Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

MUSICA DA CAMERA

:: Sara Cardellino: L'anno di Accio e il PRO BONO MALUM di Ariosto
08 Dicembre 2017


SARA E CLAUDIO




 

Sara Cardellino

L’ANNO DI ACCIO E IL “PRO BONO MALUM” DI ARIOSTO 

(Ricordando i fatti del 9 gennaio 2017 che coinvolsero L'Olandese Volante)



1
IL GENNAIO TERRIBILE

Si chiude un anno terribile per te: i fatti del 9 gennaio 2017, il disalberamento dell’Olandese Volante dopo la speranza utopista tentata per sei anni;
il ripudio subìto senza spiegazione scritta o a voce su quanto nel veliero era, è, custodito;
la scoperta angosciante che testi e interpretazioni ideati sulla nave libertaria corsara come per Giovanni Boine erano stati portati in dono a una rivista che propone prassi di carriera letteraria con istruzioni per l'uso giornaliere e voti ai redattori;
e non finisce qui: generi testi personaggi espiantati, e so che ne provi ribrezzo!, son affidati con il beneplacito e felice assenso di chi aveva diretto con te L'OLANDESE VOLANTE per cinque anni, a poeti-teorici-mediocri per ravvisarvi la loro assurda teoria volta a riformare la poesia e l'estetica del mondo;
i debiti accumulati per quest’impresa;
la malattia quasi mortale della madre;
il processo in tribunale per lotte on line contro la gerarchia vassallatica nel 2012 che la finta ribelle aveva condiviso con te;
la solitudine e la tristezza dinanzi a parole accudite anni che perdevano senso ed etica;
il ricordo di tragedie lontane nel tempo come quella di Karoline e di Lalo a inciderti, ancora, veglia e sogni, perché hai pensato di non averne tutelato le vicende confidandole a chi, dalla promessa cura, è passata all’indifferenza scostante!... o all'uso sconcertante di, cambiando nomi,  renderli ingranaggio della propria e altrui carriera letteraria dentro una vanesia e nauseante teoria estetica;

cos’altro deve soffrire in più un uomo? Che ebbe in sorte di praticare un’arte utopistica?

L’Olandese Volante è stato un “romanzo transmoderno”. Quindi il tuo vissuto come di chi ti ha accostato in esso è stato narrato disegnato fotografato. Se a un certo punto è stato ripudiato (dopo averlo usato!), come non abbastanza estetico od “ontologico”, ciò non può impedire che venga ricordato, “romanzescamente” e in modo transmoderno, quanto accaduto; tu l’hai fatto ricorrendo a miti western come Jesse James e Billy The Kid e Wild Bill Hickok

Il mio è, appunto, un episodico tassello. Ricorrendo all'Ariosto del "PRO BONO MALUM". Inutile ricamarci troppo. Non credo che i soggetti lo meritino più di tanto.

Mi affido: latinista e studiosa dell’Umanesimo, all’Ariosto. Su quest’anno orribile che ti ha fatto tanto, tantissimo, soffrire: ma che ha aperto al nostro re-incontro e a me ha dato scelta di vivere per la seconda volta nel tuo cuore e tu nel mio. Dal Male viene il Bene. Lo conferma anche Ariosto. Ecco come.







2

PRO BONO MALUS DI ARIOSTO PER ACCIO E L'OLANDESE VOLANTE

Questo motto, dell’Ariosto, collocato al termine dell’Orlando Furioso, fin dalla prima edizione, mi sembra adatto a che io possa interpretare quanto accaduto il 9 gennaio 2017 sull’Olandese Volante.

Il motto ha natura enigmatica e polisemica. Tuttavia la spiegazione è agevole. Rivelata dal fatto che al motto si accompagna un’illustrazione con nugolo di api scacciate dall’alveare dato alle fiamme da un villano allo scopo di procacciarsi il miele.

Ariosto denuncia l’ingratitudine umana. Adombra la sua sfiducia a che il genere umano possa avere riconoscenza per chi ha operato a fin di Bene.

Volendo possiamo pure affermare che l’artista deve sapere, prima ancora di operare per il miele dell’opera d’arte e letteraria, che il male è a servizio del bene, occorre cioè si verifichi il male affinché il bene possa esplicare le sue risorse. Il male è un elemento dell’armonia cosmica. L’arte, col suo bene, la si può capire e accogliere dopo aver fatto esperienza del volgare, dell’ingratitudine. Della disarmonia superficiale e tronfia. Il Male è sempre vanesio e spropositato. Enfatico nelle sue giustificazioni.

Il motto dunque è una sentenza inappellabile sull’ingratitudine. I “Cinque Canti” ne portano eco ampio.

Resta da capire, tentare almeno, fino a che punto la definizione dell’ingratitudine significhi denuncia e constatazione della realtà, sia in ambito estetico, da parte di chi vive d’essa e in essa (ieri come oggi); ciò lo si può evincere grazie all’intrinseca constatazione dell’ambiguità del messaggio, esso è, insieme, una risentita condanna morale e un’amara considerazione (disincantata accettazione) della realtà contrassegnata dalla defezione della ragione e dallo scadimento e smarrimento dei più alti valori morali.

Perché l’ingratitudine nella coscienza dell’Ariosto, egli erede dell’etica umanistica, non è un vizio accessorio o secondario pur se riprovevole, bensì la matrice di ogni vizio: l’ingratitudine è il vizio più grave, il più degradante per l’uomo e la donna, e il più dannoso per l’ordinato vivere civile. Anche delle arti o dell’estetica c’è da aggiungere. Senza scomodare l’ontologia.

PRO BONO MALUM: avere o dare MALE in cambio di BENE: è la più grave e dannosa forma d’ingratitudine, secondo la classificazione di Seneca, oh Seneca mio!, che definisce atto basso e repellente coloro che restituiscono il Male per il Bene.

Arrivata fin qui, aggiungo, che, e ciò ti “garberà” Accio, l’Ariosto ha anche, qui, nel motto, una valenza canzonatoria sulla realtà dell’umana génia. E dei superficiali che si credono d'essere chissà chi!

Dunque rivelata condizione a cui può andare incontro l’uomo e anche l’artista. A ciò posso aggiungere che è d’aiuto la morale teologica ed evangelica del cristianesimo. Basta andare nella Cappella degli Scrovegni a Padova per sincerarsene. Ovviamente a questi snodi se ci si avvicina non da pagani, o atei, o sincretisti di varie religioni, bensì avendo presente la Croce, il Cristo, e anche la Madonna che lo tiene in grembo, secondo me si può vincere ogni incontro con il male.

Questo so che a te è successo, ad inizio anno, ed io, in questo otto dicembre 2017, nel Natale, ti sono accanto nell’Amore nel Bene.

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Claudio Di Scalzo detto Accio: Frasi celebri di Robert Ford. Dallo psicoanalista commentate. Romanzo Western del Nulla.
» Accio e Cardellino: Il Requiem Tedesco e l'Erba Acetosa. Musica Erbe Fiori 1
» Accio: Le cinque ultime carte di Wild Bill Hickok. A Sara Agnes Lake con Cena in Casa Di Levi.
» Zerelda Zee Cardellino e Jesse Accio James: Doppia catena liberata. 30 giugno 2017 Campo alla Barra Contea di Clay Missouri. Collaborazione di Tiziana Tius.
» Accio: Foresta ad est s’appresta al Maxernst. Romanzo Western del Nulla.
» Jesse Accio James e Zerelda Zee Cardellino: Robert Ford Corvo per ricordare atto torvo il 9 gennaio 2017. Ornitologia da banco
» Accio e Sara Cardellino: Interpretazione western psicoanalitica del codardo Robert Ford il 9 gennaio 2017
» Accio e Cardellino: 9 gennaio 2017. Romanzo Western del Nulla. Premonizioni che Jesse Accio James ignorò e così Robert Ford poté sparargli a tradimento nella testa riscuotendo la taglia che la Legge Poetica di Pinkerton e Baffetti di Rame imponeva
» Accio e Sara Cardellino: Il rame e le sue trame. Novella della ghisa rossa per il "Romanzo Western del Nulla 9 gennaio 2017". Daniela Cantelli Etta Place
» Accio: Johann Sebastian Bach per i morti della mia stirpe per il 9 gennaio 2017
» Cardellino: Ser Pelleas Accio e Sara della Laguna nella soffitta di Accio l’Otto dicembre 2019. A ricordo del 9 gennaio 2017 con i Cavalieri della Tavola Rotonda
» Claudio Di Scalzo: Robert Ford sul lettino dello psicoanalista dopo il 9 gennaio 2017 quando uccise a tradimento Jesse Accio James
» Il 9 gennaio 2017 di Robert Ford e Jesse Accio James con l'ulivo di Lalo con parole in ombra prima del BANG finale
» Sara Cardellino: Vicenda d'amore della Ragazza Profumo e dell'Uomo di Ferro. Ad Accio, 2009 e 2017
» Claudio Di Scalzo detto Accio: Wild Accio Hickok nella neve e corsaro per Sara Cardellino
» Accio e Cardellino: Voglio un bacio da fumetto! Cento poi mille! 8 dicembre 2019. ABC usato da Accio per personaggi e storie.
» Claudio Di Scalzo: L'agguato a gennaio. Di padre in figlio con tradimento subito. Lalo Accio Tabucchi
» Karoline Knabberchen: Esclusività. Claudio Di Scalzo: Il Cosmonauta Accio - La tekné retorica non è poesia bensì musata cadendo dal nido!
» Claudio Di Scalzo: Romanzo Western del Nulla con prefazione Requiem. Alisdair McIntyre Lalo Karoline Knabberchen Il Pazzo Accio Sara Cardellino
» Accio: Possiamo definirci reciprocamente morti? Wild Bill Hickok e Jack McCall
» Claudio Di Scalzo: Piove sono a Vecchiano. È una pena. Sulla letteratura e la crudeltà nella vena. Accio, Lalo, Tabucchi, Boine, Il Pazzo, London, Hickok, Donna del 9 gennaio 2017, Cardellino…
» Claudio Di Scalzo detto Accio: L'Olandese Volante è morto viva L'Olandese Volante. Ruolo di Sara Esserino/Cardellino
» Di Scalzo: La morte di Wild Accio Hickok (con Sara Agnes Lake) e di Accio Billy the Kid figlio delle stelle il 9 gennaio 2017
» La Stanza detta di Munny per Accio pistolero spietato e per il comunismo inteso in western maniera
» CDS: Buck Eden e Cardellino Trillo di Luna. La scoperta del biglietto "Rapporto umano e di lavoro"
» Claudio Di Scalzo: La Musata. Ovvero l'amore in pubblicità marca Stirner. Con Ornitologia da Banco Action Painting
» Accio: Tempo buttato via con debito da saldare. Dickens e la Grande Speranza. A Sara Cardellino riconoscente.
» Accio e Cardellino: Se tutto rivela il grano dandoti la mano. Campo alla Barra Contea di Clay Missouri - Come volavano gli aquiloni...
» Claudio Di Scalzo: Il Pazzo morente scrive a Neera. Con notizie su Bambinaccio e la poetessa d'Engadina. Partecipazione di Wild Bill Hickok - Tu sei più importante. Post scriptum finale
» Claudio Di Scalzo: “È l’ontologia bellezza” esclama Giuda. Con frammento di Antonio Tabucchi ad Accio sul Tradimento
» Accio e Cardellino sull'argine del Serchio. Pasqua 2018 a Venezia. Con Karoline Knabberchen e il Bambino sulla Sedia. Tomba di Lalo e del Pazzo
» Claudio Di Scalzo: Karoline Knabberchen e i morti traditi. Una profezia. I fatti luttuosi accaduti sull'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Vangelo di Giuda. Il tradimento nell'Orto degli ulivi elettronici
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Dialogo Stellato a Verona. Difendere gli scritti su Karoline Knabberchen
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: Hanno ucciso il mio amico Candido Comunismo. Li ucciderò tutti. Sono Spietato
» Sara Cardellino - Claudio Di Scalzo: Quando salvai Jesse Accio James dalla morte con l'Ave Maria di Schubert il 9 gennaio 2017 di Robert Ford - Un racconto, due lettere, e quattro dipinti per l'otto dicembre 2017
» Claudio Di Scalzo - Sara Cardellino: L'ultima storia con morti e pistole. Jesse James e Robert Ford a Vecchiano - Vicende Lucchesi ed ermeneutica western 1 - 2 con Jesse James e Butch Cassidy e Il Pazzo
» Sara Cardellino: Un film per te Claudio Di Scalzo. L'assassinio di Jesse James per mano del codardo Robert Ford. Adatto all'Olandese Volante il 9 gennaio 2017
» Claudio Di Scalzo: Piccolo Accio e Accio Billy (fumetto esistenziale con Aglaia-Cardellino)
» Lapide Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Idina Faro al Campo della Barra a Vecchiano - La rondine. Prima viene Amore non libri da stampare.
» Claudio Di Scalzo: Goya orto degli ulivi