Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

Vecchiano

:: Claudio Di Scalzo: L'incidente d'auto di Accio, il Pazzo, Willy DeVille
25 Gennaio 2015

                                                       

 

 

Claudio Di Scalzo 

L'INCIDENTE D'AUTO, IL PAZZO, WILLY DEVILLE

Willy DeVille è morto il 9 agosto 2009. Quando lessi la notizia trafiletto sopra un quotidiano era inutile ne parlassi con gli amici di Marina di Vecchiano. Tanto non lo conoscevano. E il Pazzo (Paolo Fatticcioni detto Il Pazzo, Laura 10.X. 1848/Nodica 14.XI. 2005), l’unico che ne sapeva qualcosa, non c’era più in giro. Per ricordare che era stato lui a farmelo conoscere. Tra le tante avventure strampalate messe in piedi c’era anche quella di organizzare una Radio Libera. A fine anni Settanta. Radio Gong. Con cui ci svenammo di spese. Ed anche a chiamare i Gong in concerto a Viareggio. Trasmettemmo per qualche mese, appunto. Poi il Pazzo per recuperare i soldi spesi andò a fare il Disc-Jokey al Principe di Piemonte, e io lavorai con mio padre, a guidare il camion da mattina a sera, anche in estate, per pareggiarmi. Willy DeVille veniva dal punk newyorkese, all’inizio aveva un gruppo i Mink Willy Deville, e poi inventò dischi ibridi con musicalità latine. Nel 1982 quando stavo attraversando Viareggio, diretto alla Bussola-tenda dove cantava Battiato, in fulgore allora con Bandiera bianca, all’incrocio di via Alfieri con via Foscolo, non mi fermai allo stop, anche perché le strade interne a Viareggio si somigliano tutte, e una Renault 9, me la ricordo con precisione!, mi sfece la fiancata alla Mini sbattendomi contro un muretto. Mi lussai una spalla, sbattetti la testa, e mi portarono all’ospedale per controlli. Per un laureato in lettere che non aveva alcuna voglia di insegnare letteratura, e che normalmente faceva il perdigiorno, era un segnale! Il Pazzo transitato un quarto d’ora dopo con la sua macchina, vedendo la mia mal ridotta, si precipitò in ospedale a vedere cosa m'ero fatto. Volevano tenermi lì per controlli la notte. Ma io volli andar via. Le lastre non davano niente di rotto. E il ghiaccio in testa potevo tenercelo da solo. In auto il Pazzo mi disse: Ascolta questo cantante, è un fenomeno. Non ricordo che canzone fosse di DeWille. Amo pensare fosse una canzone sentimentale, ma di quel sentimentalismo acre, e tagliente, che sembra venir fuori da qualche film sceneggiato da chi ha letto Conrad e Faulkner. Escludemmo di andare al concerto. E chi ci aspettava tanti saluti. Andammo a pescare sul lago. Di Massaciuccoli. Al casotto con la rete. Le ammaccature e la spalla dolevano. Però le canzoni di Deville erano vitali, riconciliavano con la felicità d'averla fatta franca al dolore che mutila. Paolo, il Pazzo, era protettivo, come un fratello maggiore, aveva tre anni più di me, Accio l'hai scampata bella! ti ricordi come a me sia andata peggio! eh!, nell'incidente sul Viale dei Tigli!, e aggiunse: telefona alla Nada e le dici che siamo a pescà, la macchina domani G. te la ripara e Lalo non se n'accorge; poi telefona anche a lei... dille che hai avuto un incidente, vedrai che smette di studià i filosofi, ansiosa scende dall’Engadina, fate pace, ti sistema la carrozzeria, testa compresa! e così vai più piano! 


Seguii il consiglio. Mentre alzavo la cornetta sorridevo. Con la testa che mugliava come il mare. Con Deville a complicare il ronzio. 

 

William “Willy DeVille” Bursay, 1953 - 2009

 

...dal weblog TELLUSFOGLIO - 3.VI.2010 

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Eric Burdon - Claudio Di Scalzo: Young a Walker-on-Tyn ed a Vecchiano
» L'amico Hermann Scherchen
» Claudio Di Scalzo: L'amico Hermann Scherchen
» Claudio Di Scalzo: Braciola di nichilismo imbambolata con Patty Pravo
» Claudio Di Scalzo: Achilles Last Stand dei Led Zeppelin per tornare a Sud
» Claudio Di Scalzo: L'Orecchio Tonto, 3-4.
» Claudio Di Scalzo: L'orecchio Tonto, 1-2 (con Aglaia)
» Claudio Di Scalzo: Brahms cerca la tua intimità. Musicante a maggio
» Claudio Di Scalzo: Ascoltando Oblivion di Astor Piazzolla
» Claudio Di Scalzo: Borges e Piazzolla
» Manutenzione nel gelo di “The Lord Bless You and Keep You”. Con Mondrian
» La Croce, Celibidache, Bruckner: Te Deum
» Claudio Di Scalzo: Ti amo e sarà per sempre e anche più in là! Sogno nel dicembre a Vecchiano. Per Lalo Libertario
» Claudio Di Scalzo: Adeste fidelis per quadro di famiglia vecchianese
» Claudio Di Scalzo: Vedo musica. Dunque ascolto
» AHAB - THE HUNT - CDS schiuma in parola
» Claudio Di Scalzo: 5 frammenti di Saffo per la Ranocchietta morta
» Claudio Di Scalzo: Bruce Springsteen a Vecchiano
» Hermann Scherchen sul direttore d'orchestra
» Il Quartetto di Debussy con Dukas e Dufy
» Claudio Di Scalzo: Celebrano e Haydn - a Silvia Comoglio
» Claudio Di Scalzo: 2 tombe + 2 tombe = 5 con Mahler
» Claudio Di Scalzo: Musica x psicopatie nascoste
» Claudio Di Scalzo: Schumann a Marinella
» Toscanini e l'Internazionale
» Byron + Liszt Don Juan lirico
» Willy DeVille: Heaven Stood Still
» Schumann in Italia, 2 - A cura CDS/Margherita Stein
» Claudio Di Scalzo: Mallarmé-Händel
» Claudio Di Scalzo: Bach + Scherchen x Luigia Zamorano
» Claudio Arrau: Jung e Schumann in Fantasia
» Luciano Berio - Gesti - Per flauto dolce
» Claudio Di Scalzo/Fabio Nardi: Aspetto l'Olandese Volante canta Senta
» Roland Barthes: L'Olandese Volante di Wagner