:: Karoline Knabberchen: Capodanno a Raqqa. A cura di Claudio Di Scalzo

 

CDS: "Il Capodanno a Raqqa di Karoline Knabberchen" - Dicembre 1983

 

 

Karoline Knabberchen

CAPODANNO A RAQQA - 1983

(contro-canto di un pastore errante)

(a cura di Claudio Di Scalzo)

 

                            È sorta la luna a illuminare il prossimo pasto

                            e le tane delle lepri e quelle delle madri dentro

                            la morbida terra – se non hai mai visto le lepri

                            nascondere al volo della poiana i piccoli dentro

                            la terra, vieni con me al sorgere della nuova luna.

 

                               La luna l'ha appesa ognuno nella propria stanza buia

                               a segnare le strade oltre le basse colline dello Champagne

                               e illuminare negli edifici il difficile pasto di chi resta

                               e il passo di chi è andato con la luna oscenamente bianca

                               dietro le colline ocra di Raqqa vibranti nell'eco dell'uscio di casa,

                               a illuminare il pasto di chi resta e di chi va, oltre le colline di Raqqa

 

                                 dove figli e i figli dei loro figli scompongono le parole dei padri

                                 negli ingredienti primari e impastano e fermentano a piacere

                                 facendole vorticare in alto tra le poiane e molto più in basso

                                 tra cunicoli di terra scavati dalla sapienza delle mani nelle rosse

                                 tenere e basse colline dello Champagne, dietro le dune di Raqqa.

                                 Mai avrei creduto di stringere tra le mani le mani dei figli

                                 di altri popoli, mentre i nostri come grappoli scendono

                                 da un cielo sconosciuto, oltre le colline di tutte le città

                                 che il libro incontrerà tra Raqqa e lo Champagne.

 

 

                                     Piovono per la prima volta sul deserto piogge tanto sterili

                                     da farci gridare d'indignazione – acqua! Acqua tanta e odiatissima!

                                     Come non attendessimo altro per secoli e poi eccola qui, tutta assieme

                                     tutta raccolta in un'unica goccia macrocefala, penzolante sopra le teste

                                     dei vivi e dei morti – ironica scodinzolante in attesa si rompa infine

                                     il sottilissimo equilibrio che la lega al cielo o a che so io;

                                     e i botti che sentiamo ci dicono che è di nuovo Capodanno, ogni ora

                                     gira la sorte del nuovo anno, tra canti e balli e quell'unica goccia

                                     gigantesca pare non interessi a nessuno: è un prisma perfetto

                                     e la luna vi appare tanto più grande sopratutto fuori dalle grandi città,

                                     se la guardi attraverso quell'unico occhio lacrimoso dentro un cielo tolemaico.