Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Sara capelli corti XI 2011

:: Sara capelli corti: Due lettere semplici con Destino Respiro Cuore. Ad Accio dicembre 2011
30 Dicembre 2021




Sara m'arrossa Destino Respiro Core - Accio dicembre 2011



 

Sara capelli corti

DUE LETTERE SEMPLICI 

CON DESTINO RESPIRO CUORE

Ad Accio - Dicembre 2011

 

“(Dicembre 2011) - Mi sono tagliata i capelli tanto corti da somigliare alla monaca penitente che divento tu assente. Quest’ultimo gioco in rima ti faccia sapere, Claudio, che la mia sofferenza è pari alla tua. Ma ho compiuto l’unica scelta impostami!!! dal tuo comportamento immorale in materia vita arti. Ora cappuccio sulla testa sulla parola verso te. Resti soltanto la musica quando dovrò suonarla. Se ti raggiungerà non dipende da me. O forse sì! Appena esco dalla camera detta dei malvagi tendaggi trovo colori che merita la quotidianità senza ambasce. Un altro uomo me li dona. Lo sposerò”.


                         PRIMA LETTERA SEMPLICE

                    (con destino respiro cuore)
 

                    È scosso il merlo nel tuo occhio

                    stando rapinoso nel giardino incolto.

                    T’ha reso il canto roco e ora non capisco

                    il mio destino. Qui dove sono, con polpastrelli

                    fermi ti tengo il respiro, lo separo in fascine

                    di ricordi fino al fuoco che sbuccia

                    mandorla del cuore. Poi fuliggine.



 

                                                                                                        SECONDA LETTERA SEMPLICE

                                                                                                        (con destino respiro cuore)
 

                                                                                                     Accade anche il pensiero e tenta

                                                                                                     di redimere il respiro che sillabato mi togli.

                                                                                                     E se cado – non posso evitarlo – in cielo

                                                                                                     c’è una goletta dove salgo precipitando

                                                                                                     con l’ancora della fitta in petto. Arrivi

                                                                                                     animale al mio destino senza replicare

                                                                                                     so – spaventata – ch’è sotto gli aculei

                                                                                                     cuore mio riccio di mare. Poi melma.

 

 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI