Home Page Olandese Volante
Home page Site map
::

KAROLINE KNABBERCHEN

:: Karoline Knabberchen: Appunti senza voce con punti a croce. Prefazione Sara Cardellino
12 Giugno 2022

Non è facile per me leggere questo dattiloscritto, Claudio. Aveva 21 anni, Karoline Knabberchen (1959-1984). Scriveva in questa maniera. Nessuna donna ch’è venuta dopo di lei per Fabio e Claudio può raggiungere questi esiti: dove filosofia e realtà del tempo sono intrecciate nel Diario. Lo so. Se mi dici che ne fosti stupito e insieme travolto mentre l’amavi, ti credo. Nei “Punti a Croce” Karoline scrive di attualità politica da un’angolazione filosofica inaspettata. Se penso a quanti negli ultimi venti anni, in rete, hanno scritto il proprio “diario” le proprie interpretazioni sulla politica e l’estetica mi viene da compatirli. Come potevi dar loro importanza dopo che leggesti con Fabio Nardi, nei primi anni Ottanta, quanto oggi ho riportato in luce? Sei stato custode e curatore delicato e forte assieme. Ora siamo in due. Che regalo immenso mi fai, Accio, nel farmi accostare all’Angelo Svizzero. (Sara Cardellino - Giugno 2022)


 


Karoline Knabberchen cucita con ombre - Foto Fabio Nardi, 1980

 



 

Karoline Knabberchen

APPUNTI SENZA VOCE CON PUNTI A CROCE 





Karoline Knabberchen cucita con luce - Foto Fabio Nardi, 1980



 

“Scrivo frammenti immaginando non abbiano voce se non per la vocazione al diario. Siccome accanto ai brani dei libri che leggo pongo una crocetta ne ricavo titolo per l'intera sequenza. A Vecchiano, tua madre Elvira, sarta, mi ha detto che il Punto Croce è uno dei più importanti per chi cuce. Allora il titolo ha assunto la benedizione del doppio senso. Cucito sulla pena della lettrice Karoline? Quando ti scrivo queste spiegazioni avverto con paura che ti eleggo a mio custode che adombro la mia assenza. Ma io ho soltanto 23 anni!”
 

12 febbraio 1980 - Quel “qualcosa” che è stretto tra l’Ideale e il Reale e che si manifesta in ogni caso con dei simboli è l’estetico, secondo Humboldt. Rifletto sul senso del classico. È sera. Precoce sulla torre di Vecchiano. Sembra quasi che non ci siano più stagioni se non febbraio. L’intreccio dei punti croce come camposanto del mio cammino nella conoscenza od orto dove si semina sotto al ghiaccio? All’università di Roma i brigatisti hanno assassinato il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Vittorio Bachelet. Il mio corpo disteso sul letto è avvolto dalla luce della lampada sul comodino e tutto il resto appartiene all’ombra.

Nell’età di Goethe il classico winckelmanniano si connotò come neoumanesimo. Nell’aria andavano le persone a Berlino - quelle che avevano letto l’astuto e lisciato archeologo autore delle Considerazioni sull’imitazione delle opere greche nella pittura e nella scultura - come se fossero al riparo del caos. Sembrava che i loro nasi potessero condurli nel paese perduto dell’ideale bellezza. Mi diverte quest’immagine. Così dolce, è, affidarsi agli ultimi riflessi di un sogno: la Germania di fine settecento ed inizio ottocento per me diviene ciò. I piedi dell’assassinato, quelli di Bachelet, spuntano inermi dalla successione temporale dell’assassinio fissato nella fotografia. Che questo corpo e il suo riflesso nella fotografia non sia protetto, o illuminato, dalla luce di nessun Dio m'appare intollerabile.
 


 

22 febbraio 1980 - Leggere Nietzsche che scheggia il classico in chiave di identificazione fra ideale e naturale, fra universalità e individualità, in sintesi di emozionalità che proponga al corpo tutti i suoi appelli generativi e fertili, mi pone davanti all’orizzonte del mio annientamento. Però ci sto con ironia: e sono furibonda. Come una vergine che non abbia chi la possieda.

Valerio Verbano, studente di diciannove anni, è stato ammazzato a Roma dai NAR. Per Nietzsche la massima espressione della grecità è la tragedia dove il mito diventa carne. Temo che la notte stanotte non termini. Che duri con me immersa in essa come unica tepida luce. Paura. In queste ombre la mia matrice, nel pensiero di questo signore dai baffi folti quanto di me stessa può uscire soltanto come atto di lussuria senza più colpa. Cieca e inafferrabile nel circolo della vita, della morte. Il dionisiaco vera e unica forza vitale. L’incontro mio con Nietzsche a Vecchiano mi smarrisce, mi fa perdere la cognizione del mio sé. Questa camera diventa il mio bordello, il mio carcere, il mio manicomio, o il piazzale di una fiera dove vendo inutili ninnoli. Lui capì che senza mito il logos non ha forza di rinascita perché il mito è l’archetipo.
 


 

Sono passati sei giorni. (28 febbraio). Riprendo questi appunti “in croce”. Sta morendo Iolanda Rozzi, iscitta alla DC: in gennaio aveva riportato ustioni nell’incendio appiccato alla sua abitazione dai Nuclei Armati Proletari. Impossibile oggi una nuova immagine della classicità: si è operata da tempo la sua assoluta dissoluzione. Se però m’immergo nel subconscio, attraversando la carne, perché non potrei colloquiare con il classico in termini di teoresi?, attingendo a una universalità che mi trasmetta anche dei valori? Sul mio teatrino neoclassico vecchianese spira il vento, ma forse è l’alito di Cosima Wagner, e tutto rovina in basso, verso il pavimento gelido, che nessun tappeto può redimere. Febbraio che contiene l’eco di millenni. Pure svolazzano i volantini dei brigatisti e Dioniso scappa dopo aver strappato la lira ad Apollo.

 


 

2 Marzo 1980 - Aveva ventotto anni Nietzsche quando dava alle stampe la Nascita della tragedia. Quanto donava alla cultura insieme arricchiva e distruggeva. Come se una stoffa potesse ritessersi all’indietro proponendo la cancellazione del disegno adombrato per poi subito ricomporsi. Immagini di chi sta accanto a una sarta che oltre a cucire accudisce la svizzera fidanzata del figlio? Era il 1872 quando usci il libro ricordato. Se Nietzsche aspirò a una mitologia tedesca che nell’arte avesse la stessa potenza di quella del mito greco non saprei dire, se però ascolto Wagner immagino che questo sia stato un possibile esito. Fra i calciatori coinvolti nello scandalo del calcio scommesse quanti avranno 28 anni? Fabio mi dice che fra le rovine di questa adombrata mitologia lui metterebbe i disegni di Albert Speer per le adunate hitleriane di Norimberga poi riprese da Leni Riefenstahl per Der Triumph des Willens, Trionfo della Volontà, del 1935, e anche l’ariana regista che nel 1976 nel libro di fotografie Die Nuba von Kau, I Nuba di Kau, tiene per mano un paradossale esempio nudo (rispetto a quanto promesso dalla tradizione greco-romana) di razza superiore di color bruno scuro e primitivo. Io mi ribello a questa semplificazione. Il classicismo di Nietzsche è stato annientato dalla scienza della storia. Punto. Il passato è stato dinervato. Il semplificatorio deduzionismo marxista, di Fabio, non lambisce neppure il duro battito della matrice classica intuito da Nietzsche. Sono simili a queste fole i calzoncini intrisi di fango dei giocatori corrotti che si buttano fintamente per terra facendo passare un gol nella propria porta.

 

 


Commenti COMMENTI


Documenti Correlati DOCUMENTI CORRELATI

» Quattro vetrate per Karoline Knabberchen. Per il suo Mistero - A Pura da Arturo Benedetti Michelangeli con Karoline Knabberchen l'8 marzo 2017: Requiem e Fantasma
» Karoline Knabberchen: Sacro Santità Anarchia. Communio Sanctorum 1-2. 1983 cascinale vecchianese. Notte 11-12 Marzo 2020
» Fabio Nardi: Feuilleton Palpitante INN EN. La Punta dell'iceberg nel 35 della morte di Karoline Knabberchen il 20 agosto 1984
» Accio e Sara Cardellino: Amanti in cartapesta nel bacio che resta dell'otto dicembre che verso nuovo anno s'appresta (a Karoline al Cardellino) - Raccontando a Sara Cardellino la notte dell’otto dicembre 2018 la mia amicizia con Il Pazzo
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parca danese che smarca. Terza Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Le Tre Kappa: Kierkegaard Karoline Knabberchen. Con una lettera e dialogo di Sara Cardellino - Tre foglie per pagina con Gabriel Marcel. Con manoscritti di KK
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Parenti allo Stetens Museum for Kunst. Seconda Parte. Cura Claudio Di Scalzo
» Accio e Sara Cardellino: Se la poesia che scrivesti non la leggi più… disegnamela…” Tavole per Karoline Knabberchen e foto ad Amsterdam
» Karoline Knabberchen e Fabio Nardi: Vetri Danesi 1984-2014. Geografia Generale. Prima Parte Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Ornitologia Vecchianese da banco per Karoline Knabberchen. Mitologia della Ranocchia d'Engadina. 1
» Lettere di Karoline Knabberchen e Fabio Nardi. Con fotografie. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Amore mio immenso. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen nella casa di Fabio Nardi a Vecchiano e in Engadina. Poesie e Diario 1979 - Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Telegramma assoluto sotto la doccia ove amore sgoccia. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Ogni spazio dove oso amarti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Sette Telegrammi come bianchi stesi panni. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Tre volte tre io e te. A Fabio Nardi (Cura scritti CDS)
» Karoline Knabberchen: Con Coleridge Baudelaire Bruegel il Vecchio al Kunsthistorisches Museum di Vienna. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Egon Schiele mi ricorda il tuo corpo d'amante. Cura CDS
» A.C.C.I.O. : Il problema dello stile. Con il Gallo Silvestre il Cacciatore Gracco il '68 da ricordare. Azione Comunista Comunitaria Internazionalista Orientata in difesa dei personaggi e generi dell'Olandese Volante
» Karoline Knabberchen: Jeanne Hébuterne scrive a Modì
» Karoline Knabberchen: Mallarmé sulla tomba pagina bianca di Anatole. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il Povero Scrittore di paese con Kafka e i Preludi di Chopin n. 23 e n. 24 - Di chi è la colpa?
» Bambino e Bambina che saltavano i fossi. Libro Perduto di Karoline Knabberchen. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Il Libro Perduto di Karoline Knabberchen - Aperto l'Otto dicembre 2017 con Sara Cardellino
» Karoline Knabberchen: Voglio dirti Fabio del litorale mistico...
» Fabio Nardi: Notte Oscura in Luce di Karoline Knabberchen alle Lofoten. Ti Amo e sarà per sempre! - La Rivelazione del Male - I giorni della caccia al Falco - Bruckner con Dahl e il cagnolino di Ilaria del Carretto per KK alle Lofoten
» Karoline Knabberchen a Fabio Nardi stando a Monza in S. Pietro Martire - 1 - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Frammenti pagani. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nell'onda con Canetti. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bambina sul pontile. Fiaba per Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Mario Rapisardi per Karoline Knabberchen ammalata. Pro Bono infinito.
» Fabio Nardi: Chiesetta in filigrana nel buio si rintana. A Karoline Knabberchen. Cura CDS.
» Karoline Knabberchen: ABC confitto dopo averlo scritto. A Fabio Nardi. Cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Optical Art per Karoline Knabberchen
» Karoline Knabberchen: Ho troppo male... a Fabio Nardi. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Barchetta e Poesia-Fumetto con Audax
» Fabio Nardi: Notturno in Bretagna. Collezione Karoline Knabberchen. Cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Munch. A Karoline Knabberchen. Un pittore al giorno 1
» Karoline Knabberchen. Mi hanno accesa in un colpo. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino I - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Penultimo gradino II - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: La mia poesia è un elefante. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Kafka non abita più qui. A cura CDS
» Claudio Di Scalzo: Ti parlo da dove io sono da tanto. Anche Erbario Engadinese con Peonia.
» Fabio Nardi: Antonino Anile per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Olindo Guerrini per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Fabio Nardi: Giovanni Prati per Karoline Knabberchen ammalata. Cura CDS
» Karoline Knabberchen: Le tre dita di Modì ovvero sognino parigino col ditino. Divertimento estetico engadinese a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabbechen: Alambicco distilla l'aria (8 dicembre, a Fabio Nardi) - Cura Claudio Di Scalzo con Notizia sul Canzoniere di KK
» Karoline Knabberchen: Merla con bacca per il merlo. Al merlo Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Corpo Nudo della Poesia. Umorismo crudo. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Per data di compleanno, 8 XII 1952, di Fabio Nardi. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 6 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: “Ti amo”, dice Karoline Knabberchen in tre movimenti
» Karoline Knabberchen in Liverpool Street a Londra. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 5 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 4 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 3 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 2 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Alcesti in Parigi - 1
» Karoline Knabberchen: Aforie pittoriche 1 - a cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Alcesti in Parigi - 2
» Claudio Di Scalzo: Grecia perpetua in KK. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: DINO mio poeta primo. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Hanna Reitsch. Aviatrici III - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Jacqueline Cochran. Aviatrici II - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lidija. Il giglio bianco di Stalingrado. Aviatrici I - Prose curate da Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il Lucarino di Giovanni Boine (1979). Dedicato ai compagni conosciuti a Pisa finiti nei carceri speciali per detenuti politici. A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: I due punti di Karoline e Wittgenstein. Pagine di Diario Bagnate.
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco IV - Bastione di San Colombano in Lucca - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Moschettieri. Bagliori primi nel bosco V - Cura CDS e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bagliori Primi nel bosco II - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco III - Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Bagliori primi nel bosco I - Cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Pensiero-inventario di Karoline Knabberchen
» Fabio Nardi: Alfred de Musset e George Sand a Venezia. Goetzinger fumettista
» Karoline Knabberchen: Velazquez verso Mozart. A cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Interrogativi come branchie di tritone... A cura di Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Dieci nuvole con raddoppio di Eros per Karoline Knabberchen e Fabio Nardi
» Karoline Knabberchen: Bacio con Arlecchino. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: La montagna ricordata ascoltando Saint-Saëns. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rosina Storchio scrive a Toscanini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Lettera al compagno Nardinskij - Al mio fidanzato rivoluzionario, 1979 - Cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Mugnaio o pittore? (Su Constable) - A cura di Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Ti amo Karoline mia ranocchietta Knabberchen. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Telemann sul fiume Elba, e io a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Oltre l’aneddotica in poesia con Machado. Cura Claudio Di Scalzo
» Claudio Di Scalzo: Quartetto per il luglio della calda cosa lingua con Karoline Knabberchen e altri maestri - Prima parte
» Karoline Knabberchen: Stilita Post-Moderno in Rock Pose. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Karoline hier sul ferito petto La Mer. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Marcel Duchamp e la Fisica da viaggio. (Manualistica della Ranocchia elvetica)
» Karoline Knabberchen: Ginnastica poetica. Cura Claudio Di Scalzo
» Fabio Nardi: Il violoncello di Fournier a notte. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Don Juan sui lungarni pisani. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Egeo con Satie per fondale. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Rachmaninov sa della mia lettera per te. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Mahler Mille in petto. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Il pastrano di Puccini. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Magia valoriale della Parola. Su Florenskij
» Karoline Knabberchen: Simone de Beauvoir. No se nace mujer
» Karoline Knabberchen: l'abbecedario cattolico di Padre Brown. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L’Oro della Poesia cercato con Spider-man. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Nautilus. Cura Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: Vento s'alza sopra San Frediano in Lucca
» Karoline Knabberchen. Il mio nome è scritto sull'acqua come quello di Keats. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen: L'Assunta del Tiziano a Venezia. A cura di Claudio Di Scalzo
» Karoline Knabberchen - Fabio Nardi: Biglietti postali frementi ali
» Karoline Knabberchen: L'icona della cristianità orientale. Cura di Claudio Di Scalzo