:: Poesia d'amore per San Valentino. Antologia per KK. Cura CDS

 

 

 Bruno Magoni: "Karoline Knabberchen alle Lofoten" - 1990

 

 

  

POESIA D’AMORE PER SAN VALENTINO

 

                                                 ORA CHE SEI VENUTA 

                                                 Ora che sei venuta, 
                                                 che con passo di danza sei entrata 
                                                 nella mia vita 
                                                 quasi folata in una stanza chiusa – 
                                                 a festeggiarti, bene tanto atteso, 
                                                 le parole mi mancano e la voce 
                                                 e tacerti vicino già mi basta. 

                                                 Il pigolìo così che assorda il bosco 
                                                 al nascere dell’alba, ammutolisce 
                                                 quando sull’orizzonte balza il sole. 

                                                 Ma te la mia inquietudine cercava 
                                                 quando ragazzo 
                                                 nella notte d’estate mi facevo 
                                                 alla finestra come soffocato: 
                                                 che non sapevo, m’affannava il cuore. 
                                                 E tutte tue sono le parole 
                                                 che, come l’acqua all’orlo che trabocca, 
                                                 alla bocca venivano da sole, 
                                                 l’ore deserte, quando s’avanzavan 
                                                 puerilmente le mie labbra d’uomo 
                                                 da sé, per desiderio di baciare…

                                                 Camillo Sbarbaro (1888-1967)



                    STAVO PER DIRTI ADDIO 

                    Stavo per dirti "Addio!"; ma subito 
                    ho frenato la mia voce e sono ancora qui. 
                    Separarmi da te mi fa paura: è spaventoso, 
                    come l'amara notte di Acheronte. 
                    Splendore del mattino è il tuo; ma è muto 
                    il giorno: tu invece mi porti in dono la tua voce, 
                    anche più dolce di un canto di Sirena. In lei è sospesa 
                    ogni speranza del mio cuore. 

                
    Paolo Silenziario (VI sec.)

 

                                                         VIOLENTO DESIDERIO... 

                                                          Violento desiderio ha fatto nodo nel mio cuore 
                                                          e buia nebbia sugli occhi mi ha versato, 
                                                          rubandomi la molle anima dal petto. 

                                                          Disperato giaccio nel desiderio, 
                                                          senza respiro, le ossa trafitte 
                                                          da dolori atroci, per colpa degli dèi. 

                                                         
Archiloco (VII a. C)



            DEVO PARAGONARTI A UNA GIORNATA ESTIVA? 

            Devo paragonarti a una giornata estiva? 
            Tu sei più incantevole e mite. 
            Impetuosi venti scuotono le tenere gemme di maggio 
            e il corso dell'estate è fin troppo breve. 
            Talvolta troppo caldo splende l'occhio del cielo 
            e spesso il suo aureo volto è offuscato, 
            e ogni bellezza col tempo perde il suo fulgore, 
            sciupata dal caso o dal corso mutevole della natura. 
            Ma la tua eterna estate non sfiorirà, 
            né perderai possesso della tua bellezza; 
            né morte si vanterà di coprirti con la sua ombra, 
            poiché tu cresci nel tempo in versi eterni. 
            Finché uomini e occhi vedono, 
            vivranno questi miei versi, e daranno vita a te. 

            
William Shakespeare (1564-1616)



                                          CAMICETTA 

                                          Posa le mani 
                                          sulla mia camicetta bianca 
                                          e profumo di lavanda accogli uomo strano 
                                          e senza pudore. Tutto il lago è un velo 
                                          ma solo io aspetto lo squarcio. 

                                         
Karoline Knabberchen 
                                          (Svizzera, Guarda, 1959 - Norvegia, Lofoten, 1984)

 

          SINOPIA CON FIORE 

          Se io ti amo come non posso che amare 
          fra le unghie delle rose e nella verzura furente 
          del giardino inospitale, che provi ogni sottile brivido 
          sulla mia pelle e che l'anima sulle labbra, sei mio sei mio, 
          rispecchi sempre quanto m'hai rubato. 

          
Karoline Knabberchen

 

                                                                 SEI LA MIA SCHIAVITÙ SEI LA MIA LIBERTÀ 

                                                                 Sei la mia schiavitù sei la mia libertà 
                                                                 sei la mia carne che brucia 
                                                                 come la nuda carne nelle notti d'estate 
                                                                 sei la mia patria 
                                                                 tu, coi riflessi verdi dei tuoi occhi 
                                                                 tu, alta e vittoriosa 
                                                                 sei la mia nostalgia 
                                                                 di saperti inaccessibile 
                                                                 nel momento stesso 
                                                                 in cui ti afferro. 

                                                                
Nazim Hikmet (1902-1963)

 

                        LA COPPA RIDE DI DOLCEZZA
 

                        La coppa ride di dolcezza: ha sfiorato - dice - la bocca 
                        chiacchierina dell'amorosa Zenòfila. 
                        Beata! Ah se zenofila appoggiasse le labbra alle mie labbra 
                        e d'un sorso bevesse la mia anima! 

                        
Meleagro (140-70 a.C.)

 

                                     LETTERA CON ELISIR 

                                     Chi ama non è mai solo, scrivi. Non fare il bambino 
                                     aggiungi. E sentirmi redarguito da te, mia Karoline, proprio ora 
                                     che la sera vince l'incognita della brace accesa nel bene, 
                                     in tutto il tuo bene, mai elisir d'amore 
                                     da me fu più delibato sulle labbra. 

                                     
Fabio Nardi (Vecchiano, 1952)



                            TI HA CHIESTO 

                            Una ragazza ti ha chiesto: Che cosa è poesia? 
                            Volevi dirle: Già il fatto che esisti, ah sì, che tu esisti, 
                            e che nel tremore e stupore, 
                            che sono testimonianza del miracolo, 
                            soffrendo mi ingelosisco della tua piena bellezza, 
                            e che non posso baciarti e con te non mi posso giacere, 
                            e che non ho nulla, e colui che è sprovvisto di doni 
                            è costretto a cantare... 

                            Ma non glielo hai detto, hai taciuto 
                            e lei non ha udito il canto... 

                           
Vladimir Holan (1905-1980)

 

         SEPARAZIONE 

         Sì. La volontà ha deciso. Ma come può il cuore 
         che giace molto al di sotto della superficie 
         delle livellate ragioni che l'occhio vede - 
         come può il cuore decidere 
         di bandire per sempre questo viso amato? 

         Agli occhi stellati, tra le cannedel buio, 
         rinunziare? Alla luce dentro la cecità del corpo? 
         Per dimostrare che erano perduti in ogni modo 
         e accettare i moncherini incespicanti della consolazione? 

         Sotto il sonno, sotto il giorno, 
         sotto la terra, nella galleria del midollo, 
         amore immutabile giura che tutto è immutato, e sa 
         che ciò che non ha rimane ancora quanto possiede. 

         
Stephen Spender (1909-1995)



                                                                       SENZA LA GIOIA D'AMORE, COS'È MAI 

                                                                       Senza la gioia d'amore, cos'è mai 
                                                                       la vita? Un re, 
                                                                       un dio, senza amore 
                                                                       - io non lo invidio 

                                                                      
Simonide (556 ca-468 a.C.)