:: Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.

 
 CDS: "Mario Rapisardi che nei versi innovativi arrivò tardi"

2 maggio 1982 

 

 

 

(a cura Claudio Di Scalzo)

FABIO NARDI

POETICA CURA PER KAROLINE KNABBERCHEN AMMALATA

(antologia di poeti obliati illustrata)

 

a Karoline

una  Poesia al giorno

contro il male in girotondo

dalle ciglia al piede e ritorno

per guarir fino in fondo.

 

°°°


FABIO NARDI

PREFAZIONE A FINE 2017 E PER L'ANNO CHE VIENE 2018. PRO BONO INFINITO

Karoline Knabberchen aveva una salute cagionevole. Tosse. Febbri. Dolori alle braccia o alle gambe un po' sparsi. “Guai freudiani per interno ed esterni”, diceva scherzando. In quei giorni, a volte lunghi, stando io a Pisa e lei a Guarda in Engadina, e c'è da aggiungere che a volte non voleva farsi vedere ammalata e dolorante, in casa, tanto da impedirmi di raggiungerla (anche per evitare rimbrotti e collere di sua madre Gerda Zweifel che ostacolava in tutti i modi il nostro legame)... io ognidì o un giorno si e uno no! le scrivevo testi in ogni genere... che le spedivo in busta... e inventavo disegni e dipinti e fotografie...convinto che così sarebbe guarita prima o che addirittura non si sarebbe più ammalata! Ero il suo camionista dei segni! E lei la mia Signora ammalata bisognosa d'ogni cura.

Ne fa parte questa singolare antologia di poeti illustrata. Dove facevo conoscere versi obliati ad una svizzera d'Engadina.

Karoline Knabberchen quando poteva mi rispondeva con scritti e disegnini e sempre aveva parole dolci per quanto riceveva. Anche se aveva febbri alte. Non mancava mai di farmi sapere quanto apprezzava la mia “cura”.

Sempre mi sorprendi, e voglio dartene notizia. Non mi sento certo schiacciata dalla tua creatività. Se accadesse te lo direi. Non deve mai attecchire in me una “gara” tra artisti da me taciuta. Potrebbe portare a incomprensioni tra noi. Rovinare il nostro amore. Mai per me quanto mi doni sarà rubricato come consuetudine. Tale da ricevere soltanto uno sguardo e magari neppure scrivertene. No! Ogni volta voglio tu sappia quanto mi aiuta nel dolore il tuo bene che somiglia ad un cielo dai tanti colori! E so che quanto ricevo è un'opera unica, PRO BONO INFINITO, solo per la tua Karoline, senza alcun fine editoriale o di carriera culturale. Un tesoro unico e solo per me. Ti AMO!!!

Oh Karoline mia. A rileggere queste tue lettere, in questo fine 2017, mi nasce una primavera con tutti i volatili del Lago Puccini in petto. Provo grande felicità. La catena non s'è mai spezzata tra noi. Anche se tu sei stata inghiottita da un gorgo alle Lofoten il 20 agosto 1984. L'amore per sempre è un dono sacro.

E sono contento perché qualcosa di simile prova anche Claudio Di Scalzo: per la sua Sara Cardellino. Anche la musicista veneziana d'origini padovane a ogni disegno e variazione a tema scritta che riceve non manca mai di contraccambiare con apprezzamenti per quanto riceve a chi, come nello Stil Novo, la omaggia e le sta vicino non solo nella gioia ma anche nel dolore o nelle sofferenze familiari che a tutti non mancano mai.

Questa è Religione questo è Comunismo questo è l'Amore adatto che salva dal consegnarlo soltanto agli scritti o ai dipinti per ridurlo a “fatto estetico”. Perché ciò porta  alla rovina. Alla superficialità. A volte alla miseria etica. Karoline Knabberchen al primo posto metteva il nostro amore e io con lei.

Lo rivela anche questo frammento di lettera che pubblico. Io la invitavo, una volta guarita a raggiungere Bologna dove era stata invitata a un seminario su Schelling, dove avrebbe potuto avere in seguito pubblicazione su rivista e addirittura in libro per i suoi saggi e poesie. Ma Karoline mi rispose così:

Tu mi scrivi che guarita dovrei recarmi agli appuntamenti bolognesi dove sono invitata in università. Apprezzo ma devo scriverti con sincerità che se per caso dessi, guarita, e in grado di muovermi in libertà, la precedenza a qualche evento culturale invece di raggiungerti... dopo la tua “cura” da lontano e da vicino quando hai potuto vincere l'ingarbugliata mia condizione familiare... scrivo Fabio... CHE AMORE SAREBBE IL MIO? Un amore da “TRE BICCI”, da tre soldi, come dice il tuo Vernaholo! Tu vieni prima di tutto come io lo sono per te! Alla pari!

Che vuoi m'importi della conferenza sulla filosofia di Fichte e dell'ultimo Schelling (che pure studio da tempo) se posso raggiungerti a Vecchiano e baciarti?!

Tutti quegli intellettuali, con il “pedigree” fitto di pubblicazioni, molte di dispense universitarie e scritte malamente, non valgono il gelato - tu lo vuoi sempre più “grosso” del mio e cerchi le gelaterie adatte come un bambino - che mi offri a Lucca sulle Mura, al nostro Baluardo di San Colombano; e neppure valgono la “cecina” che mangiamo sui lungarni pisani con il foglio giallo a ungerci le dita e tu che ti lamenti che le ciabatte infradito a camminare troppo ti sbucciano il pollice. TI AMO Fabio e sarà per sempre!!!"

 

°°°

 

                                                         Mario Rapisardi

                                                         O VECCHIA VELA

                                                         O vecchia vela, che degli euri infidi
                                                         Sai la chiara lusinga e il fosco oltraggio,
                                                         E all’incertezze d’un lontan viaggio
                                                         Audace ancora il sen logoro affidi

                                                         Troppo in te forse e del nocchier tuo saggio
                                                         Nella fortuna e nel valor confidi,
                                                         Se contr’al ciel maligno e al mar selvaggio
                                                         Speri giungere illesa agli ardui lidi.

                                                         Ma sia che il vento ti flagelli, o sia
                                                         Ch’oziosa tu penda all’aria morta,
                                                         Sempre al ciel t’aprirai nitida e franca;

                                                         E se cadrai da’ neri gorghi assorta,
                                                         Cadrai come la vecchia anima mia,
                                                         Lacera si, ma dispiegata e bianca.

 

 

 

 

Mario Rapisardi (Catania 1844- ivi 1912) tanto vario nel poetare arrivò in poesia sempre tardi. Carducci il vate gli creo molti crucci e lo prese metaforicamente a manate.

Misi il cappello sulla Scienza e sulla Religione facendone caotica commistione. Carattere ombroso e litigante non trovò mai “pòso” seppur andasse sempre avante. Dove non lo sapeva  ma di poesia ne scriveva e spesso di  Eva lisciante sua giovane e poi vecchia vela.

Nella poesia “O vecchia vela” Rapisardi poeta del Tardi s’avvolge nel bianco lacero come in una bandiera-anima. Quella del suo Io disposto a tuffarsi nell’ultima burrasca nera e pericolosa ma con veleggiar candido e coraggioso. Perché chi coraggioso nasce coraggioso muore.

Mi preme confessare che di Rapisardi uso il cappello quando tu, Karoline mia, mi guardi. Con le pupille celesti che fan faville sui miei anni ancor dinamitardi.  

 

 ...CONTINUA