Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

CONCERTANTE

:: Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
11 Marzo 2020


Karoline Knabberchen - 1984 - 
dall'Annuario Tellus 24/25 "Poesie in cerca di Dio"  2003 - Editrice labos










Karoline Knabberchen
SACRO SANTITÀ ANARCHIA. COMMUNIO SANCTORUM
(1983. Cascinale vecchianese) (Notte 11-12 marzo 2020)

 

Karoline Knabberchen. Dedico questi frammenti al fotografo Fabio Nardi, mio fidanzato, affinché sia svelto, adatto, a cogliere nel mondo riprodotto in camera oscura lucente funzione del sacro verso santità. (1983 - Tra Vecchiano di Pisa e Guarda d’Engadina) - (Carte custodite rilette l’11-12 marzo 2020 con Sara Cardellino nel cascinale di Vecchiano)
 

 

1

Inizia con l’Agostinismo, destino teologico dei padri corredo di stelle accese spente trascrizione pugno libro per tempio, il fermento di anarchia laccio stringente a Dio. Se Credo in Anarchia verso il Sacro di Dio a me rivelato quali doveri sociali verso l’istituzione-economia dovrei adempiere? Salto la tradizione biblica dell’Antico Testamento ove sacro costringe alla morale all’etica del presente politico. Però nel Nuovo Testamento, nell'Agostinismo che m'intride, l’organizzazione sacrale può spingersi a negare l’etica dell’epoca. Sto in basso ultima donna nella polvere del presente ingiusto, chi sta sopra me impone regole che non sono a pari, lo scavalco, raggiungo Dio; la lesa maestà verso l’istituzione non è sacrilegio agli occhi di Cristo che mi sprona alla santità anarchica.

Non ti sembra, tu che mi ascolti, che quest’ascesa al sacro - a breve al Sacro oppongo Santità da seguace in estremismo d’Agostino che vale ben più di chi seguì Sofri Piperno Negri - faciliti il vocabolario esistenziale meglio di Bakunin di Marx? Addirittura meglio dell’arsenale metafisico tradizionale?

Se l’Essere viene “tarlato” da ogni linguaggio, anche in poesia mediato dalla tecnica: quanto è religioso scivolato dal mito evangelico in parabola vale, esangue stravolto corroso, come ogni altra tradizione occidentale, tipo Liberalismo Illuminismo Comunismo Anarchia, pure il Sacro, della Santa Chiesa Romana di Lutero del Pope ortodosso: non vale più interamente. La normativizzazione intrecciata all’istituzione politica-economica ha strangolato il sacro. Quanto udiamo da duecento anni è balbettio. Però se interviene la ricerca della Santità più che del Sacro, il paradigma cambia.

La santità punta tutta l’esistenza, anche quella sociale, su Dio. Radicalmente. L’esigenza dell’etica ubbidiente all’istituzione politica borghese alla Chiesa (che amministra la morale ideologica vigente statuale e produttiva) viene scansata. La santità punta all’impossibile anarchia santa perché Dio è inizio santo senza inizio, Legge Rivelazione.

La santità in anarchia travolge nella sua semplicità, da Vangelo, tutte le gerarchie di valori perché è necessario, questo il compito a noi affidato da Dio, di trovare, raspando in terra fino a ferirci, i valori che nel presente valore agli occhi di ogni potere, anche del sacro solito, non hanno. Questa la nostra concessa libertà.

Scavare a mani nude nella dura ghiaia. Scaverai con me Fabio Nardi la ghiaia sorgente dell’Inn? Io son disposta a ficcare le mani con le tue alle sorgenti del Serchio in Garfagnana. Trovare valori per donne e uomini, prima la donna, per costituire propria fonte in questa ricerca nell’an-archia e cioè nella COMMUNIO SANCTORUM.


 


Interprete di Bach con mano Georges De La Tour in preghiera
nel cascinale vecchianese per Karoline Knabberchen.
Foto di Accio per Sara Cardellino - 10 Marzo 2020



 

2

 

Dio è stagionale? Rinverdisce foglie in primavera; piega le stesse in autunno spreme succhi in pietre rese vive; s’insinua come salnitro in interstizi vuoti tra le stesse. Abbiamo sterili pietraie in attesa? Rami stecchiti foglie crepitanti ruggine cadute dinanzi a montagne immutabili? Se tu avessi “guardato” Ardez a ottobre come me, lasciando da parte la Reflex Nikon, avresti scorto la crepa ov’è precipitato il Risorto, l’unico che può, se trova santità e anarchia nei credenti, tornare, vincere il Male sulla terra. Sparso da Satana che stagioni non riconosce né concede illudendo sovra il calendario ogni bel tempo.

 

Ardez in autunno sversate ombre

avvolgono spola

tesse parole mute vista derisa:

“Resistete fortes in fide”.

 

Ti porgo semplice esempio fotografo ad Ardez. Se è vero ch’è Dio a far crescere le piante nei nostri giardini oltre il bosco, esse necessitano di irrigazione. Senza acqua muoiono. Dobbiamo confidare nella pioggia nel cielo che la sparge nel disegno stagionale divino o irrigare con la tecnica quanto è affidato alla nostra cura? Sai la scelta da ognuno compiuta. Credenti e non credenti. Il sacro ha accettato la tecnica. La tecnica è desacralizzante come il bisturi del chirurgo: organizza la salute.

La santità nell’anarchia punta tutto su Dio, estremizza ogni afflato etico che il sacro ormai adempie amministrando la morale dei tempi dello stesso capitale, e insieme i credenti; io con te, invece, intanto a questo ti chiamo: alla cura all’irrigazione verso le piante prendendo insegnamento dal bosco che l’anarchia già la vive per costituzione seppure lì siano giunte seghe elettriche funivie piste da sci. Questa utopia vissuta con animali flora pietre convinceranno Dio, il Risorto, a uscire dal crepaccio, unirsi a noi in santità anarchica, il suo sacro tornerebbe vissuta utopia: Vangelo.

Si rivela che Res Publica, Res Phasulla

Res Publica, Res Nullius,

spinosa chiodata ragione

nella case nella chiesa di Ardez

larve dottrinarie ne discutono.

 

La santità con l’anarchia riporta Verità al Vangelo: “in principio erat verbum… et verbum caro factum est. Giovanni cesserà d’essere ricusato, rendendo il tutto nulla, e, nel sorriso inquieto operare, noi, per quanto sta nell’acqua di Cristo. Scivolante verso il Tutto riapparso.

 

 


ARDEZ - 1983




 

La foto di Ardez, Sara, è del 1983. La luce allora donò riflessi che mi ricordarono i dipinti olandesi del Seicento, particolarmente le tele di Van Ruysdael Jacob Isaackszon. Dal protestantesimo olandese a quello svizzero. Cristianesimo che KK innervava con Schelling e Kierkegaard e Klages con apporti da filosofi novecenteschi e dal pensiero ebraico. Studiava, scommetteva su questi pensieri in solitudine, coinvolgendomi, e capivo la metà di quanto mi diceva o leggeva. Aveva 23 anni allora. Era un miracolo che stordiva. Nessuno in giro, nelle pubblicazioni anche, affrontava quanto in frammenti metteva assieme. Andava però alle lezioni, quasi deserte, di "Storia della filosofia antica" tenute da Giorgio Colli, come se scoprisse un’oasi

 




NOTICINA

(Guarda, Engadina, Svizzera 10 aprile 1959 – Lofoten, Isola di Austvågøy Lofoten Norvegia 20 agosto 1984)

Con Sara Cardellino nel novembre 2018 abbiamo raggiunto come in un pellegrinaggio Isola di Austvågøy Lofoten

Sull'Olandese Volante

Cardellino e Accio: Viaggio alle Lofoten Austvågøy in cerca di Karoline Knabberchen



 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte il 20 agosto di Karoline Knabberchen
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen il 12 giugno 2017: un Requiem
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Antonino Anile per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Capodanno a Raqqa. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Trakl: An Novalis. Karoline Knabberchen Traduce. Dipinto di CDS
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Confession d'un post-moderne du siècle. Afred de Musset e George Sand a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo