:: Accio e Sara: Bevimi come aranciata. Eidolon Epistolario Don Don Vario - Cardio 4 - 5 giugno 2009


Accio: Nudo allungato legno stagionato" - Giugno 2009 - Sara Esserino



 

CORNICE DI MIO (FOTOGRAFICO) PUGNO SULLA GIORNATA VENEZIANA DEL 5 GIUGNO 2009
(27 Marzo 2020 Vecchiano-Pisa) 

Quando il passato si fa-sfa-fa presente, rivedendo una fotografia, tanto più di nudo, o sottilmente erotica - sottilmente neh - consegna il memorabile che, se la foto funziona se la coppia ancora intreccia corpi e desideri travalica il trascurabile delle forme, in questo caso il bel corpo di Sara (giugno 2009 a Venezia), per consegnare il memorabile. Quest’ultimo ha un nome: aranciata. Perché testi scritti, poesia?, e fotografia dall’originale s’è virata nell’arancio. Alla ricerca, nel bere – rima – il piacere porta all’altra parte di noi, nel decifrare il tutto, che sta concluso l’abbraccio, l’atto d’amore dei corpi, alla cifra che costituisce l’insieme dell’immaginario di coppia. Che regge foto tempo aranciata l’oggi 2020. Altrimenti la foto sarebbe una delle migliaia, milioni in circolo, che perdono corpo e tempo, per diventare vuoto come bicchiere senza più bibita.

Il destino di Accio e Sara Cardellino, nei segni, è questo. Stare di impronta in impronta, che sia parola immagine suono, nel tutto. Un’avventura del processo mitopoietico domestico. Che vien rivelato a frammenti. Perché soltanto gli amanti ne hanno visione completa. Per scelta di non estetizzare con una qualsiasi carriera letteraria artistica il processo. Soltanto Cardellino pratica la musica come lavoro. Accio è un perdigiorno. Caro a Eichendorff, ma lui spera anche a Novalis. Che inventò la “Cifra” come immagine che prende corpo andando sempre verso un Oltre.

La fotografia dice, a noi due, undici anni dopo, senza nostalgia, perché memorabile, che siamo ancora qui: l’aranciata ancora sulle labbra.

La fotografia compie la sua missione rivelando che il mondo desiderato non è svanito. Che i versi reggono ancora i corpi degli amanti.

Fotografia con data: Eidolon… quanto fu versato nel sensuale si fissa nella pellicola del presente, la vita liquida di noi stessi. Ecco perché questa fotografia, come altre che scattai a Sara, vale anche per il presente telematico, e per un epistolario dal ritmo vario. Don don





Accio: Nudo allungato legno aranciato" - Giugno 2009, Venezia - Sara Esserino





 

Accio e Sara

EIDOLON EPISTOLARIO DON DON VARIO

“BEVIMI COME UN’ARANCIATA”

4
 

 

                       da iPhone, ore 23,00. Venezia - 5 giugno 2009

                        SARA

                        I

                        guardami … e guardami

                        nell’arancio dell’essere

                        liquida ad oriente a giugno

                       che tutto di te conosco -

                       sbucciata dai morsi dagli spicchi

                       dai semi nei remi delle braccia

                       calda traccia sui picchi dei seni

 

                       portento -tento- attento

                       nel prendermi vento, e tutta

                       in ruota finire nella tua bocca,

                       pasticcino canditino

                       per palato sopraffino,

                       nel vorace assalto

                       graffi la dolcezza miele

                       col baffo e ti sbaffo

                       tutto! tutto! Tutto

 


 


Accio: Sara Arancina - Giugno 2009 Venezia




 


                                                                               da Accio@alice.it - ore 23,40 - Vecchiano-Pisa - 5 giugno 2009

                                                                                ACCIO

                                                                                II

                                                                                (dice la giovin signora)
                                                                                bevimi come un’aranciata

                                                                                signore che si disseta

                                                                                dove mi spello e m’appello

                                                                                in pura immaginazione

                                                                                saliva e frutto e colore già armonica

                                                                                carne per sguardo mani lingua

                                                                                fino all’ultimo tocco

                                                                                in me tengo rosso bardo

                                                                                nello scocco al piacer vengo

                                                                                che tu rendi tardo e tardo e tardo

                                                                                nella spremitura ardo ardo ardo

 

                                                                                bevimi come un’aranciata

                                                                                affiché tua sete mai sia colmata
 

                                                                                sono la tua arancina aranciata:

                                                                                t’entro meglio in bocca così

                                                                                sbocciata alla fragranza

                                                                                di questa  nel giugno stanza

                                                                                dove ogni natica e spicchio

                                                                                per il tuo batter picchio,

                                                                                e la sete è feroce – più ancora

                                                                                 se troppo presto mi darai pace!