:: Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo

Claudio Di Scalzo: "Dino" 1, Tempera e china e inchiostro su carta, 1985

 

 

 

                            Karoline Knabberchen - 1981

                                               DINO

                                     (mio poeta primo)

     

                            Dino ferocia cupezza

                            Acuto sesto di cattedrale nel ventre di terra

                            Dino ventosa memoria e spina

                            Che il cuore rinserra.

                            Con te sciolto giù giù amo andare

                            Procedere a zonzo e girovagare

                            Ubriachi d'ebbrezza nel caldo chiarore di maggio

                            (Il tuo aprile di oggi è il mio maggio di ieri)

                            Fu appena uno struscio il nostro conoscersi

                            Fu eco appena raccolta giù giù nella valle,

                            Che ti volti ti pare t'abbian chiamato

                            Ti par di conoscere il nome.

 

                                                                  Dino, così come fui nel risvolto di tempo

                                                                  Il verso celato dell'altro mio vivere

                                                                  Questo raccolto frutto del tempo,

                                                                  Ora mi giaccio affranto maturo

                                                                  Maturato frutto d'inutilità;

                                                                  L'altro mio viver diceva le cose per come le sono

                                                                  Le prendeva per come le sono.

                                                                  Come a dirti la vita per come la è

                                                                  Vita e morte per quello che sono.

                                                                  Tu a Marradi nel guscio di tomba

                                                                  Nella tomba gheriglio rimugini il mondo.

 

CDS: "Dino", 2 - 1985