:: Claudio Di Scalzo: Karoline K a Marinella di Sarzana

 

 

 

 

Claudio Di Scalzo

KAROLINE KNABBERCHEN A MARINELLA DI SARZANA

 

INCIPIT NEL GIUGNO 1982

Son fringuella  buffa a Marinella

di Sarzana ove mi truffa la sabbia tana

 

                                                    1

                                                    L’orizzonte se ne porta il lapis

                                                    per navigazione inabissata dell’appuntalapis

                                                    Non c’è più alibi o S.O.S.

                                                    per chi non sa dove cade il vento

                                                    del segno ex portento

                                                    (llustro il mio autore)

 

                                                    2

                                                    Qui veniva Montale e Fortini.

                                                    Erano appiedati a Bocca di Magra

                                                    e ora che la poesia sembra una sagra

                                                    anche la rugiada ha i suoi casini

 

                                                    3

                                                    Servirà al più presto

                                                    (già in agosto?)

                                                    un ombrello non un ombrellone

                                                    per parare pioggia di spiritualità

                                                    enigmatica come un eone.

                                                    -Sei gnostica a scriver così Karoline?

                                                    -Più che altro reumatica!

 

 

                                                                     4

                                                                     Mare indifferente! sembrò all’Ardito

                                                                     (fra l’altro del popolo antifascista)

                                                                     che lo disconosceva standosene calmo.

                                                                     Sembra vinto! Non è indomabile?

                                                                     Poi penso che si smuove sempre il fondo,

                                                                     respirò con forza stringendo il moschetto.

 

                                                                    5

                                                                    A Sarzana passò Dante e qui fu ospite.

                                                                    Vide un parto di foglie sul mare.

                                                                    Verde con punteggiatura di colombe.

                                                                    I limoni li canto io: ligure poeta dubbioso.

                                                                    Spiacente fiorentino mio col pan salato

                                                                    sul desco amico, ogni spiritualità

                                                                    è vana cometa, monarchia gingillata

                                                                    come moneta. Meglio delle piume

                                                                    pel bianco valgon gli ossi di seppia.

 

 

 

 

MARINELLA DI SARZANA ALLA MIA LATITUDINE DI VILLEGGIANTE

Sono molto legato a Sarzana e Marinella di Sarzana e Bocca di Magra. Dove dal 1988 trascorro luglio. In una casa sul mare. Quando giunsi su queste spiagge non c’erano più i pini che avevano conosciuto Pavese, Sereni, Montale, Vittorini, Duras, Fortini. E del poeta degli “Ossi di Seppia” restava qualche iscrizione per malinconico parco letterario con annesso tutto quel caos, che fra l’altro a me piace, e che lui  paventava in “Satura”. Unico scrittore sopravvissuto in zona era Mario Soldati, in villa, a Monte Marcello, che con Antonio Tabucchi andavamo a trovare, e che stava scrivendo il diario “Viaggio in Valtellina”, uno degli ultimi sui libri. Caro… Di Scalzo, se abiti lì per insegnare, allora puoi darmi qualche notizia fresca sui pizzoccheri. E Tabucchi sorrideva dietro gli occhialini divertito, vedendo un pisano che dice la sua sui pizzoccheri e che fra poco avrebbe ascoltato come Soldati non stimasse affatto la letteratura della “combriccola” di Bocca di Magra. Poeti esclusi. Ed editore Einaudi incluso.

Di Sarzana mi coinvolge la sua storia antifascista, gli “Arditi del popolo” che nel 1921 cacciarono gli squadristi con l’unica musica che intendevano: a colpi di moschetto. Oggi è una città che s’apre a fiere, con rinomata cucina e gelaterie, mercatini colorati, turisti, ed anche a una diffusione intelligente di fumetti. Ne leggo e ne acquisto in estate tanti. Ma leggo anche Sereni e Montale e Fortini. Anche a tanti fumettisti leggerli non farebbe male. Sia impegnati nel disegno che nelle sceneggiature e nella promozione degli albi. Perché il “Canone” esiste anche se il Web lo livella. Ed il Canone è verticale. Seppur inabissato. E dei maestri del linguaggio c’è bisogno, come della storia degli “Arditi”, anche per innovare i generi visuali. E Wikipedia per conoscere Sarzana e il suo mare e la letteratura che vi sciabordò proprio non basta.   

Ho affidato a Karoline Knabberchen, personaggio, il compito, anche in maniera scherzosa, di ricordare Sarzana e Marinella al suo autore scalzo sulla battigia.