiara Catapano, cara direttrice de L'Olandese Volante,... ascoltare Lied e l'Offerta Musicale da Bachato e Schumannato, vestendo i panni del fumetto Sor Pampurio, mi fa sentir arcicontento in questo alpino appartamento... 

Purpureo Poeta Spurio

 

 

 

                                           Il Poeta Purpureo all’improvviso

                                           (s’avanza la notte vecchianese?)

                                           nel cannolo dell’infinito

                                                                                GNAM LIED DICHTERLIEBE

                                           inghiotte il proprio e il molteplice,

                                           contaminando la sua psiche

                                           nel tema corporale.

                                           Ma Isotta non muore sul corpo di Tristano?,

                                           lo chiedo  a Robert Schumann. Che non intende.

                                           Mormora che lui è morto sul corpo di Clara.

                                           Son tutto preso e compreso

                                           nella definizione della mia soggettività

                                           negli eventi del quotidiano, sì, anche scaccolarmi!,

                                           e altri dettagli  dioniscanto come fermagli. Si balocca

                                           il ripescato dal Reno con me.  E poi, sappilo! Purpureo,

                                           Ogni forma corporea è soltanto metafora!

 

 

                                         

 

                            Io gioco tu giochi, seppur in modo imbecille, non con la morte del mondo,

                            bensì del nostro gioco. Il mondo non morirà. C’è Dio in esso. Epperciò

                            ascoltiamo Bach nella notte che viene, lascia perdere i miei Lied!,

                            perché la sua musica, sua e di noi cristiani protestanti, ci consente di godere

                            per temi  e voci nell’incredibile libertà che afferriamo sentendoci offerta musicale

                                              con i cervelli fritti nell’incenso. Lo sai che ti dico? Ah non lo immagini?

                            Tu Purpureo avresti potuto nascere meno spurio! Te lo saresti meritato!,

                                               e tu di me cosa pensi? Sarò ricordato più come matto o come compositore?

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI