Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Vecchiano

:: CDS: Come di Settembre a Vecchiano - Madonna di Castello
25 Settembre 2015

 
Lucia Di Scalzo: "La processione della Madonna di Castello a Vecchiano-Pisa"

sera del 22 settembre 2015

 

 

Claudio Di Scalzo

"COME DI SETTEMBRE A VECCHIANO"

(La processione della Madonna di Castello)

Questo scatto fotografico, che titolo “Come di settembre a Vecchiano” e come sottotitolo “La processione della Madonna di Castello” rimanda a me anche se, materialmente, il clik sull’otturatore, ma era un iPhone, non l’ho premuto io. Possibile? Possibilissimo. Rimanda a me, sono in parte io, perché a scattare la foto è stata la mia primogenita, Lucia. Si trovava a Vecchiano-Pisa, la sera della processione della Madonna di Castello, per la festa triennale. Stava dalla nonna, in vacanza qualche giorno. Da mia madre. La Nada. La foto è stata scattata proprio nella T che si forma quando la piccola via Indipendenza, dove ho la casa materna, entra in Via della Chiesa che attraversa il paese nel suo centro. Me lo dice la torre campanaria ghibellina del 1200 sullo sfondo, ma soprattutto il riflesso del lampione sospeso sul carro sacro che regge il dipinto della Madonna di Castello. Che poi è una copia di quello, antico, che venne trafugato nel 1963. Il dipinto è custodito in un santuario, sulla piccola collina dietro il paese, di cui già nel 1120 se ne ha notizia in scritti dell’epoca.

Ho vissuto e vivo quando torno in luoghi di storia sacra e civile. Le lotte dei Comuni, il dominio pisano e poi mediceo. Il mare che portava ricchezze e pirati. Il lago palustre, di Massaciuccoli, che dovrà aspettare Puccini per essere ricordato, le colline su cui si ergono, verso Ripafratta (col castello di Ugolino della Gherardesca, Divina Commedia) torri di avvistamento contro Lucca.

Mia figlia avrà avuto accanto la Nada tutta felice, perché poteva parlare alla nipote ventottenne, della “madonnina”, del suo “bimbo”, che poi ha 60 anni, e sta sul confine con la Svizzera, vivendo per alcuni giorni non più sola. Essendo vedova del Grande Lalo, ovvero di Libertario Di Scalzo detto Lalo. Il “grande” dalle mie parti viene donato, dato, a persone che in vita, a una certa età, e ricordati dopo morti, sono e sono stati dei “personaggi”. Memorabili. Di cui si narrano le “gesta”, di cui si ricordano “battute”, “episodi”, “eventi”, in sostanza vengono accolti in un racconto orale. A mio padre accade. All'inventore del carnevale a Vecchiano Fanfulla, accade. Ma anche al barbiere del vicino paese, Nodica, il Grande Pazzo, Paolo Fatticcioni, si narra.

Se i miei paesani quando mi salutano, tornato, o scrivono su Facebook “il Grande Accio”, chiamandomi per soprannome, che mi porto fin da bambino, perché ero un bambinaccio. Cattivaccio. Per me è un onore. E vale più di una laurea. Di un libro pubblicato. Di un convegno. Dei quali, sia detto in tutta sincerità, “m’importa una bella sega!”. Però dell’aggettivo coniugato al soprannome m’importa eccome. Vuol dire che sei stato, anche se scapestrato, un personaggio. Sei tu stesso dentro un racconto orale. Che viene modulato, e sia chiaro che le avventure possono anche avere il segno della scemenza e non della virtù (e per questo è letteratura orale) a tua insaputa tra persone se ti rammentano. Che vivrà anche dopo la tua morte. E che poi magari scomparirà quando dei vivi nessuno più ti ricorderà. Come passano le belle stagioni, che però tornano con altri frutti.

Il sacro però se passa sempre resta. Ogni tre anni. Con la festa triennale, ogni giorno in chi crede nel trascendente. Io sono devoto alla Madonna di Castello e a Gemma Galgani di Lucca. Lo sa anche chi guidava la processione, l’altra sera a Vecchiano, il mio compagno di banco alle medie inferiori, poi andò in seminario, Don Renato Melani. Che assieme a me era un monello. Poi lui toccato dalla fede diventò buono. Io ci ho messo più tempo. Tanto. E neppure so se lo sono ancora del tutto. Devo tener fede al mio soprannome. Ma se mia figlia era a fotografare la “Madonnina” è segno che un po’ lo sono. Madonnina che il riflesso del vetro ha impedito apparisse. Un riserbo quasi a non stare in fotografia. Una protezione. E questo accaduto fotografico mi coinvolge e m’intenerisce. Non sprechiamo la sacralità in fotografie di rapido consumo.

Con questa fotografia partecipo anch’io alla processione. Intanto perché ci scrivo. Potenza della narrativa e di un mestiere. Poi perché c’era la mia stirpe. La madre, la figlia primogenita (ho tre figli, anche Ines e Dario, e li affido alla protezione di Cristo e di sua Madre non certo a un governo!), poi c’erano i miei conterranei, le loro madri ne sono certo. Loro magari stavano al Mirovino. Ma alla Madonna, i più maturi in età, ci avranno pensato di sicuro.

 

 

 

In questa fotografia rimarrò anche perché la firmo, assieme a Lucia, e l’ho chiamata “Come di Settembre”, CDS, le mie iniziali. Come di settembre si evoca la fede. Il bello. La tenerezza. ma anche la caligine. Perché, se chi scrive vuol essere onesto, con i lettori, con chi guarda, deve anche dire che a lato, di questa,esile processione, esile rispetto ai tempi in cui ero bambino, c’è il Brutto, a volte il volgare, del mondo contemporaneo. Anche il totale disinteresse verso il sacro. Ragazzi in piazza che trafficano con le loro nuove divinità, le divinità di oggi, un abbigliamento all'ultima moda, un’auto, una musica stordente, una bottiglia di birra come simbolo di se stessi da tenere in mano, o addirittura una pasticca da usare come droga. La piccola processione, allora, e lo scrive uno che ha in gioventù, a sedici anni, alzato bandiera della rivolta giovanile, nel ’68; oggi, questo gruppo di persone che canta lodi a Maria, per il rovesciamento che il tempo propone - anche la letteratura funzione per diversi punti di vista e capovolgimenti - è il viatico per una possibile salvezza. Sia che uno si dica cristiano o credente oppure no. Rappresenta dei valori l’immagine sacra. Afferma che il reale non finisce tutto in una TV o in un appannaggio virtuale sui Social. Ma che c’è Altro. Ed è questo Altro che va cercato. Io l’ho fatto a settembre. Da vicino con mia figlia e mia madre, e da lontano, scrivendo da una valle, la Valchiavenna, bella nell’autunno che viene, vicino al confine.

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Claudio Di Scalzo: Sara Cardellino agitatrice surrealista fotografata con l'Intelligenza Artificiale. 1924/2024.
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Sulla fotografia alla mia latitudine su Sara Cardellino mio fine. Ottocento/Novecento fino all'intelligenza artificiale tormento. Adolf Gayne De Meyer come inizio.
» Accio: Battute con scarsa poesia. 1983/2023. Trentatr Con qualcosa anco di me. Foto 1978 Antonia Milk
» Accio: Il Mare deve allarmare... con Antonia Milk e Daniela Cantelli Sintesi Seriale Seria Fantasmatica SSSF. 1975
» Accio: Citazione in fotografia scarsa grafia per scalza Sara magica dimensione. 2011
» Fabio Nardi: Pedalando in rosa quando il buio sta in posa. . . a Karoline Knabberchen, I - 1980
» Claudio Di Scalzo: Se a Karel Plicka sapplica rifotografia in men che non si dica. Praga 1970
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Pineta piccola Marinella - a Karoline a Sara. Luglio 2017
» Accio: Io la fotografia il Cardellino. Superstizione e immaginazione. 8 Marzo 2020
» Accio e Cardellino: Vieni al cinema espressionista con me che fo il muto...
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984
» Claudio Di Scalzo: Lucente dono Lumix di Sara Cardellino per San Valentino
» Claudio Di Scalzo: deciso si muore col vestito migliore! Accio e Gauguin e Bernard.
» Di Scalzo/Fabio Nardi: Autoritratto a Carnevale
» Claudio Di Scalzo: Fattori a Livorno
» Claudio Di Scalzo: Urquhart castle. A Rodina Mac Rury.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Accio: Sorge luminosa dal monte fusa fonte. A Sara
» Claudio Di Scalzo: Tre tazze.
» Claudio Di Scalzo: Gagarin e margherite
» Claudio Di Scalzo: "Leggere mi perdura" - Performance di Narrative-Photo anni '70.
» Claudio Di Scalzo: Finestra a giorno sulla notte horror
» Claudio Di Scalzo: Diagonale chiavennasca con ombre sulla frasca
» Claudio Di Scalzo: Erba s'annera cielo spera
» Claudio Di Scalzo: Leggere per me una messa in scena...
» Claudio Di Scalzo: "Panino con cose bone e iphone"
» Claudio Di Scalzo: Tre foto per Nada e Lalo, I
» Claudio Di Scalzo: Poeta scalzo gufo calzato
» Fabio Nardi: Monza Cupo
» Claudio Di Scalzo: Autoritratto come L'Olandese
» Fabio Nardi: Maestro di equitazione e Karoline Knabberchen 8 Marzo
» Claudio Di Scalzo: Neve a San Cassiano
» Claudio Di Scalzo: Fotocit. Sulla fotografia oggi.
» Claudio Di Scalzo: Notturno a Voga
» Claudio Di Scalzo: Coppia transmoderna pitto-fotocopiata ovvero Accio e Sara
» Claudio Di Scalzo: La chiesa di Voga
» CDS/NARDI fotografi: Pontile
» Claudio Di Scalzo: Trinit Domestica per Karoline Knabberchen
» DI Scalzo/Nardi: "Corridoio Misterioso con Elefantino"
» Claudio Di Scalzo: 40 anni dopo. Foto 1976
» Claudio Di Scalzo: Il cancello. Narrative Photo.
» Claudio Di Scalzo: Geometria serale discretamente lunare
» CDS: Impacchettamento agostiniano con mano lamento vano
» Claudio Di Scalzo: Noticina per il multiplo della fotina (scalza)
» Claudio Di Scalzo: La messa sfocata a tropo 1
» CDS: Palmizio + Luna Ovo con sfizio in villa mi rinnovo
» Fabio Nardi: Cubismo parigino d'aprile 2015 - 1
» Claudio Di Scalzo: Fotografie stornate stolte zie
» Claudio Di Scalzo: A Maurizio Quadrio
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Sara Esserino modella - 3
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Sara Esserino modella - 2
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: S'effonde muta l'Olanda tessuta
» Fabio Nardi: Battito parigino
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Mela senza bruco
» Fabio Nardi: biografia e fotografia
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Sara Esserino modella - 1
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Dittico lunare ancora da rivelare
» Claudio Di Scalzo: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 6
» Di Scalzo/Nardi: Cuor marmo - Le Sacr Coeur
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Manfrina surrealista 1 - 2
» Fabio Nardi: Con la Konica fotografia malinconica 1
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix 2
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 3
» Claudio Scalzo: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 5
» Claudio Scalzo/Fabio Nardi: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 4
» Claudio Scalzo detto Accio: Con la Coolpix fotografo da Grand Prix 1
» Claudio Di Scalzo: Le cugine di Segantini. Foto Pastor fido
» Claudio Di Scalzo: Scrittore con doppio storto Abele (e Caino) - Nota sulla fotografia
» Claudio Di Scalzo: Piccola rivoluzione specchiata e da camera. Zio Lenino e Man Ray con erbari e fiori.
» Fabio Nardi - Claudio Di Scalzo: Discalzisme Seurat pointillisme di et
» Claudio Di Scalzo: I Gabbiani di E.M.A.
» Claudio Di Scalzo: Samedan, ore 16,30
» Claudio Di Scalzo: Accio centrale termica e Sara Esserino termica viva pelle
» Claudio Di Scalzo: Due arcobaleni. Copiando da Millet
» Claudio Di Scalzo - Fabio Nardi: L'Uomo di Munch a Lucca con virgole con punti.
» Claudio Di Scalzo: Come pratico la fotografia
» Claudio Di scalzo: Mappa per geografia rallentata
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Fotografia per nessuno
» Claudio Di Scalzo: Partendo da una foto di Kertesz